Noto anche come
Trichomonas vaginalis
T. vaginalis
Wet Prep
Nome ufficiale
Trichomonas vaginalis, Coltura di T. vaginalis, Trichomonas vaginalis RNA, Sonda DNA per Trichomonas vaginalis, Immunofluorescenza diretta per T. vaginalis
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per diagnosticare un’infezione da Trichomonas vaginalis, un parassita microscopico, responsabile di un'infezione sessualmente trasmissibile (IST) nota con il nome di tricomoniasi.

Quando Fare il Test?

Quando una donna mostra sintomi dell’infezione, come presenza di secrezioni vaginali maleodoranti, prurito genitale e/o dolore durante la minzione, e quando un uomo presenta prurito e irritazione genitale, avverte bruciore durante la minzione o l’eiaculazione e/o in presenza di secrezioni genitali insolite.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Per entrambi i sessi viene richiesta la raccolta del primo getto di urine; nella donna può essere eseguito un tampone vaginale o cervicale e per gli uomini uretrale.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

Il test rileva la presenza di un parassita microscopico (protozoo) noto con il nome di Trichomonas vaginalis in campioni provenienti dall’apparato genitale maschile o femminile, al fine di rilevare un’infezione nota con il nome di tricomoniasi. Questa infezione interessa negli uomini l’uretra, responsabile del passaggio delle urine dalla vescia verso l’esterno e la prostata, causando prostatite, ossia un’infezione della prostata. Nelle donne invece è responsabile di infezioni vaginali.

Secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la tricomoniasi rientra tra le quattro Infezioni Sessualmente Trasmissibili (IST) più comuni nel mondo, insieme a clamidia, gonorrea e sifilide. I dati del 2008 riportano un’incidenza globale annua di 276 milioni di casi, con una maggiore prevalenza nelle donne sessualmente attive. Spesso però si tratta di infezioni asintomatiche.

L’infezione da Trichomonas vaginalis è una delle cause più comuni di vaginite per le donne. I sintomi comprendono:

  • Gonfiore, prurito, irritazione, infiammazione vaginale
  • Sensazione di bruciore
  • Presenza di secrezioni vaginali schiumose, verde-giallastra
  • Presenza di secrezioni vaginali maleodoranti
  • Frequente stimolo alla minzione
  • Possibile perdita di sangue dalla vagina
  • Prurito in corrispondenza della parte interna delle cosce
  • Dolore o fastidio durante i rapporti

Negli uomini invece i sintomi possono includere:

  • Bruciore dopo la minzione o l’eiaculazione
  • Prurito e irritazione dell’uretra
  • Presenza di secrezioni dall’uretra

Questi sintomi si sviluppano nel corso di 5-28 giorni dall’esposizione all’agente infettivo; tuttavia, non appena viene diagnosticata, la tricomoniasi può essere facilmente trattata con terapia farmacologica. Durante il trattamento dovrebbe essere sospesa qualsiasi attività sessuale, e dovrebbe essere consigliato ai partner di sottoporsi a loro volta al trattamento al fine di evitare una reinfezione.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Nelle donne è preferibile il prelievo di un tampone vaginale al fine di raccogliere le cellule e le secrezioni vaginali. Talvolta può essere utilizzato lo stesso campione ottenuto per l’esecuzione del Pap test.

    Negli uomini viene raccomandata la raccolta di un campione di urine, nonostante questo possa essere richiesto anche nelle donne. Dovrebbe essere raccolto un campione del secondo getto di urine del mattino in un contenitore sterile fornito dal laboratorio.

