Noto anche come
Tireotropina
Nome ufficiale
Ormone stimolante la tiroide
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
20.04.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per fare screening e supportare la diagnosi di patologie tiroidee; per monitorare l’efficacia del trattamento terapeutico in caso di ipotiroidismo o ipertiroidismo.

Quando Fare il Test?

Screening: fortemente  raccomandato nei neonati. Non vi è consenso unanime sull’opportunità di effettuare lo screening negli adulti ed a quale età dovrebbe essere eseguito.
Monitoraggio del trattamento: come indicato dal medico.
In altri casi: in presenza di sintomatologia caratteristica di ipotiroidismo o ipertiroidismo e/o in presenza di un ingrossamento della ghiandola tiroidea.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio oppure qualche goccia di sangue ottenuta bucando il tallone del neonato.

Il Test Richiede una Preparazione?

No; tuttavia, l’assunzione di alcuni farmaci può interferire nella determinazione del TSH, per cui è opportuno comunicare al medico tutti i farmaci in uso. Se il paziente assume ormoni tiroidei, si raccomanda che faccia il prelievo prima della dose quotidiana. 

L’Esame

Il TSH è prodotto dall’ipofisi, un piccolo organo situato alla base del cranio, nella fossa ipofisaria della sella turcica dell'osso sfenoide. Stimola il rilascio nel sangue da parte della tiroide degli ormoni tiroxina (T4) e triiodotironina (T3). Gli ormoni tiroidei svolgono un ruolo nel controllo della velocità con cui l’organismo impiega l’energia disponibile. Questo esame misura la concentrazione di TSH nel sangue.

Il TSH, insieme ad un altro ormone regolatorio, il fattore di rilascio della tireotropina (TRH), prodotto dall’ipotalamo, fa parte di un sistema a retroazione (feedback) che l’organismo utilizza per mantenere stabile la concentrazioni di ormoni tiroidei nel sangue. Quando questi ormoni diminuiscono, aumenta la produzione del TSH da parte dell’ipofisi. Il TSH stimola la produzione e il rilascio della T4 e della T3 da parte della tiroide, una piccola ghiandola a forma di farfalla situata alla base del collo, appiattita contro la trachea. Quando i tre organi funzionano correttamente, la produzione tiroidea si accende e si spegne mantenendo le concentrazioni degli ormoni nel sangue relativamente stabili.

Se la tiroide rilascia quantità troppo grandi di T4 e T3, la persona può sperimentare sintomi associati a ipertiroidismo, come tachicardia, perdita di peso, inquietudine, tremore alle mani, occhi irritati e difficoltà a prendere sonno. Il morbo di Graves è la più frequente forma di ipertiroidismo. E’ una patologia cronica autoimmune durante la quale il sistema immunitario della persona produce anticorpi che agiscono come il TSH, portando alla produzione di un’eccessiva quantità di ormoni tiroidei. In risposta, l’ipofisi può produrre meno TSH, portando di solito ad un abbassamento delle della sua concentrazione ematica

Se c’è una diminuita produzione di ormoni da parte della tiroide (ipotiroidismo), il paziente può avere sintomi come aumento di peso, secchezza cutanea, costipazione, intolleranza al freddo e affaticamento. La tiroidite di Hashimoto è la principale causa di di ipotiroidismo. E’ una malattia cronica autoimmune caratterizzata da risposta immunitaria che causa infiammazione e danno alla tiroide e produzione di autoanticorpi. Con la tiroidite di Hashimoto, la tiroide produce basse concentrazioni di ormoni tiroidei. L’ipofisi può produrre più TSH, di solito con un aumento della concentrazione ematica dell’ormone.

Non sempre però la concentrazione di TSH è predittiva o riflette la concentrazione degli ormoni tiroidei. Alcune persone producono una forma anomala di TSH che non funziona adeguatamente. Queste persone spesso hanno ipotiroidismo anche con livelli normali o moderatamente alti di TSH. In diverse patologie tiroidee, la concentrazione degli ormoni può essere alta o bassa, in relazione alla quantità di TSH presente nel sangue. Raramente la disfunzione ipofisaria può dare aumento o diminuzione di TSH., Inoltre l’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo possono verificarsi se c’è un problema all’ipotalamo (TRH insufficiente o eccessivo).

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio o dal tallone dei neonati.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No. Alcuni farmaci possono interferire col risultato di questo esame; è opportuno informare il medico circa tutte le terapie in uso. Se il paziente è in trattamento per una malattia tiroidea, è necessario che il campione di sangue venga prelevato prima di assumere la dose quotidiana.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il TSH è il test d’elezione per la valutazione della funzionalità tiroidea e/o di sintomi o disturbi tiroidei, quali ipertiroidismo o ipotiroidismo.
    Il TSH è prodotto dall’ipofisi, un piccolo organo situato alla base del cranio, nella fossa ipofisaria della sella turcica dell'osso sfenoide. Attraverso un sistema a retroazione (feedback) contribuisce a mantenere stabile la concentrazione degli ormoni tiroxina (T4) e triiodotironina (T3) e controlla la velocità con cui l’organismo consuma energia.
    Questo esame viene prescritto spesso insieme o prima della T4 libera. Altri esami tiroidei sono la T3 libera e gli anticorpi tiroidei (se il medico sospetta una malattia autoimmune). Il test del TSH è usato per:

