Noto anche come
Citologia cervicale
Striscio cervicale
Nome ufficiale
Test di Papanicolaou
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 31.01.2020.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per lo screening del tumore alla cervice uterina e di alcune infezioni vaginali e uterine

Quando Fare il Test?
  • Per le donne a rischio intermedio tra i 21 e i 29 anni, ogni 3 anni
  • Per le donne a rischio intermedio tra i 30 e i 65 anni, insieme al test dell'HPV (co-testing) ogni 5 anni (preferibile) oppure da solo ogni 3 anni (accettabile)
  • Per le donne con fattori di rischio è possibile iniziare lo screening in età più giovane e ripeterlo con maggiore frequenza 
  • In presenza di segni e sintomi quali sanguinamento vaginale anormale e/o dolore pelvico
Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di cellule prelevate dalla cervice uterina durante l'esame pelvico mediante una spatola o un apposito spazzolino. La metodologia in fase liquida è oggi la più comunemente utilizzata: il campione raccolto viene inserito in un liquido conservante e mandato ad un laboratorio dove la sospensione cellulare viene strisciata su un vetrino, colorata ed esaminata da un citologo e/o da un patologo. Un vantaggio di questi campioni in fase liquida è che la sospensione cellulare può essere utilizzata anche per il test HPV. Il metodo convenzionale prevede invece che il campione venga strisciato su un vetrino ed inviato ad un laboratorio per essere colorato ed esaminato al microscopio.

Il Test Richiede una Preparazione?

E’ probabile che venga richiesto alla paziente di astenersi dai rapporti sessuali, di non usare ovuli, creme o altri prodotti vaginali per le 24 ore precedenti al test. L’esame non deve essere eseguito durante il periodo mestruale. Può essere richiesto di svuotare la vescica subito prima del test.

L’Esame

Il pap test è l’esame di screening per il tumore della cervice uterina. E’ usato per determinare la presenza di cellule anomale o potenzialmente tali nella vagina o nella cervice uterina. In questo modo è possibile anche rilevare infezioni all’utero dovute a batteri, funghi e virus.

La maggior parte dei casi di tumore cervicale sono causati da infezioni persistenti da certi tipi di virus del papilloma umano (HPV). I tipi di HPV 16 e 18 sono virus ad alto rischio, in quanto associati al 70% dei tumori cervicali.

Le infezioni da HPV sono la più frequente patologia sessualmente trasmissibile (si diffondono oralmente, a livello anale e genitale). La maggior parte delle infezioni si risolvono senza trattamento, in quanto l'organismo stesso è in grado di eliminarle. Nel caso delle infezioni da papilloma virus ad alto rischio (hrHPV), invece, se permangono, possono provocare cambiamenti nelle cellule della cervice fino ad una formazione tumorale (anche dopo molti anni).

Il tumore cervicale è causato da una crescita incontrollata di cellule della cervice, il ristretto punto di giunzione tra il corpo dell’utero e la vagina. Il tumore cervicale si sviluppa lentamente. All’inizio, i cambiamenti pre- tumorali determinano un aspetto differente delle cellule che rivestono l’interno e l’esterno della cervice rispetto alle cellule normali. Queste cellule, se presenti sul pap test, vengono chiamate “cellule atipiche”. Le cellule atipiche non sono comunque specifiche di una condizione pretumorale, nel senso che possono apparire temporaneamente in risposta a infezioni o irritazioni del rivestimento cervicale. Occorrono ulteriori test per determinare la causa della loro presenza. Se precancerose, le cellule atipiche appaiono sempre più anomale nel tempo, fino a divenire tumorali se non viene applicato nessun trattamento.

Il pap test, se eseguito nei tempi giusti, è uno strumento valido per determinare la presenza di aree di cellule precancerose, e consente di intervenire prima che si sviluppi un tumore cervicale. Inoltre, questo esame permette di rilevare il tumore cervicale allo stadio precoce, quando è ancora trattabile. E’ usato anche nel monitoraggio di altre anomalie spesso risultanti da processi di riparazione del tessuto e che spesso si risolvono da sole senza trattamento.

