Noto anche come
Pannello delle epatiti
Screening delle epatiti
Pannello delle epatiti virali
Nome ufficiale
Pannello sierologico per le epatiti virali acute
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 08.11.2021.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per la diagnosi di un’infezione da virus dell’epatite A, B o C.

Quando Fare il Test?

In presenza di sintomi di epatite acuta che si sospetta siano riconducibili ad un’infezione virale; in seguito all'esposizione ad uno o più dei tre più comuni virus dell’epatite: HAV, HBV o HCV.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

Il termine epatite si riferisce ad un’infiammazione e ingrossamento del fegato. Una delle cause principali di epatite acuta è l’infezione virale, solitamente da virus dell’epatite A, dell’epatite B o dell’epatite C. Il pannello delle epatiti virali acute comprende un gruppo di test ematici prescritti insieme come sostegno alla diagnosi di epatite virale corrente o pregressa. Alcuni di questi esami rilevano gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta all’infezione, mentre altri rilevano proteine (antigeni) del virus.

Il pannello delle epatiti di solito include:

Questi esami consentono di diagnosticare l'epatite virale in persone con sintomi acuti di epatite o a rischio di aver contratto l'infezione.

Il virus dell’epatite A (HAV) è molto contagioso e di solito si contrae ingerendo cibo o acqua contaminati dal virus, oppure stando a stretto contatto con persone infette. Sebbene di solito provochi una sintomatologia leggera, talvolta l’infezione acuta può aggravarsi. Il virus HAV non provoca tuttavia un'infezione cronica, differentemente dai virus HBV e HCV. É disponibile un vaccino per prevenire l'infezione.

Il virus dell’epatite B (HBV) è una delle cause più comuni di epatite virale acuta. Si diffonde mediante il contatto con il sangue o altri liquidi biologici di persone infette. L’esposizione può avvenire, ad esempio, condividendo le siringhe durante l’iniezione di droghe per via endovenosa o praticando sesso non protetto. Le persone che vivono o viaggiano in zone del mondo in cui l’epatite B è endemica sono esposti ad un rischio maggiore. Raramente le madri possono passare l’infezione ai propri figli durante il parto. Questo virus non si trasmette tramite acqua o cibo, strette di mano, colpi di tosse o starnuti. É disponibile un vaccino per la protezione da HBV.

Il virus dell’epatite C (HCV) si diffonde mediante l’esposizione a sangue contaminato, principalmente condividendo le siringhe durante l’iniezione di droghe per via endovenosa o altri oggetti personali come rasoi contaminati da sangue, facendo sesso non protetto con una persona infetta e per passaggio dalla madre al figlio durante il parto. Prima che il test fosse disponibile negli anni ’90, l’HCV poteva essere trasmessa anche mediante le trasfusioni di sangue. Al momento non esiste un vaccino contro l’HCV.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il pannello delle epatiti virali acute viene utilizzato per determinare se l’infiammazione al fegato è dovuta all'infezione operata da uno dei tre principali virus dell’epatite: epatite A (HAV), epatite B (HBV) o epatite C (HCV).

    Esistono diverse cause di epatite; pertanto, questi test vengono utilizzati per determinare se i sintomi manifestati dal paziente siano riconducibili ad un’infezione virale e, in tal caso, per identificare il tipo di virus che ne è responsabile. Questi esami contribuiscono anche a formulare una diagnosi prima della comparsa dei sintomi in persone esposte al contagio.

    Il pannello delle epatiti virali acute consente di rilevare la presenza di infezioni acute o recenti causate da HAV e HBV, oltre a determinare se il paziente ha contratto un'infezione da epatite B cronica o pregressa. L'epatite B cronica si verifica meno comunemente rispetto alla forma acuta, ma può persistere per anni e danneggiare gradualmente il fegato. Nel tempo, la cronicizzazione dell'epatite può causare gravi complicanze come cirrosi, insufficienza epatica e cancro al fegato.

    Il pannello delle epatiti virali acute non è in grado di differenziare tra infezione acuta e cronica a carico di HCV, ma consente di determinare se il paziente ha contratto un'infezione da epatite C nel corso della vita.

