Noto anche come
Screening delle droghe
Test delle droghe
Test delle sostanze d’abuso
Screening tossicologico
Nome ufficiale
Screening delle droghe d’abuso
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.
L'Esame

Il test delle droghe d'abuso consiste nella rivelazione di una o più sostanze legali e/o illegali nell'urina o, più raramente, nel sangue, nella saliva, nei capelli o nel sudore. Di norma questo riguarda uno screening iniziale seguito da un secondo test che identifica e/o conferma la presenza di una o più droghe. La maggior parte dei laboratori usa test commercialmente disponibili che sono stati sviluppati ed ottimizzati per lo screening urinario delle principali droghe d'abuso.

Per il test della maggior parte delle droghe d'abuso i risultati del test preliminare di screening sono confrontati con una soglia predefinita. Quelli al di sotto di tale soglia sono considerati negativi; quelli al di sopra sono considerati positivi al test di screening.

All'interno di ciascuna classe di droghe che vengono testate esistono numerose droghe chimicamente simili. Le sostanze legali che sono chimicamente simili a quelle illegali possono produrre un risultato positivo allo screening. Quindi, test di screening che sono positivi per una o più classi di sostanze sono generalmente confermati con un secondo test che identifica la specifica sostanza presente usando un metodo sensibile e specifico, come la gascromatografia/spettrometria di massa (GC/MS).

Alcune delle droghe d'abuso più comunemente sottoposte a screening sono elencate qui sotto:

Classe

Esempi di droghe specifiche identificate durante la conferma

Amfetamine

Metamfetamina, amfetamina

Barbiturati

Fenobarbital, secobarbital, pentobarbital

Benzodiazepine

Diazepam, lorazepam

Cannibinoidi

Marijuana

Cocaina

Cocaina e/o il suo metabolita (benzoylecognina)

Oppiacei

Codeina, morfina, metaboliti dell'eroina

Fenciclidina (PCP)

PCP

Per un elenco più esaustivo delle droghe d'abuso, cliccare qui.

Sostanze che non sono simili alle classi definite possono dare risultati “ falsi negativi”. Alcune droghe possono essere difficili da rivelare con i metodi standard o perché il test non è stato messo a punto per rivelare quella droga, come la metilendiossi-metamfetamina (MDMA, Ecstasy), l'ossicodone (ossicontina) o buprenorfina, o perché la droga non rimane nell'organismo sufficientemente a lungo per essere rivelata, come il gamma-idrossibutirrato.

Gruppi di test per le droghe sono generalmente richiesti per motivi clinici o legali, come parte di programmi relativi ai luoghi di lavoro od a eventi sportivi. Chi usa queste sostanze le assume mediante ingestione, inalazione, fumo o iniezione. Le quantità che sono assorbite e gli effetti conseguenti dipendono dal tipo di droghe assunte, dalle loro interazioni, dalla loro purezza e forza, dalla quantità, dal momento, dalla modalità di assunzione e dalla capacità individuale di metabolizzarle ed eliminarle.

Alcune droghe possono interferire con l'azione od il metabolismo di altre terapie, hanno effetti additivi, come quando si assumono due droghe che entrambe deprimono il sistema nervoso centrale (SNC), o hanno effetti competitivi, come quando si assume una droga che deprime il SNC ed un'altra che lo stimola. Le droghe ricercate non si trovano di norma nell'organismo con l'eccezione di alcuni ormoni e steroidi misurati in ambito sportivo.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    L'urina è il campione usato più frequentemente per il test, ma altri campioni come i capelli, la saliva, il sudore ed il sangue possono essere usati per lo screening anche se non sono intercambiabili con l'urina.

    Urina e saliva vengono raccolti in contenitori puliti. Il campione di sangue è ottenuto inserendo un ago in una vena del braccio. Il campione di capelli è ottenuto tagliandoli nella zona vicino al cuoio capelluto. Un campione di sudore è normalmente raccolto applicando un tampone sulla pelle per un determinato periodo di tempo.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, nessuna specifica precauzione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test per le droghe d'abuso può essere usato a diversi fini:

    • Per screening a scopo clinico
    • Per usi medico-legali o forensi
    • Per indagini su gruppi di lavoratori
    • In ambito sportivo (anti-doping)
       
