Noto anche come
Fruttosamina sierica
Proteine sieriche glicosilate
GSP
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 29.04.2019.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Come supporto al monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue (glicemia) in pazienti affetti da diabete mellito e in modo particolare in coloro per i quali non sia possibile utilizzare il test dell’emoglobina glicata (HbA1c). Il test aiuta nella valutazione dell’efficacia di variazioni del piano terapeutico o del regime alimentare o delle abitudini (ad esempio l’attività fisica) di pazienti con diabete, in special modo se queste sono avvenute di recente.

Quando Fare il Test?

Nel caso in cui il clinico voglia valutare la concentrazione media di glucosio nel sangue, in pazienti affetti da diabete, nelle ultime 2-3 settimane.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato da braccio o, talvolta, tramite la puntura della punta del dito.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

La fruttosamina è un composto che si forma quando il glucosio si lega alle proteine del siero. Il test misura la quantità totale di fruttosamina (proteina glicosilata) nel sangue.

La molecola di glucosio nel sangue è in grado di legarsi in maniera irreversibile alle proteine circolanti tramite un processo detto glicosilazione o glicazione. Tra le proteine coinvolte, l’albumina è quella maggiormente interessata poiché è la proteina più abbondante nella parte fluida del sangue, detto siero. Allo stesso modo, possono essere glicate anche altre proteine come l’emoglobina, la proteina più abbondante all’interno dei globuli rossi. Maggiore è la quantità di glucosio presente nel sangue, maggiore è la quantità di proteine glicate che si formano. Queste combinazioni di molecole rimangono nel sangue tanto a lungo quanto permangono le proteine o i globuli rossi all’interno del circolo ematico. Pertanto rappresentano un registro della quantità media di glucosio presente in un determinato periodo di tempo, corrispondente alla vita media delle proteine stesse all’interno del circolo ematico.

Poiché i globuli rossi hanno una vita media di circa 120 giorni, l’emoglobina glicata (HbA1c) è un indice della concentrazione media di glucosio nel sangue degli ultimi 2-3 mesi. Le proteine sieriche hanno una vita media minore (circa 14-21 giorni); pertanto le proteine glicate e di conseguenza il test della fruttosamina, riflettono i livelli medi di glucosio nel sangue delle ultime 2-3 settimane precedenti l’esecuzione del test.

Nei pazienti diabetici è importante mantenere i livelli di glucosio quanto più possibile all’interno o vicino ai valori di riferimento, in modo da evitare le complicanze e i danni progressivi che concentrazioni ematiche di glucosio elevate possono comportare. Un buon controllo diabetico viene raggiunto e mantenuto tramite l’auto-monitoraggio giornaliero (o anche più frequente) dei livelli di glucosio in pazienti sotto terapia insulinica e tramite l’occasionale controllo dell’efficacia della terapia tramite i test dell’emoglobina glicata e/o della fruttosamina.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test della fruttosamina viene utilizzato nel monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue (glicemia) in pazienti affetti da diabete. I livelli di fruttosamina riflettono la concentrazione media di glucosio nel sangue delle 2-3 settimane precedenti l’esame. Tuttavia, il suo significato prognostico non è ben definito come nel caso dell'emoglobina glicata.

    Sia la fruttosamina che l’emoglobina glicata (HbA1c) riflettono i livelli di glicemia in pazienti diabetici. Tuttavia, il test dell’HbA1c è maggiormente conosciuto e utilizzato. Esistono infatti molti dati che confermano che la presenza di livelli elevati di HbA1c in maniera cronica sono associati ad un maggiore rischio di sviluppo di complicanze del diabete, come problemi oculari (retinopatia diabetica) che possono portare fino alla cecità, problemi renali (nefropatia diabetica) e danneggiamenti del sistema nervoso (neuropatia diabetica).