    Talvolta anche negli uomini può essere raccolto un tampone di cellule o di secrezioni tramite l’uso di un tampone uretrale.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Questo test è usato per diagnosticare un'infezione sessualmente trasmessa dal parassita Trichomonas vaginalis (T. vaginalis). Le secrezioni dalla vagina (per le donne) o dall'uretra (per gli uomini) sono testate con uno dei seguenti metodi:

    • Il test molecolare, sonde dirette del DNA o NAATs (il test NAAT più sensibile per T.vaginalis) è considerato il test di riferimento per la diagnosi di tricomoniasi. Con alcuni tipi di NAAT, i campioni raccolti per l’esecuzione del test per la gonorrea o per le infezioni da chlamydia possono essere utilizzati anche per l’esecuzione del test per T. vaginalis. La maggior parte dei NAAT possono essere utilizzati sia con campioni vaginali che urinari femminili. Solo alcuni sono approvati per essere utilizzati con campioni maschili.

    Nelle donne, i campioni possono essere raccolti anche durante un esame ginecologico di routine, come durante la raccolta di campioni destinati al Pap test. Tuttavia, la positività al T. vaginalis trovata incidentalmente su campioni raccolti per il Pap Test non è considerata diagnostica per la presenza di molti falsi positivi e falsi negativi.

    • Wet prep – consiste nell’analisi al microscopio di un campione fresco posto su un vetrino ed esaminato immediatamente senza l’utilizzo di particolari colorazioni. Questo test è dotato di scarsa sensibilità, in particolare negli uomini. Le organizzazioni internazionali raccomandano l’esecuzione di un test maggiormente sensibile (come un test molecolare o colturale) nel caso in cui l’esame “wet prep” fornisca un risultato negativo in presenza di un sospetto clinico.

    • Esame colturale – questo test è molto sensibile e specifico ma richiede almeno 7 giorni per l’esecuzione; questo al fine di permettere la crescita di sufficienti quantità di parassita tali da essere rilevate.

    • Altri metodi – includono l’immunofluorescenza diretta e la ricerca degli antigeni di T. vaginalis. 

  • Quando viene prescritto?

    Il clinico può richiedere il test per la ricerca di T. vaginalis nel caso in cui siano presenti sintomi quali, nelle donne, secrezioni vaginali maleodoranti o bruciore o prurito vaginale, e negli uomini dolore durante la minzione. La diagnosi di tricomoniasi non può essere effettuata sulla sola base clinica.

    Il clinico può richiedere il test per la tricomoniasi anche in presenza di un’altra IST. Allo stesso modo, se i risultati confermano l’infezione da T. vaginalis, possono essere richiesti anche i test per la clamidia e la gonorrea; spesso infatti queste IST si verificano insieme.

    Si raccomanda alle donne in trattamento per tricomoniasi di eseguire nuovamente il test a distanza di tre mesi per verificare la presenza di un’eventuale reinfezione dovuta al partner non trattato.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Un risultato positivo indica la presenza di tricomoniasi che richiede un trattamento appropriato. Il o i partner sessuale/i della persona affetta devono sottoporsi al test ed al trattamento per evitare re-infezioni.

    Un test negativo indica l’assenza del parassita e quindi la possibile presenza di altre IST, di malattie con sintomi simili o anche la presenza di quantità insufficienti di parassita da poter essere rilevate. Nel caso in cui il sospetto clinico permanga nonostante la presenza di un risultato negativo, è raccomandata la ripetizione del test, possibilmente con una metodica differente.

  • C’è altro da sapere?

    Una persona infetta è a maggior rischio di altre IST. In particolare, l’infiammazione ai genitali che si verifica in presenza di tricomoniasi può aumentare la suscettibilità di una donna nei confronti dell’HIV, se esposta al virus, o anche alla malattia infiammatoria pelvica.

    La tricomoniasi neonatale, benché rara, può verificarsi e comportare delle complicanze per il neonato.

    La contaminazione fecale del campione può determinare la rilevazione di un organismo non patogeno (Trichomonas hominis) simile nell’aspetto e quindi facilmente confondibile con T. vaginalis all’ osservazione diretta. La presenza di questo organismo non richiede però alcun trattamento.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • È necessario comunicare al proprio partner di essere affetti da tricomoniasi?

    Si, il/i partner sessuale/i dovrebbe essere informato per consentirgli di eseguire il test e sottoporsi al trattamento.