    Screening clinico

    Lo screening a fini clinici è principalmente orientato a determinare quali droghe o combinazione di droghe un soggetto può avere assunto, in modo da provvedere all'opportuno trattamento. L'effetto complessivo su di un particolare soggetto dipende dalla risposta del suo organismo alle droghe, dalla quantità e dalla loro combinazione e da quando ciascuna è stata assunta. Per esempio, MDMA è inizialmente uno stimolante con associati effetti psichedelici, ma, come viene metabolizzata ed eliminata dall'organismo, può anche causare depressione del sistema nervoso centrale (SNC). In molti casi le droghe sono combinate e/o assunte con etanolo (alcol). Se uno beve alcol durante questo periodo avrà due sostanze che deprimono il SNC, quindi una combinazione nel proprio organismo potenzialmente pericolosa.

    Coloro che possono essere sottoposti a test per la presenza di droghe per fini clinici comprendono:

    • Quelli che in Pronto Soccorso hanno problemi acuti di salute che il medico pensa possano essere dovuti a droghe: perdita di conoscenza, nausea, delirio, panico, paranoia, temperatura elevata, dolore al torace, insufficienza respiratoria e/o mal di testa.
    • Quelli che si trovano al Pronto Soccorso per un incidente stradale ed il medico sospetta che droghe e/o alcol possano essere coinvolti
    • Un soggetto che il medico sospetta possa far uso di droghe
    • Coloro che sono sotto monitoraggio perché conosciuti come utilizzatori di droghe. Questo include l'uso legale e quello illegale. Può essere un test generico oppure specifico per la sostanza di cui si è abusato.
    • Donne in gravidanza che si ritengono a rischio per abuso di droghe o neonati che mostrano certi caratteristici comportamenti.
       
    Fini medico-legali o forensi  

    Il test delle droghe per scopi medico-legali riguarda principalmente la rivelazione di droghe illegali o proibite in una varietà di situazioni. Le procedure per la raccolta del campione in questi casi sono strettamente controllate e documentate, in modo da garantire una “catena di custodia”.

    Il soggetto fornisce un campione che viene chiuso e sigillato a prova di manomissione in sua presenza. Una specifica documentazione cartacea della catena di custodia accompagna il campione attraverso tutto il percorso; ogni persona che maneggia e/o analizza il campione fornisce la sua firma ed il motivo del trasferimento del campione. Questo crea una registrazione permanente di ciascun passaggio del processo. Esempi di screening per uso medico-legale includono:

    • La richiesta di test da parte della magistratura di solito riguarda il monitoraggio estemporaneo di qualcuno che è stato incarcerato per uso illegale di droghe. Il test può anche essere richiesto in casi di adozione per escludere l'uso di droghe da parte dei genitori.
    • I servizi di protezione dei minori possono talora richiedere un prolungato monitoraggio di un genitore con un passato di consumatore di droghe, per essere sicuri che non ne abbia ripreso l'uso.
    • Il test può essere richiesto obbligatoriamente per legge quando qualcuno ha un incidente che si sospetta essere legato all'uso di alcol e/o droghe
    • I test forensi utilizzano una varietà di fluidi corporei e tessuti che possono essere analizzati per la presenza di numerose droghe in occasione delle indagini su di un crimine. L'obiettivo può essere quello di determinare se le droghe hanno avuto un ruolo nell'incidente o nel crimine, così come nel caso di guida sotto influenza di droghe,  di un incidente stradale o di uno stupro. Il test può anche essere eseguito per sapere se uno è morto di overdose o di patologie legate all'uso di droghe.
       
    Test delle droghe su lavoratori

    Può essere fatto prima dell'assunzione, in maniera estemporanea, a seguito di un incidente o se il datore di lavoro ha un ragionevole sospetto che il dipendente faccia uso di droghe illegali. Vengono ricercate le principali droghe d'abuso e ogni positivo viene confermato con un altro metodo.

    Come nel caso dell'uso medico-legale o forense, la raccolta del campione e le procedure per i test sui dipendenti sono spesso strettamente controllate e documentate per mantenere la catena di custodia. Un campione è ottenuto (di norma urina) dal dipendente in un contenitore che viene sigillato a prova di manomissione in sua presenza. Una specifica documentazione cartacea della catena di custodia accompagna il campione attraverso tutto il processo e documenta ogni persona che maneggia e/o analizza il campione. Questo genera una registrazione permanente di ciascun passaggio del processo.

