Noto anche come
Tipizzazione tissutale
Test di istocopatibilità HLA
Nome ufficiale
Antigene Leucocitario Umano (Human Leukocyte Antigen, HLA)
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 30.01.2019.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Questo esame viene di solito eseguito nell'ambito del trapianto d'organo, in persone che si preparano a ricevere o a donare un organo. Il test identifica i geni HLA (human leukocyte antigen) e gli antigeni ereditati e rileva gli anticorpi diretti contro gli antigeni HLA che potrebbero comportare un insuccesso nel trapianto; il test consente inoltre di identificare l'antigene HLA nelle piastrine dei donatori di sangue, per verificare la compatibilità trasfusionale.

Quando Fare il Test?

Di solito vengono sottoposte al test le persone che dovranno sottoporsi ad un trapianto d'organo o di cellule staminali ematopoietiche. Prima del trapianto, i potenziali donatori vengono testati per valutare la compatibilità con uno specifico ricevente o per essere inseriti all'interno del registro nazionale trapianti.

Le trasfusioni piastriniche talvolta non hanno successo a causa della presenza di anticorpi HLA. Per migliorare la risposta, in questi casi, vengono accoppiati donatori e riceventi HLA-compatibili.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio; talvolta un tampone ottenuto dalla mucosa orale.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

Gli antigeni leucocitari umani (HLA, Human leukocyte antigens) sono proteine specializzate presenti sulla superficie di tutte le cellule dell'organismo, eccetto i globuli rossi. I geni HLA ereditati da un individuo sono responsabili dell'espressione di specifici antigeni HLA sulla superficie delle cellule. Il test, eseguito per verificare la compatibilità HLA, identifica i geni codificanti e gli antigeni HLA presenti sulla superficie delle cellule e gli anticorpi diretti verso gli altri antigeni HLA, eventualmente presenti.

Negli esseri umani, i geni HLA sono localizzati in una regione del cromosoma 6 chiamata complesso maggiore di istocompatibilità (MHC, major histocompatibility complex). L'MCH gioca un ruolo fondamentale nel sistema immunitario, consentendogli di discriminare tra ciò che appartiene all'organismo stesso, il "self", e ciò che è estraneo, il "non self". Qualsiasi cellula riconosciuta come "non self" è in grado di innescare una risposta immunitaria, con conseguente produzione anche di anticorpi. Il test di ricerca degli anticorpi HLA viene pertanto eseguito su tutti i riceventi un organo trapiantato, così da rilevare la presenza di anticorpi che potrebbero attaccare gli antigeni HLA degli organi o tessuti del donatore. Questo esame viene eseguito anche in caso di trasfusioni piastriniche per rilevare la presenza di qualsiasi anticorpo che potrebbe attaccare le piastrine del donatore e inficiare la riuscita della trasfusione.

Nel caso di trapianto di cellule staminali ematopoietiche, i geni HLA del donatore e del ricevente devono essere gli stessi o molto simili, così da limitare il rischio di incompatibilità e quindi di graft-versus-host disease  (GVHD).

In caso di trapianto di organi solidi, come i reni, il cuore o i polmoni, è fondamentale la compatibilità AB0. Dopo aver verificato la compatibilità del gruppo sanguigno AB0, è importante poi verificare anche la compatibilità HLA tra donatore e ricevente. Diversamente dalla compatibilità AB0 però, la mancanza di compatibilità HLA è meno critica fintanto che il ricevente non sviluppa gli anticorpi diretti verso gli antigeni HLA del donatore. Il rischio di rigetto d'organo può essere quindi limitato somministrando al ricevente una terapia immunosoppressiva.

La ricerca di donatori e riceventi compatibili può essere difficile. Questo in parte è dovuto al fatto che il gene HLA è polimorfico, ossia esiste in moltissime varianti, chiamate alleli. Inoltre, sul cromosoma 6 sono presenti più di 200 geni che costituiscono la famiglia dei geni HLA. Considerando le tantissime possibili combinazioni e tanti alleli del gene HLA, la ricerca di una compatibilità donatore-ricevente può essere molto complessa, in modo particolare quando il ricevente possiede già degli anticorpi anti-HLA.

