Noto anche come
LDL-C
Nome ufficiale
Lipoproteine a bassa densità
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 09.12.2017.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per valutare il rischio di sviluppare complicazioni cardiache.

Quando Fare il Test?

Come parte degli esami di routine insieme al colesterolo totale o al profilo lipidico; almeno una volta ogni cinque anni negli adulti; bambini e ragazzi dovrebbero essere testati una volta tra i 9 e gli 11 anni e poi ancora tra i 17 e i 21 anni; a intervalli regolari quando sono presenti fattori di rischio per malattie cardiovascolari, quando gli esami precedenti mostrano valori alterati e/o per monitorare l’efficacia del trattamento.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio, o una goccia di sangue ottenuta pungendo un dito.

Il Test Richiede una Preparazione?

E’ necessario digiunare per 12 ore prima di raccogliere il sangue; è permesso solo bere l’acqua. Seguire tutte le istruzioni fornite.

L'Esame

Le lipoproteine a bassa densità (Low Density Lipoprotein, LDL) veicolano il colesterolo dal fegato ai distretti periferici attraverso la circolazione sanguigna; quando il colesterolo è in eccesso rispetto al fabbisogno dell’organismo, può essere ceduto dalle LDL e depositarsi a livello arterioso contribuendo alla formazione della placca aterosclerotica e aumentando così il rischio di malattie cardiovascolari. La misura del colesterolo LDL riguarda la quota di colesterolo contenuto nelle LDL; è inoltre possibile calcolare il valore di colesterolo LDL conoscendo il valore di colesterolo totale, colesterolo HDL e trigliceridi, purché la trigliceridemia non sia superiore a 200-250 mg/dL.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    E’ necessario digiunare per 12 ore prima di raccogliere il sangue; è permesso solo bere l’acqua. Seguire tutte le istruzioni fornite.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    L’esame del colesterolo LDL viene utilizzato per predire il rischio di malattie cardiovascolari. Delle diverse forme di colesterolo che possono essere misurate a livello plasmatico, il colesterolo LDL è considerato il più importante nel determinare il rischio; qualunque intervento terapeutico, infatti, viene deciso e monitorato sulla base del valore del colesterolo LDL.

  • Quando viene prescritto?

    L’esame del colesterolo LDL viene prescritto generalmente come parte del profilo lipidico, insieme al colesterolo totale, colesterolo HDL e trigliceridi. Il colesterolo LDL può essere prescritto anche quando vengono riscontrati valori particolarmente elevati di colesterolo totale; in questo caso è importante determinare quale sia il contributo del colesterolo LDL e di quello HDL al valore di colesterolemia totale.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il valore di colesterolo LDL correla positivamente con il rischio cardiovascolare. Secondo le linee-guida del National Cholesterol Education Panel - Adult Treatment Panel III (NCEP-ATP III) l’intervento terapeutico, sia nutrizionale che farmacologico, ha come obiettivo la riduzione del valore di colesterolo LDL. I valori target sono:

    • LDL < 100 mg/dL in caso di cardiopatia o diabete
    • LDL < 130 mg/dL se sono presenti almeno altri due tra i fattori di rischio maggiori
    • LDL < 160 mg/dL se è presente uno o nessun fattore di rischio
       

    I fattori di rischio maggiori comprendono:

    • l’abitudine al fumo
    • l’età (> 45 anni per gli uomini e > 55 anni per le donne)
    • valori di colesterolo HDL < 40 mg/dL
    • l’ipertensione arteriosa (> 140/90 mmHg) o la concomitante terapia anti-ipertensiva
    • storia familiare per cardiopatia ischemica (presenza di almeno un familiare di primo grado affetto di età inferiore a 55 anni se uomo e 65 se donna)
       

    [NOTA: elevati valori di colesterolo HDL (> 60 mg/dL) sono considerati un fattore protettivo la cui presenza consente di rimuovere dal calcolo totale un fattore di rischio.]

  • C’è altro da sapere?

    L’esame del colesterolo LDL richiede un digiuno di circa 12 ore prima del prelievo; questo accade perché il valore di colesterolo LDL viene spesso calcolato indirettamente da altri parametri, inclusa la trigliceridemia, che invece risentono dello stato di digiuno/alimentazione. In alcuni laboratori è possibile determinare direttamente la concentrazione di LDL plasmatiche e in questo caso il digiuno non è necessario.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • C’è un altro modo di valutare le LDL-C e il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari?

