Noto anche come
Screening di chimica clinica completo
CMP
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 30.04.2020.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare lo stato di salute generale del paziente; per lo screening, la diagnosi o il monitoraggio di varie patologie e condizioni, quali patologie epatiche e renali, ipertensione e diabete; per monitorare l’utilizzo di farmaci che potrebbero compromettere la funzionalità epatica o renale 

Quando Fare il Test?

Come parte di un'indagine di routine; durante un ricovero ospedaliero o se il paziente è sottoposto a monitoraggio per una specifica patologia o per la comparsa di effetti collaterali a seguito dell'assunzione di determinati farmaci

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio

Il Test Richiede una Preparazione?

Dipende dalla ragione per cui si esegue il test; solitamente è richiesto il digiuno per 8 ore (è permesso solo bere acqua) prima del prelievo. É necessario seguire tutte le istruzioni fornite dal personale sanitario e informare il clinico in merito all'assunzione di farmaci (prescritti e da banco), vitamine o integratori

L'Esame

Per la valutazione del Pannello Metabolico Completo (CMP) vengono di solito richiesti 14 esami che misurano i livelli di varie sostanze nel sangue.

Il CMP è in grado di fornire al clinico importanti informazioni riguardo al metabolismo, i livelli di glicemia, il bilancio elettrolitico ed acido/base e la funzionalità renale del paziente. Il riscontro di uno o più risultati alterati può essere indicativo della presenza di una patologia e pertanto richiedere ulteriori approfondimenti diagnostici.

Il CMP valuta i risultati dei seguenti esami:

  • Glucosio (glicemia), costituisce la fonte di energia principale dell’organismo, pertanto nel sangue deve essere presente un livello piuttosto costante di glucosio pronto all’uso
  • Calcio, è uno dei minerali più importanti dell’organismo; è essenziale per il corretto funzionamento muscolare, nervoso e cardiaco, oltre ad essere richiesto per la coagulazione sanguigna e per la formazione delle ossa.

Proteine

  • Albumina, una piccola proteina prodotta dal fegato; costituisce circa il 60% di tutte le proteine presenti nel plasma
  • Proteine totali, misura l’albumina e tutte le altre proteine del plasma; le proteine sono costituenti importanti di tutte le cellule e dei tessuti, sono necessarie per la crescita, lo sviluppo e la salute dell’organismo

Elettroliti

Gli elettroliti sono minerali presenti nei tessuti e nel sangue sotto forma di sali disciolti; permettono l’ingresso delle sostanze nutritive all’interno della cellula e la fuoriuscita dei prodotti di rifiuto all’esterno. Sono implicati nel mantenimento dell' equilibrio idrico e nella stabilizzazione del livello acido / base (pH) dell’organismo. Questo test misura i livelli ematici dei 4 principali elettroliti nell’organismo:

  • Sodio, vitale per i normali processi dell’organismo, inclusa la funzionalità nervosa e muscolare
  • Potassio, vitale per il metabolismo cellulare e la funzionalità muscolare, poiché coinvolto nella trasmissione dei segnali nervosi ai muscoli
  • Bicarbonato (o CO2 totale), contribuisce a mantenere il corretto equilibrio acido-base (pH)
  • Cloro, utile nella regolazione della quantità di fluidi dell’organismo e nel mantenimento dell’equilibrio acido-base
     

Esami per la valutazione della funzionalità renale

  • Urea, prodotto di scarto eliminato dal sangue tramite la filtrazione renale; al diminuire della funzionalità renale aumentano i livelli di urea
  • Creatinina, prodotto di scarto dei muscoli; viene eliminata al livello renale, pertanto i suoi livelli ematici forniscono una buona stima della funzionalità renale

Esami per la vautazione della funzionalità epatica

  • ALP (fosfatasi alcalina), è un enzima presente nel fegato, nelle ossa ed in altri tessuti; livelli elevati di ALP nel circolo ematico sono indicativi della presenza di patologie epatiche o a carico delle ossa
  • ALT (alanina aminotransferasi; nota anche come GPT), enzima presente perlopiù nelle cellule epatiche e renali; è un test utile per la rilevazione del danno epatico
  • AST (aspartato aminotransferasi; nota anche come GOT), enzima presente perlopiù a livello epatico e delle cellule cardiache; è un test utile per la rilevazione del danno epatico
  • Bilirubina, pigmento giallo- arancio che deriva dalla degradazione del gruppo eme; il gruppo eme è un componente dell’emoglobina, contenuta all'interno dei globuli rossi (RBC). La bilirubina viene processata nello stadio finale dal fegato, per poi essere eliminata dall’organismo.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il Pannello Metabolico Completo (CMP) rappresenta un insieme di esami in grado di fornire al clinico informazioni riguardanti la funzionalità d’organo del paziente, con particolare riferimento alla ricerca ed al monitoraggio di patologie come il diabete, le malattie epatiche e renali. Inoltre, il CMP può essere richiesto nel monitoraggio dell’ipertensione o del trattamento basato sull'assunzione cronica di farmaci potenzialmente in grado di influenzare la funzionalità epatica e renale. Nel caso in cui sia necessario monitorare due o più componenti del CMP, può essere prescritto l'intero Pannello Metabolico Completo poiché fornisce una quantità maggiore di informazioni.

  • Quando viene prescritto?

    Il Pannello Metabolico completo (CMP) viene spesso richiesto nell’ambito di una normale indagine di routine. Spesso però viene anche richiesto per pazienti ricoverati o che si sono rivolti al pronto soccorso. Inoltre, può essere prescritto ad intervalli regolari per monitorare l'andamento di patologie acute o croniche o l’utilizzo di farmaci che potrebbero compromettere la funzionalità epatica o renale. 