La ricerca del DNA dell’HPV non è consigliata prima dei 30 anni, in quanto le infezioni da HPV sono comuni nelle donne più giovani e sessualmente attive, e di solito si risolvono senza trattamento. Tuttavia, se una donna di età compresa tra i 21 e i 29 anni ha un pap test che rivela la presenza di cellule anomale (o anche di default qualora il medico lo ritenga necessario), allora si può fare il test HPV.

Recentemente (2015) le linee guida scritte da un pannello di esperti delle principali organizzazioni sanitarie indicano la possibilità che la ricerca dell’HPV venga offerta come opzione di screening a tutte le donne dai 25 anni in poi. (Per maggiori informazioni, leggere la domanda frequente n. 2 e l’articolo Experts Offer Advice on hrHPV Testing as a Primary Screen for Cervical Cancer).

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il pap test è principalmente usato per lo screening del tumore cervicale, ovvero per verificare la presenza di cellule cervicali e/o vaginali cancerose o precancerose. Può essere anche eseguito insieme al test dell'HPV, che rileva i virus ad alto rischio causa di infezioni persistenti alla base dei principali casi di tumore cervicale. 

    Il pap test viene inoltre usato per determinare la causa alla base delle emorragie vaginali, del dolore, delle piaghe, delle perdite o del prurito. Può essere utilizzato come follow-up per monitorare eventuali anomalie o risultati insoliti nel precedente pap test.

    Le cellule anomale e le infezioni possono essere presenti senza causare sintomi. In alcuni casi, sono necessari ulteriori esami e/o trattamenti, mentre in altri il medico può scegliere di monitorare la persona nel tempo per vedere se la situazione si risolve da sola.

  • Quando viene prescritto?

    Di seguito è riportata una sintesi delle raccomandazioni di screening del  tumore cervicale per le donne a rischio medio tra i 30 e i 65 anni:

    Strategia di screening Tempistica Pro Contro
    Co-testing del pap test e del test HPV (preferibile) Ogni 5 anni Rileva il maggior numero di tumori e lesioni precancerose, da ripetere meno frequentemente del Pap test da solo  Più falsi positivi del solo Pap test, che causano inutile ansia e follow up 
    Pap test da solo (accettabile) Ogni 3 anni Pochi falsi positivi Non sensibile quanto il co-testing (può non rilevare qualche precancro e cancro); da ripetere più spesso
    Test dell'HPV da solo (strategia alternativa) Ogni 5 anni Da ripetere meno frequentemente del Pap test da solo  Rileva infezioni da HPV che non causano problemi; non rileva tumori non comuni che non sono causati da HPV

    Occorre discutere con il proprio medico i pro e i contro di tutte e tre le strategie di screening, in modo da poter valutare l'approccio migliore.

    La frequenza con cui deve essere eseguito il pap test dipende dall’età e dai fattori di rischio (vedere la sezione di Screening delle patologie tumorali). In Italia il sistema sanitario nazionale prevede che:

    • Lo screening col pap test venga eseguito sulle donne dai 25 ai 65 anni, ogni 3 anni, in assenza di fattori di rischio
    • La ricerca dell’HPV venga fatta ogni qual volta il pap test risulti positivo o quando il ginecologo lo ritenga necessario
    • Dopo i 65 anni, non sia più necessario lo screening se la donna non ha avuto una precedente storia di tumore cervicale e se si è sottoposta al test regolarmente negli anni precedenti. Ciò significa che se la donna ha avuto gli ultimi 3 Pap test negativi negli ultimi 10 anni, non ha bisogno di sottoporsi a screening dopo aver superato i 65 anni.

    Alcune donne necessitano di uno screening più frequente. Quelle che hanno le seguenti patologie, o che rientrano nelle categorie riportate sotto, devono discutere con il proprio medico per fare lo screening ad intervalli più ristretti:

    • pregressa diagnosi di lesione cervicale precancerosa di alto grado o di tumore cervicale
    • infezione da HIV
    • sistema immunitario compromesso
    • esposizione al DES (dietilstilbestrolo) in epoca fetale

    Il medico può decidere di prescrivere un pap test se la paziente ha avuto molti partner sessuali, se è in gravidanza, o se ha sanguinamento, dolore, piaghe, perdite o prurito vaginali.

