Noto anche come
Test di screening per le allergie
Nome ufficiale
Determinazione delle immunoglobuline E (IgE) allergene-specifiche
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
19.04.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per confermare la diagnosi di allergia; talvolta per monitorare il trattamento con immunoterapia o terapia di desensibilizzazione (ITS).

Quando Fare il Test?

In presenza di sintomi come orticaria, dermatite, rinite (congestione nasale), occhi arrossati e pruriginosi, asma o dolore addominale riferibile ad allergia.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

Le immunoglobuline E (IgE) sono una classe di immunoglobuline associate a reazioni allergiche. Normalmente sono presenti nel circolo ematico in concentrazioni molto basse. Questo test misura la concentrazione ematica di IgE allergene-specifiche per individuare un’allergia ad uno specifico allergene.
Le IgE sono anticorpi che fanno parte del sistema immunitario e che difendono l’organismo dagli “estranei”. Vengono sintetizzate quando un soggetto geneticamente predisposto è esposto per la prima volta ad un potenziale allergene, come cibo, erba o forfora animale. L’organismo percepisce il potenziale allergene come una minaccia e sintetizza specifiche IgE che si legano alle mastocellule presenti nella pelle, nel tratto respiratorio e gastrointestinale e ai basofili (un tipo di globulo bianco) presenti nel circolo sanguigno.
Alla successiva esposizione, gli anticorpi IgE legati alle cellule riconoscono l’antigene e provocano il rilascio di istamina ed altre sostanze ad opera delle mastocellule e dei basofili, provocando una reazione allergica al livello del tessuto nel quale è avvenuta l’esposizione all’antigene.
Ogni allergene richiede un esame dedicato e le determinazioni sono molto specifiche: esse riescono a distinguere tra ape o calabrone, albume o tuorlo, ambrosia gigante o occidentale. Si possono raggruppare i vari allergeni in pannelli alimentari, di gramigne ed erbe regionali e di muffe. Altrimenti il clinico può testare in maniera selettiva scegliendo da una lunga lista di allergeni che si sospettino essere la causa della reazione allergica.

Il metodo tradizionalmente usato per questo tipo di test effettuato su sangue è il RAST (radioallergosorbent test) ma questo è stato largamente sostituito da un nuovo test immunoenzimatico IgE-specifico. Alcuni clinici continuano a fare riferimento al test RAST, nonostante questo non sia più utilizzato dal laboratorio.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La determinazione delle immunoglobuline E (IgE) allergene-specifiche è un test utile alla diagnosi di vari tipi di allergia a specifiche sostanze che si manifesta con sintomi acuti o cronici. Questo è vero in special modo per quei sintomi ricorrenti e che sembrano essere collegati a fattori scatenanti, come l’esposizione a particolari cibi o ambienti, e per le persone con familiari che soffrono di allergia.
    Un altro tipo di prova allergica può essere effettuata esponendo il soggetto a differenti sostanze potenzialmente allergeniche sotto un’attenta supervisione medica (vedi “Domande frequenti”). Seppur utile e accurato questo test può essere influenzato dalle condizioni della pelle del paziente, ad esempio dalla presenza di dermatiti o eczemi, e dall’assunzione di farmaci come l’istamina e alcuni anti-depressivi. Alcuni test inoltre sono potenzialmente in grado di scatenare gravi reazioni allergiche, anche pericolose per la vita, come l’anafilassi. In questi casi, la determinazione delle IgE allergene-specifiche può essere richiesto come test alternativo ed effettuato su un campione di sangue del paziente senza rischiare la comparsa di effetti dannosi.
    La determinazione delle IgE allergene-specifiche può anche essere effettuata in corso di monitoraggio dell’immunoterapia desensibilizzante o per valutare il superamento di un’allergia da parte di un bambino. In questo modo può tuttavia essere utilizzato solo in maniera generica poiché i livelli di IgE circolanti spesso non correlano con la gravità della reazione allergica e talvolta i livelli di IgE possono rimanere alti anche dopo anni dal superamento di un’allergia.

  • Quando viene prescritto?

