Noto anche come
Test per i Arthropod (insetti che pungono) borne virus
Sierologia per Arbovirus
Nome ufficiale
Test per Arbovirus, Anticorpi IgM e IgG
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare la presenza di virus che causano meningite o encefalite o stati febbrili che colpiscono durante la stagione estiva o dopo un viaggio in alcune zone del mondo; per capire la fonte dell’epidemia e fermare la diffusione nella comunità

Quando Fare il Test?

Se il paziente mostra sintomi che suggeriscano la presenza di infezione da arbovirus, come febbre, mal di testa, rigidità nucale, debolezza muscolare e diagnosi di encefalite e/o meningite o malattia febbrile associata ad un viaggio in una zona del mondo dove sono presenti le patologie da punture zanzare e le zecche

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio o un prelievo di liquor tramite puntura lombare.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

L’esame degli arbovirus (arthropod borne virus) determina la presenza di infezioni virali trasmesse dalle zanzare e da altri insetti che pungono, all’uomo. Nel mondo, gli arbovirus sono un’importante causa di meningite ed encefalite virali. Nei climi temperati, essi tendono a provocare epidemie stagionali. Nei paesi a clima tropicale, sono presenti tutto l’anno, perché le zanzare ci sono sempre. Esistono centinaia di arbovirus differenti, la maggior parte non comuni. Il più conosciuto è il West Nile virus. Tra altri meno conosciuti, ci sono l’encefalite equina dell’est e dell’ovest e il virus dell’encefalite di St. Louis. In altre zone del mondo sono predominanti arbovirus differenti, due importanti sono la Dengue e la febbre gialla. Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stima che nel mondo ci verifichino circa 100 milioni di casi di Dengue ogni anno.
Questi virus si diffondono quando le zanzare o altri insetti vettori come zecche o flebotomi, pungono un uccello o un altro piccolo animale diventando infetti, poi pungono l’uomo passandogli il virus. L’infezione da arbovirus non si trasmette direttamente da persona a persona ma può avere un ciclo uomo-zanzara-uomo quando la concentrazione del virus nel sangue della persona infetta è alta. Raramente, l’infezione può essere trasmessa attraverso una trasfusione di sangue, un trapianto d’organo, o dalla madre al figlio con l’allattamento.
Il test è usato insieme ai segni e sintomi della persona e alla sua storia di esposizione e viaggi per diagnosticare un’infezione da arbovirus acuta e per distinguere tra l’infezione e altre patologie che causino sintomi simili. L’esame misura gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta all’infezione da arbovirus specifici o determina il materiale genetico del virus.

In relazione al virus che causa l’infezione, le persone infette dall’arbovirus possono avere sintomi moderati simili all’influenza che si risolvono in pochi giorni o settimane. In alcuni casi, la comparsa rapida di febbre alta può essere accompagnata da rash (Dengue), ittero (febbre gialla), o dolore forte alle articolazioni  e sintomi debilitanti. In relazione al virus, la persona può sviluppare sintomi gravi che lo mettono a rischio per la sopravvivenza e richiedono l’ospedalizzazione.

Gli esempi di arbovirus sono:

Virus/Malattia

Insetto vettore

Dove si trova

Encefalite equina dell’est (EEE)

Zanzara

U.S.A.est

Encefalite equina dell’ovest (WEE)

Zanzara

U.S.A. ovest

Encefalite equina venezuelana (VEE)

Zanzara

America del sud e centrale, raramente U.S.A.

Febbre Chikungunya (CHIKV)

Zanzara

Africa, Asia, Europa del sud

Febbre del fiume di Ross

Zanzara

Australia

Febbre gialla

Zanzara

Sud America, Africa, rare epidemie in U.S.A.