    Le donne che si sono sottoposte a isterectomia totale (rimozione dell’utero e della cervice) e che non hanno una storia familiare di tumore cervicale o di cambiamenti della cervice non necessitano di sottoporsi a screening per il tumore cervicale. In caso contrario, occorre continuare lo screening per almeno 20 anni dopo la rimozione. Le donne che si sono sottoposte a isterectomia senza rimozione della cervice (isterectomia supercervicale) dovrebbero continuare a sottoporsi a screening.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il pap test è “negativo” quando le cellule raccolte appaiono normali o non ci sono infezioni identificabili. In alcuni casi, il referto del Pap test riporta la dicitura “non valutabile”. Ciò significa che il prelievo non è adeguato o che le cellule non sono chiaramente identificabili. In tal caso è consigliabile ripetere il test entro 2 o 3 mesi, ma non significa necessariamente che siano presenti problemi significativi.

    Sotto è riportato un riassunto dei possibili risultati (vedere la pagina Pap Test Terminology del sistema di classificazione Bethesda dei risultati del pap test)

    • Non valutabile: raccolta del campione non adeguata o presenza di sostanze interferenti
    • Benigno: assenza di cellule tumorali, ma il test evidenzia la presenza di un’infezione, un’irritazione o segni di riparazione del tessuto
    • Presenza di cellule atipiche di incerto significato clinico: anomalie nelle cellule di rivestimento della porzione esterna della cervice (cellule squamose- ASCUS) o nelle cellule del rivestimento dell’utero e del canale uterino (cellule ghiandolari- AGCUS) di cui la causa non è conosciuta; un risultato ASCUS è frequentemente seguito da un test del DNA per rilevare l’eventuale presenza di ceppi di HPV ad alto rischio
    • Anomalie di basso grado: dovute frequentemente ad infezioni da HPV, che in alcuni casi possono essere a rischio per lo sviluppo del tumore cervicale; questo risultato può essere seguito da un test del DNA per rilevare l’eventuale presenza di ceppi di HPV ad alto rischio
    • Anomalie di alto grado: cellule atipiche che possono trasformarsi in cancerose
    • Carcinoma a cellule squamose o adenocarcinoma: termini usati per identificare alcuni tipi di tumore; in questi casi, la patologia è evidente e richiede un trattamento immediato.

    Se il pap test è eseguito senza test dell’HPV, la presenza di cellule cervicali anomale indica la necessità di eseguire il test dell’HPV per capire se l’infezione è la causa delle modificazioni cellulari. 

    I risultati del test dell’HPV e del pap test vanno di pari passo nel determinare il rischio di tumore cervicale. L’esecuzione di entrambi i test, raccomandata dalle più recenti linee guida, determina sia la presenza di cellule infette da HPV ad alto rischio, sia cambiamenti anomali nelle cellule cervicali.

    La seguente tabella mostra i possibili risultati della combinazione dei due test (co-testing) e le linee guida per il follow up di American Cancer Society (ACS), American Society for Colposcopy and Cervical Pathology (ASCCP) e American Society for Clinical Pathology (ASCP). E’ importante ricordare che al momento il test è raccomandato per le donne tra i 30 e i 65 anni.

    Risultati del co-testing

    Significato del risultato

    Raccomandazioni per il follow- up

    HPV negativo, pap test normale

    Basso rischio di tumore cervicale al momento

    Ripetere il co- testing entro 5 anni (o solo il pap test entro tre)

    HPV positivo, pap test normale

    Le cellule cervicali sono infettate da HPV ad alto rischio, ma non sono state trovate anomalie.