    Solitamente, il pannello delle epatiti virali acute comprende i seguenti test:

    • Anticorpi IgM anti-epatite A (anti-HAV IgM), compaiono in genere dopo 2-3 settimane dal contagio e persistono per 2-6 mesi. Le IgM anti-HAV si sviluppano precocemente durante l’infezione, cosicché un risultato positivo accompagnato da segni e sintomi è considerato diagnostico di infezione acuta da epatite A
    • Anticorpi anti HBV:
      • IgM anti-core dell’epatite B (Anti-Hbc IgM), diretti contro l’antigene del core (porzione interna del virus) dell’epatite B. Sono i primi anticorpi prodotti in risposta all’infezione da HBV e, se presenti, possono indicare un'infezione acuta. Risultano rilevabili fino a circa due anni dopo l'infezione acuta. Possono anche essere presenti in pazienti affetti da epatite B cronica in fase di riattivazione
      • Antigene di superficie dell’epatite B (HbsAg), è una proteina presente sulla superficie del virus dell’epatite B che risulta rilevabile dopo 1-10 settimane dal momento dell'esposizione e fino a circa 4-6 mesi nei pazienti che guariscono da un'infezione acuta. É un indicatore precoce di infezione acuta, ma può anche essere presente nel sangue dei pazienti affetti dalla patologia cronica
    • Anticorpi anti-epatite C (anti-HCV), sono gli anticorpi prodotti in risposta all’infezione da HCV. Risultano rilevabili circa 4-10 settimane dopo aver contratto l'infezione. Non consentono di discriminare tra un'infezione corrente o pregressa. Se positivi, sono di solito seguiti da altri esami per capire se l’infezione è attiva.
       

    Ulteriori esami che possono far parte del pannello delle epatiti, in relazione alle capacità tecnologiche del laboratorio, includono:

    Solitamente, il riscontro di risultati positivi al pannello delle epatiti virali acute richiede l'esecuzione di esami di approfondimento per confermare la diagnosi ed iniziare un trattamento adeguato.

  • Quando viene prescritto?

    Il pannello delle epatiti virali acute può essere prescritto in seguito al riscontro di valori alterati dei marcatori di funzionalità epatica richiesti durante accertamenti di routine o in persone con sintomi acuti di danno epatico, quali:

    • Febbre, affaticamento
    • Perdita di appetito
    • Nausea, vomito, dolore addominale
    • Urine scure e/o feci chiare
    • Dolore alle articolazioni
    • Ittero
    • Prurito
       

    Solitamente, i pazienti con epatite acuta sviluppano i sintomi dopo 2 settimane - 6 mesi dall'esposizione. I pazienti con infezione cronica possono invece risultare asintomatici per svariati anni dal momento dell'infezione.

    Talvolta, il pannello delle epatiti virali può essere utilizzato per lo screening di soggetti ad alto rischio di aver contratto l'epatite B o C, o in seguito all'esposizione ai virus. Alcuni esempi di categorie di persone che dovrebbero sottoporsi a screening includono:

    • Persone con innalzamento dei valori degli enzimi epatici (ALT e AST) senza una causa apparente
    • Persone che fanno o hanno fatto uso di droghe per via endovenosa
    • Persone affette da malattie sessualmente trasmissibili
    • Persone che hanno avuto rapporti sessuali non protetti a rischio
    • Persone in cura con immunosoppressori (ad esempio i trapiantati)
    • Persone che sono a stretto contatto con pazienti HBV o HCV positivi
    • Persone positive per HIV
    • Persone che abbiano ricevuto trasfusioni di sangue o emoderivati prima del 1978 per HBV (Ministero Sanità, Circolare 24 luglio 1978 n. 68) e 1990 (DM 21 luglio 1990) o HCV
    • Persone sottoposte a dialisi per lunghi periodi
    • Neonati di madri positive per HBV o HCV
    • Persone nate in aree del mondo in cui l’epatite B ha alta prevalenza, come Asia, Africa, Europa del sud e Sud America
    • Persone con segni di patologia epatica cronica
  • Cosa significa il risultato del test?

    Solitamente, il riscontro di un risultato negativo indica assenza di infezione epatica. 

    Un risultato positivo indica che, nel campione in oggetto, è stata rilevata la presenza di un'infezione corrente o pregressa da HAV o HBV o di un'infezione corrente da HCV. 