    • Diagnosticare un’alterazione tiroidea in presenza di sintomi
    • Screening neonatale di ipotiroidismo,
    • Monitorare la terapia ormonale sostitutiva in soggetti con ipotiroidismo
    • Monitorare il trattamento nelle persone affette da ipertiroidismo
    • Diagnosticare e monitorare problemi di infertilità femminile
    • Ausilio nella valutazione della funzionalità della ghiandola ipofisaria (occasionalmente)
    • Eseguire uno screening della funzione tiroidea nella popolazione adulta, sebbene le opinioni degli esperti siano divergenti riguardo a quali soggetti potrebbero eventualmente trarre beneficio dall’esecuzione dello screening e a partire da quale età dovrebbe essere fatto
  • Quando viene prescritto?

    La determinazione di TSH viene prescritta in presenza di sintomi di ipertiroidismo o ipotiroidismo e/o nel caso di un aumento delle dimensioni della ghiandola tiroidea (gozzo).

    segni e sintomi dell’ipertiroidismo possono essere:

    • tachicardia
    • ansia
    • calo ponderale
    • insonnia
    • tremore delle mani
    • astenia
    • diarrea (a volte)
    • fotofobia, disturbi alla vista
    • eventuale interessamento oculare: gonfiore attorno agli occhi, secchezza, irritazione e, a volte, esoftalmo
       

    I segni e sintomi dell’ipotiroidismo possono essere:

    • aumento ponderale
    • secchezza della cute
    • stitichezza
    • intolleranza al freddo
    • gonfiore della cute
    • perdita di capelli
    • affaticamento
    • irregolarità mestruali nelle donne
       

    Può essere prescritto a intervalli regolari per monitorare l’efficacia della terapia in corso in seguito a diagnosi di alterata funzionalità tiroidea. Quando il dosaggio del farmaco viene aggiustato la American Thyroid Association racomanda di aspettare 6-8 settimane prima di ripetere l’esame.

    Mentre lo screening del TSH è previsto per tutti i neonati, non vi sono sufficienti evidenze, a favore o contrarie, sull’utilità della sua determinazione come esame di screening della funzionalità tiroidea negli adulti asintomatici. Nelle linee guida, prodotte nel 2012, dall’American Thyroid Association (ATA) e dall’American Association of Clinical Endocrinologists (AACE) si raccomanda lo screening per l’ipotiroidismo nei soggetti con età superiore a 60 anni. Poiché i segni e i sintomi di ipotiroidismo e ipertiroidismo sono simili a quelli di altre patologie, spesso i medici hanno bisogno di escludere le patologie tiroidee anche se il paziente ha altri problemi.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il TSH alto può significare:

    • Il paziente testato ha una bassa attività tiroidea che non risponde adeguatamente alla stimolazione del TSH. Questo è dovuto a disfunzione acuta o cronica della tiroide
    • Il paziente è affetto da ipotiroidismo; pazienti che hanno subito l’asportazione della tiroide e che stanno ricevendo un’insufficiente terapia ormonale sostitutiva e per i quali il dosaggio deve essere aggiustato
    • Il paziente con ipertiroidismo ha preso troppo farmaco anti- tiroideo e il dosaggio deve essere aggiustato
    • C’è un problema all’ipofisi, come un tumore che produce TSH in modo irregolare
       

    Il TSH basso può indicare:

    • Tiroide troppo attiva (ipertiroidismo)
    • Eccesiva concentrazione di farmaci in coloro che sono stati trattati per inattività (o rimozione) della ghiandola tiroidea
    • Dosaggio insufficiente del farmaco anti- tiroideo in pazienti trattati per ipertiroidismo; anche se è possibile che sia necessario un po’ di tempo dall’inizio della terapia per apprezzare un aumento del TSH. Per questo motivo l’American Thyroid Association raccomanda anche la misura degli altri ormoni tiroidei, T3 e T4 insieme al TSH per questi pazienti
    • Un danno all’ipofisi previene la produzione di un’adeguata produzione di TSH
       

    Alto o basso, il TSH anomalo indica un eccesso o una carenza nella concentrazione degli ormoni tiroidei disponibili, ma non ne indica la ragione. Una concentrazione di TSH anormale è di solito seguita da altri esami per capirne la causa.

    La tabella seguente sintetizza il significato potenziale dei tipici risultati del test:

    TSH

    T4

    T3

    Interpretazione

    Elevato

    Normale

    Normale

    Ipotiroidismo moderato (subclinico)

    Elevato

    Basso

    Basso o normale

    Ipotiroidismo

    Basso

     Normale

    Normale

    Ipertiroidismo moderato (subclinico)

    Basso

    Elevato o normale

    Elevato o normale

    Ipertirodismo

    Basso

    Basso o normale

    Basso o normale

    Patologie non-tiroidee

    Raro ipotiroidismo ipofisario (secondario)

       Normale

    Alto

    Alto

    Sindrome della resistenza all’ormone tiroideo (una mutazione nel recettore ormonale diminuisce la funzionalità dell’ormone tiroideo)

  • C’è altro da sapere?

