Noto anche come
Analisi delle mutazioni di Epidermal Growth Factor Receptor
HER-1
erbB-1
Nome ufficiale
Epidermal Growth Factor Receptor (Recettore del fattore di crescita dell’epidermide)
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 03.08.2020.

Se si stava cercando eGFR, acronimo di Estimated Glomerular Filtration Rate, selezionare eGFR

In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare la presenza di mutazioni nel gene che codifica per l'EGFR nel tessuto tumorale, come guida al trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule. Le informazioni relative alla presenza di mutazioni in questo gene possono, infatti, fornire indicazioni circa l'utilità di somministrare i farmaci inibitori di tirosina-chinasi come il gefitinib o l'erlotinib.

Quando Fare il Test?

In persone alle quali sia stato diagnosticato un carcinoma polmonare non a piccole cellule; o in pazienti che sono stati sottoposti a trattamento con inibitori delle tirosina-chinasi senza successo.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di cellule tumorali, ottenute tramite biopsia o in seguito a rimozione chirurgica del tessuto canceroso; nel caso in cui il numero di cellule ottenute sia insufficiente, è possibile utilizzare un campione di sangue venoso (biopsia liquida).

Il Test Richiede una Preparazione?

Nella maggior parte dei casi la preparazione è minima, ma dipende da come vengono ottenute le cellule tumorali. E' importante seguire tutte le istruzioni fornite dal personale sanitario.

L'Esame

L’acronimo EGFR si riferisce al gene codificante per il recettore dell'Epidermal growth factor.

Questo test rileva le mutazioni a carico del gene EGFR nel DNA delle cellule prelevate dal tessuto tumorale. In alcune situazioni, può essere utilizzato il DNA rilasciato dalle cellule tumorali nel sangue, ottenute da un campione di sangue periferico (biopsia liquida).

Il gene EGFR codifica per una speciale proteina chiamata recettore, localizzata sulla superficie delle cellule. I recettori riconoscono e legano delle molecole trasmettendo all'interno delle cellule specifiche istruzioni.
Il recettore EGFR è parte di un gruppo di proteine chiamate recettori tirosin-chinasici, il cui ruolo consiste nel regolare la crescita, la divisione, la sopravvivenza e la morte cellulare. Questa regolazione è un processo complesso che coinvolge l’attivazione di una serie di segnali attraverso varie vie. I recettori tirosin-chinasici, come EGFR, trasmettono segnali dalla superficie all’interno della cellula.

Nelle cellule non tumorali, il legame dell’Epidermal growth factor al suo recettore sulla superficie della cellula promuove la proliferazione cellulare. Nelle cellule tumorali, alcune mutazioni a carico del gene EGFR, chiamate “mutazioni attivanti”, comportano la trasmissione di un segnale di crescita eccessivo, che si traduce in un’incontrollata proliferazione di tali cellule.

Pertanto, l’impiego di farmaci in grado di agire specificamente a livello dell’EGFR rappresenta un approccio molecolare efficace per la terapia dei tumori che presentano mutazioni attivanti del gene EGFR. Esempi di farmaci per la terapia mirata per l’EGFR sono il gefitinib e l’erlotinib, piccole molecole chiamate inibitori tirosin-chinasici (TKIs) che entrano nelle cellule tumorali impedendo la trasmissione del segnale dal recettore EGFR all'interno della cellula.

E’ stata dimostrata l'utilità di questi farmaci nel trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC), caratterizzato dalla presenza di specifiche mutazioni. Se è presente una mutazione attivante è più probabile che il farmaco diretto contro EGFR sia efficace e che il paziente tragga beneficio dalla terapia. 

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test per la ricerca di mutazioni a carico del gene EGFR è uno strumento utile nel determinare le scelte terapeutiche per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC). La presenza di specifiche mutazioni consente, infatti, di predire l'efficacia della terapia mirata con inibitori tirosin-chinasici (TKIs), come il gefitinib e l'erlotinib. Le mutazioni attivanti del gene EGFR comportano la crescita incontrollata delle cellule tumorali. Gli inibitori tirosin-chinasici inibiscono la crescita delle cellule tumorali portatrici di tali mutazioni.

