Noto anche come
AAFI
AFI
IFA (Intrinsic factor antibody)
IF antibody
Nome ufficiale
Anticorpi anti-fattore intrinseco
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
22.05.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Come supporto alla diagnosi di anemia perniciosa, la causa principale della carenza di vitamina B12.

Quando Fare il Test?

Il test viene richiesto all’interno del pannello di esami richiesti nel caso in cui si sospetti una carenza di vitamina B12 con conseguente anemia e/o neuropatia e con globuli rossi più grandi del normale (macrocitici).

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

Il prelievo di sangue necessario ad effettuare il test deve essere effettuato non prima di 48 ore dall’ultima assunzione di vitamina B12. Alcuni clinici richiedono una latenza di 2 settimane.

L’Esame

Gli anticorpi anti fattore intrinseco (AFI) sono proteine prodotte dal sistema immunitario associate all’anemia perniciosa. Questo test ricerca e rileva la presenza degli AFI all’interno del torrente circolatorio.

Il fattore intrinseco è una proteina prodotta da un tipo di cellule specializzate che rivestono la parete dello stomaco noto come cellule parietali. Durante il processo digestivo, i succhi gastrici rilasciati dallo stomaco permettono l’estrazione della vitamina B12 dal cibo; questa si lega al fattore intrinseco formando un complesso. La formazione di questo complesso è necessaria per il successivo assorbimento operato nell’intestino tenue.

La vitamina B12, oltre ad avere un importante ruolo funzionale nel cervello e in tutto il sistema nervoso, è importante anche per la produzione di globuli rossi. Senza una quantità sufficiente di fattore intrinseco, la vitamina B12 non può essere assorbita in quantità sufficienti alla normale produzione di globuli rossi, con conseguente anemia. Insieme all’anemia, può esserci una diminuzione dei neutrofili (neutropenia) e delle piastrine (trombocitopenia).

L’anemia causata dalla mancanza di fattore intrinseco viene chiamata anemia perniciosa, un’ anemia di tipo autoimmune. In questa patologia il sistema immunitario dell’organismo riconosce come estraneo e attacca cellule/tessuti propri come le cellule parietali o il fattore intrinseco. Gli AFI danneggiano le cellule parietali e ostacolano la produzione del fattore intrinseco o impediscono che questo svolga le sue normali funzioni.

Nel laboratorio possono venir testati due tipi di anticorpi:

  • Tipo 1 – anticorpi bloccanti il fattore intrinseco, che inibiscono il legame della Vit B12 al fattore intrinseco; sono molto più comuni in caso di anemia perniciosa e per questo vengono testati più frequentemente
  • Tipo 2 – anticorpi che legano il fattore intrinseco o anticorpi precipitanti; interferiscono nel legame tra il fattore intrinseco e la vitamina B12 e quindi con la formazione del complesso
Accordion Title
L’Esame
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    Il prelievo di sangue necessario ad effettuare il test deve essere effettuato non prima di 48 ore dall’ultima assunzione di vitamina B12. Alcuni clinici richiedono una latenza di 2 settimane. Questo per diminuire il rischio di risultati falsamente positivi.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test per gli anticorpi anti-fattore intrinseco (AFI) vengono utilizzati come supporto alla valutazione delle cause di una carenza di vitamina B12 e per confermare la diagnosi di anemia perniciosa.
    L’anemia perniciosa è causata da una carenza di vitamina B12 dovuta alla perdita del fattore intrinseco. Questa patologia si sviluppa in primo luogo quando il sistema immunitario dell’organismo produce anticorpi diretti contro le cellule parietali e/o il fattore intrinseco. Questi anticorpi possono danneggiare le cellule parietali e distruggere il fattore intrinseco o impedirne le normali funzioni fisiologiche. Il fattore intrinseco di norma lega la vitamina B12 con la quale forma un complesso permettendone l’assorbimento nell’intestino tenue. (Per maggiori dettagli si rimanda alla sezione “Il campione da analizzare”)
    Il test AFI di solito viene prescritto dopo che altri test, come il test della vitamina B12, il test dell’acido metimalonico e l’emocromo, hanno stabilito la carenza di vitamina B12 associata con anemia e neuropatia.
    Per una diagnosi definitiva può essere richiesto in associazione al test di ricerca degli anticorpi anti-cellule parietali.

    Possono essere ricercati due tipi di test:

    • Tipo 1 – anticorpi bloccanti il fattore intrinseco, che sono molto più comuni in caso di anemia perniciosa e per questo vengono testati più frequentemente
    • Tipo 2 – anticorpi che legano il fattore intrinseco, che interferiscono con il legame del fattore intrinseco e della vitamina B12 e quindi con la formazione del complesso
  • Quando viene prescritto?

    Il test di ricerca degli AFI non viene chiesto frequentemente. Può essere richiesto qualora il paziente presenti un deficit di vitamina B12 e nel caso di sospetto di anemia perniciosa o nel caso siano presenti segni e sintomi quali:

    • Pallore
    • Stanchezza, senso di affaticamento
    • Intorpidimento e formicolio a piedi e mani
    • Globuli rossi più grandi del normale; talvolta, per esempio in seguito ad un emocromo, possono essere riscontrati globuli rossi più grandi del normale (macrocitici) senza che vi siano segni e sintomi indicativi di anemia perniciosa.

