Noto anche come
Pannello delle epatiti; Pannello delle epatiti virali
Pannello di screening per le epatiti
Nome ufficiale
Pannello sierologico per le epatiti virali acute
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per diagnosticare un’infezione da virus dell’epatite.

Quando Fare il Test?

Quando il paziente ha i sintomi di epatite acuta e il medico sospetta che la causa sia un’infezione virale; quando il soggetto è stato esposto ad uno dei tre più comuni virus dell’epatite: A, B o C.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

L’epatite è un’infiammazione e un ingrossamento del fegato. Una delle cause principali dell’epatite acuta è l’infezione da virus, di solito da virus dell’epatite A, dell’epatite B o dell’epatite C. Il pannello delle epatiti virali acute è un gruppo di test su sangue fatti insieme per diagnosticare l’epatite virale. Alcuni di questi esami determinano gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta all’infezione, mentre altri rilevano le proteine (antigeni) che indicano la presenza del virus.

Il pannello delle epatiti di solito include:

Questo pannello di esami è particolarmente utile per capire se il paziente è stato infettato e da quale virus, qualora si abbia il sospetto che i sintomi acuti siano provocati da uno dei virus dell’epatite o quando la persona è stata esposta al rischio di contagio.

Il virus dell’epatite A è molto contagioso e di solito si contrae ingerendo cibo o acqua contaminati dal virus oppure stando a stretto contatto con persone infette. Anche se di solito provoca una sintomatologia leggera, talvolta l’infezione acuta si può aggravare. L’epatite A non provoca infezione cronica, come i virus B e C. E’ disponibile un vaccino per prevenirla.

Il virus dell’epatite B (HBV) è una delle cause più comuni di epatite virale acuta. Si diffonde mediante il contatto con il sangue o altri liquidi biologici di persone infette. L’esposizione può avvenire, ad esempio, condividendo le siringhe durante l’iniezione di droghe per via endovenosa o facendo sesso non protetto. Le persone che vivono o che viaggiano in zone del mondo dove l’epatite B ha una prevalenza alta, sono a rischio. Raramente le madri possono passare l’infezione ai bambini durante il parto. Questo virus non si diffonde tramite acqua o cibo, strette di mano o colpi di tosse e starnuti. E’ disponibile un vaccino per la protezione contro l’epatite B

Il virus dell’epatite C (HCV) si diffonde mediante l’esposizione a sangue contaminato, principalmente condividendo le siringhe durante l’iniezione di droghe per via endovenosa o altri oggetti personali come rasoi contaminati da sangue, facendo sesso non protetto con una persona infetta e per passaggio dalla madre al figlio durante il parto. Prima che il test fosse disponibile negli anni ’90, l’HCV veniva trasmessa anche mediante trasfusioni di sangue. Al momento non esiste un vaccino contro l’HCV.

Alcuni esami del pannello delle epatiti sono rivolti alla determinazione delle IgM, gli anticorpi prodotti  nei primi stadi delle infezioni. Al progredire della malattia o alla sua risoluzione, la concentrazione delle IgM decresce. Il pannello di solito prevede il test per l’antigene di superficie dell’epatite B (HbsAg). L’esame determina le proteine sulla superficie del virus. L’HBsAg è l’indicatore più precoce di infezione acuta da epatite B ed è presente solitamente prima che compaiano i sintomi, per questo motivo è efficace per lo screening di coloro che sono ad alto rischio di infezione o che sono stati esposti al contagio. Il test per gli anticorpi dell’epatite C non distingue tra infezione attiva o pregressa perciò devono essere fatti ulteriori esami per capirlo.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il pannello delle epatiti virali acute è usato per capire se l’infiammazione al fegato è dovuta ad infezione da uno dei tre principali virus dell’epatite: epatite A (HAV), epatite B (HBV) o epatite C (HCV).
    Esistono diverse cause di epatite, perciò questi test sono usati per capire se i sintomi siano dovuti ad un’infezione, e per determinare in tal caso di quale virus si tratti. Questi esami aiutano anche a fare diagnosi prima che i sintomi si manifestino, se il soggetto è stato esposto a contagio.