    E’ importante sapere che TSH, T4 libera e T3 libera sono istantanee di che cosa accade all’interno di questo sistema dinamico. I risultati possono essere variabili ed influenzati da:

    • Aumento, diminuzione e cambiamenti (ereditati o acquisiti) nelle proteine che legano T4 e T3
    • Gravidanza
    • Estrogeni e altri farmaci
    • Malattie epatiche
    • Patologie sistemiche
    • Resistenza agli ormoni tiroidei
       

    Molti tipi di farmaci – tra cui aspirina e terapia sostitutiva con ormoni tiroidei – possono alterare i risultati dell'esame di funzionalità tiroidea. Quindi, prima di eseguire l’analisi, è consigliabile informare il medico dell'eventuale terapia farmacologica in corso.

    La patologie non direttamente correlate alla tiroide, “patologie non tiroidee”, possono influenzare le concentrazioni degli ormoni tiroidei. In particolare, le concentrazioni di T3 possono essere abbassate da patologie non tiroidee. Di solito, le concentrazioni degli ormoni tornano normali dopo che la patologia è risolta. Storicamente queste condizioni patologiche vengono indicate con “sindromi eutiroidee” ma questo termine è controverso perché esistono diversi punti di vista circa questo tipo di pazienti che hanno la tiroide normalmente funzionante (eutiroidei).

    Quando il medico aggiusta il dosaggio della terapia sostitutiva, è importante aspettare circa uno o due mesi prima di testare il TSH di nuovo, così che si possa apprezzare l’effetto del nuovo dosaggio.

    Lo stress forte e le patologie acute possono influenzare i risultati del TSH. Generalmente è raccomandato evitare i test della tiroide sui pazienti ospedalizzati o aspettare finché la patologia non si sia risolta.

    I risultati possono essere abbassati durante la gravidanza.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

Risorse utilizzate nella revisione corrente

(Updated 2014 May 14). Thyroid Tests. National Endocrine and Metabolic Diseases Information Service [On-line information]. Available online at http://endocrine.niddk.nih.gov/pubs/thyroidtests/index.aspx through http://endocrine.niddk.nih.gov. Accessed June 2014.

Topiwala, S. (Updated 2012 June 26). TSH test. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003684.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed June 2014.

(© 1995–2014). Thyroid-Stimulating Hormone-Sensitive (s-TSH), Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/8939 through http://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed June 2014.

Lin, J. (Updated 2012 February 17). Thyroid-Stimulating Hormone. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2074091-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed June 2014.

Meikle, A. W. and Straseski, J. (Updated 2014 April). Thyroid Disease. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ThyroidDz.html?client_ID=LTD through http://www.arupconsult.com. Accessed June 2014.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 949-950.

McPherson, R. and Pincus, M. (© 2011). Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods 22nd Edition: Elsevier Saunders, Philadelphia, PA. Pg 376.

©2014 American Thyroid Association. Hyperthyroidism and Other Causes of Thyrotoxicosis: Management Guidelines of the American Thyroid Association and American Association of Clinical Endocrinologists. If antithyroid drugs are chosen as initial management of GD, how should the therapy be managed? Available online at http://www.thyroid.org/thyroid-guidelines/hyperthyroidism/resultse/ through http://www.thyroid.org. Accessed September 2014.

(April 4, 2014) Aytug S. Euthyroid Sick Syndrome. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/118651-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed September 2014.

Risorse utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

U.S. Preventive Services Task Force (2004 May 15). Screening for Thyroid Disease: Recommendation Statement. American Family Physician [On-line journal]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20040515/us.html through http://www.aafp.org.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. TSH. (Updated 10/24/07). [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003684.htm.

(© 2005). Thyroid Stimulating Hormone (TSH). ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_239b.jsp#1149154 through http://www.aruplab.com.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp. 1038-1041.

Ladenson,PW et al, for the American Thyroid Association. American Thyroid Association guidelines for detection of thyroid dysfunction. 12 Jun 2000. Arch Intern Med 60:1573-1575.

American Association of Clinical Endocrinologists. Women's endocrine health. Available online at http://www.powerofprevention.com/w_endocrine.php through http://www.powerofprevention.com.

Eckman, A. (Updated 2010 April 19). TSH test. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003684.htm. Accessed February 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 949-950.

Meikle, A. and Roberts, W. (Updated 2010 October). Thyroid Disease. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ThyroidDz.html through http://www.arupconsult.com. Accessed February 2011.

(© 2008). Thyroid Function Tests. American Thyroid Association [On-line information]. Available online at http://www.thyroid.org/patients/patient_brochures/function_tests.html through http://www.thyroid.org. Accessed February 2011.

Bissell, M. Editor (2010 August). Lower thyroid-stimulating hormone thresholds in neonatal screening. CAP Today. Clinical Abstracts [On-line information]. Available online through http://www.cap.org. Accessed February 2011.