  • Quanto tempo è necessario per l’esecuzione del test?

    Dipende dal metodo utilizzato per la diagnosi. Nel caso in cui l’esame clinico suggerisca un sospetto di tricomoniasi, il clinico eseguirà molto probabilmente il test “wet prep” per ricercare al microscopio il parassita. Esistono anche metodi rapidi per la ricerca di antigeni parassitari per i quali sono necessari solo 10 minuti.

    Tuttavia altri metodi necessitano dell’esecuzione in un laboratorio clinico e quindi di tempi maggiori. L’esame colturale convenzionale può richiedere anche più di 7 giorni mentre il test molecolare può fornire un risultato entro un’ora. È disponibile poi un metodo di coltura per la rilevazione di T. vaginalis in grado di fornire un risultato entro 24-72 ore.

  • Quali complicanze possono derivare dall’infezione di T. vaginalis?

    Se non trattata, nelle donne la tricomoniasi può aumentare il rischio di malattie infiammatoria pelvica o neoplasia della cervice, ossia uno stadio pre-canceroso. Le donne in gravidanza affette da tricomoniasi sono ad alto rischio di parto pre-termine o di partorire neonati di basso peso. Gli uomini sono spesso asintomatici con la conseguente presenza di infezioni croniche e di infezioni ripetute del partner. Queste possono portare a infiammazioni dell’uretra e prostatite. In entrambi i sessi, la tricomoniasi è un fattorie di rischio per l’HIV ed è associata all’infertilità.

  • Come può essere prevenuta l’infezione?

    Il modo più sicuro di proteggersi da questa infezione e dalle altre IST consiste nell’astenersi da rapporti orali, vaginali o anali o comunque da rapporti con molteplici partner sessuali. L’uso del preservativo diminuisce consistentemente il rischio di contrarre le IST.

  • Dove è possibile eseguire il test?

    È necessario rivolgersi al proprio medico che potrà indirizzare il paziente ad un laboratorio di riferimento.

  • In cosa consiste il trattamento?

    Il trattamento è di tipo farmacologico e deve essere seguito sia dal paziente che dal suo partner sessuale. È consigliato astenersi dai rapporti sessuali per 7-10 giorni dopo il trattamento ed eseguire nuovamente il test in caso di ricomparsa dei sintomi.

  • Dopo il trattamento, l’infezione può essere contratta nuovamente?

    Si. Nonostante l’efficacia del trattamento una successiva esposizione può comportare una nuova infezione. Si stima che circa un paziente su cinque trattato per tricomoniasi, venga nuovamente infettato entro tre mesi dall’inizio della terapia.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(© 2000-2017) Testing for Trich. Quest Diagnostics. Available online at http://www.questdiagnostics.com/home/physicians/testing-services/condition/womens-health/trich/testing. Accessed February 2017.

(Reviewed 2014 December 7). Trichomoniasis. MedlinePlus Medical Encylopedia. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001331.htm. Accessed February 2017.

Van Der Pol, B. (2016 January) Clinical and laboratory testing for Trichomonas vaginalis infection. Journal of Clinical Microbiology. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4702717/. Accessed February 2017.

(Reviewed 2016 August 12). 2015 Sexually Transmitted Disease Treatment Guidelines, Trichomoniasis. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/std/tg2015/trichomoniasis.htm. Accessed February 2017.

Smith, D.S. (Updated 2016 October 24). Trichomoniasis workup. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/230617-workup. Accessed February 2017.

(2016 November). Advances in laboratory detection of Trichomonas vaginalis (updated). Association of Public Health Laboratories. Available online at https://www.aphl.org/aboutAPHL/publications/Documents/ID_2016November-Laboratory-Detection-of-Trichomonas-update.pdf. Accessed February 2017.

(© 2017). American Sexual Health Association. Trichomoniasis. Available online at http://www.ashasexualhealth.org/stdsstis/trichomoniasis/. Accessed February 2017.