    Il pannello delle epatiti virali acute, comprende di solito i seguenti test:

    • Anticorpi IgM anti- epatite A, compaiono in 2-3 settimane dopo il contagio e persistono per 2-6 mesi. Le IgM anti- epatite A si sviluppano precocemente durante l’infezione, così che un risultato positivo accompagnato da segni e sintomi è considerato diagnostico di infezione acuta da epatite A.
    • Anticorpi IgM anti- core dell’epatite B, diretti contro l’antigene del core (porzione interna del virus) dell’epatite B. Sono i primi anticorpi prodotti in risposta all’infezione da epatite B, e quando determinati, possono indicare infezione acuta. Possono essere anche essere presenti in pazienti con epatite B cronica quando la patologia fa una recidiva.
    • Antigene di superficie dell’epatite B, è una proteina presente sulla superficie del virus dell’epatite B. E’ un indicatore precoce di infezione acuta ma può anche essere presente nel sangue di coloro che hanno la patologia cronica.
    • Anticorpi anti- epatite C, è un esame che determina gli anticorpi prodotti in risposta all’infezione da HCV. Non distingue tra infezione corrente o pregressa. Se positivo, di solito è seguito da altri esami per capire se l’infezione è attiva (vedere la sezione Epatite C per maggiori dettagli).
       

    Esistono altri esami che possono far parte del pannello delle epatiti, in relazione alle capacità tecnologiche del laboratorio. Essi sono:

    Per valutare la funzionalità epatica negli individui in cui si sospetta l’epatite possono essere prescritti il pannello epatico o altri esami singoli come bilirubinaALT e AST.

  • Quando viene prescritto?

    Il pannello delle epatiti virali acute può essere prescritto quando l’esame del sangue che viene fatto durante un controllo dello stato di salute rivela risultati anomali sui parametri che riguardano il fegato o quando il paziente mostra sintomi acuti associati a danno epatico, come:

    • Febbre, affaticamento
    • Perdita di appetito
    • Nausea, vomito, dolore addominale
    • Urine scure e/o feci chiare
    • Dolore alle articolazioni
    • Ittero
    • Prurito
       

    Il pannello delle epatiti virali può essere usato talvolta per lo screening di persone ad alto rischio di epatite B o C o quando si sa che il paziente è stato esposto al contagio. Sotto c’è una lista di esempi di individui che dovrebbero sottoporsi a screening:

    • Coloro che hanno enzimi epatici elevati (ALT e AST) senza una causa conosciuta
    • Coloro che hanno fatto uso di droghe per via endovenosa
    • Persone affette da malattie sessualmente trasmissibili
    • Persone che hanno avuto rapporti sessuali non protetti a rischio
    • Persone che prendono immunosoppressori (ad esempio i trapiantati)
    • Coloro che sono a stretto contatto con infetti da epatite B o C
    • sieropositivi
    • Coloro che hanno ricevuto trasfusioni di sangue o organi trapiantati prima del 1992 o iniezioni di fattori della coagulazione prima del 1987
    • Persone in dialisi per lunghi periodi
    • Nati da donne affette da HBV o da HCV
    • Persone nate in zone del mondo dove l’epatite B ha alta prevalenza, come Asia, Africa, Europa del sud e Sud America
    • Persone che mostrano segni di patologia epatica cronica
    • L’associazione statunitense Centers for Disease Control and Prevention raccomanda che il test dell’epatite C venga eseguito sui nati tra il 1945 e il 1965, poiché considerati ad alto rischio
  • Cosa significa il risultato del test?

