Noto anche come
Glicemia
Glucosio nel sangue
Zucchero nel sangue
Glicemia a digiuno
FBG
Curva da carico di glucosio
OGTT
Glucosio nell'urina
Nome ufficiale
Glucosio nel sangue e nell'urina
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 13.10.2020.
In Sintesi
Perché Fare il Test?
  • Per lo screening e la diagnosi di diabete e prediabete
  • Per rilevare eventuali variazioni della concentrazione ematica di glucosio, sia in caso di aumentate concentrazioni (iperglicemia) che di basse concentrazioni (ipoglicemia)
  • Per monitorare le variazioni e l'andamento dei livelli di glucosio nel tempo, al fine di determinare l'efficacia del trattamento terapeutico nella gestione del diabete

Per maggiori informazioni su altri tipi di esami per il glucosio, consultare l'articolo Test di tolleranza al glucosio, Test glicemico per il diabete gestazione e Glicosuria (Analisi dell'urina).

Quando Fare il Test?
  • In presenza di fattori di rischio per il diabete o in soggetti di età superiore ai 45 anni, in accordo con l'American Diabetes Association
  • In presenza di sintomi riconducibili all'iperglicemia o all'ipoglicemia
  • Nei pazienti diabetici che necessitano di diversi controlli al giorno per monitorare i livelli di glucosio nel sangue (glicemia)
Che Tipo di Campione Viene Richiesto?
  • Screening e diagnosi: un campione di sangue venoso; è importante sottolineare che un campione di sangue capillare (prelevato tramite puntura del polpastrello) non è indicato per stabilire la diagnosi di diabete 
  • Monitoraggio: l'automonitoraggio della glicemia viene effettuato analizzando una goccia di sangue prelevata tramite una piccola puntura del polpastrello (glucometro). Alcuni pazienti diabetici possono utilizzare il dispositivo per il monitoraggio continuo del glucosio (CGM), il quale include un piccolo sensore composto da un elettrodo flessibile che viene inserito sotto la pelle del paziente per rilevare i livelli di glucosio nel sangue ad intervalli di tempo regolari
Il Test Richiede una Preparazione?
  • Screening e diagnosi: può essere richiesto al paziente di rimanere a digiuno (astenersi dall'assumere alimenti o bevande, eccetto acqua) la notte precedente al prelievo. Talvolta, quando il paziente non si è sottoposto a digiuno, è possibile effettuare le misurazioni in un momento qualsiasi della giornata (test glicemico estemporaneo). Ad esempio, l'esame del glucosio può essere eseguito come parte delle indagini di routine per rilevare lo stato di salute generale del paziente
  • Nei pazienti diabetici le concentrazioni di glucosio sono misurate sia a digiuno che dopo i pasti, per ottimizzare il monitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue. Per controlli glicemici estemporanei, ad orari fissi o post-prandiali, è opportuno seguire le istruzioni fornite dal clinico

 

L’Esame

Il glucosio è la principale fonte di energia delle cellule presenti nel nostro organismo e l'unica fonte di energia a breve termine per il cervello e il sistema nervoso. Per questo motivo, è necessario un apporto costante di glucosio pronto all'uso e mantenere un livello pressoché costante di glucosio nel sangue. L'esame del glucosio misura i livelli di glucosio nel sangue o rileva la presenza di glucosio nell'urina.

Esistono differenti metodi per valutare la concentrazione di glucosio nel sangue; quelli trattati in questo articolo includono:

  • Glicemia a digiuno (FBG); misura le concentrazioni di glucosio nel sangue dopo un digiuno di almeno 8 ore
  • Test glicemico estemporaneo; misura i livelli di glucosio nel sangue in un momento della giornata, in pazienti che non si sono sottoposti a digiuno (ovvero senza avere informazioni sull'ultimo pasto consumato)

Altri tipi di esami per il glucosio includono:

