Noto anche come
Aminofillina
Nome ufficiale
Teofillina e Caffeina
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
19.04.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Il test viene effettuato per misurare la concentrazione di teofillina o caffeina nel sangue in modo da stabilire un appropriato dosaggio e per mantenere una certa concentrazione terapeutica.

Quando Fare il Test?

All’inizio della terapia farmacologica e ad intervalli regolari per monitorarne la concentrazione; se richiesto, per rilevare concentrazioni potenzialmente tossiche o troppo basse.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio o tramite la puntura del tallone (neonati).

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

La teofillina e la caffeina sono farmaci (metilxantine) che aiutano e stimolano la respirazione. Questi test misurano la quantità di teofillina e caffeina nel sangue allo scopo di valutare il corretto dosaggio di questi farmaci o per monitorarne le concentrazioni terapeutiche.

La teofillina è uno dei farmaci utilizzati nel trattamento di adulti e bambini affetti da asma o di adulti con una patologia polmonare cronico ostruttiva (broncopneumopatia cronica ostruttiva, BPCO). E’ un broncodilatatore con una finestra terapeutica ristretta (dosi troppo basse di teofillina sono inefficaci mentre dosi eccessive sono tossiche). Per l’asma sono disponibili formulazioni sia a breve che a lunga durata di azione. La tossicità acuta della teofillina si manifesta con tachicardia e nausea. La tossicità cronica invece è associata con un incrementato rischio di convulsioni e aritmie cardiache. Sia la tossicità acuta che cronica possono essere pericolose per la vita.

La caffeina è utilizzata frequentemente negli adulti come analgesico (per alleviare il dolore), come rimedio per l’emicrania, per aumentare il livello di attenzione e diminuire la sonnolenza.

E’ anche il farmaco d’elezione per il trattamento di apnea in neonati prematuri. L’apnea è una condizione frequente nei neonati prematuri e, poiché limita la quantità di ossigeno che può raggiungere i tessuti, deve essere tempestivamente trattata e attentamente monitorata. Anche la teofillina è in grado di ridurre gli episodi di apnea ma, vista la maggiore tossicità rispetto alla caffeina, quest’ultima viene preferita nel trattamento dei neonati prematuri. A dosi elevate, gli effetti della tossicità della caffeina sono comunque simili a quelli della teofillina.

Può essere difficile stabilire e mantenere il dosaggio terapeutico di questi farmaci. Sia i livelli di teofillina che di caffeina devono essere attentamente monitorati perché l’intervallo di concentrazione dentro il quale questi farmaci sono efficaci senza essere tossici è molto ristretto e spesso il dosaggio somministrato non correla bene con le quantità di farmaco rilevate nel sangue.

La velocità con la quale questi farmaci vengono metabolizzati ha una notevole variabilità inter-personale; diminuisce nei bambini e negli anziani e aumenta nei fumatori. I livelli di questi farmaci possono essere influenzati anche da condizioni come polmonite, malattie del fegato e ipotiroidismo, e da infezioni acute o malattie. Molti farmaci interagiscono e interferiscono con il metabolismo della teofillina e della caffeina; questo può aumentare o diminuire la velocità con la quale vengono metabolizzate.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio tramite la puntura del tallone (neonati).

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La misura della teofillina e della caffeina nel sangue viene utilizzata nel monitoraggio della quantità di questi farmaci nel sangue e per stabilire e mantenere l’appropriato dosaggio terapeutico. La teofillina e la caffeina vengono utilizzate per facilitare e stimolare la respirazione.

    Il test per la teofillina viene  richiesto normalmente al livello basale, ossia prima della successiva somministrazione, quando si presume essere ad un livello minimo. Può anche essere richiesto qualora il clinico sospetti la presenza di effetto tossici indotti dall’assunzione di teofillina. In pazienti con alti livelli di teofillina possono essere effettuati più prelievi ad intervalli di tempo regolari in modo da valutarne la quantità nel sangue, fino al raggiungimento della concentrazione terapeutica.

    Diversamente dalla teofillina, la terapia con caffeina non viene normalmente monitorata. Di solito i neonati prematuri ai quali viene somministrata la caffeina sono attentamente monitorati clinicamente per gli episodi di apnea, per l’eventuale comparsa di effetti tossici e per gli effetti fisiologici della caffeina. La maggior parte dei neonati trattati risponde a dosi terapeutiche standard senza la necessità di un monitoraggio dei livelli di caffeina nel sangue. Il test viene perlopiù richiesto in neonati non rispondenti alla terapia e in quelli che mostrano gli effetti di una tossicità da caffeina. Nei neonati il dosaggio giornaliero e l’emivita della caffeina comportano normalmente una stabilità nei livelli di caffeina nel sangue; perciò non è necessario prelevare un campione allo stato basale ma può essere prelevato in qualsiasi momento della giornata.

  • Quando viene prescritto?