    Il test per la ricerca delle mutazioni del gene EGFR può essere prescritto da solo o come parte di una serie di esami in grado di rilevare altre mutazioni, come quelle a carico dei geni KRASALK o ROS1. Ciascuno di questi test può essere usato per valutare la possibilità che il carcinoma polmonare del paziente risponda ad una terapia mirata e quale tipo di farmaco possa apportare i maggiori benefici.

    Il test può essere, inoltre, richiesto anche in pazienti già in trattamento per rilevare se le cellule tumorali abbiano acquisito nuove mutazioni in grado di conferire resistenza ai farmaci impiegati nel trattamento in questione. Una di queste è la mutazione T790M, la quale, se rilevata, consente di trattare il tumore con nuovi farmaci mirati per questa specifica mutazione.

  • Quando viene prescritto?

    Il test per la ricerca delle mutazione a carico del gene EGFR è prescritto in pazienti ai quali sia stato diagnosticato il carcinoma polmonare non a piccole cellule, in modo particolare l’adenocarcinoma.

    Inoltre, può essere richiesto in pazienti già in trattamento con gli inibitori tirosin-chinasici, ma non rispondenti alla terapia. 

    Il medico curante può prescrivere ulteriori test per verificare lo stato mutazionale del gene EGFR su nuovi campioni di tessuto tumorale (che possono consistere in tessuto tumorale o, a volte, in un campione di sangue) per verificare la presenza di specifiche mutazioni che giustifichino la non responsività del paziente al trattamento in corso.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Se il test rileva la presenza di una mutazione attivante l’EGFR nel tessuto tumorale, allora è probabile che l’individuo affetto risponda alla terapia mirata per l’EGFR con farmaci inibitori delle tirosin-chinasi. Se il tumore è negativo per le mutazioni a carico di EGFR, allora è improbabile che il paziente risponda a tale terapia. Talvolta, possono essere rilevate specifiche mutazioni a carico del gene EGFR che indicano la non responsività del tumore alla terapia. I risultati del test devono essere valutati attentamente dall'oncologo, al fine di interpretare il significato clinico della specifica mutazione identificata.

  • C’è altro da sapere?

    Il test per la ricerca delle mutazioni del gene EGFR è, in genere, ottimizzato per la ricerca delle mutazioni che sappiamo essere associate all'efficacia della terapia; tuttavia, nel DNA delle cellule tumorali potrebbero essere presenti mutazioni uniche o rare non evidenziabili con il test.

    Un risultato negativo, definito come "nessuna mutazione rilevata", potrebbe essere dovuto alla scarsità delle cellule tumorali presenti nel campione. Questo è particolarmente vero nel caso della "biopsia liquida", ossia nel caso in cui per il test vengano utilizzate cellule tumorali isolate a partire dal sangue periferico del paziente. Per questo motivo, il test viene preferenzialmente eseguito su cellule tumorali ottenute tramite biopsia. Tuttavia, in situazioni di impossibilità di effettuare una biopsia tissutale, o nel caso in cui questa non fornisca cellule tumorali sufficienti per il test molecolare, è possibile eseguire una biopsia liquida come metodo alternativo.

    Le mutazioni attivanti note comportano piccole alterazioni della proteina EGFR. Le metodiche utilizzate per il test sono di solito la PCR real-time o l'NGS (next-generation sequencing).

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Quali altri esami possono essere eseguiti?

    I test per la ricerca delle mutazioni nei geni ALK e ROS1 sono raccomandati nel caso in cui la forma tumorale possa rispondere ad alcune terapie mirate per specifiche mutazioni a carico di questi geni. Nel caso in cui il tessuto tumorale ottenuto sia sufficiente, è possibile utilizzare il campione per eseguire ulteriori test genetici, come quello per la ricerca delle mutazioni a carico del gene KRAS.

  • Quanto tempo è necessario per eseguire il test?

    Questo esame non viene eseguito in tutti i laboratori. Il tempo necessario per l’indagine dipende dal laboratorio che esegue il test, dalla metodologia analitica utilizzata e dalla necessità o meno di spedire il campione.