  • Test da carico del glucosio nelle 2 ore (OGTT); prevede un primo prelievo a digiuno seguito dalla somministrazione di una bevanda contenente 75 grammi di glucosio e un altro prelievo a due ore dall’assunzione
  • Curva glicemica in gravidanza; come supporto alla diagnosi di diabete gestazionale, una forma di intolleranza al glucosio che si manifesta in gravidanza
  • Glicosuria; rileva il glucosio nell'urina come parte dell'analisi dell'urina

Durante la digestione, i carboidrati assunti con il pasto vengono scomposti in glucosio ed altre sostanze nutritive e assorbiti dall'apparato digerente. Da qui, passano nel sangue e circolano in tutto l'organismo. Normalmente la glicemia aumenta leggermente dopo un pasto e, in risposta a questo fenomeno, il pancreas rilascia nel sangue l’insulina (ormone ipoglicemizzante). La quantità di insulina rilasciata è proporzionale alle dimensioni e al contenuto del pasto. L'insulina contribuisce all’ingresso del glucosio nelle cellule dell'organismo, dove viene convertito in energia. Quando il glucosio entra nelle cellule e viene scomposto (metabolizzato), i suoi livelli nel sangue si abbassano e il pancreas riduce il rilascio di insulina.

Se questo meccanismo di regolazione che coinvolge l'insulina e il glucosio nel sangue funziona correttamente, la glicemia rimane abbastanza stabile. Al contrario, se questa regolazione è alterata la glicemia aumenta e l'organismo cerca di ripristinare l'equilibrio aumentando la produzione di insulina.

Il diabete è la malattia più comune che deriva dallo squilibrio tra livelli di glucosio e livelli di insulina.

  • Il diabete di tipo 1 si manifesta quando l'organismo non è in grado di produrre insulina per abbassare la glicemia. Solitamente, nel diabete di tipo 1 le cellule che producono insulina (cellule beta del pancreas) sono distrutte dal sistema immunitario dell'organismo (fenomeno di autoimmunità)
  • Il diabete di tipo 2, invece, risulta dalla combinazione di insulino-resistenza (ridotta risposta delle cellule all’azione dell’insulina) e insufficiente produzione di insulina
  • Alcune gestanti possono sviluppare il diabete gestazionale, che consiste nella presenza di alti livelli di glucosio nel sangue in corso di gravidanza (per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Test glicemico per il diabete gestazionale)

Variazioni significative ed acute della concentrazione ematica di glucosio, sia in caso di aumentate concentrazioni (iperglicemia) che di basse concentrazioni (ipoglicemia), possono essere potenzialmente letali e causare danno d'organo, danno cerebrale, coma e, in alcuni casi, morte. Concentrazioni cronicamente elevate di glucosio in pazienti diabetici non trattati o scarsamente seguiti possono causare danno progressivo ad organi quali reni, occhi, cuore, vasi sanguigni e sistema nervoso. L'ipoglicemia cronica può determinare danneggiamento a livello di encefalo e nervi.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Screening e Diagnosi

    • Glucosio a digiuno (glicemia a digiuno, FBG); questo esame misura la concentrazione di glucosio nel sangue dopo un periodo di digiuno di 8 ore. Può essere utilizzato per lo screening e la diagnosi di prediabete e diabete in presenza di segni e sintomi associati. Talvolta, in assenza di sintomi precoci, è possibile utilizzare la FBG per evidenziare i soggetti esposti ad un aumentato rischio di sviluppare il diabete, al fine di iniziare il trattamento prima del peggioramento della condizione o dell'insorgenza di eventuali complicanze. Se il risultato iniziale dello screening è anomalo, occorre ripetere il test; se anche la ripetizione risulta anomala, è possibile confermare la diagnosi di diabete. A conferma di tale diagnosi, è possibile effettuare anche altri test, come l'emoglobina glicata (HbA1c)
    • Test glicemico estemporaneo; misura i livelli di glucosio nel sangue in un dato momento della giornata, in pazienti che non si sono sottoposti a digiuno, ad esempio quando viene effettuato il pannello metabolico completo o di base. Può essere utilizzato per rilevare la presenza di diabete. Solitamente, se il risultato è anomalo, viene eseguito il test glicemico a digiuno o l'OGTT per stabilire la diagnosi

    Monitoraggio

    Le persone che soffrono di diabete talvolta necessitano di diversi controlli al giorno per monitorare i livelli di glucosio nel sangue (glicemia) ed aggiustare le dosi di insulina. Questo viene di norma effettuato ponendo una goccia di sangue, ottenuta tramite una piccola puntura del polpastrello, su una striscia reattiva che viene poi inserita in un glucometro, una piccola macchina che fornisce una lettura digitale della misura della glicemia. Alternativamente, è possibile utilizzare il dispositivo per il monitoraggio continuo del glucosio (CGM).

