LTOTests

IgE Totali

Articolo approvato dal Comitato editoriale di labtestsonline.org ed in corso di revisione da parte del Comitato editoriale italiano

In Sintesi

Perché?

Come sostegno nel processo diagnostico delle allergie; talvolta per valutare la presenza di infezioni parassitarie.

Quando?

In presenza di sintomi persistenti o ricorrenti alla pelle, ai polmoni o all’apparato digerente, che possano suggerire la presenza di allergie; nel caso in cui il clinico sospetti un’infezione parassitaria

Il campione

Un campione di sangue venoso viene prelevato dal braccio.

La preparazione

No, nessuna.

L'Esame

Le Immunoglobuline E (IgE) sono anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta a uno stimolo percepito come una minaccia. Corrispondono ad una delle cinque classi di immunoglobuline (G, A, M, D ed E) e sono normalmente presenti nel circolo ematico in concentrazioni molto basse. Questo esame misura la concentrazione di IgE nel sangue.

Le immunoglobuline sono proteine fondamentali per il corretto funzionamento del sistema immunitario dell'organismo. Sono prodotte da specifiche cellule immunitarie chiamate plasmacellule ed attaccano batteri, virus, altri microrganismi e sostanze riconosciute come ”estranee” e potenzialmente dannose dal sistema immunitario.

La produzione di IgE può comportare la manifestazione di reazioni allergiche come l’asma, ma è anche implicata nella risposta immunitaria contro i parassiti. Nei soggetti allergici l'organismo reagisce in modo esagerato ad una o più sostanze presenti nell’ambiente, chiamate allergeni, che negli altri individui possono non causare alcuna reazione. L’allergia può svilupparsi in seguito all'esposizione ad una sostanza come i pollini, le noccioline, le uova, le fragole, il veleno delle api e centinaia di altre.

Nel corso della prima esposizione, chiamata sensibilizzazione, il soggetto allergico produce le IgE specifiche dirette contro l’allergene. Le IgE prodotte legano dei globuli bianchi specializzati provocando, nel corso delle successive esposizioni, il rilascio di alcune sostanze, tra cui l’istamina. Nelle persone allergiche/asmatiche queste sostanze possono provocare costrizione dei bronchi polmonari o anche altre reazioni tra cui naso che cola, prurito agli occhi e alla pelle.

Tutte le volte che il soggetto allergico viene esposto agli allergeni per i quali si è sensibilizzato durante la prima esposizione, le IgE vengono prodotte rapidamente, aumentando fino a scatenare la reazione allergica. La gravità della reazione e i sintomi ad essa associati possono variare da un arrossamento localizzato e prurito alla pelle fino all’insufficienza respiratoria, il vomito, la diarrea e, in alcuni casi, lo shock anafilattico, pericoloso per la vita. La gravità della reazione varia da persona a persona, da episodio a episodio e può peggiorare nel tempo.

L’esame delle IgE totali misura la quantità di immunoglobuline E nel sangue, non la concentrazione di un tipo specifico di IgE. E’ utile per valutare la presenza di una reazione allergica, senza specificarne la tipologia. Per avere informazioni più complete, questo esame dovrebbe essere accompagnato da test allergologici in grado di rilevare le IgE dirette verso specifici antigeni.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

Il test delle immunoglobuline E (IgE) totali può essere usato per determinare la presenza o l’assenza di allergie. Misura la quantità totale di IgE nel sangue. Può essere richiesto da solo o insieme al test delle IgE specifiche, in modo dipendente dal fatto che il soggetto interessato o il clinico abbiano individuato le ipotetiche sostanze responsabili della reazione allergica. 

Le IgE possono aumentare nel sangue anche a seguito di un’infezione parassitaria, perciò le IgE totali vengono anche utilizzate per valutare la presenza o l’assenza di questo particolare tipo di infezioni.

Domande Frequenti

E’ possibile fare qualcosa per diminuire la concentrazione di IgE nel sangue?

Le IgE totali non sono influenzate dai cambiamenti nello stile di vita e il loro decremento non ha alcun effetto sul numero e sul tipo di allergie. La cosa migliore è evitare l'esposizione all'allergene responsabile.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(© 1995–2016). Immunoglobulin E (IgE), Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test- catalog/Clinical+and+Interpretive/8159. Accessed 4/06/16.

Durani, Y. (2014 September Reviewed). Immunoglobulin E. KidsHealth from Nemours. [On-line information]. Available online at http://kidshealth.org/en/parents/test-immunoglobulin-e.html. Accessed 4/06/16.

Morris, M. (2016 March 25 Updated). Asthma. Medscape Drugs and Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/296301-overview. Accessed 4/06/16.

Schwartz, R. and Tarlow, M. (2015 August 31 Updated). Dermatologic Manifestations of Job Syndrome. Medscape Drugs and Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1050852-overview. Accessed 4/06/16.

Delgado, J. et. al. (2016 April Updated). Immunoglobulin Disorders. ARUP Consult [On-line information]. Available online at https://arupconsult.com/content/immunoglobulin-disorders?tab=tab_item-0. Accessed 4/06/16.

(2015 July 1 Updated). Hyper-Immunoglobulin E Syndrome (HIES) or Job's Syndrome. National Institute of Allergy and Infectious Diseases [On-line information]. Available online at http://www.niaid.nih.gov/topics/jobssyndrome/Pages/default.aspx. Accessed 4/06/16.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online