    L'American Diabetes Association (ADA) sottolinea l'importanza del monitoraggio del controllo glicemico suggerendo l'abitudine all'autocontrollo frequente e la variazione dei protocolli di monitoraggio della glicemia nel caso in cui l'HbA1c non possa essere misurata in maniera affidabile. L'ADA inoltre afferma che il significato prognostico dei risultati del test della fruttosamina non è ancora ben definito, come nel caso dell'HbA1c.

    La fruttosamina può essere un utile sostituto alla misura dell’HbA1c in quelle situazioni in cui questa non possa essere misurata correttamente.

    Le situazioni nelle quali la fruttosamina viene considerata migliore nel monitoraggio di pazienti diabetici rispetto all’HbA1c, sono:

    • Variazioni rapide nella terapia del diabete – la fruttosamina permette la valutazione dell’efficacia di terapie o di variazioni del regime alimentare in poche settimane rispetto ai mesi necessari per l’HbA1c.

    • Diabete gestazionale – nelle donne diabetiche in gravidanza, un buon controllo glicemico è essenziale anche a causa delle continue variazioni delle necessità della madre. Il test della fruttosamina, insieme a quello della glicemia, possono essere richiesti come supporto al monitoraggio e alle variazioni terapeutiche (insulina o altri farmaci richiesti).

    • Diminuita vita dei globuli rossi – il test dell’HbA1c non è accurato in quelle situazioni nelle quali la vita media dei globuli rossi risulta diminuita, come in presenza di anemia emolitica o perdite di sangue. Nel caso in cui la vita media dei globuli rossi circolanti sia ridotta, allora i livelli di HbA1c possono risultare falsamente bassi rendendo la valutazione dei livelli medi di glucosio nel sangue non attendibile.

    • Presenza di varianti emoglobiniche – la presenza di alcune varianti emoglobiniche, come l’emoglobina S (HbS) nell’anemia falciforme, può influenzare alcune tecniche di misurazione dell’HbA1c. In questi casi è preferibile utilizzare la fruttosamina per il controllo glicemico. Inoltre, il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK)  sconsiglia l'uso del test dell'HbA1c in pazienti portatori delle varianti HbSS, HbSC o HbCC che potrebbero inficiare il test dell'emoglobina glicata per l'aumento del turnover dei globuli rossi e per le frequenti trasfusioni di sangue.

  • Quando viene prescritto?

    Nonostante la fruttosamina non sia largamente utilizzata, il test può essere utilizzato nel caso in cui il clinico voglia conoscere i livelli medi di glucosio nelle ultime 2-3 settimane. Di solito viene richiesto all’inizio di un piano terapeutico in pazienti diabetici o in seguito a variazioni terapeutiche, del regime alimentare o delle abitudini e stili di vita (esercizio fisico).

    Il monitoraggio tramite il test della fruttosamina può essere richiesto anche per la valutazione dei livelli glicemici medi in donne diabetiche in gravidanza o in pazienti che devono variare le proprie necessità di glucosio e insulina per un certo periodo di tempo. Il test della fruttosamina poi può essere richiesto nel caso in cui il monitoraggio tramite l’HbA1c non sia possibile, come in caso di presenza di alcune varianti emoglobiniche o nel caso in cui la vita media dei globuli rossi risulti ridotta.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Livelli elevati di fruttosamina indicano che i livelli medi di glucosio nel sangue del paziente si sono mantenuti elevati nelle ultime 2-3 settimane. In generale, maggiori sono i livelli di fruttosamina, più alta è la concentrazione media di glucosio nel sangue. In questo tipo di test, più che un risultato a se stante, è importante valutare l’andamento dei risultati del test in un certo periodo di tempo. Se i risultati del test, inizialmente normali, tendono ad aumentare, allora il paziente non sta effettuando un controllo glicemico adeguato. Tuttavia questo andamento non da informazioni riguardanti la causa di questi aumenti. Per mantenere i livelli di glucosio entro i livelli di sicurezza, al paziente può essere richiesta una variazione di stili di vita (soprattutto di effettuare esercizio fisico) e del regime alimentare. Nell’interpretazione dei risultati si deve tener conto anche di eventuali stati di malessere e/o stress che possono portare ad aumenti temporanei dei livelli di glucosio.