    Screening in ambito sportivo

    Mentre i test tradizionali per le droghe sono eseguiti su atleti in occasione delle competizioni, l'interesse maggiore è sul doping- droghe o integratori presi per stimolare lo sviluppo muscolare e per migliorare la forza e la resistenza. A livello locale i test in ambito sportivo possono essere limitati ma a livello nazionale ed internazionale sono inseriti in una complessa organizzazione.

    La World Anti-Doping Agency (WADA), U.S. Anti-Doping Agency (USADA) e la International Association of Athletics Federations (IAAF) lavorano insieme per monitorare l'uso di droghe da parte degli atleti a livello nazionale, internazionale ed olimpico. La WADA ha uno statuto scritto che stabilisce le regole per una modalità uniforme di ricerca delle droghe e le sanzioni per tutti gli sport e paesi nonchè una notevole lista delle sostanze proibite. Gli atleti sono responsabili per ogni sostanza proibita che è trovata nel loro corpo. La maggior parte delle sostanze ricercate sono considerate positive se sono rilevata in qualsiasi quantità, mentre altre, come la caffeina, sono proibite solo quando sono presenti in grandi quantità. Alcune sostanze come gli steroidi anabolizzanti (testosterone) e gli ormoni peptidici come l'eritropoietina, l'ormone della crescita e l'Insulin-like Growth Factor-1 sono proibiti ma sono difficili da individuare perché sono prodotti dall'organismo stesso. I metodi di misura devono essere in grado di distinguere fra la sostanza endogena (prodotta dal corpo dell'atleta) e quella assunta dall'esterno.

    I programmi di screening prevedono test sulle droghe eseguiti a campione sugli atleti durante le sessioni di allenamento per ricercare steroidi anabolizzanti, come il testosterone, che stimolano la crescita muscolare. Durante le competizioni, le indagini prevedono sia test a campione che test su tutti i vincitori ed includono sostanze del tipo: stimolanti, narcotici, agenti anabolizzanti ed ormoni peptidici. Sport come il tiro con l'arco, ginnastica e tiro a segno prevedono altre sostanze come i beta bloccanti, proibiti in questi sport perché diminuiscono la pressione del sangue ed il ritmo cardiaco.

  • Quando viene prescritto?

    Il test per le droghe d'abuso viene eseguito ogni volta che un medico, un datore di lavoro, un ente legale o un'organizzazione sportiva ha necessità di determinare se una persona ha nel suo organismo sostanze illegali o proibite.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Se un test risulta positivo durante uno screening iniziale, significa che la persona ha nel suo organismo una sostanza che rientra in una classe di droghe e che la sua concentrazione è superiore alla soglia prestabilita. Se il campione è confermato positivo dopo il secondo test (di conferma), come per la marijuana, allora la persona ha effettivamente assunto questa droga. In alcuni casi questo risultato può essere collegato al tempo trascorso da quando ha assunto la droga e grossolanamente alla quantità, ma nella maggior parte dei casi, l'informazione non è necessaria. L'interpretazione di quando e quanta droga è stata consumata può essere impegnativa poiché la concentrazione di molte droghe varia da persona a persona con la velocità del loro metabolismo.

    Se la droga o le droghe non sono presenti o la loro concentrazione è inferiore alla soglia prestabilita, il risultato è refertato come “non rivelabile”. Un risultato negativo non significa necessariamente che la persona non ha assunto droghe in qualche momento. La droga può essere presente al di sotto della soglia prestabilita, la droga può essere già stata metabolizzata ed eliminata dall'organismo o il metodo impiegato non rivela la specifica droga presente nel campione.

    I test urinari rivelano l'uso di droga negli ultimi 2-3 giorni per le amfetamine, cocaina ed oppiacei. La Marijuana ed i suoi metaboliti, cannabinoidi, possono essere rivelati per diverse settimane. Un campione di capelli, costituito dalla porzione vicina alla radice, riflette l'uso della droga negli ultimi 2-3 mesi ma non le ultime 2-3 settimane, la quantità di tempo necessaria alla crescita dei capelli.