  • Cosa significa il risultato del test?

    I risultati degli esami inclusi nel Pannello Metabolico Completo (CMP) devono essere valutati complessivamente e in accordo con le evidenze cliniche. Un singolo risultato anomalo può avere infatti un significato diverso rispetto ad un pannello di esami nel quale alcuni risultati sono alterati. Ad esempio, la presenza di un risultato elevato solo in uno dei test epatici può avere un significato clinico diverso rispetto all’alterazione di tutti i parametri epatici.

    Talvolta, soprattutto nei pazienti ricoverati, possono essere valutate analisi ripetute del Pannello Metabolico Completo (CMP), eseguite in giorni diversi, per ottenere informazioni approfondite sull'andamento della malattia e la risposta al trattamento.

    Per ciascun test incluso nel pannello, possono essere molteplici le cause della presenza di risultati anomali.

    Sebbene i singoli test siano sensibili, non sono in grado di rispondere a quesiti diagnostici specifici. Pertanto, la rilevazione di risultati anomali necessita comunque dell’esecuzione di esami di approfondimento per confermare od escludere una sospetta diagnosi.

    Per maggiori dettagli riguardo i singoli test, si rimanda alle pagine nei quali questi vengono trattati:

    Proteine

    Elettroliti

    Esami per la valutazione della funzionalità renale

    Esami per la valutazione della funzionalità epatica

  • C’è altro da sapere?

    Esistono molti farmaci (prescritti e da banco) in grado di alterare i risultati degli esami presenti nel Pannello Metabolico Completo (CMP). Pertanto, è necessario informare il clinico riguardo l'assunzione di qualunque farmaco o parafarmaco, così come riguardo le informazioni cliniche che possono influire sull'interpretazione dei risultati.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Questi test vengono eseguiti sempre come pannello?

    No, ognuno di questi esame può essere prescritto singolarmente. Tuttavia, nel caso in cui sia necessario monitorare due o più componenti del CMP, può essere prescritto l'intero CMP poiché fornisce una quantità maggiore di informazioni. In alternativa, può essere prescritta l'analisi di un singolo analita per monitorare l'andamento di una specifica patologia.

  • Che differenza c’è tra il Pannello Metabolico di Base ed il Pannello Metabolico Completo?

    Il Pannello Metabolico di Base (BMP) comprende 8 test, mentre il Pannello Metabolico Completo (CMP) ne comprende 14, tra i quali gli 8 del BMP. Il BMP non contiene l’albumina, le proteine totali ed i 4 test riguardanti la funzionalità epatica (ALP, AST, ALT e bilirubina). Il clinico può richiedere il CMP piuttosto che il BMP nel caso in cui necessiti un quadro più completo della situazione clinica del paziente o abbia bisogno di maggiori dettagli riguardo alcune patologie come il diabete o le malattie epatiche o renali.

  • Cosa significa se uno dei risultati dei test contenuti nel pannello è anomalo?

    I risultati sono interpretati dal clinico nel contesto di altri test che sono stati effettuati e di altri fattori, come la storia clinica. Un singolo risultato leggermente alto o basso può avere o meno significato clinico. Esistono diversi motivi per cui il risultato di un test può variare in giorni diversi e per cui potrebbe non rientrare nell’intervallo di riferimento.

    • Variabilità biologica (risultati diversi nella stessa persona in momenti diversi): un test effettuato sulla stessa persona in occasioni diverse può, per motivi biologici, non rientrare negli intervalli di riferimento anche in assenza di patologie.
    • Variabilità individuale (differenze nei risultati tra persone diverse): gli intervalli di riferimento sono generalmente calcolati raccogliendo i risultati di una popolazione ampia, determinando un valore medio atteso (media) e una stima della variabilità attesa (deviazione standard). Talvolta i risultati degli esami di individui sani differiscono dai valori medi attesi della popolazione complessiva.

    Un singolo risultato leggermente superiore o inferiore all'intervallo di riferimento non ha significato clinico. Se i valori di un paziente risultano solo leggermente superiori o inferiori all'intervallo di riferimento, si può ripetere eventualmente il test.

    Tuttavia, un risultato che eccede di molto l’intervallo può indicare un’alterazione e richiedere ulteriori accertamenti. Il clinico deve interpretare i risultati in associazione con la storia clinica e l’esame fisico del paziente per valutare la significatività di eventuali alterazioni. Per ulteriori informazioni a riguardo, consultare l'articolo su Gli Intervalli di Riferimento e il loro Significato e Quanto sono Affidabili i test di Laboratorio?

approved

Revisore: Dr. Ferruccio Ceriotti; Laboratorio Analisi, Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

Current review performed by Rohit Bhandari, Ph.D.

©2019. University of Rochester Medical Center. Health Encyclopedia: Comprehensive Metabolic Panel. Available online at https://www.urmc.rochester.edu/encyclopedia/content.aspx?contenttypeid=167&contentid=comprehensive_metabolic_panel. Accessed May 2019.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Nader Rifai. 6th edition, Elsevier Health Sciences; 2017.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2016). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, 3rd Edition, AACC Press, Washington, DC.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, P. 147.

Quest Diagnostics. Chemistry Screen, Patient Health Library. Available online at http://www.questdiagnostics.com/kbase/topic/medtest/tu6207/descrip.htm. Accessed February 2009.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. Comprehensive metabolic panel. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003468.htm. Accessed November 2015.