Dengue

Zanzara

Sud America, Asia, Zone tropicali, Caraibi

Encefalite giapponese

Zanzara

Asia

West Nile Virus

Zanzara

U.S.A. ed Europa

Encefalite di St. Louis

Zanzara

U.S.A. orientale e centrale

Encefalite di Powassan

Zecca

U.S.A. orientale

Virus di LaCrosse

Zanzara

Sud America, America Centrale, Asia, U.S.A. centrale e orientale

Febbre della Rift Valley

Zanzara, Zecca, Flebotomo

Africa and medio oriente

Febbre emorragica di Crimea e Congo

Zecca

Asia, Africa, Europa

Febbre della zecca del Colorado

Zecca

Europa, U.S.A.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio e/o una puntura lombare per prelevare un campione di liquor.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test degli arbovirus è usato per determinare se una persona con sintomi e una recente storia di esposizione potenziale ad un arbovirus specifico, è stata infettata. Il test può supportare la diagnosi della cause di meningite o encefalite, distinguere l’infezioneda arbovirus da altre patologie che causano sintomi simili, come la meningite batterica, e può guidare il trattamento. Il test può essere eseguito su sangue per determinare la presenza di anticorpi verso il virus e/o può essere eseguito su un campione di liquorper verificare se l’infezione sia presente nel sistema nervoso centrale.
    Di solito, il test singolo è usato per un arbovirus specifico, come il West Nile Virus o il Dengue, in relazione ai sintomi della persona e alla sua esposizione. Talvolta, il pannello di esami può essere usato per capire quale arbovirus causi l’infezione.
    Nella maggior parte dei casi, il test coinvolge la misura di specifici anticorpi prodotti in risposta all’infezione. A volte però tra gli esami ci può essere la determinazione diretta del materiale genetico (acidi nucleici) del virus.

    Test degli anticorpi

    Il test degli anticorpi è usato principalmente per diagnosticare un’infezione corrente o recente. Esistono due classi di anticorpi prodotti in risposta all’infezione: IgM e IgG. Gli anticorpi IgM sono prodotti prima e sono presenti entro una o due settimane dall’infezione. La concentrazione nel sangue aumenta per poche settimane, per poi affievolirsi. Dopo pochi mesi, gli anticorpi IgM scendono sotto il livello di rilevabilità. Le IgG sono prodotte dopo le IgM. Di solito, la concentrazione aumenta con l’infezione acuta, si stabilizza e poi persiste per lungo tempo.
    Gli anticorpi IgM sono ricercati per primi sul sangue o sul liquor del paziente sintomatico. Le IgG possono essere prescritte insieme alle IgM per distinguere tra un’infezione recente e un’infezione da arbovirus lontana nel tempo. Talvolta il test è fatto raccogliendo due campioni da 2 a 4 settimane di distanza (un campione quando il paziente ha l’infezione acuta e uno quando è convalescente) e misurando la concentrazione di IgG (titolo). Ciò può aiutare a capire se gli anticorpi vengano da un’infezione recente o passata.
    Il test degli anticorpi può cross- reagire con gli anticorpi prodotti contro i virus della stessa famiglia, così che deve essere usato un metodo differente di conferma della positività, come l’amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) o il test di neutralizzazione. Questi metodi di conferma sono test specialistici che sono eseguiti in centri appositi. Qualora si verifichi la positività, il medico ne da comunicazione all’ASL di riferimento.

    Test di amplificazione degli acidi nucleici

    Il test di amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) amplifica e misura il materiale genetico per determinare la presenza del virus. Questo tipo di test è fatto solo in laboratori specialistici. Può determinare un’infezione, prima che compaiano gli anticorpi, ma deve essere presente una certa quantità di virus nel campione. Per la maggior parte degli arbovirus, la concentrazione nell’uomo è di solito bassa e non persiste a lungo.
    Gli acidi nucleici possono essere usati per lo screening degli arbovirus come West Nile Virus (WNV) nel sangue, tessuti, organi donati. L’esame può essere fatto sui tessuti di una persona morta (post mortem) per capire se un arbovirus specifico abbia contribuito al decesso.
    Il test può anche essere eseguito su animali probabilmente ospiti del virus o sulle zanzare, per verificare la presenza e la diffusione del virus in un’area geografica. Questa informazione può essere usata come supporto nell’identificare focolai e fonti d’infezione e per prevenire la diffusione dell’infezione.

  • Quando viene prescritto?

    Il test degli anticorpi è prescritto principalmente quando una persona mostra segni e sintomi di un’infezione da arbovirus, specialmente se vive o ha viaggiato di recente in una zona dove gli arbovirus sono endemici.
    In Europa del sud e centrale si sospetta l’infezione quando i sintomi compaiono a metà o a fine estate. Nelle zone calde del mondo, l’infezione può verificarsi in ogni momento dell’anno.

    segni e sintomi sono:

    • Febbre
    • Mal di testa
    • Dolore e debolezza muscolari
    • Dolore alle articolazioni
    • Nausea
    • Rash cutaneo
       

    Una piccola percentuale di persone, specialmente bambini, anziani e immunocompromessi, possono avere sintomi più gravi, associati a meningite ed encefalite, tra i quali:

    • Febbre alta
    • Mal di testa forte
    • Convulsioni
    • Confusione
    • Rigidità nucale
    • Paralisi muscolare
       

    La ricerca degli anticorpi può essere prescritta entro la prima o la seconda settimana dalla comparsa dei sintomi per verificare la presenza di infezione acuta. Un campione aggiuntivo può essere raccolto dopo 2-4 settimane per determinare l’aumento della concentrazione di anticorpi. Quando si sospetta l’infezione del sistema nervoso centrale, la ricerca degli anticorpi può essere fatta su liquor o su sangue.
    L’amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) non è eseguito così frequentemente ma può essere talvolta prescritto se il paziente mostra sintomi di infezione da arbovirus. Il test NAAT è usato in routine per lo screening delle sacche di sangue, dei tessuti e degli organi donati, per diversi virus, tra cui anche WNV.