    Sì. Mentre per molte persone, il test delle LDL-C è un buon indicatore di rischio di patologia cardiovascolare (CVD), i ricercatori hanno visto che alcuni persone con concentrazioni normali di LDL-C hanno comunque un rischio aumentato di sviluppare CVD. In modo analogo, le persone affette da patologie croniche come il diabete possono avere un rischio aumentato anche se le loro LDL-C sono normali. Per queste persone è necessario considerare il numero di particelle LDL e/o la loro grandezza per stimare il rischio di CVD. In questi casi può essere usato il test delle sottofrazioni delle lipoproteine per un’ulteriore stima del rischio. Il test ulteriore che può essere eseguito è un LDL-P, che misura il numero di particelle, oltre a misurare la quantità di LDL. Per maggiori dettagli, visitare la pagina test delle sottofrazioni delle lipoproteine.

  • Quali sono i trattamenti raccomandati per le LDL alte?

    Il primo passo nel trattare il colesterolo alto è cambiare stile di vita, mangiare meno grassi saturi, raggiungere e mantenere un peso corporeo corretto e fare esercizio fisico regolarmente. E’ opportuno avere una dieta ricca di fibre. Se i cambiamenti nello stile di vita non sono sufficienti per abbassare il colesterolo LDL, possono essere prescritti i farmaci. Nelle persone con una combinazione di fattori di rischio e di LDL-C, la terapia farmacologia dovrebbe essere prescritta insieme ai cambiamenti nello stile di vita.

  • Quanto varia il colesterolo LDL, in risposta ai cambiamenti di stile di vita, come l’esercizio fisico e la dieta?

    Seguire una dieta povera di grassi saturi (meno del 7% delle calorie derivanti dai grassi saturi) dovrebbe abbassare il colesterolo LDL di circa il 10%.

  • Qual è la formula usata per calcolare le LDL-C?

    Per calcolare le LDL-C i laboratori usano di solito la formula di Freidewald, i cui parametri sono i risultati delle componenti del profilo lipidico. Le unità sono in mg/dL e la formula può essere applicata solo se i trigliceridi totali sono inferiori a  400 mg/dL:

    LDL- C = Colesterolo totale – HDL-C – (Trigliceridi totali /5)

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

American Heart Association. "What are healthy levels of cholesterol?" Available online at http://216.185.112.5/presenter.jhtml?identifier=183.

National Heart, Lung, and Blood Institute of the National Institutes of Health, United States Department of Health and Human Services. Third report of the National Cholesterol Education Program (NCEP) Expert Panel on detection, evaluation, and treatment of high blood pressure in adults (Adult Treatment Panel III). Bethesda, Md. 2001 May. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/guidelines/cholesterol/atp3_rpt.htm.

American Heart Association. "Numbers That Count for a Healthy Heart." Available online at http://www.americanheart.org.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 3rd Edition, St. Louis: Mosby Elsevier; 2006 pp 351-357.

National Heart, Lung, Blood Institute. National Cholesterol Education Program Guidelines, Cholesterol, ATP III (online information). Available online at http://www.nhlbi.nih.gov. Accessed February 2008.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007.

Falko JM, Moser RJ, Meis SB, Caulin-Glaser T. Cardiovascular disease risk of type 2 diabetes mellitus and metabolic syndrome: focus on aggressive management of dyslipidemia. Curr Diabetes Rev. 2005 May;1(2):127-35.

Hayashi T, et. al. Importance of Lipid Levels in Elderly Diabetic Individuals—Baseline Characteristics and 1-Year Survey of Cardiovascular Events. Cir J 2008; 72:218—225.

American Academy of Pediatrics. 7 Jul 2008. AAP issues new guidelines on cholesterol screening (press release). Available online at http://www.aap.org/new/july08lipidscreening.htm. Accessed August 2008.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 4th Edition, St. Louis: Mosby Elsevier; 2010, Pp 356-363.

Van Leeuwen A.M., Poelhius-Leth, D.J. Davis's Comprehensive Handbook of Laboratory and Diagnostic Tests With Nursing Implications. 3rd Edition, Philadelphia: F.A. Davis Company; 2009, Pp 325-329.