    La seguente tabella riassume i possibili risultati del pannello delle epatiti usato per diagnosticare le infezioni acute:

    IgM Anti-epatite A

    Antigene di superficie dell’epatite B (HbsAg)

    IgM Anti- core dell’epatite B (anti-Hbc IgM)

    Anticorpi anti-epatite C

    Interpretazione

    Positivo

    Negativo

    Negativo

    Negativo

    Epatite A acuta

    Negativo

    Positivo

    Positivo

    Negativo

    Epatite B acuta

    Negativo

    Positivo

    Negativo

    Negativo

    Infezione cronica da epatite B

    Negativo

    Negativo

    Positivo

    Negativo

    Epatite B acuta; la quantità dell’antigene di superficie è troppo scarsa per essere rilevata

    Negativo

    Negativo

    Negativo

    Positivo

    Epatite C acuta o cronica; devono essere eseguiti ulteriori esami per una diagnosi corretta

    Per capire se l’infezione è attiva o pregressa possono essere eseguiti ulteriori esami, che comprendono:

    • Anticorpi totali anti-epatite A (IgM e IgG), il test negativo indica che non è presente un'infezione attiva o pregressa; se positivo indica esposizione ad HAV o vaccino effettuato. Se si sospetta l’infezione acuta può essere prescritto il test delle IgM
    • Anticorpi totali anti-core dell’epatite B (IgM e IgG), se positivo indica esposizione ad HBV o avvenuta vaccinazione. In caso di sospetta infezione acuta può essere prescritto il test delle IgM
    • Anticorpi anti-superficie dell’epatite B, se positivo indica la risoluzione dell’infezione; in relazione agli altri esami per l’HBV, un risultato negativo può indicare che l’infezione non sia risolta. Può anche essere positivo con gli anticorpi anti-core negativi dopo il vaccino. 
       

    É possibile che siano presenti più agenti infettivi contemporaneamente. All’infezione acuta può aggiungersi un’infezione cronica provocata da un virus differente. In questi casi può essere riscontrata la positività in più di un test ed il risultato deve essere interpretato con molta attenzione. 

    Se tutti gli esami riguardanti questi virus sono negativi, gli antigeni virali potrebbero essere troppo bassi per essere rilevati o l’epatite potrebbe essere dovuta ad un’altra causa. Per maggiori informazioni su questi ed altri esami che possono essere eseguiti per identificare le cause di un'infezione epatica, consultare l'articolo Test per le Epatiti.

  • C’è altro da sapere?

    Solitamente, gli esami del pannello delle epatiti virali acute non rivelano se il paziente ha avuto un'epatite pregressa o se ha sviluppato gli anticorpi in seguito al vaccino. Spesso, per ottenere queste informazioni, vengono prescritti altri esami. Per maggiori informazioni a riguardo consultare gli articoli Epatite AEpatite B ed Epatite C.

    La presenza degli anticorpi IgM anti-epatite A nel sangue è considerata diagnostica per le infezioni acute da epatite A quando le informazioni del test sono contestuali ai segni e sintomi del paziente. Quando il test di screening dell’epatite viene eseguito in pazienti che non manifestano sintomi di epatite acuta, la rilevazione di IgM anti-epatite A potrebbe corrispondere ad un risultato falsamente positivo. L’associazione statunitense Centers for Disease Control and Prevention raccomanda di non sottoporre a screening le persone che non mostrano sintomi di epatite acuta, per diminuire la possibilità di incorrere in risultati falsi positivi.

Modalità del test
Prima del test

Solitamente, non è richiesta alcuna preparazione prima di sottoporsi al test.

Durante il test

L'analisi di laboratorio viene eseguita su un campione di sangue prelevato da una vena del braccio. Durante il prelievo ematico, viene posizionato il laccio emostatico nella parte superiore del braccio, per favorire il reperimento della vena. Per prevenire eventuali infezioni, viene eseguita la disinfezione della zona del prelievo e successivamente inserito l'ago. Il prelievo può richiedere qualche minuto e causare un lieve fastidio legato alla puntura.

Nel caso in cui il test per HAV sia eseguito su neonati o bambini, può essere utilizzata una goccia di sangue ottenuta pungendo la punta del dito tramite una lancetta (piccolo ago).

Dopo il test

Al termine della raccolta del campione, viene applicata una garza sterile sul sito della puntura ed esercitata una leggera pressione per prevenire eventuali emorragie e consentire una rapida guarigione. 

Non sono previste restrizioni circa le attività che possono essere svolte dopo la raccolta del campione.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Questi esami sono sempre prescritti tutti insieme?

    No. Talvolta viene effettuato il test specifico per il solo tipo di epatite alla quale il paziente è stato esposto. Inoltre, alcuni esami possono essere utilizzati per altri scopi, come il monitoraggio della progressione di malattia o l'efficacia della terapia, e quindi essere eseguiti singolarmente o in combinazioni differenti. Per maggiori informazioni sui test delle epatiti virali, consultare l'articolo Test per le Epatiti. 