    Le persone con segni e sintomi di una probabile reazione allergica ad una o più sostanze possono essere sottoposte al test per la determinazione delle IgE allergene-specifiche. I segni e sintomi includono:

    • Orticaria
    • Dermatite
    • Eczema
    • Occhi rossi pruriginosi
    • Tosse, congestione nasale, naso che cola
    • Asma
    • Prurito e formicolio in bocca
    • Dolore addominale o vomito e diarrea
       

    Talvolta il test può essere richiesto nella valutazione dell’efficacia di un’immunoterapia desensibilizzante o per determinare se un bambino abbia superato un’allergia.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il risultato di un test allergico deve essere interpretato in maniera accurata. Anche nel caso in cui il test fornisca un risultato negativo e le IgE allergene-specifiche siano assenti, permane comunque una piccola possibilità che il paziente esaminato sia effettivamente un soggetto allergico. Allo stesso modo, nel caso in cui il test per le IgE allergene-specifiche sia positivo, è possibile che il soggetto abbia o non abbia una reazione allergica.

    Un risultato negativo indica che, con buona probabilità, il soggetto testato non ha una vera allergia, ossia una risposta IgE-mediata specifica per un certo allergene.

    La presenza di grandi quantità di IgE allergene-specifiche indica che con una buona probabilità il soggetto ha un’allergia per lo specifico allergene testato. Tuttavia, la quantità di IgE non correla necessariamente con la gravità della reazione allergica.

    Per la conferma della diagnosi è necessario valutare la storia clinica del paziente ed effettuare ulteriori test allergologici sotto la supervisione del personale sanitario.

  • C’è altro da sapere?

    Talvolta il clinico può richiedere ulteriori esami indiretti volti a valutare la presenza effettiva di un’allergia, inclusa la misura delle IgE totali o la conta differenziale dei leucociti (in particolare per la valutazione degli eosinofili e dei basofili) e l’emocromo. Le alterazioni dei valori di questi test possono suggerire la presenza di un’allergia, ma potrebbero anche indicare altre patologie/condizioni.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Quali altri test sono disponibili per la diagnosi di allergia?

    L’allergologo e il dermatologo possono richiedere anche l’esecuzione dei test cutanei come il “patch test” e del test di provocazione orale. Altrimenti è possibile effettuare una dieta di eliminazione, eliminando alcune categorie di cibi dalla dieta per poi reintrodurle in maniera graduale alla ricerca di quella/e responsabile/i dell’allergia. È importante che questi test vengano effettuati sotto stretta supervisione medica poiché i pazienti potrebbero andare incontro a reazioni anafilattiche pericolose per la vita.

  • A cosa può essere dovuta la persistenza di sintomi di allergia in presenza di un test negativo?

    Il paziente potrebbe manifestare dei sintomi simili all’allergia pur in una situazione non mediata dalle IgE. Questi sintomi potrebbero essere dovuti a problemi genetici di ipersensibilità, come la sensibilità al glutine nella celiachia, o al deficit di alcuni enzimi, come la carenza della lattasi nell’intolleranza al lattosio. Altrimenti potrebbero essere presenti altre malattie concomitanti in grado di sviluppare dei sintomi analoghi a quelli di un’allergia. Pertanto è importante che il paziente e il proprio medico curante analizzino in maniera accurata la specifica situazione. Il test di per se non può diagnosticare un’allergia. La diagnosi di allergia deve avvalersi del risultato di molteplici test accompagnati da un’attenta anamnesi del paziente.

  • Qual è la gravità di un’allergia con sintomi lievi?

    Le reazioni allergiche sono di tipo individuale. Possono essere moderate o gravi, variare da esposizione ad esposizione, peggiorare nel tempo (o no), coinvolgere l’intero organismo ed essere, talvolta, fatali.

  • Si può guarire dall’allergia?

    Sebbene talvolta i bambini possano superare alcune allergie, questo non accade negli adulti. Le reazioni responsabili delle peggiori reazioni, come l’anafilassi causata dagli arachidi, in genere permangono per tutta la vita. Il modo migliore per difendersi dalle reazioni allergiche consiste nell’evitare l’esposizione all’allergene e nella disponibilità di farmaci antistaminici o iniezioni di adrenalina portatili da utilizzare in caso di esposizione accidentale. L’immunoterapia desensibilizzante può fornire un supporto nella diminuzione dei sintomi per alcune allergie inevitabili, ma non funziona per il cibo. Il trattamento, che di solito consiste nella somministrazione regolare di iniezioni, potrebbe dover essere seguito per tutta la vita del paziente.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Zieve, David. (Updated 2012). Allergy testing – skin. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003519.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2013.

AmericanAcademyof Allergy Asthma & Immunology. (Updated 2013). Allergic Reactions: Tips to Remember. Available online at http://www.aaaai.org/conditions-and-treatments/library/at-a-glance/allergic-reactions.aspx through http://www.aaaai.org. Accessed October 2013.

