LTOTests

eGFR

Articolo approvato dal Comitato editoriale di labtestsonline.org ed in corso di revisione da parte del Comitato editoriale italiano

In Sintesi

Perché?

Per rilevare i danni renali precoci, contribuire alla diagnosi delle malattie renali croniche (Chronic Kidney Disease, CKD) e monitorare lo stato dei reni.

Quando?

Insieme al test della creatinina sierica come parte delle indagini di routine, se si sospetta la presenza di danno renale o si è esposti ad un rischio aumentato di svilupparlo; ai pazienti con diagnosi di CDK è raccomandato di sottoporsi al test annualmente.

Il campione

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio; l'eGFR è una stima calcolata della velocità di filtrazione glomerulare ed è basata sulla concentrazione di creatinina nel sangue e/o sui livelli ematici di cistatina C. Il calcolo può considerare altre variabili, incluse età, sesso ed etnia.

La preparazione

Generalmente, il risultato del test è basato sulla concentrazione di creatinina nel sangue. Può essere richiesto al paziente di rimanere a digiuno la notte precedente al prelievo o di astenersi dal mangiare carne cotta; alcuni studi hanno infatti dimostrato che mangiare carne cotta prima di eseguire il test può aumentare temporaneamente la concentrazione di creatinina.


Inoltre, occorre comunicare al merito se si è incinta, in quanto i livelli di eGFR aumentano durante la gravidanza.


Se la stima calcolata dell'eGFR viene basata sui livelli ematici di Cistatina C non è necessaria alcuna preparazione.

L'Esame

La velocità di filtrazione glomerulare (GFR) è un indice di funzionalità renale. Principalmente, i reni sono deputati alla filtrazione del sangue, oltre a regolare la quantità di acqua eliminata, insieme ai prodotti di scarto, sotto forma di urina. Inoltre, i reni producono ormoni deputati al mantenimento del normale equilibrio chimico dell'organismo, al metabolismo del calcio e alla produzione dei globuli rossi.

I glomeruli sono un gruppo di vasi sanguigni deputati alla filtrazione del sangue e alla rimozione dei prodotti di scarto, mentre trattengono molecole importanti per l'organismo, quali proteine e cellule del sangue. I reni filtrano circa 180 litri di sangue al giorno ed eliminano 2 litri di urina. La velocità di filtrazione glomerulare si riferisce alla quantità di sangue filtrata dai glomeruli al minuto. I pazienti con funzionalità renale compromessa in seguito a patologie o lesioni presentano una velocità di filtrazione ridotta, con conseguente accumulo dei prodotti di scarto nel sangue.

Le malattie renali croniche (Chronic Kidney Disease, CKD) si verificano frequentemente e sono associate ad un decremento, solitamente progressivo, della funzionalità renale. Le principali cause di CKD includono diabete ed ipertensione. Anche l'età è un fattore di rischio; infatti, la filtrazione renale diminuisce di circa l'1% ogni anno dopo i 40 anni d'età.

Spesso, la progressione delle patologie renali non è associata alla manifestazione di alcun sintomo, rendendo difficoltosa la diagnosi precoce di CKD. Nella maggior parte dei casi, il paziente risulta asintomatico fino alla perdita del 30-40% della funzionalità renale. La diagnosi precoce di disfunzione renale consente di iniziare prontamente un trattamento adeguato, minimizzando i danni associati alla patologia. Lo screening delle CKD dovrebbe essere raccomandato ai soggetti esposti ad un rischio elevato, inclusi pazienti con diabete, ipertensione, malattie cardiache, storia familiare di insufficienza renale ed anziani (con più di 60 anni).

Gli esami di laboratorio utilizzati per valutare la funzionalità renale includono la misura della creatinina sierica e/o della cistatina C nel sangue per stimare la GFR, oltre all'albumina urinaria e alla clearance della creatinina nell'urina.

Le alterazioni della funzionalità renale possono essere accuratamente rilevate tramite la misura della velocità di filtrazione glomerulare; poiché la misura diretta della GFR risulta difficoltosa è preferibile calcolare la stima della velocità di filtrazione glomerulare (eGFR), eseguita routinariamente per valutare la funzionalità renale.

Il National Kidney Foundation raccomanda di calcolare l'eGFR insieme alla misura della creatinina sierica e, in alcuni casi, della cistatina C.