Tuttavia, i geni HLA sono localizzati vicini e vengono ereditati insieme sotto forma di aplotipi: ciascuna persona eredita un aplotipo da ciascun genitore. Questo è il motivo per il quale è molto più probabile che i familiari siano HLA compatibili. Spesso i parenti di un ricevente sono i migliori donatori.

Per maggiori dettagli si rimanda all'articolo "L'universo dei test genetici".

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Lo scopo principale per l'esecuzione dell'esame di tipizzazione HLA è quello di verificare la compatibilità donatore-ricevente in caso di donazione di organi e/o tessuti.

    I test HLA includono lo screening del ricevente alla ricerca della presenza di anticorpi in grado di riconoscere i tessuti/organi del donatore e attaccarli.

    Esistono diversi tipi di trapianti, ciascuno dei quali richiede un livello diverso di compatibilità donatore-ricevente. Pertanto, sulla base delle necessità, possono cambiare gli esami eseguiti e i geni ricercati.

    Esistono tipicamente tre gruppi di test utilizzati per determinare la compatibilità HLA:

    • Tipizzazione antigenica HLA di donatore e ricevente - questi esami coinvolgono l'identificazione degli alleli HLA. I familiari di pazienti affetti o i volontari per la donazione di cellule staminali ematopoietiche o di organi e tessuti, vengono sottoposti al test per verificare la compatibilità con la persona che necessita del trapianto. I risultati del test vengono utilizzati per verificare la presenza di una compatibilità con i riceventi.
    • Screening del ricevente per la ricerca di anticorpi anti-HLA - nel sangue della persona che necessita di un trapianto, vengono ricercati gli anticorpi anti-HLA che potrebbero attaccare l'organo/tessuto trapiantato. Alcune persone possiedono anticorpi anti-HLA specifici, sviluppatisi in seguito all'esposizione ad antigeni non-self. Esistono essenzialmente tre motivi per i quali potrebbe esserci un'esposizione agli antigeni HLA non self: gravidanza, in maniera particolare nelle gravidanze multiple (a causa dell'esposizione agli antigeni HLA di origine paterna presenti nel feto), trasfusioni di sangue o piastrine, precedenti trapianti. Una volta che si sono formati, gli anticorpi anti-HLA devono essere tenuti in considerazione nella valutazione della compatibilità poiché potrebbero attaccare gli organi e tessuti caratterizzati dalla presenza di quegli stessi antigeni HLA.
      I test per lo screening degli anticorpi anti-HLA dovrebbero essere eseguiti periodicamente nelle persone in attesa di trapianto, per verificare l'eventuale comparsa di nuovi anticorpi in grado di riconoscere altri antigeni HLA diversi dai precedenti. I test per la ricerca degli anticorpi anti-HLA possono essere richiesti anche dopo un trapianto, per verificare l'eventuale sviluppo di anticorpi diretti contro l'organo/tessuto trapiantato. La presenza di anticorpi anti-HLA formatisi in seguito al trapianto, aumenta il rischio di rigetto.
    • Compatibilità linfocitaria - questi esami devono essere eseguiti in alcuni casi in seguito all'identificazione di un potenziale donatore. Consentono di verificare la presenza di anticorpi nel ricevente in grado di attaccare antigeni esposti sulla superficie dei linfociti del donatore. Il siero del ricevente viene mescolato con i globuli bianchi (linfociti T e B) del donatore. La presenza di una reazione (risultato positivo) indica un'incompatibilità tra donatore e ricevente. Il risultato del test deve essere sempre interpretato in accordo alle informazioni riguardanti la tipizzazione HLA del donatore e la presenza di eventuali anticorpi anti-HLA nel ricevente.
       

    Poiché il sistema MCH è implicato nel riconoscimento del "self" e del "non self", i test di tipizzazione HLA possono essere utilizzati anche per la formulazione della diagnosi di alcune malattie, come le malattie autoimmuni. In questo tipo di patologie, l'organismo attiva una risposta immunitaria inappropriata producendo autoanticorpi in gradi di riconoscere ed attaccare cellule appartenenti all'organismo stesso. Esistono più di 100 patologie associate con particolari geni HLA, come la spondilite anchilosante che è associata alla presenza dell'allele HLA-B27. La tipizzazione HLA può essere importante anche per prevenire delle reazioni verso particolari farmaci che hanno dimostrato instaurare particolari effetti collaterali in relazione al genotipo HLA.

  • Quando viene prescritto?