    La tabella sottostante sintetizza i possibili risultati del pannello delle epatiti usato per diagnosticare infezioni acute:

    IgM Anti-epatite A

    Antigene di superficie dell’epatite B

    IgM Anti- core dell’epatite B

    Anticorpi anti-epatite C

    Interpretazione

    Positivo

    Negativo

    Negativo

    Negativo

    Epatite A acuta

    Negativo

    Positivo

    Positivo

    Negativo

    Epatite B acuta

    Negativo

    Positivo

    Negativo

    Negativo

    Infezione cronica da epatite B

    Negativo

    Negativo

    Positivo

    Negativo

    Epatite B acuta; la quantità dell’antigene di superficie è troppo scarsa per essere rilevata

    Negativo

    Negativo

    Negativo

    Positivo

    Epatite C acuta o cronica; devono essere fatti ulteriori esami per una diagnosi corretta

    Per capire se l’infezione è attiva o pregressa, possono essere fatti altri esami, che comprendono:

    • Anticorpi totali anti- epatite A (IgM e IgG): se negativo non c’è infezione attiva o pregressa; se positivo indica esposizione ad HAV o vaccino effettuato. Se si sospetta l’infezione acuta può essere fatto il test delle IgM
    • Anticorpi totali anti- core dell’epatite B (IgM e IgG), se positivo indica esposizione ad HBV o vaccino effettuato. Se si sospetta l’infezione acuta può essere fatto il test delle IgM
    • Anticorpi anti- superficie dell’epatite B, se positivo indica la risoluzione dell’infezione; in relazione agli altri esami per l’HBV, un risultato negativo può indicare che l’infezione non sia risolta. Può anche essere positivo con gli anticorpi anti- core negativi dopo il vaccino. (Per maggiori informazioni visitare la sezione Epatite B Che cosa significa il risultato del test?)
       

    E’ possibile infettarsi con più virus dell’epatite e un’infezione acuta può aggiungersi ad un’infezione cronica provocata da un virus differente. In questi casi ci può essere positività in più di un test e il risultato deve essere interpretato con molta attenzione. 

    Se tutti gli esami riguardanti questi virus sono negativi o gli antigeni virali sono troppo bassi per essere determinati, l’epatite è dovuta ad un’altra causa. Per maggiori informazioni su questi e altri esami che possono essere eseguiti per capire le cause, visitare la sezioni Epatite.

  • C’è altro da sapere?

    Gli esami del pannello delle epatiti virali acute di solito non rivelano se il paziente ha avuto una pregressa epatite o se ha sviluppato gli anticorpi in seguito al vaccino. Spesso vengono fatti altri esami per ottenere questa informazione. Per maggiori dettagli vedere le sezioni individuali Epatite AEpatite B ed Epatite C.

    La presenza degli anticorpi IgM anti- epatite A nel sangue è considerata diagnostica per le infezioni acute da epatite A quando le informazioni del test sono combinate con segni e sintomi del paziente. Quando il test di screening dell’epatite è usato per le persone che non hanno sintomi di epatite acuta, la determinazione di IgM anti- epatite A può essere un risultato falso- positivo. L’associazione statunitense Centers for Disease Control and Prevention raccomanda di non fare lo screening a persone che non mostrano sintomi di epatite acuta per diminuire la comparsa di risultati falsi positivi.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Questi esami sono sempre prescritti tutti insieme?

    No. Talvolta viene fatto il test specifico per un tipo di epatite, qualora si sappia che la persona è stata esposta al virus in questione. Inoltre, alcuni altri esami possono essere usati per altri scopi, come il monitoraggio della progressione di malattia o il funzionamento della terapia, e quindi essere eseguiti singolarmente o in combinazioni differenti. Per maggiori informazioni sui test delle epatiti virali, vedere le sezioni individuali Epatite AEpatite B ed Epatite C.

  • Quali altri esami possono essere richiesti dal medico?

    Insieme ai test per le epatiti virali, il medico può sceglierne altri per valutare lo stato di salute del fegato: enzimi epatici ASTALT e ALP oppure bilirubina e tempo di protrombina (PT), marcatori di danno epatico.

  • Una persona affetta da epatite virale è contagiosa?

    E’ possibile, dipende da quale tipo di virus è presente e dallo stadio dell’infezione. Spesso, le persone affette da epatite viralepossono contagiare gli altri anche se non hanno sintomi. Con l’epatite A, il paziente è contagioso nel momento dell’infezione e continua ad esserlo, anche se meno, per alcune settimane dopo che i sintomi (esempio ittero) si sono manifestati.

