LTOTests

Pregnenolone

Noto anche come: Pregnenolone
Nome ufficiale: Pregnenolone
Ultima Revisione: 04.06.2019
Ultima Modifica: 04.06.2019

Revisore:

Dr. Antonio Fortunato, Direttore U.O.C. Patologia Clinica ASUR Marche

In Sintesi

Perché?

Come supporto alla diagnosi ed al monitoraggio di alcune patologie genetiche rare responsabili dell'alterata produzione di ormoni steroidei, come l'iperplasia surrenalica congenita; talvolta per l’esclusione di altre patologie.

Quando?

Nel caso in cui un neonato presenti genitali ambigui (non chiaramente classificabili come maschili o femminili) e/o ipertensione, ipokaliemia (bassa concentrazione di potassio) o segni di eccessiva perdita di sali; quando la causa più frequente di iperplasia surrenalica congenita, la carenza di 21-idrossilasi, sia stata esclusa; nel caso in cui un adolescente presenti ritardo nella pubertà e nello sviluppo dei caratteri sessuali secondari.

Il campione

Un campione di sangue venoso prelevato da un braccio.

La preparazione

Il clinico potrebbe richiedere l'esecuzione del prelievo al mattino o in seguito all'iniezione di ACTH, per stimolare il rilascio degli ormoni steroidei.

L'Esame

Il pregnenolone è una molecola precursore di tutti gli ormoni steroidei. Questo esame misura la concentrazione ematica di pregnenolone al fine di rilevare la presenza di rare forme di iperplasia surrenalica congenita.

L’iperplasia surrenalica congenita fa parte di un gruppo di patologie ereditarie associate con la carenza degli enzimi deputati alla produzione di ormoni steroidei. Questa patologia può essere dovuta a:

  • Carenza di 21-idrossilasi, la causa più comune (90% dei casi).
  • Carenza di 11-beta-idrossilasi (in circa il 5-8% dei casi).
  • Carenza di 3-beta-idrossisteroido-deidrogenasi o di 17-alfa-idrossilasi, due rare forme della patologia.
  • L'iperplasia surrenalica lipoide congenita, molto rara, spesso è dovuta a difetti del gene StAR, che codifica per una proteina regolatrice steroidogenica la quale, a sua volta, regola la conversione di colesterolo in pregnenolone.

Per la normale produzione degli ormoni steroidei, il colesterolo viene convertito in pregnenolone al livello delle ghiandole surrenali; questo viene poi convertito in diversi ormoni ad opera di molti enzimi. Tra gli ormoni prodotti vi sono:

  • Cortisolo, il quale è responsabile della regolazione del metabolismo delle proteine, dei lipidi e dei carboidrati, del mantenimento della pressione e della regolazione del sistema immunitario Aldosterone, deputato al mantenimento dei normali livelli di sodio e potassio e al controllo del volume ematico e della pressione.
  • Ormoni steroidei sessuali, inclusi gli androgeni, gli ormoni maschili come il testosterone, e femminili come gli estrogeni e il progesterone; questi sono responsabili dello sviluppo e del mantenimento delle caratteristiche sessuali secondarie maschili e femminili

La presenza di bassi livelli di cortisolo determina la stimolazione degli ormoni ipofisari i quali stimolano la produzione ormonale e la crescita della corteccia surrenalica tramite la produzione dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH). La stimolazione e la crescita operata non è tuttavia sufficiente per superare il blocco della produzione di cortisolo. Questo determina l’accumulo di altre molecole, come il pregnenolone, per la cui produzione non è necessaria la presenza degli enzimi deficitari.

In presenza di iperplasia surrenalica congenita è possibile pertanto riscontrare la diminuzione di cortisolo e/o aldosterone ed alla diminuzione o aumento degli androgeni. La carenza di androgeni può comportare nei neonati maschi la presenza di genitali ambigui (non chiaramente maschili o femminili), e sia nelle femmine che nei maschi, l’alterato sviluppo nei caratteri sessuali secondari.

