Noto anche come
Peptide Natriuretico di tipo B
Frammento amminoterminale del pro peptide di tipo B
BNP/NT-proBNP
Nome ufficiale
Peptide Natriuretico di tipo B
Frammento ammino-terminale del pro peptide natriuretico di tipo B
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 12.04.2022.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per rilevare, diagnosticare e valutare la gravità di malattie cardiache, soprattutto l'insufficienza cardiaca acuta o cronica, e talvolta anche per stabilire l’approccio terapeutico adeguato o monitorarne l’efficacia.

Quando Fare il Test?

In presenza di sintomi come respiro affannoso, stato di affaticamento, gonfiore alle caviglie ed alle gambe, dopo un attacco cardiaco o in persone in trattamento per scompenso cardiaco.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio, dopo almeno 15 minuti di riposo in posizione seduta.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

Il peptide natriuretico di tipo B (BNP) e il frammento amminoterminale del pro peptide natriuretico di tipo B (NT-proBNP) sono piccole proteine o parti di esse (peptidi), normalmente prodotte nel cuore e rilasciate in caso di sollecitazioni cardiache. Il rilascio di queste proteine è conseguente alla ritenzione di liquidi, l'aumento del volume nelle arterie e nelle vene e la sollecitazione e stiramento delle cellule muscolari cardiache. Il test misura la concentrazione di BNP e/o NT-proBNP nel sangue, per rilevare a valutare la presenza di insufficienza cardiaca (scompenso cardiaco), definita come l'incapacità del cuore di fornire quantità adeguate di sangue rispetto alla richiesta dell'organismo. La misura di BNP e di NT-proBNP fornisce valori differenti, ma l’interpretazione clinica risulta intercambiabile; quindi i due test non dovrebbero essere utilizzati insieme.

Il nome peptide natriuretico cerebrale (Brain Natriuretic Peptide), deriva dalla prima sede nella quale questo ormone è stato rilevato. Il BNP viene chiamato così anche per distinguerlo da un altro ormone simile (chiamato ANP) prodotto principalmente negli atri cardiaci. In realtà il BNP è prodotto principalmente dal ventricolo cardiaco, che pompa il sangue in tutto l’organismo, soprattutto quando è presente una malattia cardiaca. Nel cuore sono prodotte continuamente piccole quantità di pro-BNP che è il peptide precursore sia del BNP che del NT-proBNP. Infatti, il pro-BNP viene scisso in due parti da un enzima chiamato corina, dai miocardiociti, che rilasciano così nel sangue l’ormone attivo BNP e un frammento inattivo, l’NT-proBNP. Tuttavia, una certa quantità di pro-BNP viene rilasciata intatta dai miocadiociti, soprattutto quando la produzione del peptide è molto aumentata (come nel caso dello scompenso cardiaco severo) e quindi i peptidi BNP e NT-proBNP possono essere prodotti in circolo dall’azione di alcune proteasi plasmatiche.

Quando il ventricolo sinistro è dilatato, per l’eccessivo carico di lavoro, la concentrazione ematica di BNP e/o di NT-proBNP, può aumentare notevolmente. Questi peptidi sono quindi indicatori di un aumentato carico di lavoro cardiaco e di problemi nel soddisfare le richieste di sangue da parte dell’organismo. L’aumento di BNP e NT-proBNP nel sangue riflette quindi la diminuita capacità del cuore di far fronte a queste richieste. Da un punto di vista clinico, le informazioni fornite da BNP e dal peptide correlato NT-proBNP non sono sostanzialmente diverse (esistono invece delle differenze di tipo analitico). 

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il BNP e l’NT-proBNP possono essere utilizzati sia per la diagnosi di insufficienza cardiaca (scompenso cardiaco), per determinarne la gravità e anche per valutare la risposta del paziente alla terapia. Da un punto di vista clinico, le informazioni fornite dall’ormone BNP e dal peptide correlato NT-proBNP non sono sostanzialmente diverse (esistono invece delle differenze di tipo analitico). Recenti studi hanno anche dimostrato che la misura del BNP o NT-proBNP è molto utile per la valutazione del rischio cardiovascolare in pazienti con malattie cardiache o con altri fattori di rischio cardiovascolare (età avanzata e/o presenza di comorbidità, come ipertensione arteriosa sistemica, obesità, diabete, insufficienza renale, malattia cronica ostruttiva polmonare).

    Possono essere usati, insieme ad altri biomarcatori cardiaci, per rilevare stress e danneggiamento cardiaco, e/o insieme ad altri esami per la valutazione di altre possibili cause di respiro affannoso. Infatti, la dispnea (respiro affannoso) è un sintomo tipico dell'insufficienza cardiaca congestizia, ma può verificarsi anche in corso di ulteriori condizioni cliniche, quali malattie polmonari, renali ed epatiche. In associazione a questo test possono anche essere effettuate una radiografia toracica e un'ecocardiografia.