  • L'approccio più comunemente utilizzato consiste nella misura della creatinina sierica per il calcolo dell'eGFR; sono considerati nel calcolo molti fattori quali età, genere ed etnia, sulla base dell'equazione utilizzata. La creatinina è un prodotto di scarto dei muscoli che viene filtrato dal sangue ed escreto nell’urina ad una velocità relativamente costante. La compromissione della funzionalità renale determina una ridotta escrezione della creatinina, con conseguente aumento dei suoi livelli nel sangue. Eventuali variazioni nel metabolismo muscolare e nella massa muscolare possono determinare differenze significative nella misura dei livelli di creatinina. L'eGFR può non risultare affidabile in alcune tipologie di pazienti, quali soggetti che hanno subito un’amputazione, culturisti, vegetariani, appartenenti agli estremi delle classi di peso corporeo e di età, con funzionalità renale in rapido cambiamento (ad esempio, lesione renale acuta) o che stanno assumendo determinati farmaci in grado di aumentare le concentrazioni di creatinina
  • Il calcolo dell'eGFR basato sul livello di cistatina C nel sangue viene raccomandato come test di conferma nelle classi di pazienti sopracitate, per i quali l'utilizzo della creatinina sierica risulterebbe meno accurato. La cistatina C è una piccola proteina prodotta ad una velocità costante da tutte le cellule nucleate dell'organismo, e localizzata in vari liquidi biologici, compreso il sangue. Viene filtrata dai reni e metabolizzata a velocità costante; non viene riassorbita né escreta con l'urina. Differentemente dalla creatinina, che può risultare alterata dalla massa muscolare, la cistatina C è influenzata da età, presenza di infiammazione, obesità e diabete. La cistatina C è un biomarcatore relativamente nuovo e sono tuttora in corso vari studi per definirne l'utilizzo ottimale.

Possono essere utilizzate diverse equazioni per calcolare l'eGFR; di seguito sono riportate le più comuni, basate sulla concentrazione ematica della creatinina in combinazione con età, sesso ed etnia.

  • Equazione creatinina CKD-EPI (Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration), pubblicata nel 2009; raccomandata dalla National Kidney Foundation per il calcolo dell’eGFR negli adulti
  • Equazione MDRD (Modification of Diet in Renal Disease Study); alcuni laboratori continuano ad utilizzare questa equazione

Ulteriori tipi di equazioni CKD-EPI raccomandate dalla National Kidney Foundation per il calcolo dell'eGFR negli adulti basati sul livello di cistatina C in associazione all'età e al sesso includono:

  • Equazione cistatina C CKD-EPI (Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration), pubblicata nel 2012
  • Equazione cistatina C e creatinina CKD-EPI (Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration), pubblicata nel 2012

Le equazioni sopracitate possono riportare risultati differenti, tuttavia forniscono informazioni simili.

Negli adolescenti e nei ragazzi viene raccomandato l'utilizzo di equazioni differenti, basate sui livelli di creatinina sierica e sull'altezza; un esempio è l'equazione di Schwartz aggiornata, che valuta la concentrazione di azotemia (urea).

Le equazioni dell'eGFR non possono essere utilizzate per pazienti con più di 70 anni, poiché la massa muscolare diminuisce con l'età.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

La stima della velocità di filtrazione glomerulare (eGFR) viene utilizzata per la diagnosi, la stadiazione, lo screening ed il monitoraggio delle patologie renali croniche (CKD).

  • Diagnosi; l’eGFR può essere eseguito come ausilio diagnostico in presenza di sintomi riconducibili al danno renale, quali cambiamenti nella frequenza della minzione, affaticamento, gonfiore agli arti, prurito, nausea e vomito. Oltre a rilevare la presenza di patologie renali, il test eGFR può essere utilizzato per valutare la gravità e la stadiazione della malattia renale, inclusa la presenza di insufficienza renale. Tuttavia, la diminuzione dei valori di eGFR non è strettamente correlata alla funzionalità renale, poiché le cellule renali possono aumentare la capacità di filtrazione per compensare il danno renale. Pertanto, solitamente è necessaria l’esecuzione di ulteriori test per valutare l’entità del danno renale
  • Screening; l’eGFR può essere utilizzato per rilevare la presenza di patologie renali in pazienti con fattori di rischio, inclusi pazienti con diabete, ipertensione, malattie cardiache, ostruzioni o infezioni del tratto urinario, storia familiare di insufficienza renale e malattie renali croniche. Inoltre, la stima della velocità di filtrazione glomerulare può essere richiesta in soggetti intenzionati a donare un rene o in pazienti che dovranno sottoporsi a procedure mediche, quali esami di diagnostica per immagini con mezzo di contrasto o trattamenti che potrebbero compromettere la funzionalità renale. In tal senso, l’eGFR viene utilizzato per tentare di prevenire l’insorgenza di complicanze o di effetti collaterali correlati al trattamento
  • Monitoraggio; l’eGFR può essere ripetuto ad intervalli regolari in pazienti affetti da patologie renali, al fine di valutare la funzionalità dei reni nel tempo. Inoltre, la stima della velocità di filtrazione glomerulare può essere utilizzata per monitorare l’utilizzo di farmaci che potrebbero compromettere la funzionalità renale.

Il National Kidney Disease Education Program, l'American Society of Nephrology e il National Kidney Foundation raccomandano di calcolare l'eGFR insieme alla misura della creatinina sierica. Il test della creatinina ematica è normalmente richiesto come parte del pannello metabolico completo (CMP) o di base (BMP), insieme alla misura dell’urea (azotemia) per valutare la funzionalità renale. 