    Il paziente affetto da epatite B è contagioso per tutto il tempo che il virus è presente nel sangue. Tutti coloro che hanno il test per l’epatite C positivo (ricerca dell’RNA dell’HCV) dovrebbero essere considerati contagiosi. Il test dell’RNA viene eseguito di solito come follow- up di un risultato positivo degli anticorpi anti- HCV.

  • C’è un modo per prevenire l’epatite virale?

    Sì. L’epatite A può essere evitata con un’igiene accurata, che include il lavaggio delle mani dopo l’uso del bagno, dopo il cambio di pannolini e prima di mangiare o di cucinare. Esiste anche un vaccino, raccomandato per le persone ad alto rischio di esposizione al virus.

    Un vaccino efficace per l’epatite B esiste dal 1981, e dal 1991 vengono vaccinati tutti i nuovi nati. I bambini non vaccinati alla nascita ricevono il vaccino durante l’infanzia e l’adolescenza a più riprese. L’associazione statunitense Centers for Disease Control and Prevention raccomanda inoltre che tutti gli adulti ad alto rischio vengano vaccinati. A meno che la storia clinica del paziente non lo sconsigli, la vaccinazione a più richiami è una scelta prudente.

    Al momento non esiste un vaccino per l’epatite C, anche se i ricercatori stanno lavorando per svilupparne uno. La diffusione del virus può essere prevenuta evitando l’esposizione al sangue e ad altri fluidi biologici, e lo scambio di siringhe o altri oggetti per iniezione di droghe.

  • Se il pannello delle epatiti virali è tutto negativo, quali possono essere le altre cause di sintomi simili?

    Le epatiti possono essere causate da altri fattori e condizioni quali l’alcol, farmaci come l’acetaminofene e malattie ereditarie (per maggiori informazioni visitare la sezione Epatite). Esistono poche altre infezioni virali che causano sintomi simili, come quelle da citomegalovirus (CMV) e da virus di Epstein-Barr (EBV). Anche le malattie autoimmuni devono essere considerate come possibile causa, se il pannello è negativo. Di solito vengono eseguiti altri esami per capire quale sia il motivo della sintomatologia.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

George F. Longstreth, G. (Updated 2012 October 8). Hepatitis virus panel. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003558.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed April 2014

Hillyard, D. and Slev, P. (Reviewed 2012 August). Hepatitis, Acute. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/AcuteHepatitis.html through http://www.arupconsult.com. Accessed April 2014

(© 1995–2014). Acute Hepatitis Profile. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratory [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/9022 through http://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed April 2014.

Buggs, A. (Updated 2012 August 23). Viral Hepatitis. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/775507-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed April 2014.

Rutherford, A. (Reviewed 2014 February). Acute Viral Hepatitis. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed April 2014.

(Updated 2014 March 21). Hepatitis B FAQs for Health Professionals. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/hepatitis/HBV/HBVfaq.htm#general through http://www.cdc.gov. Accessed April 2014.

(Updated 2014 February 10). Hepatitis C FAQs for Health Professionals. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/hepatitis/HCV/HCVfaq.htm#section3 through http://www.cdc.gov. Accessed April 2014.

(Updated 2013 June 6). Hepatitis A FAQs for Health Professionals. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/hepatitis/HAV/HAVfaq.htm through http://www.cdc.gov. Accessed April 2014.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Kasper DL, Braunwald E, Fauci AS, Hauser SL, Longo DL, Jameson JL eds (2005). Harrison's Principles of Internal Medicine, 16th Edition, McGraw Hill, Pp 1822-1833.

Centers for Disease Control and Prevention. Surveillance for Acute Viral Hepatitis—United States 2006, MMWR, March 21,2008/ 57(SS02);1-24. Available online at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/ss5702a1.htm through http://www.cdc.gov. Accessed August 2010.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, Pp 271-274; 992-993.

(Updated June 25, 2010) Buggs A. Viral Hepatitis. Medscape Clinical Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/775507-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed August 2010.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC. Pp 272-275.

(June 25, 2010) Wolf D. Hepatitis, Viral. Medscape Clinical Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/185463-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed August 2010.