    Lo scompenso cardiaco può essere associato o essere confuso con altre patologie. La misura di BNP e di NT-proBNP può essere pertanto un utile sostegno al clinico per la diagnosi differenziale tra lo scompenso cardiaco e altre condizioni patologiche, come una malattia polmonare. Una diagnosi accurata consente di cominciare prontamente la terapia mirata per ogni specifica condizione patologica.

    Nonostante che peptidi BNP e l’NT-proBNP siano normalmente raccomandati dalle linee guida per la diagnosi di scompenso cardiaco e per seguirne il decorso clinico, possono trovare impiego anche come indicatore prognostico nelle sindromi coronariche acute (SCA), nelle quali un loro incremento indica una maggiore probabilità di ricaduta. Pertanto il clinico può richiederne la misura anche in caso di SCA.

  • Quando viene prescritto?

    La misura del BNP o dell’NT-proBNP può essere richiesto dal clinico nel caso in cui il soggetto presenti segni e sintomi indicativi di scompenso cardiaco. Questi includono:

    • Respiro affannoso e difficile
    • Affaticamento
    • Gonfiore alle caviglie, ai piedi, alle gambe e all’addome

    L'esame può essere richiesto dal pronto soccorso nel caso in cui si presenti qualcuno con segni e sintomi riconducibili a scompenso cardiaco e sia necessaria una diagnosi tempestiva. Talvolta, può anche essere richiesto dopo un certo periodo di tempo per valutare gli effetti terapeutici sullo scompenso cardiaco.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Risultati di BNP e NT-proBNP superiori ai valori di riferimento suggeriscono la presenza di scompenso cardiaco ed i loro livelli nel sangue sono correlati alla gravità della patologia. Valori molto alti di BNP o NT-proBNP possono essere associati ad una prognosi peggiore e quindi alla necessità di terapie maggiormente aggressive. In generale, nei pazienti con scompenso cardiaco in corso di trattamento, una diminuzione dei livelli circolanti di BNP o NT-proBNP suggerisce che il paziente sta rispondendo positivamente alla terapia. Se, al contrario, i livelli dei peptidi permangono elevati (o addirittura continuano ad aumentare) nonostante la terapia, il trattamento e/o il quadro clinico del paziente dovrebbero essere rivalutati.

    Nel caso in cui i risultati della misura di BNP e NT-proBNP rientrino all’interno dei valori di riferimento, allora è probabile che i segni e sintomi del paziente non derivino da uno scompenso cardiaco.

  • C’è altro da sapere?

    In molti pazienti sottoposti ad una terapia specifica per lo scompenso cardiaco, come i trattamenti con ACE inibitori, beta bloccantidiuretici, i livelli di BNP/NT-proBNP possono diminuire.

    I livelli di BNP e NT-proBNP sono più elevati nelle donne rispetto agli uomini e tendono ad aumentare fisiologicamente con l’età.

    Il loro livello risulta aumentato anche in persone con patologie renali e ridotta clearance, cardiomiopatie, ipertensione polmonare (aumento della pressione sanguigna nelle arterie dei polmoni) e sepsi. I soggetti obesi potrebbero invece avere valori diminuiti di BNP/NT-proBNP.

    Nonostante che in caso di disfunzione del ventricolo cardiaco sinistro sia il BNP che l’NT-proBNP aumentino e possano quindi essere utilizzati per monitorare la terapia, essi non sono interscambiabili ed i loro risultati non possono essere confrontati.

Modalità del Test
Prima del test

Non sono previste particolari preparazioni prima dell'esecuzione del test.

Durante il test

La misura del BNP o dell’NT-proBNP viene eseguita su un campione di sangue prelevato da una vena del braccio. Durante il prelievo ematico, viene posizionato il laccio emostatico nella parte superiore del braccio, per favorire il reperimento della vena. Per prevenire eventuali infezioni, viene eseguita la disinfezione della zona del prelievo e successivamente inserito l'ago. Il prelievo può richiedere qualche minuto e causare un lieve fastidio legato alla puntura.

In situazioni emergenziali è possibile effettuare un prelievo di sangue capillare tramite puntura del dito, utizzando metodi POCT (Point Of Care Testing).

Dopo il test

Al termine della raccolta del campione viene applicata una garza sterile sul sito della puntura ed esercitata una leggera pressione per prevenire eventuali emorragie e consentire una rapida guarigione. Questo tipo di prelievo è eseguito routinariamente e non comporta alcun rischio; non sono previste restrizioni circa le attività che possono essere svolte dopo la raccolta del campione.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2019 Review completed by James G. Donnelly, PhD, DABCC, FCACB, Chief Scientific Officer and VP of Laboratory Operations, Babson Diagnostics.

(March 2, 2017) Wilson S Colucci, Horng H Chen. Natriuretic peptide measurement in heart failure. Up to Date. Available online at https://www.uptodate.com/contents/natriuretic-peptide-measurement-in-heart-failure. Accessed May 2019.