La creatinina, insieme all'eGFR, può essere prescritta per monitorare i pazienti affetti da una patologia renale cronica (CKD) o da patologie quali diabete e ipertensione, che possono causare danno renale.

Il calcolo dell'eGFR basato sulla misura della cistatina C viene utilizzato similmente a quello ottenuto dalla creatinina. Tuttavia, tale test non viene eseguito routinariamente né da tutti i laboratori. 

Domande Frequenti

Quali altri test possono essere utilizzati per valutare la funzionalità renale?

Altri test che possono essere prescritti per contribuire a rilevare eventuali lesioni renali e/o valutare la funzionalità renale includono:

  • Albumina urinaria e rapporto albumina/creatinina (ACR); utilizzato per rilevare gli individui con patologie croniche, quali diabete e ipertensione, che risultano maggiormente esposti al rischio di sviluppare patologie renali; il riscontro di quantità aumentate di albumina nell’urina indica la presenza di danno renale
  • Analisi dell'urina; può essere utilizzata come supporto alla rilevazione dei segni di danno renale, quali presenza di sangue o di cilindri nell'urina
  • Marcatori di funzionalità renale: un gruppo di test utilizzato per valutare la funzionalità renale e/o per rilevare, diagnosticare o monitorare le patologie renali

Anche la clearance della creatinina fornisce una stima della funzionalità renale e della velocità di filtrazione glomerulare. Tuttavia, similmente alla misura della creatinina sierica, tale esame richiede un campione di urina delle 24 ore per la misura della creatininuria, al fine di comparare le concentrazioni di creatinina nel sangue e nell'urina e di calcolare la clearance.

Immagini Correlate

Struttura del rene. Fonte immagine: Alan Hoofring, National Cancer Institute
Struttura del rene. Fonte immagine: Alan Hoofring, National Cancer Institute
Come funzionano i reni. Fonte immagine: National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK)
Come funzionano i reni. Fonte immagine: National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK)

Risorse per i Professionisti

Documenti, Documenti SIBioC e Intersocietari
Estratti Biochimica Clinica (Rivista Ufficiale di SIBioC - Medicina di Laboratorio)

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Comprehensive metabolic panel. Updated January 26, 2019. Accessed June 11, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003468.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Basic metabolic panel. Updated April 29, 2019. Accessed June 11, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003462.htm  

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Creatinine blood test. Updated July 4, 2019. Accessed June 11, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003475.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Creatinine clearance test. Updated July 7, 2019. Accessed June 11, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/003611.htm

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Glomerular filtration rate. Updated July 7, 2019. Accessed June 4, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/007305.htm

Arora P. Chronic kidney disease. In: Batuman V, ed. Medscape. Updated April 2, 2021. Accessed June 10, 2021.https://emedicine.medscape.com/article/238798-overview  

Delgado C, Baweja M, Burrows NR, et al. Reassessing the inclusion of race in diagnosing kidney diseases: An interim report from the NKF-ASN Task Force. J Am Soc Nephrol. 2021;32(6):1305-1317. doi:10.1681/ASN.2021010039

Gounden V, Bhatt H, Jialal I. Renal function tests. In: StatPearls. Updated July 20, 2020. Accessed June 4, 2021. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK507821/

Inker LA, Perrone RD. Assessment of kidney function. In: Sterns RH, ed. UpToDate. Updated April 29, 2021. Accessed June 4, 2021. https://www.uptodate.com/contents/assessment-of-kidney-function

Kaufman DP, Basit H, Knohl SJ. Physiology, glomerular filtration rate. In: StatPearls. Updated July 26, 2020. Accessed June 4, 2021. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK500032/

MedlinePlus: National Library of Medicine. Glomerular filtration rate (GFR) test. Updated July 31, 2020. Accessed June 4, 2020. https://medlineplus.gov/lab-tests/glomerular-filtration-rate-gfr-test/

Mousapour P. Indexing for 1.73-m2 body surface area yet a basic mistake for assessing estimated glomerular filtration rate after bariatric surgery. Obes Surg. 2020;30(2):768. doi:10.1007/s11695-019-04305-5

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Estimating glomerular filtration rate. Date unknown. Accessed June 4, 2021. https://www.niddk.nih.gov/health-information/professionals/clinical-tools-patient-management/kidney-disease/laboratory-evaluation/glomerular-filtration-rate/estimating

Obrador GT. Epidemiology of chronic kidney disease. In: Curhan GC, ed. UpToDate. Updated February 25, 2020. Accessed June 4, 2021. https://www.uptodate.com/contents/epidemiology-of-chronic-kidney-disease

Tarwater K. Estimated glomerular filtration rate explained. Mo Med. 2011;108(1):29-32.

Zoler ML. US kidney-group presidents say ‘drop the eGFR race modifier’. Medscape. Published March 11, 2021. Accessed June 8, 2021. https://www.medscape.com/viewarticle/947244

Zoler ML. Nephrologists make the case for cystatin c-based eGFR. Medscape. Published May 18, 2021. Accessed June 8, 2021. https://www.medscape.com/viewarticle/951335

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online