  • Quali altri esami possono essere richiesti dal clinico?

    Insieme ai test per le epatiti virali, il clinico può prescriverne altri per valutare lo stato di salute del fegato. Questi sono in genere inclusi nel pannello epatico ma possono anche essere richiesti singolarmente. Ad esempio vengono richiesti ASTALTALP, bilirubina e tempo di protrombina (PT), come marcatori di danno epatico.

  • Una persona affetta da epatite virale è contagiosa?

    É possibile, dipende da quale tipo di virus è presente e dallo stadio dell’infezione. Spesso, le persone affette da epatite virale possono contagiare gli altri, anche se asintomatiche. Nel caso dell’epatite A, il paziente risulta contagioso nel momento dell’infezione e continua ad esserlo, anche se in misura minore, per alcune settimane dopo la manifestazione dei sintomi (ad es., ittero).

    Il paziente affetto da epatite B risulta contagioso per tutto il tempo in cui il virus è presente nel sangue. Tutti coloro che risultano positivi al test per la ricerca del virus dell'epatite C (ricerca dell’RNA di HCV) dovrebbero essere considerati contagiosi. Solitamente, il test HCV-RNA viene eseguito come esame di approfondimento in seguito al riscontro di un risultato positivo per gli anticorpi anti-HCV.

  • C’è un modo per prevenire l’epatite virale?

    Sì. L’epatite A può essere evitata con un’igiene accurata, che include il lavaggio delle mani dopo l’uso del bagno, dopo il cambio di pannolini e prima di mangiare o di cucinare. Esiste anche un vaccino, raccomandato per le persone ad alto rischio di esposizione al virus.

    Un vaccino efficace per l’epatite B esiste dal 1981 e, dal 1983, è stato reso disponibile per persone appartenenti a gruppi ad alto rischio di infezione da virus HBV. É quindi divenuto obbligatorio nel 1991 per tutti i nuovi nati e per i dodicenni. I bambini non vaccinati alla nascita ricevono il vaccino durante l’infanzia e l’adolescenza con più richiami. L’associazione statunitense Centers for Disease Control and Prevention raccomanda inoltre che tutti gli adulti ad alto rischio vengano vaccinati. A meno che la storia clinica del paziente non lo sconsigli, la vaccinazione a più richiami è una scelta prudente.

    Al momento non esiste un vaccino per l’epatite C, anche se i ricercatori stanno lavorando per svilupparne uno. La diffusione del virus può essere prevenuta evitando l’esposizione al sangue e ad altri fluidi biologici, così come lo scambio di siringhe o altri oggetti per iniezione di droghe.

  • Se il pannello delle epatiti virali è tutto negativo, quali possono essere le altre cause dei sintomi?

    Le epatiti possono essere causate da altri fattori e condizioni quali l’alcol, farmaci come l’acetaminofene e malattie ereditarie (per maggiori informazioni consultare l'articolo Epatite). Esistono poche altre infezioni virali che causano sintomi simili, come quelle da Citomegalovirus (CMV) e da virus di Epstein-Barr (EBV). Anche le malattie autoimmuni devono essere considerate come possibile causa, se il pannello risulta negativo. Di solito vengono eseguiti altri esami per identificare la causa alla base della sintomatologia.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Venipuncture. Updated April 26, 2019. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003423.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Hepatitis virus panel. Updated October 29, 2020. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003558.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Antigen. Updated July 2, 2020. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/002224.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Antibody. Updated July 2, 2020. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/002223.htm

ARUP Consult. Hepatitis B virus testing algorithm. Updated February 2021. Accessed July 19, 2021. https://arupconsult.com/algorithm/hepatitis-b-virus-testing-algorithm

ARUP Consult. Hepatitis virus screening algorithm. Updated February 2021. Accessed July 19, 2021. https://arupconsult.com/algorithm/hepatitis-virus-screening-algorithm

ARUP Consult. Acute viral hepatitis. Updated April 2021. Accessed July 19, 2021. https://arupconsult.com/content/hepatitis-acute

Centers for Disease Control and Prevention. What is viral hepatitis? Updated July 28, 2020. Accessed July 19, 2021. https://www.cdc.gov/hepatitis/abc/index.htm