  • Quando viene prescritto?

    Screening e Diagnosi

    L'American Diabetes Association (ADA) raccomanda lo screening per il diabete nei soggetti di età superiore ai 45 anni. Varie associazioni mediche, incluse l'ADA, raccomandano lo screening in presenza di fattori di rischio, indipendentemente dall'età. Alcuni esempi di fattori di rischio includono:

    • Essere in sovrappeso, obesità ed inattività fisica
    • Avere parenti di primo grado affetti da diabete
    • Aver partorito neonati con peso superiore ai 4 chili o avere una storia clinica di diabete gestazionale
    • Sindrome dell'ovaio policistico
    • Appartenenza ad etnie ad alto rischio, quali afro-americani, latini, nativi americani, asiatici, islandesi
    • Ipertensione o terapia farmacologica per l’ipertensione
    • Basse concentrazioni di colesterolo HDL (meno di 35 mg/dL o 0,90 mmol/L) e/o alte concentrazioni di trigliceridi
    • Prediabete identificato con test precedenti  
    • Storia clinica di patologie cardiovascolari (CVD)
       

    L'U.S. Preventive Services Task Force (USPSTF) raccomanda lo screening dei livelli anomali di glicemia come parte della stima del rischio di sviluppare una patologia cardiovascolare (CVD) in adulti di età compresa tra i 40 e i 70 anni obesi o in sovrappeso.

    Se il risultato del test di screening rientra nel limite di normalità, l’ADA e l’USPSTF raccomandano di ripetere il test ogni 3 anni. I pazienti con prediabete dovrebbero essere monitorati con un test annuale.

    Il test del glucosio può essere prescritto anche in presenza di segni e sintomi riconducibili a variazioni della concentrazione ematica di glucosio.

    Iperglicemia (aumentata concentrazione di glucosio nel sangue):

    • Aumentata sensazione di sete, di solito con minzione frequente
    • Affaticamento
    • Visione offuscata
    • Difficoltà di guarigione da ferite ed infezioni

    Ipoglicemia (diminuita concentrazione di glucosio nel sangue): 

    • Sudorazione
    • Inedia
    • Tremore
    • Ansia
    • Confusione
    • Visione offuscata

    Monitoraggio

    Ai pazienti che soffrono di diabete può essere richiesto di eseguire l'automonitoraggio dei livelli di glucosio nel sangue più volte al giorno. Insieme alla valutazione della glicemia ad intervalli di tempo regolari, è possibile richiedere il test dell'emoglobina glicata (HbA1c) per monitorare le concentrazioni di glucosio nel tempo.

  • Che cosa significa il risultato del test?

    Screening e Diagnosi

    Solitamente, alti livelli di glucosio sono indice di diabete; tuttavia, numerose altre patologie e condizioni possono causare un aumento della glicemia.

    In soggetti con segni e sintomi di diabete o iperglicemia, un valore del glucosio in un campione di sangue estemporaneo (non a digiuno) uguale o maggiore di 200 mg/dL (11,1 mmol/L) indica presenza di diabete.

    La seguente tabella riassume il significato dei risultati del test glicemico a digiuno.