(Updated 2017 January 31). Trichomoniasis - CDC Fact Sheet. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at http://www.cdc.gov/std/trichomonas/STDFact-Trichomoniasis.htm. Accessed February 2017.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Centers for Disease Control and Prevention: Trichomonas Fact Sheet. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dpd/parasites/trichomonas/factsht_trichomonas.htm.

American Social Health Association: VAGINITIS/TRICHOMONIASIS, Questions & Answers. Available online at http://www.ashastd.org/learn/learn_vag_trich.cfm.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp 1618.

Planned Parenthood: Trichomoniasis. Available online at http://www.plannedparenthood.org/health-topics/stds-hiv-safer-sex/trichomoniasis-4282.htm. Accessed June 2009.

Centers for Disease Control and Prevention. Fact Sheet: Trichomoniasis. Available online at http://www.cdc.gov/std/trichomonas/STDFact-Trichomoniasis.htm. Accessed June 2009.

American Social Health Association: VAGINITIS/TRICHOMONIASIS. Available online at http://www.ashastd.org/learn/learn_vag_trich_tri.cfm. Accessed June 2009.

MedlinePlus Medical Encyclopedia: Trichomoniasis. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001331.htm. Accessed June 2009.

TeensHealth: Trichomoniasis. Available online at http://kidshealth.org/teen/infections/stds/std_trichomoniasis.html. Accessed June 2009.

Petrin D, Delgaty K, Bhatt R, et. al. Clinical and microbiological aspects of Trichomonas vaginalis. Clin Microbio Rev 11:300-317, 1998.

Briselden AM, Hiller SL. Evaluation of Afirm VP microbial identification for Gardnerella vaginalis and Trichomonas vaginalis. J Clin Microbiol 32:148-152, 1994.

DeMeo LR, Draper DL, McGregor JA, et. al. Evaluation of deoxyribonucleic acid probe for the detection of Trichomonas vaginalis in vaginal secretions. Am J Obstet Gynecol 174:1339-1342, 1996.

Rubino S, Muresu R, Rappelli P, et. al. Molecular probe for identification of Trichomonas vaginalis DNA. J Clin Microbiol 29:702-706, 1991.

Witkin SS, Inglis SR, Polaneczky M, et. al. Detection of Chlamydia trachomatis and Trichomonas vaginalis by polymerase chain reaction in introital specimens from pregnant women. Am J Obstet Gynecol 175:165-167, 1996.

Campbell L, Woods V, Lloyd T, Elsayed S, Church DL. Evaluation of the OSOM Trichomonas rapid test versus wet preparation examination for detection of Trichomonas vaginalis vaginitis in specimens from women with a low prevalence of infection. J Clin Microbiol 2008 Oct; 46(10):3467-9.

Centers for Disease Control and Prevention. Trichomoniasis - CDC Fact Sheet. Available online at http://www.cdc.gov/std/trichomonas/STDFact-Trichomoniasis.htm. Page last updated August 3, 2012. Accessed January 2013.

Centers for Disease Control and Prevention. Sexually Transmitted Disease Treatment Guidelines. Available online at http://www.cdc.gov/std/treatment/2010/genital-ulcers.htm#hsv. Page last reviewed January 28, 2011. Accessed January 2013.

American Sexual Health Association. Trichomoniasis. Available online at http://www.ashastd.org/std-sti/trichomoniasis.html. Copyright 2012. Accessed January 2013.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. Trichomoniasis. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001331.htm. Accessed January 2013.

Mission Pharmacal Company. Trichomoniasis: The most common curable sexually transmitted disease. Available online at http://www.trichomoniasis.org/Diagnosis/Index.aspx. Copyright 2013. Accessed January 2013.

Arup Laboratories. Laboratory Test Directory. Available online through http://www.aruplab.com/. Accessed April 2013.

Quest Diagnostics. Test Center.  Available online through http://www.questdiagnostics.com. Accessed April 2013.