    Ricevente:

    Gli esami per la tipizzazione dei geni o degli antigeni HLA o per la ricerca di anticorpi anti-HLA vengono in primo luogo eseguiti nella persona che necessita di un trapianto. I geni e gli antigeni HLA non variano a meno che la persona non subisca un trapianto di cellule staminali ematopoietiche. I test per la ricerca di anticorpi anti-HLA devono invece essere eseguiti periodicamente perché alcuni eventi, come la gravidanza, potrebbero comportare la comparsa di anticorpi anti-HLA prima assenti. Gli anticorpi anti-HLA possono svilupparsi anche in seguito alla trasfusione di sangue o piastrine.

    Dopo il trapianto, la presenza di anticorpi diretti contro gli antigeni del donatore può indicare, insieme ad altre valutazioni (ad es.tramite l'analisi di un prelievo bioptico dell'organo trapiantato) la presenza di un rigetto. Queste informazioni sono cruciali per il clinico, in modo che possa verificare la presenza del rigetto e trattarlo immediatamente.

    Donatore:

    La tipizzazione di geni e antigeni HLA nel donatore viene eseguita in persone, di solito familiari, che potrebbero essere compatibili con una persona che necessita di un trapianto di rene, fegato, cellule staminali ematopoietiche o altro. Anche le persone che desiderano essere inserite nel registro nazionale dei donatori di midollo osseo vengono sottoposti a questi esami.

    In caso di donazione di organi post-mortem, la verifica della compatibilità del gruppo sanguigno AB0 e degli antigeni HLA deve essere molto rapida. La quantità di tempo disponibile dipende dall'organo che deve essere trapiantato e può variare da poche ore (ad esempio da 4 a 6 ore per cuore e polmoni) a qualche giorno (ad esempio 48-72 ore per i reni o 12-24 ore per il fegato).

    I test di compatibilità devono essere eseguiti prima dell'esecuzione del trapianto, per verificarne la compatibilità. Nel caso di donatore vivente, i test possono essere eseguiti anche più di una volta: al momento dell'identificazione iniziale del donatore e subito prima dell'esecuzione del trapianto.

  • Cosa significa il risultato del test?

    L'identificazione dei geni e degli antigeni HLA tramite i test di tipizzazione, consente di verificare la presenza di compatibilità tra donatore e ricevente. Il risultato della tipizzazione di un potenziale donatore viene confrontato con quello del ricevente. I risultati indicano quanti antigeni compatibili e quanti antigeni diversi sono presenti. Un risultato di incompatibilità pari a 0 indica che con buona probabilità l'organo o tessuto trapiantato non verrà rigettato.

    E' molto importante che nel ricevente non siano presenti anticorpi anti-HLA. Il trapianto di un organo o tessuto a una persona con anticorpi anti-HLA deve essere valutata attentamente a causa dell'alto rischio di rigetto.

    Un risultato di incompatibilità donatore-ricevente indica che con buona probabilità l'organo verrà rigettato. Il rigetto può essere o non essere evitato tramite varie terapie immunosoppressive.

  • C'è altro da sapere?

    I test di tipizzazione HLA vengono eseguiti in laboratori specializzati in grado di eseguire analisi di istocompatibilità, ossia la verifica della compatibilità tra donatore e ricevente, e di immunogenetica, ossia lo studio della relazione esistente tra il sistema immunitario, la genetica e lo sviluppo delle patologie.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Oltre che per la verifica della compatibilità tissutale, per quali altri motivi possono essere richiesti i test di tipizzazione HLA?

    Storicamente, i test HLA venivano utilizzati per identificare qualcuno (analisi forensi) o per verificare il grado di parentela (test di paternità). Adesso sono tuttavia disponibili altri test genetici utili allo scopo. Possono però essere usati per gli studi di ipersensibilità ad alcuni farmaci o di predisposizione allo sviluppo di alcune malattie.

  • Per quale motivo potrebbe essere richiesto lo studio di specifici alleli HLA?

    La presenza di alcuni alleli dei geni HLA è associata alla presenza di alcune malattie autoimmuni. Non si tratta di esami diagnostici ma possono essere utili nella formulazione o nell'esclusione di una diagnosi. Inoltre sono state documentate delle relazioni esistenti tra alcune varianti alleliche HLA e la sensibilità ad alcuni farmaci. I fattori genetici possono influenzare il dosaggio di alcuni farmaci, determinando delle variabilità inter-individuali su base genetica. Attualmente, i test di tipizzazione HLA consentono in alcuni casi di selezionare i farmaci più efficaci, limitando gli effetti collaterali e massimizzando gli effetti terapeutici.