    Glucosio nel sangue a digiuno

     Glicemia a digiuno

    Indicazione

    Da 70 a 99 mg/dL (3,9 - 5,5 mmol/L)

    Normale tolleranza al glucosio

    Da 100 a 125 mg/dL (5,6 - 6,9 mmol/L)

    Prediabete (glicemia compromessa)

    126 mg/dL (7,0 mmol/L) e oltre in più occasioni

    Diabete

    Alcuni esempi di altre patologie e condizione cliniche in cui possono essere presenti livelli elevati di glucosio includono:

    Livelli ridotti di glucosio indicano ipoglicemia, caratterizzata dalla manifestazione di sintomi associati al sistema nervoso (sudorazione, palpitazioni, inedia, tremori ed ansia) con conseguente danno cerebrale (che causa confusione, allucinazioni, visione offuscata e, talvolta, coma e morte). La diagnosi di ipoglicemia richiede che vengano soddisfatti tre criteri, noti come "Triade di Whipple". 

    Bassi livelli di glucosio (ipoglicemia) possono essere osservati anche in seguito a:

    Monitoraggio

    I valori ottimali della glicemia nei pazienti diabetici sono soggettivi e vengono definiti dal medico curante; essi dipendono da diversi fattori che caratterizzano il paziente, quali:

    • Durata del diabete
    • Età e aspettativa di vita
    • Presenza di altre patologie, incluse le malattie cardiache
    • Presenza di ipoglicemia non avvertita (non percepisce sintomi specifici)
  • C’è qualcos’altro da sapere?

    Lo zucchero da tavola (saccarosio) è una combinazione di due zuccheri semplici, glucosio e fruttosio, che vengono entrambi liberati quando lo zucchero da tavola viene digerito. Poiché il glucosio è la prima fonte di energia dell'organismo, la misura del glucosio nel sangue è spesso informalmente definita come misura dello "zucchero nel sangue".

Accordion Title
Domande Frequenti
  • É possibile utilizzare un campione di sangue capillare per stabilire la diagnosi di diabete?

    No, campioni di sangue capillare (prelevato tramite puntura del polpastrello) non sono appropriati per stabilire la diagnosi di diabete. Al contrario, gli esami diagnostici dovrebbero essere eseguiti su campioni di sangue venoso. Tuttavia, la raccolta del campione tramite puntura del dito è utile per il monitoraggio dei livelli di glucosio nei pazienti diabetici.

  • É possibile eseguire il test del glucosio in pazienti che non si sono sottoposti a digiuno?

    Nelle seguenti condizioni è possibile sottoporsi al test per il glucosio in assenza di digiuno: 

    • Un campione di sangue raccolto dopo un digiuno di 8 ore è preferibile quando si utilizza il test del glucosio per lo screening e la diagnosi di diabete. Tuttavia, talvolta, la concentrazione di glucosio può essere misurata in un campione di sangue prelevato in soggetti di cui non è noto l'ultimo pasto consumato, quando, ad esempio, viene effettuato un pannello metabolico di routine (pannello metabolico completo o di base). In tal caso, se il risultato è superiore al valore ottimale, possono essere necessari ulteriori test, come il test del glucosio a digiuno  
    • I pazienti diabetici possono effettuare l'automonitoraggio della glicemia dopo i pasti, come parte del monitoraggio dell'andamento dei livelli di glucosio nel tempo
  • I pazienti con diagnosi recente di diabete di tipo 2 devono monitorare i livelli di glucosio giornalmente?

    Non tutti i pazienti con diabete di tipo 2 necessitano del monitoraggio giornaliero dei livelli di glucosio, soprattutto se in grado di gestire la patologia e la glicemia tramite dieta ed esercizio fisico; tale possibilità deve essere discussa con il curante.

    Tuttavia, alcuni pazienti con diabete di tipo 2 necessitano di diversi controlli al giorno per monitorare i livelli di glucosio nel sangue (glicemia). Questo viene di norma effettuato ponendo una goccia di sangue, ottenuta tramite una piccola puntura del polpastrello, su una striscia reattiva che viene poi inserita in un glucometro, una piccola macchina che fornisce una lettura digitale della misura della glicemia. Alternativamente, è possibile utilizzare il dispositivo per il monitoraggio continuo del glucosio (CGM).

    I valori ottimali della glicemia variano durante la giornata e sono definiti dal medico curante. La misura del glucosio ad intervalli di tempo regolari fornisce indicazioni circa l'efficacia della dieta e della terapia farmacologica in atto. 