    La saliva rivela che droga è stata assunta nelle ultime 24 ore. Campioni di sudore possono essere raccolti su di un tampone applicato per diversi giorni o settimane e quindi è un indice dell'uso di droga in ogni momento durante l'intero periodo. Questi altri tipi di campione sono spesso usati per scopi specifici. Per esempio campioni di capelli possono essere usati, in alternativa all'urina, per test su lavoratori o su chi ha provocato un incidente. Test su sudore possono essere usati come strumento per il monitoraggio richiesto dalla magistratura nei soggetti che sono stati in carcere per uso di droga. Il sangue è il campione più frequentemente utilizzato per il test sull'alcol.

    L'interpretazione dei test in ambito sportivo per ormoni e steroidi deve essere eseguita da chi ha confidenza con i metodi di misura. Un risultato negativo indica che nell'organismo è presente una concentrazione “normale” di quella sostanza. Un risultato positivo riflette la presenza della sostanza al di sopra ed oltre quanto è prodotto dall'organismo dell'atleta. Questo può essere complicato dal fatto che ogni individuo ha la sua propria concentrazione normale di base e produce diverse quantità di ormoni a seconda delle circostanze.

  • C'è altro da sapere?

    sintomi associati all'abuso di droghe ed all'overdose variano da persona a persona da momento a momento e non necessariamente riflettono la concentrazione presente nell'organismo.

    L'etanolo può essere misurato sia nel sangue che nell'aria espirata. Quest'ultimo è alla base dell'etilometro usato dalla polizia.

    E' importante per il medico richiedente, il rappresentante della legge, il medico legale, l'ente governativo, la compagnia di assicurazione, il datore di lavoro e l'organizzazione sportiva così come per la persona che deve essere sottoposta l test capire a cosa esattamente il test è diretto, come è fatto e come il risultato può essere o non essere interpretato. Questo processo non si riduce semplicemente a raccogliere un campione ed a richiedere un test delle droghe d'abuso.

    Certi farmaci prescritti e certi farmaci da banco possono dar luogo a risultati positivi ad un eventuale screening. Quando si è sottoposti ad un test di screening, affinché questo possa essere interpretato correttamente, si deve dichiarare ogni farmaco che si assume e/o per il quale si ha una prescrizione. Inoltre, i semi di papavero che non sono stati lavati a fondo possono causare, se mangiati ad esempio con un salatino od un dolce, un test positivo allo screening per gli oppiacei. E' opportuno evitare questi cibi quando ci si deve sottoporre ad un test per le droghe d'abuso.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Perché uno screening per le droghe non le rivela tutte?

    I test per le droghe sono messi a punto per usi specifici, generalmente per test sul luogo di lavoro e per fini legali. Alcuni laboratori offrono più di un pannello di droghe per screening in modo che il medico o l'ente autorizzato possa scegliere quali test richiedere

  • Perché un medico potrebbe richiedere il test per una singola droga?

    Se un medico sospetta fortemente che una persona abbia preso una specifica droga o sta monitorando la persona per un precedente abuso di quella sostanza, allora può richiedere il test per quella sola sostanza. Può anche richiedere il singolo test se la droga di cui si sospetta l'assunzione non è compresa nel pannello previsto dallo screening.

  • Perché qualcuno verrebbe sottoposto a test per una sostanza che è legale?

    Una sostanza può essere legale ma essere proibita in certe circostanze. Per esempio una compagnia di assicurazione può richiedere un test per la nicotina per una persona che vuole stipulare una polizza e che asserisce di non fare uso di tabacco. Nel caso degli atleti olimpici, molte delle sostanze proibite sono legali ma possono influenzare le prestazioni degli atleti stessi. Questi devono essere molto cauti nella loro scelta dei farmaci da usare perché sono i responsabili ultimi di ogni sostanza rivelabile nel loro organismo.

Fonti

S1
Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

S2
Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

S3
(2001 March). Drug Abuse: How to Break the Habit [10 paragraphs]. Familydoctor.org [On-line information]. Available FTP: http://familydoctor.org/x2782.xml?printxml

S4
(2000 May 1). An Approach to Drug Abuse, Intoxication and Withdrawal [50 paragraphs]. American Family Physician [On-line journal]. Available FTP: http://www.aafp.org/afp/20000501/2763.html

S5
NIDA Infofax (2001 November 29). Inhalants [17 paragraphs]. The National Institute on Drug Abuse (NIDA) [On-line serial]. Available FTP: http://www.nida.nih.gov/Infofax/Inhalants.html