    Livelli normali di fruttosamina possono indicare invece un buon controllo glicemico e l’efficacia della terapia. Allo stesso modo, la diminuzione dei livelli di fruttosamina nel tempo possono essere indicativi dell’efficacia dei cambiamenti effettuati riguardo il piano terapeutico.

    I livelli di fruttosamina devono essere valutati all’interno di un quadro clinico complessivo. La diminuzione dei livelli di proteine totali e/o di albumina correlati con le condizioni associate ad aumento di perdita di proteine nell'urina o nel tratto gastrointestinale o alla diminuzione di sintesi proteica dell’organismo, possono portare a risultati falsamente bassi. In questi casi vi può quindi essere una discrepanza tra i valori di glicemia giornalieri e il risultato della fruttosamina. Anche in presenza di forti oscillazioni dei livelli di glucosio nel sangue, possono esserci risultati di fruttosamina e di HbA1c nella norma; queste condizioni necessitano di monitoraggi più frequenti. Tuttavia, la maggior parte delle persone con un cattivo controllo glicemico, ha elevati livelli di fruttosamina e di HbA1c nel sangue.

  • C’è altro da sapere?

    L’ipertiroidismo e livelli elevati di vitamina C (acido ascorbico) possono interferire con i risultati del test.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2018 review completed by Nadia Ayala-Lopez, PhD, MLS, Postdoctoral Fellow, Yale University.

American Diabetes Association. (2018). Standards of Medical Care in Diabetes. Diabetes Care, Volume 41, Supplement 1. Available online at http://care.diabetesjournals.org/content/diacare/suppl/2017/12/08/41.Supplement_1.DC1/DC_41_S1_Combined.pdf. Accessed on 10/28/2018.

National Glycohemoglabin Standarization Program (NGSP). Harmonizing Hemoglobin A1c Testing: Factors that Interfere with HbA1c Test Results. Available online at http://www.ngsp.org/factors.asp. Accessed on 10/27/2018.

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Sickle Cell Trait & Other Hemoglobinopathies & Diabetes (For Providers). Available online at https://www.niddk.nih.gov/health-information/diagnostic-tests/sickle-cell-trait-hemoglobinopathies-diabetes. Accessed on 10/27/2018.

Rifai, Nader. Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. 6th ed. Philadelphia: Saunders, 2018.

 Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 503-505.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC. Pg 296.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pg 418.

(2005 June, Updated). Glucose Meters & Diabetes Management. FDA Diabetes Information [On-line information]. Available online through http://www.fda.gov. Accessed on 1/30/08.

Kendall, D. (2005 October 28). Postprandial Blood Glucose in the Management of Type 2 Diabetes: The Emerging Role of Incretin Mimetics. Medscape Diabetes & Endocrinology [On-line information]. Available online through http://www.medscape.com. Accessed on 1/30/08.

Smiley, D. et. al. (2008 January 23). Therapy Insight: Metabolic and Endocrine Disorders in Sickle-cell Disease. Medscape CME [On-line information]. Available online through http://www.medscape.com. Accessed on 1/30/08.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

ADA (2002). Tests of Glycemia in Diabetes. DiabetesCare 25:S97-S99 [On-line journal]. Journal available online through http://care.diabetesjournals.org.

Ko, GT et. Al (1998). Combined use of a fasting plasma glucose concentration and HbA1c or fructosamine predicts the likelihood of having diabetes in high-risk subjects. DiabetesCare [Abstract]. Journal available online through http://care.diabetesjournals.org.