  • Si possono misurare in autonomia a domicilio i livelli di glucosio nel sangue?

    I soggetti non diabetici o prediabetici non necessitano di effettuare l'automonitoraggio; è sufficiente sottoporsi ai controlli clinici di routine.

    Tuttavia, nei pazienti con diagnosi di diabete, il medico o il diabetologo possono consigliare uno strumento per l'automonitoraggio a domicilio del glucosio (tramite glucometro o dispositivi per il monitoraggio continuo del glucosio). La misura del glucosio ad intervalli di tempo regolari fornisce indicazioni circa l'efficacia della dieta e della terapia farmacologica in atto. 

  • Si può testare il livello di glucosio nell'urina anziché nel sangue?

    Il glucosio è una delle sostanze ricercate quando si esegue un'analisi dell'urina; il suo riscontro in un campione urinario deve essere seguito dall'esecuzione di ulteriori test per identificarne la causa.

    Il riscontro del glucosio nell'urina è indice della presenza di livelli sufficientemente alti nel sangue, il cui eccesso viene riversato nell'urina, oppure di danno renale, con conseguente eliminazione del glucosio nell'urina. 

  • Quali sono i trattamenti più utilizzati per il diabete?

    Per il diabete di tipo 2, che è la forma più comune di diabete, perdere l'eccesso di peso, seguire una dieta sana ricca di fibre e povera di carboidrati ed eseguire una regolare attività fisica, può essere sufficiente per abbassare i livelli di glucosio nel sangue. Tuttavia, in molti casi, è necessario assumere farmaci che aumentano la secrezione e la sensibilità dell'insulina per raggiungere livelli ottimali di glucosio. Pazienti con diabete di tipo I (o con diabete di tipo II non efficacemente responsivo alla terapia farmacologica) necessitano di iniezioni di insulina più volte al giorno. Per maggiori informazioni sul trattamento, consultare l'articolo relativo al Diabete.

  • In che modo può essere d’aiuto un diabetologo?

    Il diabetologo deve informare il paziente diabetico in merito a:

    • Come agire in caso di livelli alti o bassi di glucosio
    • Misurare e registrare i valori del glucosio
    • Adattare le dosi dei farmaci
    • Somministrare l'insulina (quale tipo e in quale quantità)
    • Assumere di farmaci in caso di malattia
    • Controllare la pelle, gli occhi ed i piedi per rilevare precocemente eventuali complicanze correlate al diabete
    • Comprare e conservare correttamente i prodotti necessari per la gestione del diabete
    • Pianificare i pasti; la dieta è estremamente importante per minimizzare le variazioni dei livelli di glucosio nel sangue
  • Come viene diagnosticata l'ipoglicemia?

    Tipicamente, la diagnosi di ipoglicemia richiede che vengano soddisfatti i criteri della triade di Whipple. Questi includono:

    • Ridotte concentrazioni di glucosio (meno di 40 mg/dL (2,2 mmol/L), spesso misurate insieme all'insulina e, talvolta, al C-peptide
    • Sintomi di ipoglicemia in presenza di concentrazioni ridotte di glucosio
    • Regressione dei sintomi alla normalizzazione della glicemia

    L'ipoglicemia primaria è rara e spesso viene diagnosticata durante l'infanzia. Talvolta, i pazienti che manifestano sintomi di ipoglicemia non presentano una bassa concentrazione di glucosio nel sangue. In questi casi, un cambiamento nella dieta, come ad esempio assumere pasti ridotti ma frequenti durante la giornata, nonché preferire i carboidrati complessi agli zuccheri semplici, può essere sufficiente per eliminare i sintomi.

  • Oltre al glucosio, quali altri esami possono essere effettuati?

    L'emoglobina glicata (HbA1c) può essere utilizzata per la valutazione retrospettiva del controllo glicemico nei pazienti con prediate e diabete, oltre che come esame di screening. 
    Altri test meno comunemente utilizzati, come gli autoanticorpi del diabete, l’insulina e il C- peptide, possono essere talvolta eseguiti insieme ai test del glucosio come supporto nel determinare la causa di concentrazioni anomale di glucosio, per distinguere tra diabete di tipo I e di tipo II e per valutare la bontà della produzione di insulina.