Chopra S, Pockros PJ. Overview of the management of chronic hepatitis C virus infection. In: Bisceglie AMD, ed. UpToDate. Updated June 12, 2020. Accessed July 18, 2021. https://www.uptodate.com/contents/overview-of-the-management-of-chronic-hepatitis-c-virus-infection

Kumar S. Overview of hepatitis. Merck Manual Consumer Edition. Updated January 2021. Accessed July 19, 2021. https://www.merckmanuals.com/home/liver-and-gallbladder-disorders/hepatitis/overview-of-hepatitis

Kumar S. Overview of acute viral hepatitis. Merck Manual Consumer Edition. Updated January 2021. Accessed July 19, 2021. https://www.merckmanuals.com/home/liver-and-gallbladder-disorders/hepatitis/overview-of-acute-viral-hepatitis

Kumar S. Overview of chronic hepatitis. Merck Manual Consumer Edition. Updated January 2021. Accessed July 19, 2021. https://www.merckmanuals.com/home/liver-and-gallbladder-disorders/hepatitis/overview-of-chronic-hepatitis

Lai M, Chopra S. Hepatitis A virus infection in adults: Epidemiology, clinical manifestations, and diagnosis. In: Hirsch MS, ed. UpToDate. Updated July 8, 2021. Accessed July 19, 2021. https://www.uptodate.com/contents/hepatitis-a-virus-infection-in-adults-epidemiology-clinical-manifestations-and-diagnosis

Lok ASF. Hepatitis B virus: Screening and diagnosis. In: Esteban R, ed. UpToDate. Updated March 1, 2021. Accessed July 16, 2021. https://www.uptodate.com/contents/hepatitis-b-virus-screening-and-diagnosis

MedlinePlus: National Library of Medicine. Hepatitis testing. Updated July 6, 2016. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/hepatitistesting.html

MedlinePlus: National Library of Medicine. Hepatitis panel. Updated July 31, 2020. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/lab-tests/hepatitis-panel/

MedlinePlus: National Library of Medicine. What you need to know about blood testing. Updated March 9, 2021. Accessed July 19, 2021. https://medlineplus.gov/lab-tests/what-you-need-to-know-about-blood-testing/

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. What is viral hepatitis?. Updated May 2017. Accessed July 19, 2021. https://www.niddk.nih.gov/health-information/liver-disease/viral-hepatitis/what-is-viral-hepatitis

Niaudet P. Etiology, clinical manifestations, and diagnosis of nephrotic syndrome in children. In: Mattoo TK, ed. UpToDate. Updated October 5, 2020. Accessed July 19, 2021.  https://www.uptodate.com/contents/etiology-clinical-manifestations-and-diagnosis-of-nephrotic-syndrome-in-children

Samji NS. Viral hepatitis. Anand BS, ed. Medscape. Updated June 12, 2017. Accessed July 19, 2021. https://emedicine.medscape.com/article/775507-overview

US Department of Veterans Affairs. Interpretation of test results: Hepatitis A. Updated September 27, 2019. Accessed July 19, 2021. https://www.hepatitis.va.gov/hav/screening-tests-interpretation.asp

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

2018 April 19, Updated). Viral Hepatitis. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/hepatitis/abc/index.htm. Accessed on 07/07/18.

(2017 May, Updated). Hepatitis B. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Available online at https://www.niddk.nih.gov/health-information/liver-disease/viral-hepatitis/hepatitis-b Accessed on 07/07/18.

(2017 May, Updated). Hepatitis A. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Available online at https://www.niddk.nih.gov/health-information/liver-disease/viral-hepatitis/hepatitis-a. Accessed on 07/07/18.

(2017 May, Updated). Hepatitis C. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Available online at https://www.niddk.nih.gov/health-information/liver-disease/viral-hepatitis/hepatitis-c. Accessed on 07/07/18.

Samji, N. et. al. (2017 June 12, Updated). Viral Hepatitis. Medscape Gastroenterology. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/775507-overview. Accessed on 07/07/18.

Hillyard, D. and Slev, P. (2018 June, Updated). Acute Viral Hepatitis. ARUP Consult. Available online at https://arupconsult.com/content/hepatitis-acute. Accessed on 07/07/18.

(© 1995–2018). Acute Hepatitis Profile. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories. Available online at https://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/56105. Accessed on 07/07/18.

(2018 May 9, Updated). Hepatitis E Questions and Answers for Health Professionals. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/hepatitis/hev/hevfaq.htm. Accessed on 07/07/18.