    Alcuni esempi includono:

    Gene/Antigene Patologie e Associazioni
    HLA-B27 Spondilite anchilosante, Artrite reumatoide giovanile, Artrite reattiva
    HLA-DQ2 e HLA-DQ8 Celiachia
    HLA-DQB*06:02 Narcolessia
    HLA-B*57:01 Ipersensibilità all'abacavir
    HLA-B*15:02 Ipersensibilità alla carbamazepina
  • Il gruppo sanguigno (AB0) è influenzato dai geni e antigeni HLA?

    No. Sebbene entrambi i sistemi siano ereditari e siano importanti per la compatibilità, sono indipendenti l'un l'altro. I geni responsabili del sistema AB0 sono localizzati sul cromosoma 9, mentre quelli del sistema HLA sul cromosoma 6.

  • Cos'è la graft-versus-host disease (GVHD)?

    La GVHD è una condizione clinica alla quale un ricevente può andare in contro nel caso in cui riceva un organo o tessuto non perfettamente compatibile da parte di un donatore estraneo. Questo tipo di trapianto si chiama allogenico. Sebbene la maggior parte delle GVHD si verifichi in seguito ad un trapianto di cellule staminali ematopoietiche, può avvenire anche in seguito al trapianto di organi solidi. Le cellule del sistema immunitario del donatore (ad esempio i linfociti T) attaccano le celle e i tessuti del ricevente, riconosciuti come estranei. Di solito, in caso di trapianto di cellule staminali ematopoietiche, il midollo osseo del ricevente viene distrutto prima del trapianto. Poiché spesso il ricevente è immunocompromesso, il sistema immunitario non attiva una risposta verso l'organo donato.

    La GVHD può essere lieve o grave e, talvolta, potenzialmente letale. I sintomi includono eruzioni cutanee, vescicole, diarrea e itterizia. Può essere acuta, se avviene entra 100 giorni dal trapianto, o cronica, se si sviluppa dopo 3-6 mesi dal trapianto.

    La GVHD lieve rappresenta un buon segno in caso di trapianto allogenico utilizzato per il trattamento del cancro. Significa che le cellule immunitarie del donatore si attivano per distruggere il cancro e rimanere all'interno del ricevente: in questo caso si parla di effetto trapianto-versus-leucemia. E' noto che le persone affette da cancro con una lieve GVHD hanno una prognosi migliore.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2017 review performed by Wyenona Hicks, MS, MT(ASCP)SBB, Dean R. Sylvaria, BS, CHS Supervisor, Histocompatibility Lab Beth Israel Deaconess Medical Center and the Lab Tests Online Editorial Review Board.

Ming Ta Michel Lee, Surakameth Mahasirimongkol, Yanfei Zhang, Wimon Suwankesawong, Usa Chaikledkaew, Cristiana Pavlidis, George P. Patrinos, Wasun Chantratita. Clinical application of pharmacogenomics: The example of HLA-based drug-induced toxicity. Public Health Genomics 2014;17(5-6):248-55.

(April 11, 2017) Human Leukocyte Antigens. NIH National Library of Medicine. Available online at https://ghr.nlm.nih.gov/primer/genefamily/hla. Accessed on 04/12/2017.

(February 2013) Craig M Rive, Jack Bourke, and Elizabeth J Phillips. Testing for Drug Hypersensitivity Syndromes. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3626363/. Accessed on 04/12/2017.

(May 2, 2016) Frequently Asked Questions About Pharmacogenomics. NIH National Human Genome Research Institute. Available online at https://www.genome.gov/27530645/faq-about-pharmacogenomics/. Accessed on 04/12/2017.

(2015) Graft-versus-host disease. Be The Match. Available online at https://bethematch.org/for-patients-and-families/life-after-transplant/graft-versus-host-disease--gvhd-/. Accessed on 04/12/2017.

(©2017) Mayo Medical Laboratoryies. Narcolepsy-Associated Antigen, HLA-DQB1 Typing, Blood. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/82026. Accessed June 2017.