Edelman, S. et. Al. (2001 Nov-Dec). Home testing of fructosamine improves glycemic control in patients with diabetes. PubMed from Endocr Pract 7(6): 454-8 [Abstract]. Available online through http://www.ncbi.nlm.nih.gov.

Mik, C. (2002 Fall). Fructosamine vs HbA1c: Which Test is Right for Your Patients? DiabetesSource [On-line newsletter]. PDF available for download at http://www.paddocklabs.com.

(2003 Feb 20, Modified). National Coverage Determinations (NCDs) Glycated Hemoglobin/Glycated Protein. CMS [On-line information]. Available online through http://www.cms.hhs.gov.

Fructosamine. ARUP Guide to Clinical Testing [On-line information]. Available online through http://www.aruplab.com.

(2003). Home Blood Sugar Monitoring, Home Fructosamine Tests and Hemoglobin A1c Testing. Joslin Diabetes Center [On-line information]. Available online through http://www.joslin.harvard.edu.

Glycosylated Serum Proteins. FDA, Glucose Meters & Diabetes Management [On-line information]. Available online through http://www.fda.gov.

Armbruster, D. (1987). Fructosamine: structure, analysis, and clinical usefulness. Clinical Chemistry Vol 33, 2153-2163 [Abstract]. Available online through http://www.clinchem.org.

(2000). Newly Diagnosed. Children's Diabetes Foundation of the North Bay [On-line information]. Available online through http://www.cdfnb.org.

Diabetes Facts. Central Ohio Diabetes Association [On-line information]. Available online through http://diabetesohio.org.

Juretic, D. et.al. (2002). 16. Pre-Analytical, Analytical And Post-Analytical Factors Influencing Specific Tests For Diagnosis And Monitoring Of Dm-National network in quality assessment. eJIFCC vol 13 no5 [On-line journal]. Available online through http://www.ifcc.org/ejifcc.

Lusky, K. (2010 January). Fructosamine Testing. CAP Today [On-line information]. Available online through http://www.cap.org. Accessed July 2011.

Grenache, D. et. al. (Updated 2011 April). Diabetes Mellitus. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/DiabetesMellitus.html?client_ID=LTD#tabs=0. Accessed July 2011.

(© 1995–2011). Unit Code 81610: Fructosamine, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/81610. Accessed July 2011.

Khardori, R. (Updated 2011 June 30). Type 1 Diabetes Mellitus. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/117739-overview. Accessed August 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 508-510.

William E. Winter, MD, FACB. Lab Tests Online adjunct board member.

Kotus, J. and Mayrin, J. (Updated 2014 January 13). Fructosamine. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2089070-overview. Accessed February 2015.

Chiang, J. et. al. (2014). Type 1 Diabetes Through the Life Span: A Position Statement of the American Diabetes Association. Medscape Multispecialty from Diabetes Care. v 37 (7):2034-2054. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/827766. Accessed February 2015.

Melville, N. (2014 January 17). Add Glycated Proteins to HbA1c for Diabetes Risk Prediction? Medscape Multispecialty [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/819364. Accessed February 2015.

(© 1995–2015). Fructosamine, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories. [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/81610. Accessed February 2015.

Cohen, R. and Sacks, D. (2012 October 31). Comparing Multiple Measures of Glycemia: How to Transition from Biomarker to Diagnostic Test? Clinical Chemistry v 58 (12) 1615–1617 [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/content/58/12/1615.full.pdf+html?sid=1318d1cd-e30b-40d4-953a-f7b014048097. Accessed February 2015.

Juraschek, S. et. al. (2012 December). Associations of Alternative Markers of Glycemia with Hemoglobin A1c and Fasting Glucose. Clinical Chemistry v 58 (12) 1648–1655 [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/content/58/12/1648.full.pdf+html?sid=1318d1cd-e30b-40d4-953a-f7b014048097. Accessed February 2015.

Kishore, P. (Reviewed 2014 June). Diabetes Mellitus (DM). Merck Manual Professional Edition [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed February 2015.