AmericanAcademyof Allergy Asthma & Immunology (@2010). Allergy Testing. Available online at http://www.acaai.org/allergist/allergies/treatment/diagnosing-allergies/pages/allergy-testing.aspx through http://www.aaaai.org. Accessed October 2013.

Fischbach, F.T. (2004). A Manual of Laboratory & Diagnostic Tests. 7th Edition., Lippincott Williams & Wilkins, Philadelphia.

(Updated Jan 17, 2014) Diaz R. Diagnostic Allergy Testing. Medscape Reference. Availalble online at http://emedicine.medscape.com/article/2068676-overview#a1 through http://emedicine.medscape.com. Accessed January 2014.

(March 2008) Bernstein L, et al. Allergy Diagnostic Testing: An Updated Practice Parameter. Annals of Allergy, Asthma and Immunology. March 2008; Volume 100, Number 3, Supplement 3. Available online through http://www.aaaai.org. Accessed January 2014.

(July 18, 2012) National Institute of Allergy and Infectious Diseases. What Makes and Allergen an Allergen. Available online at http://www.niaid.nih.gov/topics/allergicDiseases/research/Pages/whatMakesAllergens.aspx through http://www.niaid.nih.gov. Accessed January 2014.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Sicherer, S. (1999, January 15). Manifestations of Food Allergy: Evaluation and Management. American Family Physician [On-line serial]. Available online at http://www.aafp.org/afp/990115ap/415.html through http://www.aafp.org.

AmericanAcademyof Family Physicians (1999, January 15). Food Allergies: Just the Facts. American Family Physician [On-line serial]. Available online at http://www.aafp.org/afp/990115ap/990115f.html through http://www.aafp.org.

ARUP. Immunoglobulin E. Guide to Clinical Laboratory Testing [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_ijk4.htm through http://www.aruplab.com.

Sicherer, S. (2001, April 5th last update). Food Allergy Testing: Questions and Answers. Food Allergy News Reprint [On-line information]. Available online at http://www.foodallergy.org/topics_archive/testing.html through http://www.foodallergy.org.

Formanek, R. (2001, July-August). Food Allergies: When Food Becomes the Enemy. U.S. Food and Drug Administration, FDA Consumer magazine [On-line serial]. Available online at http://www.fda.gov/fdac/features/2001/401_food.html throughhttp://www.fda.gov.

MEDLINEplus (2002, January 2, Updated). Allergies. MEDLINEplus Health Information [On-line Information]. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000812.htm.

MEDLINEplus (2002, January 2, Updated). Allergy testing. MEDLINEplus Health Information [On-line Information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003519.htm.

WAO [2000-2002]. Overview of Allergy, Its Diagnosis and Treatment. World Allergy Organization [On-line information]. Available online at http://www.worldallergy.org/public/descriptions_of_allergies/overview.shtml through http://www.worldallergy.org.

National Institute of Allergy and Infectious Disease (1998 February). Something in the Air: Airborne Allergens. WebMD [On-line serial]. Available online at http://my.webmd.com/content/article/1680.50308 through http://my.webmd.com.

National Institute of Allergy and Infectious Diseases (1999 January, last revision). Food Allergy and Intolerances. WebMD [On-line serial]. Available online at http://my.webmd.com/content/article/1680.50303 through http://my.webmd.com.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 38-44.

(© 2010). Tips to Remember: Allergic Reactions. American Academy of Allergy Asthma and Immunology, [On-line information]. Available online at http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/whatisallergicreaction.stm through http://www.aaaai.org. Accessed February 2010.

(© 2010). Tips to Remember: Asthma & Allergy Medications. American Academy of Allergy Asthma and Immunology [On-line information]. Available online at http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/asthmaallergymedications.stm throughhttp://www.aaaai.org. Accessed February 2010.

Mayo Clinic Staff (2009 June 24). Allergy medications: Know your options. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/allergy-medications/AA00037/METHOD=print through http://www.mayoclinic.com. Accessed February 2010.

Hinshaw, W. D. et. al. (Updated 2009 June 02). Hypersensitivity Reactions, Delayed. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/136118-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2010.

Anand, M. and Routes, J. (Updated 2009 June 16).Hypersensitivity Reactions, Immediate. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/136217-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2010.

Mayo Clinic Staff (2009 April 03). Allergy Skin Tests. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/allergy-tests/MY00131/METHOD=print through http://www.mayoclinic.com. Accessed February 2010.

(© 2009). Tips to Remember: What is Allergy Testing? American Academy of Allergy Asthma and Immunology, [On-line information]. Available online at http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/whatisallergytesting.stm throughhttp://www.aaaai.org. Accessed February 2010.