  • Cosa significa il risultato del test?

    I risultati di questi esami richiedono un’interpretazione accurata, considerando attentamente segni e sintomi e rischio di esposizione del paziente.

    Test degli anticorpi

    La ricerca degli anticorpi può risultare positiva o negativa, o essere riportata come inferiore o superiore ad un certo titolo. Ad esempio, se la soglia stabilita è un titolo di 1:10, allora un risultato inferiore è considerato negativo mentre un risultato maggiore è considerato positivo.
    Se le IgM o le IgG sono determinabili nel liquor, è probabile che l’infezione da arbovirus sia presente nel sistema nervoso centrale. Se la ricerca degli anticorpi su liquor è negativa, allora significa che non c’è coinvolgimento del sistema nervoso centrale o che la concentrazione di anticorpi è troppo bassa per essere rilevata.
    Se gli anticorpi IgM e IgG diretti contro gli arbovirus sono presenti nel campione di sangue iniziale, allora è probabile che la persona si sia infettata nelle ultime settimane. Se le IgG sono positive ma le IgM basse o negative, allora è probabile che il paziente abbia avuto un’infezione da arbovirus in passato. Se  il titolo delle IgG cresce di circa quattro volte tra il campione iniziale e quello prelevato dopo 2-4 settimane, allora è probabile che la persona abbia avuto una recente infezione.
    Se le IgM e/o le IgG sono negative, il paziente può comunque avere un’infezione da arbovirus, se l’esame è fatto troppo precocemente rispetto all’iniziale esposizione al virus e non c’è stato abbastanza tempo per la produzione di una concentrazione rilevabile di anticorpi. Un risultato negativo può inoltre suggerire che i sintomi siano dovuti a cause differenti, come la meningite batterica.

    La seguente tabella riassume i risultati osservabili col test degli anticorpi:

    Risultato IgM

    Risultato IgG

    Interpretazione possibile

    Positivo

    Negativo

    Infezione corrente

    Positivo

    Positivo

    Infezione recente

    Basso o negative o non testato

    Aumento di ca. 4 volte, in un campione prelevato dopo 2-4 settimane

    Infezione recente

    Basso o negativo

    Positivo

    Infezione passata

    Negativo

    Negativo

    • Troppo precoce rispetto all’esposizione iniziale per lo sviluppo degli anticorpi
    • I sintomi sono dovuti ad altre cause

    Il risultato positivo sul test inziale per gli anticorpi IgM diretti contro l’arbovirus su sangue o liquor è considerato un risultato presunto positivo dal momento che gli anticorpi diretti contro virus appartenenti alla stessa famiglia possono cross- reagire. Un risultato positivo su un test secondario usando un metodo differente (NAAT o test di neutralizzazione) conferma la diagnosi.

    Amplificazione degli acidi nucleici (NAAT)

    Se la NAAT su sangue, liquor o tessuto è positiva per un arbovirus, allora è probabile che il virus specifico sia presente nel campione testato. Il NAAT positivo per l’arbovirus su un animale o sulle zanzare indica che il virus è presente nella zona geografica dove è stato raccolto il campione.
    Se la NAAT è negativa significa che il virus non è presente nel campione testato o che è presente in concentrazioni molto basse (indeterminabile). Il test negativo non può essere usato per escludere definitivamente la presenza del virus.

  • C’è altro da sapere?

    La presenza di anticorpi diretti contro gli arbovirus può indicare un’infezione ma non predice il grado di severità dei sintomi o la prognosi.
    Possono essere usati altri esami, come l’antigene per la Dengue e la coltura virale in alcuni casi. Per la ricerca e per gli studi necessari a tipizzare le varie famiglie di arbovirus, vengono spesso usate NAAT e colture virali. Diverse famiglie sono state isolate e associate alle epidemie regionali.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Tutti dovrebbero fare il test per gli arbovirus?

    In generale, non ce n’è bisogno. La maggior parte delle persone che si infettano, sviluppano sintomi molto leggeri ed è una cosa che riguarda solo chi vive o viaggia in zone dove gli arbovirus sono presenti. Il test non viene fatto di solito sulle persone asintomatiche, ma se il sangue o l’organo donati o un bambino si positivizzano per un arbovirus come WNV, viene fatto il test degli anticorpi sul donatore asintomatico o sulla mamma per capire se siano fonti di infezione.

