Noto anche come
Test combinato
Translucenza nucale (NT) + free Beta-hCG + PAPP-A
Nome ufficiale
Screening del primo trimestre di gravidanza
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
20.06.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per valutare il rischio di un feto di essere portatore di anomalie cromosomiche, come ad esempio la trisomia 21 (Sindrome di Down) e la trisomia 18 (Sindrome di Edwards).

Quando Fare il Test?

Di solito tra l’undicesima e la quattordicesima settimana di gravidanza.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio o una goccia di sangue prelevata tramite la puntura di un dito. L’analisi della translucenza nucale prevede l’esecuzione di una speciale ecografia.

Il Test Richiede una Preparazione?

Può essere richiesto di avere la vescica piena al momento dell’esecuzione dell’ecografia.

L’Esame

Il test di screening del primo trimestre di gravidanza prevede l’esecuzione di due esami del sangue effettuati in combinazione con un test ecografico volti alla definizione del rischio per una donna in gravidanza di avere un feto affetto da sindrome di Down (trisomia 21) o sindrome di Edwards (trisomia 18). L’esecuzione e la valutazione combinata di questi test, insieme con l’indicazione dell’età della madre, permette la formulazione di un rischio in termini probabilistici piuttosto sensibile e specifico.

  • La Proteina-A plasmatica associata alla gravidanza (Pregnancy-associated plasma protein A; PAPP-A) è una proteina prodotta in primo luogo dal trofoblasto (massa cellulare esterna della blastocisti) e poi dalla placenta in crescita. Durante una gravidanza normale, i livelli di questa proteina aumentano per tutta la gravidanza fino al parto.

  • La gonadotropina corionica umana (human chorionic gonadotropin; hCG) è un ormone prodotto dal trofoblasto e quindi dalla placenta. Nel test di screening del primo trimestre possono essere misurate sia la subunità libera beta (free beta hCG) che l’hCG totale. In genere i livelli di questa proteina aumentano progressivamente nel circolo materno nelle prime 8-10 settimane di gravidanza per poi diminuire e stabilizzarsi ai livelli minimi per tutto il resto della gravidanza.

  • La translucenza nucale viene misurata tramite esame ecografico. L’ecografo misura la quantità di liquidi presenti tra la colonna vertebrale e la pelle alla nuca del collo del feto. È un procedimento che richiede un radiologo dalla preparazione specifica, un esatto posizionamento del feto, ed una misurazione accurata. Non é un’ecografia di routine e non é un procedimento disponibile in ogni ospedale o struttura sanitaria.

Se lo screening del primo trimestre fornisce risultati preoccupanti, allora può essere consigliata l’esecuzione di ulteriori test: test di screening (quadruplo test) o test diagnostici (amniocentesi o analisi dei villi coriali).

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Il campione di sangue viene prelevato dal braccio o tramite la puntura di un dito. La translucenza nucale viene misurata tramite un’ecografia esterna (transaddominale) o con l’inserimento della sonda all’interno della vagina (transvaginale).

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    Può essere richiesto di avere la vescica piena al momento dell’esecuzione dell’ecografia.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La combinazione dei test per la misura di PAPP-A, hCG e della translucenza nucale sono inclusi all’interno dei protocolli di screening nel primo trimestre di gravidanza, per valutare il rischio che il feto di avere un’anomalia cromosomica responsabile della sindrome di Down (trisomia 21)o della sindrome di Edward (trisomia 18).

    Lo screening del primo trimestre non è stato usato ampiamente come il triplo/quadruplo test che è consigliato nel secondo trimestre, ma ha iniziato ad essere accettato quando la comunità medica si è orientata verso l’esecuzione dello screening delle donne per la sindrome di Down, abbastanza precocemente nella gravidanza. Tuttavia lo screening del primo trimestre non può valutare i rischi del feto di sviluppare difetti del tubo neurale (come la spina bifida) così come è possibile fare con il quadruplo test.

    Esistono molti approcci allo screening, che dipendono dalla tecnologia disponibile e dal momento in cui la donna si presenta per la prima volta per le analisi prenatali. Per maggiori dettagli si rimanda alla sezione “Domande frequenti”.