(December 20, 2017) Horng H Chen, Wilson S Colucci. Natriuretic peptide measurement in non-heart failure settings. Up to Date. Available online at https://www.uptodate.com/contents/natriuretic-peptide-measurement-in-non-heart-failure-settings. Accessed May 2019.

(Jan 10, 2018) Wilson S Colucci. Evaluation of the patient with suspected heart failure. Up to Date. Available online at https://www.uptodate.com/contents/evaluation-of-the-patient-with-suspected-heart-failure. Accessed May 2019.

(May 31, 2017) American Heart Association. Heart Failure. Available online at https://www.heart.org/en/health-topics/heart-failure/what-is-heart-failure. Accessed May 2019.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Interview with Alan H.B. Wu, PhD. Director, Clinical Chemistry, Hartford Hospital, Hartford, CT.

First Blood Test for Congestive Heart Failure Wins FDA Clearance. Clinical Laboratory Strategies, December 2000, Vol. 5, No. 12, Pg.1.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Tang, W. (2004 February 27). NACB: Recommendations for the use of Cardiac Biomarkers in Heart Failure. NACB: Recommendations for the use of Cardiac Biomarkers in Heart Failure – Chapter 2 [Draft Guidelines]. Available online at http://www.nacb.org/lmpg/biomark/card_biomarkers_chp2.doc.

Bay, M. et. al. (2003). NT-proBNP: a new diagnostic screening tool to differentiate between patients with normal and reduced left ventricular systolic function. Heart ONLINE Heart 2003;89:150-154 [On-line journal]. Available online at http://heart.bmjjournals.com/cgi/content/full/89/2/150.

Diagnostic Products Corporation Acquires Nonexclusive Rights to a Key Cardiac Marker, NT-proBNP, from Roche Diagnostics—Agreement widens access to unique marker for heart failure and allows for better/earlier/improved therapy. (2004 February 11) DPC [On-line press release]. Available online at http://www.dpcweb.com/newsreleases/2004/february/ntprobnp.htm.

Roche Receives FDA Clearance for Elecsys proBNP Assay – First Automated Blood Test to Aid in the Diagnosis of Congestive Heart Failure (2002). Roche Diagnostics [On-line press release]. Available online at http://www.roche-diagnostics.com/press_lounge/press_releases/archive/2002_11_20.html.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006 Pp. 1630-1631.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry. AACC Press, Washington, DC; Pg. 264.

deFilippi C. Natriuretic Peptides for Diagnosing Heart Failure and Beyond: What We Know in 2007. (May 24, 2007) Medscape Today. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/557030. Accessed September 2008.

Maher KO et al. B-type natriuretic peptide in the emergency diagnosis of critical heart disease in children. Pediatrics 2008 Jun; 121:e1484. Available online at http://pediatrics.aappublications.org/cgi/content/full/121/6/e1484?linkType=FULL&journalCode=pediatrics&resid=121/6/e1484. Accessed September 2008.

(Updated 2010 January 1). What is Heart Failure? National Heart Lung and Blood Institute [On-line information]. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/hf/. Accessed November 2011.

Lehman, C. et. al. (Revised 2011 March). Heart Failure. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/HeartFailure.html?client_ID=LTD. Accessed November 2011.

(© 1995-2011). Test ID: BNP83873 B-Type Natriuretic Peptide (BNP), Plasma. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/83873. Accessed November 2011.

(© 1995-2011). Test ID: PBNP84291 NT-Pro B-Type Natriuretic Peptide (BNP), Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/84291. Accessed November 2011.

Malcolm, J. and Arnold, O. (Revised 2010 January) Heart Failure (HF) (Congestive Heart Failure). Merck Manual for Healthcare Professionals. [On-line information]. Available online at http://www.merckmanuals.com/professional/cardiovascular_disorders/heart_failure/heart_failure_hf.html?qt=BNP&alt=sh. Accessed November 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 690-692.

Reviewer May 2015: Thomas Kampfrath, PhD, DABCC.

Lüers C, Schmidt A, Wachter R, Fritzsche F, Sutcliffe A, Kleta S, Zapf A, Hagenah G, Binder L, Maisch B, Pieske B. Serial NT-proBNP measurements for risk stratification of patients with decompensated heart failure. Herz. 2010 Oct;35(7):488-95.

William Clarke. Contemporary Practice in Clinical Chemistry, 2nd Edition Paperback – February 4, 2011. ISBN-13: 978-1594251023.

Michael L. Bishop, Edward P. Fody, Larry E. Schoeff. Clinical Chemistry: Principles, Techniques, and Correlations, 2013. 7th edition.

Kaplan & Pesce. Clinical Chemistry, 5th Edition. Theory, Analysis, Correlation. 2009.

(March 27, 2014) National Heart, Lung, Blood Institute. Who is at Risk of Heart Failure? Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/hf/atrisk. Accessed May 2015.

approved

Revisore: Prof. Aldo Clerico; Scuola Superiore Sant'Anna, Pisa