  • É possibile misurare il glucosio in liquidi biologici diversi dal sangue e dall'urina?

    Sì, tuttavia l'utilizzo dell'esame ed il significato dei risultati differisce tra i vari liquidi biologici. Per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Analisi dei liquidi biologici

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(2014 January). Standards of Medical Care in Diabetes 2014. Diabetes Care Volume 37, Supplement 1 [On-line information]. Available online at http://care.diabetesjournals.org/content/37/Supplement_1/S14.full.pdf+html through http://care.diabetesjournals.org. Accessed September 2014.

Dugdale, D. (Updated 2012 June 2). Glucose test – blood. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003482.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2014.

(© 1995–2014). Glucose, Random, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/89115 through http://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed October 2014.

Carta M, Mosca A, Lapolla A, Testa R per il Gruppo di Studio SIBioC-SIPMeL Diabete mellito. Raccomandazioni 2015 per l’esecuzione dell’esame da carico orale di glucosio. Biochimica clinica 2015;39:135-40.

Patolia, S. (Updated 2013 May 20). Glucose. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2087913-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2014.

Rennert, N. (Updated 2012 December 11). Home blood sugar testing. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/patientinstructions/000324.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2014.

Kishore, P. (Reviewed 2014 June). Diabetes Mellitus (DM). The Merck Manual Professional Edition [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed October 2014.

(October 2014) U.S. Preventive Services Task Force Draft Recommendation Statement. Abnormal Glucose and Type 2 Diabetes Mellitus in Adults: Screening. Available online at http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/RecommendationStatementDraft/screening-for-abnormal-glucose-and-type-2-diabetes-mellitus through http://www.uspreventiveservicestaskforce.org. Accessed November 2014.

Bonetti G, Carta M, Lapolla A, Miccoli R, Testa R, Mosca A in qualità di delegati SIBioC, Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio (SIPMeL) e Società Italiana di Diabetologia (SID) e per il Gruppo di Studio SIBioC-SIPMeL Diabete Mellito. Raccomandazioni per l’ottimizzazione della fase pre-analitica per una corretta determinazione della glicemia in ambito diabetologico. Biochimica clinica 2018;42:263-5.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Juvenile Diabetes Research Foundation. Continuous Glucose Monitors (Online information) Available online through http://www.jdrf.org. Accessed March 2008.

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. National Diabetes Information Clearinghouse, Diagnosis of Diabetes (Online information). PDF available for download at http://diabetes.niddk.nih.gov. Accessed March 2008.

Recommendations of the Expert Committee on the Diagnosis and Classification of Diabetes Mellitus. Diabetes Care, Vol 20(7), Pp 1183-97 (1997).

David E. Goldstein, Hsiao-Mei Wiedmeyer, Randie R. Little, Victor Vargas, Satish S Nair, John Reid. Relationship Between Glycohemoglobin (GHB) and Mean Blood Glucose (MBG) in the Diabetes Control and Complications Tiral (DCCT). Diabetes 46 (Sup 1), 8A (1997).

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby’s Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Snow, K. (2001 June 6, Updated). Hypoglycemia. EMedicine.com [On-line Journal]. Available online through http://www.emedicine.com.

Feit, S. (2001 August 30). Drug-induced hypoglycemia. MedlinePlus Health Information [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000310.htm.

Bernal-Mizrachi, C., Updated (2001 June 6, Updated). Glucose Test. MedlinePlus Health Information [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003482.htm.

Spengler, R. (2001 September 18, Updated). Blood Glucose. WebMD Health [On-line information]. Available online through http://my.webmd.com.

MERCK. Hypoglycemia. The Merck Manual of Medical Information – Home Edition [On-line information]. Available online through http://www.merck.com.

National Diabetes Information Clearinghouse, NIDDK and NIH. Diagnosis of Diabetes. Available online through http://diabetes.niddk.nih.gov.