  • Quando viene prescritto?

    Il test viene di solito richiesto tra l’undicesima e la quattordicesima settimana di gravidanza.

  • Cosa significa il risultato del test?

    I risultati dei test PAPP-A, hCG e della translucenza nucale vengono utilizzati in maniera combinata per calcolare matematicamente il rischio di avere un feto portatore di difetti cromosomici, espresso in termini probabilistici. Il valore del rischio ottenuto viene confrontato con un cut-off stabilito. Se il rischio è maggiore del cut-off (ad esempio la probabilità è uguale o maggiore di 1:250), allora lo screening viene considerato come positivo e la donna viene considerata a rischio di avere un feto con anomalie cromosomiche.

    Nelle gravidanze nelle quali il feto è portatore di difetti cromosomici, come la presenza di materiale genetico in eccesso come avviene nella sindrome di Down o di Edwards, i livelli di PAPP-A tendono a diminuire mentre i livelli di hCG sono notevolmente incrementati e lo spazio intranucale è maggiore del normale.

    L’interpretazione di questo risultato deve essere effettuata da un genetista o da un clinico il quale possa spiegarne il significato e illustrare i possibili protocolli diagnostici. È importante ricordare che questo tipo di test fornisce solo un risultato in termini probabilistici e non ha un significato diagnostico.

    Lo screening del primo trimestre permette di identificare correttamente circa l’85% delle donne con un feto affetto da sindrome di Down e più del 75% di quelle con un feto con sindrome di Edwards, ma fornisce anche un risultato falsamente positivo nel 5% dei casi.

    Nel caso in cui il test di screening sia positivo, la diagnosi deve essere confermata da ulteriori test che possono includere l’analisi dei villi coriali (villocentesi) nel primo trimestre o l’amniocentesi nel secondo trimestre. Nonostante queste procedure siano più accurate rispetto ai test di screening, sono maggiormente invasive e pertanto presentano piccoli rischi di aborto o danneggiamento del feto.

    I test di screening non riescono a rilevare tutti i casi di anomalie cromosomiche.

  • C’è altro da sapere?

    Il risultato del test dipende molto dalla tecnica utilizzata per la valutazione della translucenza nucale e dall’accurata determinazione dell’età gestazionale del feto. Se quest’ultima non è ben determinata, il risultato del test può essere falsamente alto o basso.

    In corso di gravidanze gemellari o plurigemellari il calcolo del rischio di avere feti affetti da sindrome di Down o di Edwards può essere più difficile a causa delle quantità maggiori di PAPP-A e free beta-hCG in circolo.

    Tuttavia, la misura della translucenza nucale può essere effettuata su ciascun feto in maniera indipendente. In presenza di gravidanze gemellari o plurigemellari la donna in gravidanza deve discutere le opzioni di screening con il proprio medico.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Cos’è la sindrome di Down?

    In Italia la prevalenza della sindrome di Down è di circa 1/1200 bambini nati vivi. Questa condizione è associata a ritardo mentale da lieve a moderato, difetti cardiaci congeniti, problemi respiratori e di udito, leucemia, disordini della tiroide. Nonostante tutto però molte delle complicanze legate a questa sindrome possono essere trattate, cosa che negli ultimi anni ha aumentato le aspettative di vita delle persone affette.

    Il rischio di avere un bambino con la sindrome di Down o altre anomalie cromosomiche aumenta con l’età della madre. Benché il rischio di avere un neonato colpito dalla sindrome sia significativamente maggiore nelle donne al di sopra dei 35 anni, la maggioranza dei neonati Down (circa l’80%) nasce da madri al di sotto dei 35 anni perché questo gruppo di età ha un maggior numero di bambini.

    Per questo motivo, le attuali linee guida raccomandano che il test di screening per la sindrome di Down sia consigliato a tutte le donne in gravidanza.

  • Cos’è la sindrome di Edwards?