S6
Office of the National Drug Control Policy (ONDCP) (1998 June) Rohypnol, NCJ-161843 [13 paragraphs]. The National Clearinghouse for Alcohol and Drug Information (SAMHSA) [On-line Fact Sheet]. Available FTP: http://www.health.org/nongovpubs/ondcp-rohypnol/

S7
Segura, J. (1999 December 21). Sports Drug Testing, Medical and Regulatory aspects [50 paragraphs]. University of Barcelona Olympic Studies Center [Online-index of articles]. Available FTP: http://www.blues.uab.es/olympic.studies/doping/segura.htm

S8
Bureau of Forensic Services (2001). Drug Summaries [97 paragraphs]. Office of the Attorney General State of California Dept of Justice [On-line website information]. Available FTP: http://caag.state.ca.us/bfs/toxlab/summ.htm

S9
Bureau of Forensic Services (2001). An Introduction To Gas Chromatography / Mass Spectrometry (GC/MS) [10 paragraphs]. Office of the Attorney General State of California Dept of Justice [On-line website information]. Available FTP: http://caag.state.ca.us/bfs/toxlab/gcms.htm

S10
Dean, M. (2001 October 25). Why Britain is going Dutch [15 paragraphs]. The Guardian [On-line serial]. Available E-mail: malcolm.dean@guardian.co.uk Available FTP: http://www.guardian.co.uk/analysis/story/0,3604,580358,00.html

S11
Harrie, D. (2004 January 28). To treat or lock up: Senate backs new drug-offense policy [14 paragraphs]. The Salt Lake Tribune [On-line article]. Available FTP: http://www.sltrib.com/2004/Jan/01282004/utah/133259.asp?display=print

S12
Downie, A. (2002 January 4). Brazil's drug users will get help, instead of jail. Sweeping new laws are based on the view that drug users need treatment, not criminal punishment. [19 paragraphs]. The Christian Science Monitor [On-line serial]. Available FTP: http://www.csmonitor.com/2002/0104/p7s2-woam.htm

S13
Reuters (2002 January 2). Florida Reports More Deaths from Oxycontin Abuse. [11 paragraphs]. Yahoo News Health Headlines [On-line News Release].

S14
(2003 May 30). Race to develop drug abuse test [19 paragraphs]. BBC News [On-line article]. Available FTP: http://news.bbc.co.uk/1/hi/health/2946344.stm

S15
(2004 February 1). Online drug abuse rife [15 paragraphs]. NEWS.com.au [On-line article]. Available FTP: http://news.com.au/common/story_page/0,4057,8554330%255E1702,00.html

S16
Locke, J. (2000 July). Alternative Matrices in Drug Testing [12 paragraphs]. Clinical Laboratory Strategies [AACC Newsletter]. Available prepublication article from Jalane: jtechwriter@yahoo.com

S17
Locke, J. (2000 July). Olympic and Sports Drug Testing [13 paragraphs]. Clinical Laboratory Strategies, (Interview with Larry Bowers, Ph.D., Professor and Director of Athletic Drug Testing and Toxicology Laboratory at Indiana University) [AACC Newsletter]. Available prepublication article from Jalane: jtechwriter@yahoo.com

S18
Locke, J. (2002 February). Drug Testing [15 paragraphs]. Clinical Laboratory Strategies [AACC Newsletter]. Available prepublication article from Jalane: jtechwriter@yahoo.com

S19
Locke, J. (2002 February). Drug Testing – Sidebar on Olympic Drug testing [16 paragraphs] Clinical Laboratory Strategies, (Interview with Don H. Catlin, MD Director of the UCLA Olympic Analytical Laboratory and Lab Director of the Olympic drug lab for the SLC 2002 Olympics) [AACC Newsletter]. Available prepublication article from Jalane: jtechwriter@yahoo.com

S20
Valentine, J. & Kerrigan, S. (2001). Club or Rave Drugs [41 paragraphs]. Manuscript. Available E-mail: valentinejimmiel@uams.edu

S21
Larry A. Broussard, PhD. Clinical Laboratory Sciences, LSU Health Sciences Center, New Orleans, LA.

S22
Donald F. LeGatt PhD, FCACB. Clinical Professor, Clinical Biochemist, Department of Laboratory Medicine and Pathology, University of Alberta Hospital, Edmonton, Alberta.