  • E' possibile eseguire il test su un campione di sangue?

    Sì, ma per confermare la diagnosi di tumore è necessario eseguire una biopsia tissutale tradizionale. Inoltre, è possibile eseguire analisi sul DNA rilasciato dalle cellule tumorali nel sangue (ctDNA), per individuare mutazioni a carico del gene EGFR nel tumore in grado di prevedere la potenziale reattività o resistenza a terapie mirate.

    • I test basati sull’analisi del ctDNA possono essere utilizzati per individuare le mutazioni sensibilizzanti (che rendono cioè il tumore responsivo alle terapie mirate). Tuttavia, è noto che il test del ctDNA possa incorrere in risultati falsamente negativi (la mutazione è presente ma non viene rilevata dal test). Per questo motivo, la FDA (Food and Drug Administration) raccomanda di eseguire una biopsia tissutale se la biopsia liquida risulta negativa (cioè non rileva alcuna mutazione sensibilizzante).
    • Inoltre, la biopsia liquida può essere utilizzata per rilevare la mutazione EGFR T790M, che causa resistenza ad una terapia mirata. Tuttavia, i dati su questo impiego della biopsia liquida sono attualmente limitati; pertanto, viene utilizzata solo nell'impossibilità di eseguire una biopsia tissutale.
  • Qual è la differenza tra EGFR (HER-1) e HER-2?

    I recettori EGFR e HER-2 fanno entrambi parte della stessa famiglia di recettori di membrana. L'aumento sia di EGFR che di HER-2 nelle cellule tumorali è correlato a tumori più aggressivi e caratterizzati da una prognosi peggiore. La differenza maggiore consiste nel fatto che i test per la ricerca delle mutazioni nei geni EGFR e HER2 consentono di valutare differenti tipi di cancro e di farmaci. Le mutazioni del gene HER-2 vengono ricercate in caso di tumore alla mammella o adenoma gastroesofageo (un tumore che interessa lo stomaco e l'esofago). 

  • Esistono altri test per la valutazione di EGFR nelle cellule tumorali?

    Sì, sono disponibili esami che ricercano altre alterazioni del gene EGFR, come l'amplificazione (ossia l'aumento) del numero di copie del gene presenti. Un altro tipo di test valuta la quantità di proteina EGFR presente nelle cellule tumorali. Questi test, però, non forniscono informazioni circa la possibile efficacia della terapia mirata con gli inibitori tirosin-chinasici. Tuttavia, possono fornire informazioni utili per altri tipi di tumore: ad esempio, la presenza dell'amplificazione di EGFR ha significato prognostico nei tumori testa-collo.

  • Oltre al carcinoma polmonare, quali altri tipi di cancro presentano un aumento della proteina EGFR?

    Esistono altri tumori caratterizzati dall'aumento della proteina EGFR, come il cancro al colon, il glioblastoma, i tumori testa-collo, il cancro alla mammella ed al pancreas. Gli agenti bloccanti dell’EGFR vengono utilizzati spesso nella terapia del tumore al colon metastatico ed in alcuni tumori testa-collo. L'utilità degli inibitori dell'EGFR e la loro correlazione con le mutazioni del gene EGFR in altri tipi di tumori non è stata completamente stabilita ed è tuttora in fase di studio. 

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2018 review performed by Gregary T. Bocsi, DO.

Lindeman NI, Cagle PT, Beasley MB, Chitale DA, Dacic S, Giaccone G, Jenkins RB, Kwiatkowski DJ, Saldivar JS, Squire J, Thunnissen E, Ladanyi M. Molecular testing guideline for selection of lung cancer patients for EGFR and ALK tyrosine kinase inhibitors: guideline from the College of American Pathologists, International Association for the Study of Lung Cancer, and Association for Molecular Pathology. Arch Pathol Lab Med. 2013 Jun;137(6):828-60. Available online at http://www.archivesofpathology.org/doi/pdf/10.5858/arpa.2012-0720-OA.