Per la determinazione dell’enzima deficitario, oltre al pregnenolone, possono essere misurati anche uno dei tanti precursori intermedi e altri ormoni steroidei. Analizzando quali molecole vengono prodotte e quali e quanti precursori sono presenti, è possibile risalire all'enzima deficitario responsabile della patologia.

Nel caso in cui venga esclusa la presenza di un deficit di 21- o 11-idrossilasi (le carenze più comuni), allora la misura del pregnenolone, insieme a quella di altri precursori, può essere di sostegno alla diagnosi differenziale tra la carenza di 3-beta-idrosteroido-deidrogenasi, di 17-alfa-idrolasi o l'alterazione del gene StAR.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

La misura del pregnenolone ematico viene di solito richiesta come parte degli approfondimenti diagnostici per la diagnosi, il monitoraggio e/o l’esclusione di due delle forme rare di iperplasia surrenalica congenita. Questo esame viene di solito richiesto dopo aver escluso la forma più frequente di questa patologia.

Tutti i neonati vengono sottoposti alla misura del 17-idrossiprogesterone durante gli approfondimenti effettuati nell’ambito dello screening neonatale. Nel caso in cui venga rilevato un risultato anomalo, allora viene effettuato anche la misura dell’ACTH e quindi un pannello di esami per la misura di precursori e ormoni utili a determinare quale sia la carenza enzimatica presente. Tra questi vi sono anche l’11-deossicortisone e l’11-deossicortisolo, utili alla rilevazione della carenza di 11-beta-idrossilasi.

Nel caso in cui le due forme più comuni di iperplasia surrenalica congenita vengano escluse, in modo particolare nel caso in cui il neonato presenti genitali ambigui, allora devono essere effettuati anche ulteriori esami per la definizione della patologia.

Domande Frequenti

La diagnosi di iperplasia surrenalica congenita deve essere riferita al proprio medico curante?

Si, è molto importante informare il proprio medico curante. La maggior parte delle persone con questa patologia necessitano di terapia ormonale sostitutiva assunta regolarmente e che richiede un monitoraggio.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2019 review performed by Donald Walt Chandler, PhD, Endocrinology Discipline Director, LabCorp and Endocrine Sciences.

Manna PR, Stetson CL, Slominski AT, Pruitt K. Role of the steroidogenic acute regulatory protein in health and disease. Endocrine. 2016 Jan;51(1):7-21. doi:10.1007/s12020-015-0715-6. Epub 2015 Aug

14. Review. PubMed PMID: 26271515; PubMed Central PMCID: PMC4707056.

Miller WL. Steroid hormone synthesis in mitochondria.Mol Cell Endocrinol.2013 Oct 15;379(1-2):62-73. doi: 10.1016/j.mce.2013.04.014. Epub 2013 Apr 28. PubMed PMID: 23628605.

Katsumata N. Genetic defects in pregnenolone synthesis. PediatrEndocrinol Rev. 2012 Oct;10Suppl 1:98-109. Review. PubMed PMID: 23330251.

Weng JH, Chung BC. Nongenomic actions of neurosteroid pregnenolone and its metabolites.Steroids. 2016 Jul;111:54-59. doi: 10.1016/j.steroids.2016.01.017. Epub 2016 Feb 1.Review. PubMed PMID: 26844377.

Marx CE, Lee J, Subramaniam M, Rapisarda A, Bautista DC, Chan E, Kilts JD, Buchanan RW, Wai EP, Verma S, Sim K, Hariram J, Jacob R, Keefe RS, Chong SA. Proof-of-concept randomized controlled trial of pregnenolone in schizophrenia. Psychopharmacology(Berl). 2014 Sep;231(17):3647-62. doi: 10.1007/s00213-014-3673-4. Epub 2014 Jul 17. PubMed PMID: 25030803.

Sripada RK, Marx CE, King AP, Rampton JC, Ho SS, Liberzon I. Allopregnanolone elevations following pregnenolone administration are associated with enhanced activation of emotion regulation neurocircuits. Biol Psychiatry. 2013 Jun 1;73(11):1045-53. doi: 10.1016/j.biopsych.2012.12.008. Epub 2013 Jan 21. PubMed PMID: 23348009; PubMed Central PMCID: PMC3648625.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online