National Heart, Lung, and Blood Institute of the National Institutes of Health, United States Department of Health and Human Services. ATP III Update 2004: Implications of Recent Clinical Trials for the ATP III Guidelines. Bethesda, Md. 2004 May. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/guidelines/cholesterol/atp3upd04.htm.

(Updated 2011 August 2). Mayo Clinic. High Cholesterol [Online Information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/high-blood-cholesterol/DS00178. Accessed August 2011.

(Updated 2010 May 23). MedlinePlus Medical Encyclopedia. LDL Test [Online information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003495.htm. Accessed August 2011.

Vujovic A, et al. Evaluation of Different Formulas for LDL-C Calculation. Lipids Health Dis, 2010; 9: 27. Abstract available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2847568/. Accessed Sept. 2011.

Davidson M, et al. Clinical Utility of Inflammatory Markers and Advanced Lipid Testing: Advice from an Expert Panel of Lipid Specialists. Journal of Clinical Lipidology 2011 Sep; 5(5): 338-67.

Third Report of the National Cholesterol Education Program (NCEP) Expert Panel on Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Cholesterol in Adults (Adult Treatment Panel III). Sep 2002. PDF available for download at http://www.nhlbi.nih.gov/guidelines/cholesterol/atp3full.pdf. Accessed October 2012.

(©2012) American Heart Association. Cholesterol Levels. Available online at http://www.heart.org/HEARTORG/Conditions/Cholesterol/Cholesterol_UCM_001089_SubHomePage.jsp. Accessed October 2012.

(November 2012) American Association of Family Physicians. High Cholesterol. Available online at http://familydoctor.org/familydoctor/en/diseases-conditions/high-cholesterol.html. Accessed October 2012.

Kavey R-EW, et al. Expert panel on integrated guidelines for cardiovascular health and risk reduction in children and adolescents: Summary report. Pediatrics 2011; 128: DOI:10.1542/peds.2009-2107C. PDF available for download at http://pediatrics.aappublications.org/site/misc/2009-2107.pdf. Accessed October 2012.

KidsHealth.org. Cholesterol and Your Child. Available online at http://kidshealth.org/parent/medical/heart/cholesterol.html#. Accessed October 2012.

CDC. FASTSTATS – Leading Causes of Death (2009 data). Available online at http://www.cdc.gov/nchs/fastats/lcod.htm. Accessed October 2012.

KidsHealth.org. Cholesterol and Your Child. Available online at http://kidshealth.org/parent/medical/heart/cholesterol.html#. Accessed October 2012.

(2006) Sekar K. Increased Small Low-Density Lipoprotein Particle Number, A Prominent Feature of the Metabolic Syndrome in the Framingham Heart Study. Circulation. Available online at http://circ.ahajournals.org/content/113/1/20.full. Accessed October 2012.

(September 23, 2002) Blake G, et al. Low-Density Lipoprotein Particle Concentration and Size as Determined by Nuclear Magnetic Resonance Spectroscopy as Predictors of Cardiovascular Disease in Women. Circulation, Available online at http://circ.ahajournals.org/content/106/15/1930.full. Accessed October 2012.

Blakenstein R, et al. Predictors of Coronary Heart Disease Events Among Asymptomatic Persons With Low Low-Density Lipoprotein Cholesterol. Journal of the American College of Cardiology Volume 58, Issue 4, 19 July 2011, Pp 364–374.

Krauss R. Lipoprotein subfractions and cardiovascular disease risk. Curr Opin Lipidol 2010 Aug;21(4):305-11. Abstract available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20531184. Accessed October 2012. 

Prado K, et al. Low-density lipoprotein particle number predicts coronary artery calcification in asymptomatic adults at intermediate risk of cardiovascular disease. J Clin Lipidol 2011 Sep-Oct;5(5):408-13. Abstract available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21981843. Accessed October 2012.

(May 2012) Lavie C, et.al. To B or Not to B: Is Non–High-Density Lipoprotein Cholesterol an Adequate Surrogate for Apolipoprotein B? Mayo Clin Proc. 2010 May; 85(5): 446–450. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2861974/. Accessed October 2012.