Agha, I., Updated (2004 January 26, Updated). Glucose-urine. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003581.htm.

(2002 May 01, Updated). Other Diabetes Management Tests, Urine Glucose. Diabetes Information, U.S Food and Drug Administration [On-line information]. Available online through http://www.fda.gov.

(1995-2004). Diabetes Mellitus. The Merck Manual of Medical Information-Second Home Edition [On-line information]. Available online through http://www.merck.com.

ADA Clinical Practice Recommendations. Diabetes Care 28:S37-S42, 2005. Available online at http://care.diabetesjournals.org.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER and Bruns DE, eds. 4th ed. St. Louis, Missouri: Elsevier Saunders; 2006, Pp 860-862.

(Revised 2011 February). Know your Blood Sugar Numbers. National Diabetes Education Program [On-line information]. PDF available for download at http://ndep.nih.gov/media/knownumbers_eng.pdf. Accessed May 2011.

Olatunbosun, S. (Updated 2011 April 19). Glucose Intolerance. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/119020-overview. Accessed May 2011.

Dugdale, D. (Updated 2010 May 23). Glucose test – blood. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003482.htm. Accessed May 2011.

Eckman, A. (Updated 2010 April 19). Blood glucose monitoring. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003438.htm. Accessed May 2011.

Eckman, A. (Updated 2010 April 11). Managing your blood sugar. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/patientinstructions/000086.htm. Accessed May 2011.

Khardori, R. (Updated 2011 May 19). Type 2 Diabetes Mellitus. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/117853-overview. Accessed May 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 497–499.

(Octobert 2008) National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Glucose Monitoring. Available online at http://diabetes.niddk.nih.gov/dm/pubs/glucosemonitor/index.htm. Accessed September 2011. 

American Diabetes Association. Standards of Medical Care in Diabetes—2011. Diabetes Care January 2011 34:S11-S61. Available online at http://care.diabetesjournals.org/content/34/Supplement_1/S11.full. Accessed September 2011.

Metzger BE, et al. International association of diabetes and pregnancy study groups recommendations on the diagnosis and classification of hyperglycemia in pregnancy. Diabetes Care 2010; 33: 676-82.

(2014 September 22). Diagnosing Diabetes and Learning About Prediabetes. American Diabetes Association [On-line information]. Available online at http://www.diabetes.org/diabetes-basics/diagnosis/?loc=db-slabnav. Accessed October 2014.

(2014 January). Standards of Medical Care in Diabetes 2014. Diabetes Care Volume 37, Supplement 1 [On-line information]. Available online at http://care.diabetesjournals.org/content/37/Supplement_1/S14.full.pdf+html. Accessed September 2014.

Dugdale, D. (Updated 2012 June 2). Glucose test – blood. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003482.htm. Accessed October 2014.

(© 1995–2014). Glucose, Random, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/89115. Accessed October 2014.

Lin, J. and Yap, S. (Updated 2014 March 18). Glucose Tolerance Testing. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2049402-overview. Accessed October 2014.

Patolia, S. (Updated 2013 May 20). Glucose. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2087913-overview. Accessed October 2014.

Rennert, N. (Updated 2012 December 11). Home blood sugar testing. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/patientinstructions/000324.htm. Accessed October 2014.

Kishore, P. (Reviewed 2014 June). Diabetes Mellitus (DM). The Merck Manual Professional Edition [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed October 2014.

Screening for Gestational Diabetes Mellitus: U.S. Preventive Services Task Force Recommendation Statement. Annals of Internal Medicine,18 March 2014, Vol 160, No. 6. Available online at http://annals.org/article.aspx?articleid=1813285&resultClick=24#SummaryofRecommendationsandEvidence. Accessed November 2014.

(October 2014) U.S. Preventive Services Task Force Draft Recommendation Statement. Abnormal Glucose and Type 2 Diabetes Mellitus in Adults: Screening. Available online at http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/RecommendationStatementDraft/screening-for-abnormal-glucose-and-type-2-diabetes-mellitus. Accessed November 2014.