    La sindrome di Edwards (trisomia 18) è dovuta alla presenza di tre copie del cromosoma 18. Come per la sindrome di Down, anche per la sindrome di Edwards il rischio aumenta con l’età della madre. La sindrome di Edwards è associata con anomalie multiple spesso fatali per le quali i bambini nati vivi raramente superano il primo anno di vita. La frequenza della sindrome di Edwards è più bassa rispetto alla sindrome di Down, con una prevalenza di 1 su 7900 bambini nati vivi. 

  • Esistono altri test non invasivi per questo tipo di patologie?

    È di recente approvazione anche in Italia l’utilizzo del test non invasivo per la ricerca del DNA libero fetale circolante (ccf-DNA). L’esecuzione di questo test richiede solo un prelievo di sangue materno e può essere utilizzato per lo screening di diverse anomalie cromosomiche, compresa la sindrome di Down, di Edwards e di Patau (trisomia 13). Può essere eseguito intorno alla decima settimana di gravidanza. Molte linee guida sono concordi nell’indicazione di proporre questo test alle sole donne considerate ad alto rischio di avere un feto affetto da anomalie cromosomiche. Tuttavia per la conferma della diagnosi è ancora necessaria l’esecuzione dei test invasivi (villocentesi o amniocentesi). Per maggiori dettagli si rimanda alla pagina “DNA fetale libero circolante”.

  • Le donne in gravidanza devono effettuare sia lo screening del primo trimestre che quello del secondo trimestre?

    Esistono diversi protocolli di screening che variano sulla base della tecnologia utilizzata e sul momento della gravidanza nel quale la donna si sottopone ai test di screening prenatale. Le opzioni includono:

    • Test di screening del primo trimestre seguito da misura dell’AFP nel sangue materno e/o esame ecografico nel secondo trimestre alla ricerca di difetti del tubo neurale

    • Test di screening del secondo trimestre per la valutazione del rischio di anomalie cromosomiche e difetti del tubo neurale; nel caso in cui la donna non si rechi dal clinico per l’esecuzione dei test di screening prima del secondo trimestre di gravidanza, questi test possono essere gli unici effettuati.
       

    In genere, qualora venga effettuato il test di screening del primo trimestre, quello del secondo trimestre per la valutazione della sindrome di Down o di Edwards non viene effettuato. Tuttavia, nel caso in cui il clinico ritenga necessario avvalersi di entrambi i test per la valutazione del rischio di avere un feto con anomalie cromosomiche, è possibile utilizzare uno dei seguenti approcci:

    • Screening integrato: vengono effettuati entrambi gli screening (del primo e del secondo trimestre) e il risultato viene fornito solo al termine

    • Screening sequenziale: viene eseguito il test di screening del primo trimestre. Nel caso in cui il test sia positivo per un aumentato rischio di avere un feto affetto da sindrome di Down o di Edwards, allora viene proposta l’esecuzione dei test invasivi. Nel caso in cui lo screening fornisca un risultato negativo, allora viene eseguito anche lo screening del secondo trimestre che, insieme al primo, viene utilizzato nella definizione di un rischio complessivo.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

ACOG. Screening for Birth Defects. Available online at http://www.acog.org/~/media/For%20Patients/faq165.pdf?dmc=1&ts=20130213T1410405774 through http://www.acog.org. Accessed February 2013. 

CDC. Birth Defects, Diagnosis. Available online at http://www.cdc.gov/ncbddd/birthdefects/diagnosis.html through http://www.cdc.gov. Accessed February 2013. 

MayoClinic.com. First trimester screening. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/first-trimester-screening/MY00126 through http://www.mayoclinic.com. Accessed February 2013. 

March of Dimes. Birth defects: Down syndrome. Available online at http://www.marchofdimes.com/baby/birthdefects_downsyndrome.html through http://www.marchofdimes.com. Accessed February 2013. 

Trisomy 18 Foundation: What is Trisomy 18? Available online at http://www.trisomy18.org/site/PageServer?pagename=whatisT18_whatis through http://www.trisomy18.org. Accessed February 2013. 