    Quando un paziente inizia una terapia con teofillina, il test può essere richiesto più volte per valutarne ed eventualmente aggiustarne il dosaggio, fino a che non venga raggiunto il dosaggio terapeutico.
    Può inoltre essere richiesto nel caso in cui il clinico sospetti la comparsa di effetti avversi e nel caso di mancata risposta alla terapia. I soggetti in trattamento per gli effetti tossici indotti dalla teofillina, possono essere sottoposti più volte al test. Infine può essere richiesto nel caso in cui un paziente in terapia con la teofillina, cambi in maniera significativa il proprio stato di salute o cominci una terapia con farmaci noti per le possibili interazioni con il metabolismo della teofillina.

    sintomi associati con la tossicità acuta da teofillina includono:

    • Bassa pressione
    • Tachicardia
    • Irrequietezza
    • Tremori
    • Nausea
    • Dolori addominali
    • Stato di confusione
    • Perdita di appetito (anoressia)
       

    Il test per la caffeina può invece essere richiesto nei neonati qualora il clinico sospetti la presenza di effetti collaterali correlati ai suoi alti livelli o nel caso in cui il neonato non risponda alla terapia. I segni e sintomi associati con gli alti livelli di caffeina nei neonati possono includere:

    • Difficoltà nell’assunzione e nella digestione di latte materno o artificiale
    • Nervosismo
    • Tremori
    • Irritabilità
    • Tachicardia
    • Convulsioni
  • Cosa significa il risultato del test?

    La concentrazione terapeutica di teofillina, se utilizzata come broncodilatatore nel trattamento dell’asma, è normalmente in un intervallo di 5-15 μg/mL (28-83 micromol/L) per gli adulti e di 5-10 μg/mL (28-55 micromol/L) per bambini e neonati. Livelli maggiori di 20 μg/mL (111 micromol/L) vengono considerati tossici anche se alcune persone possono avere effetti collaterali anche a concentrazioni inferiori. Nel caso in cui venga usata per il trattamento dell’apnea nei neonati prematuri, allora l’intervallo terapeutico è di 6-11 μg/mL (33-61 micromol/L).

    L’intervallo terapeutico della caffeina per il trattamento dell’apnea nei neonati prematuri è più ampio, di 5-20 μg/mL (25-103 micromol/L), mentre concentrazioni superiori a 20 μg/mL (103 micromol/L) sono considerate tossiche. Infine, concentrazioni superiori a  a 50 μg/mL (257 micromol/L) sono considerati valori critici.
    Livelli bassi di teofillina e caffeina possono invece indicare un mancato raggiungimento della concentrazione terapeutica e che quindi i livelli di questi farmaci nel sangue sono insufficienti per essere efficaci.
    Se questi farmaci vengono rilevati nel sangue a concentrazioni all’interno degli intervalli terapeutici, allora si avranno gli effetti terapeutici desiderati in assenza di effetti collaterali. Il rischio di incorrere in effetti collaterali aumenta a concentrazioni maggiori.

  • C’è altro da sapere?

    La teofillina può interagire con molti farmaci e composti. Nel caso in cui il clinico prescriva la teofillina, è importante che il paziente riferisca tutti i farmaci (acquistabili con e senza prescrizione medica) che assume usualmente, inclusi contraccettivi orali o altri prodotti erboristici come echinacea, camomilla o ginko. E’ necessario inoltre che il paziente riferisca al medico le quantità di alcool e caffeina assunti abitualmente e se è o meno un fumatore.

    Attualmente l’uso della teofillina come broncodilatatore è diminuito ed ha lasciato campo a trattamenti per l’asma più efficaci e meno tossici.

    Nei neonati, una quantità significativa di teofillina (8,5%) è metabolizzata a caffeina. Ciò si verifica meno nei bambini e negli adulti. Nel caso in cui la concentrazione di teofillina sia all’interno dei livelli terapeutici ma il neonato manifesti i segni e sintomi di tossicità, allora è necessario valutare anche le concentrazioni di caffeina. Allo stesso modo, la teofillina è uno dei metaboliti della caffeina.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Reviewer June 2015: Irene Shu, PhD, DABCC, Assistant Laboratory Director, USDTL.

Dasgupta A. (© 2012). Therapeutic Drug Monitoring: Newer Drugs and Biomarkers 1st Edition: Elsevier, Inc. Waltham, MA. P 23.

Lee M. (© 2013). Basic Skills in Interpreting Laboratory Data 5th Edition: American Society of Health-System Pharmacists, Inc. Bethesda, MD.

Baselt R.C. (© 2014). Disposition of Toxic Drugs and Chemicals in Man 10th Edition: Biomedical Publications. Seal Beach, CA. Pp 327-330, 1964-1967.

National Heart, Lung and Blood Institute. National Asthma Education and Prevention Program (2007 August 28) Expert Panel Report 3: Guidelines for the Diagnosis and Management of Asthma. P 335.

Pesce AJ., Rashkin M. and Kotagal U. (1998). Standards of laboratory practice: theophylline and caffeine monitoring. Clin Chem, 44, 1124-1128.

(2015, April 1, Revised) Mayo Clinic. Drugs and Supplements Theophylline (oral route). Available online at http://www.mayoclinic.org/drugs-supplements/theophylline-oral-route/description/drg-20073599 throughhttp://www.mayoclinic.org. Accessed on 6/3/2015.