Lindeman NI, Cagle PT, Aisner DL, Arcila ME, Beasley MB, Bernicker E, Colasacco C, Dacic S, Hirsch FR, Kerr K, Kwiatkowski DJ, Ladanyi M, Nowak JA, Sholl L, Temple-Smolkin R, Solomon B, Souter LH, Thunnissen E, Tsao MS, Ventura CB, Wynes MW, Yatabe Y. Updated Molecular Testing Guideline for the Selection of Lung Cancer Patients for Treatment With Targeted Tyrosine Kinase Inhibitors: Guideline From the College of American Pathologists, the International Association for the Study of Lung Cancer, and the Association for Molecular Pathology. Arch Pathol Lab Med. 2018 Jan 22. Available online at http://www.archivesofpathology.org/doi/pdf/10.5858/arpa.2017-0388-CP.

Mishra R, Hanker AB, Garrett JT. Genomic alterations of ERBB receptors in cancer: clinical implications. Oncotarget. 2017 Nov 30;8(69):114371-114392.

(August 27, 2007) NCCN Guidelines Version 2.2018 Panel Members. Non-Small Cell Lung Cancer. NCCN Clinical Practice Guidelines in Oncology. Available online at https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx. Accessed on 1/31/2018

(© 2018). EGFR T790M Mutation in Circulating Tumor DNA by Digital Droplet PCR. ARUP Laboratories. Available online at https://www.aruplab.com/T790M. Accessed June 2019.

Bronner, M. Revolutionizing Treatment for Cancer Care: New Circulating Cell-Free Tumor DNA (ctDNA)Technology. ARUP Laboratories. Available online at https://www.aruplab.com/files/resources/news/ExpertEdge_Bronner.pdf. Accessed June 2019.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

(2004 April). EGFR by FISH. ARUP Technical Bulletin [On-line information]. PDF available for dowload at http://www.arup-lab.com/media/pdf/testing/tech_bulletins/egfr_apr04.pdf.

(© 2004). EGFR by FISH. ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_a213.jsp#3635067.

Check, W. (2004 January). New school of FISH: solid tumor testing. CAP Cover Story [On-line journal article]. Available online at http://www.cap.org/apps/docs/cap_today/cover_stories/0104NewSchoolOfFISH.html.

(2004). Epidermal Growth Factor Receptor Assay, Iressa (Gefitinib) responsiveness in lung cancer, EGFR Gene Analysis. Clinical Molecular Diagnostic Laboratory [On-line information]. Available Online at http://www.cityofhope.org/cmdl/EGFR.asp.

(© 2003). Epidermal Growth Factor Receptor (EGFR), Breast Cancer. LabCorp [On-line test information]. Available Online at http://www.labcorp.com/datasets/labcorp/html/chapter/.

(2004 April 29). Discovery Promises Better Use of Iressa for Lung Cancer. American Cancer Society, ACS News Center [On-line article]. Available online at http://www.cancer.org/docroot/NWS/content/NWS_1_1x_Discovery_Promises_Better_Use_of_Iressa_for_Lung_Cancer.asp.

Ang, K. et. al. (2002 December 15). Impact of Epidermal Growth Factor Receptor Expression on Survival and Pattern of Relapse in Patients with Advanced Head and Neck Carcinoma. Cancer Research 62, 7350-7356 [On-line journal]. Available Online at http://cancerres.aacrjournals.org/cgi/content/full/62/24/7350.

(2004 April 29). Presence of Gene Mutation Tightly Linked to Drug Effectiveness in Lung Cancer. National Cancer Institute [On-line news]. Available Online at http://www.cancer.gov/newscenter/pressreleases/IressaMutation.

Billingsley, J. (2003 December 6). New Clue to Breast Cancer Mortality, Growth factor identified with poorer outcomes in patients. Henry Ford Health System [On-line news]. Available Online at http://www.henryfordhealth.org/110736.cfm.

Langreth, R. (2004 April 29). Gene Predicts Cancer Drug Effectiveness. Forbes.com Pharmaceuticals [On-line article]. Available Online at http://www.forbes.com/2004/04/29/cx_rl_0429cancer_print.html.