(June 17, 2002) Smith S. Immunologic Aspects of Organ Transplantation. Medscape. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/436533_11. Accessed June 2017.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

(Reviewed 2009 February). HLA gene family. Genetics Home Reference [On-line information]. Available online at http://ghr.nlm.nih.gov/geneFamily=hla. Accessed November 2009.

Malhotra, P. et. al. (Updated 2009 July 28). Immunology of Transplant Rejection [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/432209-overview. Accessed November 2009.

Delves, P. (Revised 2008 September). Human Leukocyte Antigen (HLA) System. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mmpe/sec13/ch163/ch163c.html#sec13-ch163-ch163c-70. Accessed November 2009.

Cassinotti, A. et. al. (© 2009). HLA and Autoimmune Digestive Disease: A Clinically Oriented Review for Gastroenterologists. Am J Gastroenterol 2009; 104:195–217 [On-line information]. Available online at http://www.nature.com/ajg/journal/v104/n1/full/ajg200810a.html. Accessed November 2009.

Hahn, A. ( © 2008). About Histocompatibility and Immunogenetics. American Society for Histocompatibility and Immunogenetics (ASHI) [On-line information]. PDF available for download at http://www.ashi-hla.org/docs/news/ASHI_Science_fact_sheet_Web.pdf. Accessed November 2009.

Greco, F. (Updated 2009 January 1). Histocompatibility antigen test. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003550.htm. Accessed November 2009.

Murphey, C. and Forsthuber, T. (2008 July 07). Trends in HLA Antibody Screening and Identification and Their Role in Transplantation. Medscape from Expert Review of Clinical Immunology [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/575925. Accessed November 2009.

Kankonkar (2003 October). HLA – SYSTEM. Bombay Hospital Journal. [On-line information]. Available online at http://www.bhj.org/journal/2003_4504_oct/hla_system_549.htm. Accessed November 2009.

Williams, T. (2001 August). Human Leukocyte Antigen Gene Polymorphism and the Histocompatibility Laboratory. Journal of Molecular Diagnostics, v3(3) [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1906958/?tool=pubmed. Accessed November 2009.

(Revised 2009 October). What Is a Blood and Marrow Stem Cell Transplant? National Heart Lung and Blood Institute [On-line information]. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/bmsct/bmsct_whatis.html. Accessed November 2009.

Smith, S. (2002 June 17). Immunologic Aspects of Organ Transplantation. Medscape from Organ Transplantation: Concepts, Issues, Practice, and Outcomes [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/436533_print. Accessed November 2009.

Waknine, Y. (2007 December 13). FDA Warns of Genetic Link to Carbamazepine Skin Reactions. Medscape Today [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/567436. Accessed November 2009.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007 Pp 883-890.

Encyclopedia of Surgery: A Guide for Patients and Caregivers: Human Leukocyte Antigen Test. Available online at http://www.surgeryencyclopedia.com/Fi-La/Human-Leukocyte-Antigen-Test.html. Accessed February 2010.

(June 2, 2004) University of Texas Medical Branch: The Kidney Transplant Process. Available online at http://www.utmb.edu/renaltx/process.htm. Accessed February 2010.

Anne Halpin CHS MSc BSc MLT. Laboratory Scientist, Histocompatibility Laboratory, University of Alberta Hospital.

Greco, F. (Updated 2011 February 2). Histocompatibility antigen test. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003550.htm. Accessed November 2013.

(© 1996-2013). HLA Matching. Be the Match [On-line information]. Available online at http://bethematch.org/For-Patients-and-Families/Finding-a-donor/HLA-matching/. Accessed November 2013.

Malhotra, P. et. al. (Updated 2013 April 16) Immunology of Transplant Rejection. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/432209-overview#showall. Accessed November 2013.

(© 1995-2013). HLA Class II Molecular Typing Disease Association. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/34990. Accessed November 2013.

(© 1995-2013). HLA Class I Molecular Typing Disease Association. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/89185. Accessed November 2013.

(© 2013). HLA Typing/Matching. UC Davis Transplant Center [On-line information]. Available online at http://www.ucdmc.ucdavis.edu/transplant/learnabout/learn_hla_type_match.html. Accessed November 2013.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 561.

McPherson, R. and Pincus, M. (© 2011). Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods 22nd Edition: Elsevier Saunders, Philadelphia, PA. Pp 946-947.