    Di solito in questi casi viene subito richiesto il test della vitamina B12 e dei folati e, talvolta, dell’acido metilmalonico (un indicatore precoce di carenza di vitamina B12).
    Nel caso in cui il paziente presenti una diminuzione dei livelli di vitamina B12 ed un aumento di quelli dell’acido metilmalonico e dell’omocisteina, allora viene richiesto anche il test d ricerca degli AFI.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Per la formulazione di una diagnosi il risultato del test AFI deve essere valutato all’interno di un contesto clinico più ampio. Nel caso in cui un paziente presenti livelli diminuiti di vitamina B12 e/o aumentati di acido metilmalonico e omocisteina e sia positivo per il test AFI, allora è molto probabile che sia affetto da anemia perniciosa.
    Un risultato negativo non esclude necessariamente l’anemia perniciosa. Circa la metà delle persone affette infatti non presentano AFI. In questi casi il clinico può richiedere la ricerca di anticorpi anti-cellule parietali come supporto alla diagnosi, anche se questi ultimi non sono così specifici come gli AFI. Sono presenti nel 90% dei pazienti affetti da anemia perniciosa, ma possono essere presenti anche in altre patologie e comunque lo sono nel 10% della popolazione normale.

  • C’è altro da sapere?

    Le iniezioni di vitamina B12 effettuate entro 48 ore dall’esecuzione del test e, talvolta, anche entro le due settimane, possono interferire con i risultati del test.
    Alcune persone affette da patologie autoimmuni come il diabete di tipo 1, la tiroidite di Hashimoto, la malattia di Addison e la malattia di Graves, possono presentare AFI senza avere l’anemia perniciosa. In questi casi quindi questo test non può essere utilizzato.
    L’anemia associata alla carenza di vitamina B12 può svilupparsi molto lentamente viste le ampie riserve di vitamina B12 che, normalmente, sono presenti all’interno dell’organismo. I sintomi tendono a comparire solo nel momento in cui vengono a mancare le riserve di vitamina B12.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2015 review performed by Boris Calderon, MD, DABCC, FACB, Staff Scientist, Clinical Center NIH.

Bizzaro, N., & Antico, A. (2014). Diagnosis and classification of pernicious anemia. Autoimmun Rev, 13(4-5), 565-568. doi: 10.1016/j.autrev.2014.01.042.

Osborne, D., & Sobczynska-Malefora, A. (2015). Autoimmune mechanisms in pernicious anaemia & thyroid disease.Autoimmun Rev, 14(9), 763-768. doi: 10.1016/j.autrev.2015.04.011.

Toh, B. H., van Driel, I. R., & Gleeson, P. A. (1997). Pernicious anemia. N EnglJ Med, 337(20), 1441-1448. doi: 10.1056/NEJM199711133372007.

(September 2, 2015.) Schrier, SL. Diagnosis and treatment of vitamin B12 and folate deficiency. In: UpToDate, Timauer JS (Ed). UpToDate, Waltham, MA. Available online through http://www.uptodate.com. Accessed on September 2, 2015.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 592-593.

(Revised 2011 April). Pernicious Anemia. National Heart Lung and Blood Institute [On-line information]. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/prnanmia/prnanmia_what.html through http://www.nhlbi.nih.gov. Accessed August 2011.

Chen, Y. (Updated 2010 January 31). Lack of Intrinsic Factor. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001155.htm. Accessed August 2011.

Vorvick, L. (Updated 2010 January 31). Intrinsic factor. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002381.htm. Accessed August 2011.

Frank, E. et. al. (Updated 2010 September). Megaloblastic Anemia. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/MegaloblasticAnemia.html through http://www.arupconsult.com. Accessed July 2011.

(© 1995–2011). Unit Code 9335: Intrinsic Factor Blocking Antibody, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/9335 throughhttp://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed July 2011.

Mayo Clinic Staff (2011 March 4). Vitamin Deficiency Anemia. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/vitamin-deficiency-anemia/DS00325/METHOD=print through http://www.mayoclinic.com. Accessed July 2011.

(Reviewed 2011 June 24). Dietary Supplement Fact Sheet: Vitamin B12. NIH Office of Dietary Supplements [On-line information]. Available online at http://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminB12-QuickFacts/ through http://ods.od.nih.gov. Accessed August 2011.

(Reviewed 2011 April 4). Vitamin B12. MedlinePlus Drug Information [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/natural/926.html through http://www.nlm.nih.gov. Accessed August 2011.

Schick, P. (Updated 2011 May 26). Megaloblastic Anemia. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/204066-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed August 2011.

Conrad, M. (Updated 2011 May 26). Pernicious Anemia. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/204930-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed August 2011.

Dugdale, D. (Updated 2008 November 23). Pernicious anemia. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000569.htm. Accessed August 2011.

Chen, Y. (Updated 2010 January 31). Anemia – B12 deficiency. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000574.htm. Accessed August 2011.

OH, R. and Brown, D. (2003 March 1). Vitamin B12 Deficiency. Am Fam Physician. 2003 Mar 1;67(5):979-986. [On-line information]. Available online at http://www.aafp.org/afp/2003/0301/p979.html through http://www.aafp.org. Accessed August 2011.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 632-633.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007 Pp 508-509.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pp 1103.