LabCorp. First Trimester Maternal Serum Screening. PDF available for download at http://www.ptow.com/x_upload/files/Maternal%20Serum%20Screening.pdf through http://www.ptow.com. Accessed February 2013. 

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 710-713.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Newberger, D. (2000 August 15). Down Syndrome: Prenatal Risk Assessment and Diagnosis. American Family Physician [On-line journal]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20000815/825.html through http://www.aafp.org. Accessed on 4/15/07.

Qin, Q., et. al. (2002). Point-of-Care Time-resolved Immunofluorometric Assay for Human Pregnancy-associated Plasma Protein A: Use in First-Trimester Screening for Down Syndrome. Clinical Chemistry 48:473-483 [On-line journal]. Available online at http://www.clinchem.org/cgi/content/full/48/3/473 through http://www.clinchem.org. Accessed on 4/15/07.

(2007 January). Maternal Blood Screening for Birth Defects. March of Dimes [On-line information]. Available online at http://www.marchofdimes.com/printableArticles/14332_1166.asp through http://www.marchofdimes.com. Accessed on 4/15/07.

Barclay, L. and Lie, D. (2007 January 4). New Guidelines Recommend Universal Prenatal Screening for Down Syndrome. Medscape Medical News [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/550256_print throughhttp://www.medscape.com. Accessed on 4/10/07

Cleary-Goldman, J. and Malone, F. (2005 September 26). Advances in Prenatal Diagnosis. Medscape from Appl Radiol2005;34(9): 8-18 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/513126_print throughhttp://www.medscape.com. Accessed on 4/10/07.

Cole, D.S. (© 2005). Advances in First-Trimester Prenatal Diagnosis: Combined, Integrated, or Amniocentesis? Medscape Conference Coverage: American College of Obstetricians and Gynecologists 53rd Annual Clinical Meeting [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewprogram/4078_pnt through http://www.medscape.com. Accessed on 4/10/07.

American College of Radiology and the Radiological Society of North America. Radiology Info, Obstetric ultrasound (online information, accessed June 2007). Available online at http://www.radiologyinfo.org/en/info.cfm?PG=obstetricus throughhttp://www.radiologyinfo.org.

Malone FD, et al. First Trimester or Second Trimester Screening or Both for Down Syndrome. New England Journal of Medicine. 2005;353: 2001-2011.

ACOG News Release (January 2, 2007). New Recommendations for Down Syndrome Call for Screening of All Pregnant Women. Available online at http://www.acog.org/from_home/publications/press_releases/nr01-02-07-1.cfm throughhttp://www.acog.org.

ACOG Practice Bulletin Clinical Management Guidelines for Obstetrician-Gynecologists. Number 77, January 2007. Screening for Fetal Chromosomal Abnormalities. Obstetrics & Gynecology 2007; 109: 217-227.

(© 2010). Screening for Birth Defects. ACOG [On-line information]. Available online at http://www.acog.org/publications/patient_education/bp165.cfm through http://www.acog.org. Accessed June 2010.

(2008 November). Maternal Blood Screening for Birth Defects. March of Dimes [On-line information]. Available online at http://www.marchofdimes.com/professionals/14332_1166.asp through http://www.marchofdimes.com. Accessed June 2010.

Mayo Clinic Staff. (2008 July 2). First trimester screening. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/first-trimester-screening/MY00126 through http://www.mayoclinic.com. Accessed June 2010.

Ekelund, C. et. al. (2008 December 08). Impact of a new National Screening Policy for Down's Syndrome in Denmark: Population Based Cohort Study. Medscape from BMJ. 2008;337(2547) [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/584622 through http://www.medscape.com. Accessed June 2010.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 757-759.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 252-259, 886-889.

(February 2006) American Pregnancy Association. First Trimester Screen. Available online at http://www.americanpregnancy.org/prenataltesting/firstscreen.html through http://www.americanpregnancy.org. Accessed September 2010.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC Pp 416-418.

 

(February 2006) American Pregnancy Association. First Trimester Screen. Available online at http://www.americanpregnancy.org/prenataltesting/firstscreen.html through http://www.americanpregnancy.org. Accessed September 2010.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC Pp 416-418.