(2013, December 19, Revised) Medscape. Theophylline Level. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2090395-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed on 6/3/2015.

Hymel, Greg MD (2013 March 8, Revised). Medscape. Theophylline Toxicity Clinical Presentation. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/818847-clinical through http://emedicine.medscape.com. Accessed on 6/3/2015.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp 1280, 1490-1491.

Ram, F. (2006 March 8). Use of Theophylline in Chronic Obstructive Pulmonary Disease: Examining the Evidence. Medscape From Current Opinion in Pulmonary Medicine [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/524508 through http://www.medscape.com. Accessed on 9/14/08.

Kirkland, L. and Horn, A. (2008 May 29). Toxicity, Theophylline. eMedicine [On-line information]. Available online at http://www.emedicine.com/med/TOPIC2261.HTM through http://www.emedicine.com. Accessed on 9/14/08.

(© 2008). What is Asthma? American Lung Association [On-line information]. Available online at http://www.lungusa.org/site/c.dvLUK9O0E/b.4061173/apps/s/content.asp?ct=5314727 through http://www.lungusa.org. Accessed on 9/14/08.

(2007 December). Asthma Medications Chart. American Lung Association [On-line information]. Available online at http://www.lungusa.org/site/pp.asp?c=dvLUK9O0E&b=263990 through http://www.lungusa.org. Accessed on 9/14/08.

Buck, M. (2008 June). Caffeine Citrate for the Treatment of Apnea of Prematurity. Pediatric Pharmacotherapy v14 (6) [On-line information]. Available online at http://www.healthsystem.virginia.edu/internet/pediatrics/pharma-news/ throughhttp://www.healthsystem.virginia.edu. Accessed on 9/14/08.

Natarajan, G. et. al. (2007 May 1). Therapeutic Drug Monitoring for Caffeine in Preterm Neonates: An Unnecessary Exercise? Pediatrics Vol. 119 No. 5 May 2007, Pp. 936-940. [On-line information]. Available online at http://pediatrics.aappublications.org/cgi/content/abstract/119/5/936 through http://pediatrics.aappublications.org. Accessed on 9/14/08.

(2007 August 1, Reviewed). Theophylline. MedlinePlus Drug Information [On-line information]. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/medmaster/a681006.html. Accessed on 9/14/08.

Perez, E. (2008 January 23). Aminophylline overdose. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002572.htm. Accessed on 9/14/08.

(© 2007). American Academy of Allergy, Asthma and Immunology. Tips to Remember: Asthma and allergy medications [On-line information]. Available online at http://www.aaaai.org/patients/publicedmat/tips/asthmaallergymedications.stm through http://www.aaaai.org. Accessed on 9/14/08.

Pesce, A. et. al. (1998). Standards of laboratory practice: theophylline and caffeine monitoring. Clinical Chemistry 44:5 1124–1128 [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/cgi/content/full/44/5/1124 throughhttp://www.clinchem.org.

Klein, J. (2008 June 26, Modified). Management of Neonatal Apnea. Iowa Neonatology Handbook: Pulmonary [On-line information]. Available online at http://www.uihealthcare.com/depts/med/pediatrics/iowaneonatologyhandbook/pulmonary/managementapnea.html through http://www.uihealthcare.com. Accessed on 9/21/08.

Baselt, R.C., (2002). Disposition of Toxic Drugs and Chemicals in Man, Sixth Edition. Biomedical Publications, Foster City, CA. Caffeine, Pp. 149 – 152; Theophylline, Pp. 1013 – 1017.

Hammett-Stabler, C.A., and A. Dasgupta (2007). Therapeutic Drug Monitoring Data: A Concise Guide, Third Edition. AACC Press, Washington, D.C., Pp. 222 – 230.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006. Appendix, Pp. 2304 and 2314.

Yew, D. and Laczek, J. (Updated 2011 May 6) Caffeine Toxicity. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/821863-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2012.

Hymel, G. (Updated 2011 July 12). Theophylline Toxicity in Emergency Medicine. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/818847-overview throughhttp://emedicine.medscape.com. Accessed February 2012.

(2011 February 1). How Is Asthma Treated and Controlled? National Heart Lung and Blood Institute [On-line information]. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/asthma/treatment.html throughhttp://www.nhlbi.nih.gov. Accessed February 2012.

Heller, J. (Updated 2011 January 19). Aminophylline overdose. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002572.htm. Accessed February 2012.

(Updated 2012 January 6). Asthma Medicines: Long-term Control. Healthychildren.org [On-line information]. Available online at http://www.healthychildren.org/English/health-issues/conditions/allergies-asthma/pages/Asthma-Medicines-Long-term-Control.aspx through http://www.healthychildren.org. Accessed February 2012.

(© 1995–2012). Test ID: CAFF8754 Caffeine, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/8754 throughhttp://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed February 2012.

(© 1995–2012). Test ID: THEO8661 Theophylline, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/8661 throughhttp://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed February 2012.

Wise, R. (Modified 2010 January). Chronic Obstructive Pulmonary Disease. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed February 2012.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 367, 582.