(2003). Epidermal Growth Factor Receptor Status in Breast Cancer Metastases to the Central Nervous System - Comparison With HER-2/neu Status. CAP [On-line Abstracts From the College of American Pathologists 2003 Annual Meeting (CAP '03)]. Available Online at http://www.cap.org/apps/docs/archives_pathology_lab_med/this_month.html.

Weaver, C. and Maxon, J. (1998- 2004). Targeting Epidermal Growth Factor Receptor Pathways. CancerConsultants.com Current Topics in Oncology [On-line information]. Available online at http://www.411cancer.com/syndication/veContent.jsp?ArticleID=egfr_02&ArticleTypeID=CTON.

Kuriyan, J. (2006 June 16). Researchers Learn How Epidermal Growth Factor Receptor Is Activated. Howard Hughes Medical Institute [On-line information]. Available online at http://www.hhmi.org/news/kuriyan20060615.html. Accessed on 7-30-08.

American Cancer Society [On-line information]. (2007 May 14, Revised). Detailed Guide: Laryngeal and Hypopharyngeal Cancer. What's New in Laryngeal and Hypopharyngeal Cancer Research and Treatment? Available online through http://www.cancer.org. Accessed on 7-30-08.

Chu, E. et. al. (2007 July 25). Expanding Scientific Evidence for Epidermal Growth Factor Receptor-Directed Therapy in Colorectal Cancer and Squamous Cell Carcinoma of the Head and Neck CME. Medscape Today [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewprogram/7463. Accessed on 7-30-08.

Dacic, S. et. al. (2006 June 6). Significance of EGFR Protein Expression and Gene Amplification in Non-Small Cell Lung Carcinoma. Medscape from Am J Clin Pathol. 2006;125(6):860-865 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/532262. Accessed on 7-30-08.

Grody, W. (2007 January 30). ASCP 2006: Applications of Molecular Methods in Surgical Pathology CME/CMLE. Medscape [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/551100. Accessed on 7-30-08.

Timothy S. Uphoff, PhD, D(ABMG), MLS(ASCP)CM. Section Head Molecular Pathology Laboratory, Marshfield Clinic, Marshfield WI.

Cheng, L. et. al. (2011 May 31). The Landscape of EGFR Pathways and Personalized Management of Non-small-cell Lung Cancer. Medscape Today News from Future Oncology. 2011;7(4):519-541 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/740715_2. Accessed.December 2013

Grenache, D. et. al. (Updated 2013 November). Lung Cancer. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/LungCancer.html?client_ID=LTD#tabs=0. Accessed December 2013.

(© 1995-2013). Test ID: FEGFR91903 EGFR Mutation Analysis in NSCLC. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/61247. Accessed December 2013.

Chen, Y. (Updated 2011 August 24). Lung cancer - non-small cell. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007194.htm. Accessed December 2013.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pp 779-780.

(Updated May 22, 2013) American Cancer Society. Targeted Therapy. Available online at http://www.cancer.org/cancer/lungcancer-non-smallcell/detailedguide/non-small-cell-lung-cancer-treating-targeted-therapies. Accessed December 2013.

Raparia K, et al. Molecular Profiling in Non–Small Cell Lung Cancer: A Step Toward Personalized Medicine. Archives of Pathology & Laboratory Medicine 2013 137:4, 481-491. Available online at http://www.archivesofpathology.org/doi/full/10.5858/arpa.2012-0287-RA. Accessed December 2013.

(July 15, 2013) Markman M. Genetics of Non-Small Cell Lung Cancer. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1689988-overview. Accessed December 2013.

(Oct 21, 2013) Tan W. Non-small Cell Lung Cancer. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/279960-overview. Accessed December 2013.

Lindeman N, et al. Molecular testing guideline for selection of lung cancer patients for EGFR and ALK tyrosine kinase inhibitors: guideline from the College of American Pathologists, International Association for the Study of Lung Cancer, and Association for Molecular Pathology. J Thorac Oncol. 2013 Jul;8(7):823-59.

Approved

Revisori: Prof. Rossella Tomaiuolo; Dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie Mediche, Università degli Studi di Napoli Federico II / Dr.ssa Valeria D'Argenio (Napoli)