  • Gli arbovirus sono qualcosa di cui preoccuparsi se si viaggia?

    Ogni zona del mondo ha i propri problemi connessi alla salute ed è bene informarsi prima e parlarne col medico. Nelle zone tropicali e nelle zone dove ci sono focolai stagionali, il rischio di arbovirus è aumentato. La probabilità di esposizione individuale è influenzata dalle attività svolte e dalle misure preventive. (Per maggiori dettagli sui viaggi, visitare la pagina Destinations della CDC).

  • Che cosa si può fare per proteggersi dagli arbovirus?

    Proteggersi dalle punture di zanzara. Le misure preventive consistono nell’usare un repellente per insetti, all’aperto coprirsi il più possibile con maniche e pantaloni lunghi e stare in casa all’alba e al tramonto quando le zanzare sono più attive ed eliminare l’acqua stagnante che attrae le zanzare. Le comunità possono prendere misure preventive per monitorare i rischi stagionali e fare una disinfestazione per le zanzare.

  • Esiste un vaccino contro gli arbovirus?

    Esiste un vaccino per la febbre gialla per le persone e diversi vaccini per le encefaliti equine per i cavalli. La ricerca su questo fronte continua.

  • Chi fa i test per gli arbovirus?

    Nella maggior parte dei casi il test viene eseguito in un laboratorio specializzato.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(Updated 2010 August 16). Eastern Equine Encephalitis, Arboviral Diagnostic Testing. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/EasternEquineEncephalitis/tech/diagnosis.html. Accessed February 2012.

Delgado, J. and Hillyard, D. (Updated 2012 January). Arboviruses. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Arboviruses.html. Accessed February 2012.

(Modified 2011 October 31). Virology / Serology – Arbovirus. NC Division of Public Health, State Laboratory of Public Health [On-line information]. Available online at http://slph.ncpublichealth.com/virology-serology/arbovirus.asp. Accessed February 2012.

(Updated 2011 July 6). Arbovirus. West Virginia Department of Health and Human Resources, Office of Laboratory Services [On-line information]. Available online at http://www.wvdhhr.org/labservices/labs/virology/arbovirus.cfm. Accessed February 2012.

Hunt, M. (Modified 2010 April 9). Virology – Chapter Twenty One Arboviruses. Microbiology and Immunology On-line from University of South Carolina School of Medicine [On-line information]. Available online at http://pathmicro.med.sc.edu/mhunt/arbo.htm. Accessed February 2012.

(© 1995–2012). Test ID: ARBOP83267 Arbovirus Antibody Panel, IgG and IgM, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories. [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/83267. Accessed February 2012.

Kaye, K. (Revised 2009 December). Overview of Arbovirus, Arenavirus, and Filovirus Infections. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed February 2012.

Jaffar-Bandjee, M. et. al. (© 2010). Emergence and Clinical Insights into the Pathology of Chikungunya Virus Infection. Medscape Today from Expert Rev Anti Infect Ther. V 8(9):987-996 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/733879. Accessed February 2012.

Busowski, M. et. al. (Updated 2011 September 15). Yellow Fever. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/232244-overview. Accessed February 2012.

Anderson, W. et. al. (Updated 2011 June 17). California Encephalitis Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/234159-overview. Accessed February 2012.

Viroj Wiwanitkit, V. (2012 January 29). The Importance of Accurate Diagnosis of Dengue Fever. Medscape Today from Future Virology. 2012;7(1):53-62. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/756315. Accessed February 2012.

Wiwanitkit, V. (2010 August 18). Dengue Fever: Diagnosis and Treatment. Medscape Today from Expert Rev Anti Infect Ther. v 8(7):841-845. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/725639. Accessed February 2012.

Powers, A. (2009 September 17). Overview of Emerging Arboviruses. Medscape Today from Future Virology. V 4(4):391-401 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/708398. Accessed February 2012.

Barnard, R. et. al. (2011 June 15). Expecting the Unexpected. Medscape Today News from Expert Rev Mol Diagn. V 11(4):409-423 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/742370. Accessed February 2012.

Tomashek, K. (Updated 2011 July 1). Dengue Fever & Dengue Hemorrhagic Fever. CDC Travelers' Health, Chapter 3 Infectious Diseases Related To Travel [On-line information]. Available online at http://wwwnc.cdc.gov/travel/yellowbook/2012/chapter-3-infectious-diseases-related-to-travel/dengue-fever-and-dengue-hemorrhagic-fever.htm. Accessed February 2012.