    Opzione 1: ripetere il co-testing entro 12 mesi
    Opzione 2: test per la presenza di HPV-16 o HPV-18
    - se presenti HPV-16 e/o HPV-18 è raccomandata la colposcopia  
    - se non presenti HPV-16 e/o HPV-18 ripetere il co- testing entro 12 mesi

    HPV negativo, pap test indefinito (ASCUS)

    Nessuna infezione da HPV; i cambiamenti a carico delle cellule cervicali possono essere dovuti a infezioni, infiammazioni o cambiamenti ormonali e dovrebbero scomparire senza un trattamento

    Ripetere il co-testing entro 3 anni
     

    HPV positivo, pap test indefinito (ASCUS)

    Le cellule cervicali sono infettate da HPV ad alto rischio. L’infezione è probabilmente la causa delle anomalie alle cellule cervicali

    Colposcopia per esaminare le cellule cervicali sotto lampada e ingrandimento

    HPV negativo, pap test anomalo (modificazioni di basso o alto grado)

    Nessuna infezione da HPV; le cause della presenza di cellule cervicali anomale sono sconosciute

    Opzione 1: ripetere il co-testing entro 12 mesi
    Opzione 2: colposcopia per esaminare le cellule cervicali sotto lampada e ingrandimento

    HPV positivo, pap test anomalo (modificazioni di basso o alto grado)

    Le cellule cervicali sono infettate da HPV ad alto rischio, che è probabilmente la causa di crescita anomala delle cellule

    Colposcopia per esaminare le cellule cervicali sotto lampada e ingrandimento e trattamento della crescita pretumorale, se presente

  • C’è altro da sapere?

    Il pap test è generalmente utilizzato come test di screening. Una certa percentuale di anomalie nelle donne può rimanere non diagnosticata con un singolo pap test, per questo è importante sottoporsi a screening regolarmente. Una limitazione del test è rappresentata dalla raccolta del campione. Il pap test viene eseguito su un gruppo di cellule molto limitato presenti sul collo dell’utero e sulla parete vaginale. Anche per i medici più esperti, la raccolta del campione può essere inadeguata ed in questi casi il test viene ripetuto.

    Alcuni farmaci (quali la digitale e la tetraciclina) possono influenzare i risultati.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Il Pap test “positivo” è sempre indice di tumore?

    Un singolo pap test “positivo” non indica necessariamente la presenza di un tumore. Le membrane che ricoprono la cervice vanno incontro a costanti cambiamenti e riparazioni. Occorre eseguire ulteriori test e/o procedure per contribuire a determinare la significatività di un pap test anormale.

    In base all'età e alla storia clinica, possono essere programmati dei controlli più stringenti. Ciò significa ripetere il test ogni 3-6 mesi finché l’anomalia non è più riscontrabile, o essere sottoposti ad un test HPV se non già eseguito in precedenza. 

     

  • E’ necessario fare il pap test se ci si è già sottoposti a ricerca dell’HPV?

    E’ possibile che fra qualche tempo ci si possa sottoporre alla ricerca del virus dell’HPV senza Pap test. La Food and Drug Administration ha approvato di recente la ricerca dell’HPV senza Pap test e nel 2015 le più importanti organizzazioni della sanità hanno sviluppato delle linee guida secondo le quali sarà possibile usare il test dell’HPV senza Pap test come screening per le donne dai 25 anni in su. Questo pannello di esperti ha revisionato una serie di studi clinici per arrivare alla stesura delle linee guida, anche se sono ancora necessarie altre ricerche per valutare meglio il test dell’HPV e il suo ruolo nello screening del tumore cervicale. Ad esempio, non è ancora chiaro se l’età di 25 anni sia la più adeguata per iniziare lo screening e ogni quanto sia necessario effettuare il test. (Per maggiori informazioni leggere Experts Offer Advice on hrHPV Testing as a Primary Screen for Cervical Cancer.)

  • E’ necessario sottoporsi allo screening se si è vaccinati contro l’HPV?

    Poiché il vaccino contro l’HPV non è protettivo contro tutti i virus che possono causare il tumore cervicale, le donne vaccinate dovrebbero comunque sottoporsi al test di screening. Inoltre, non tutti i tumori cervicali sono causati da un'infezione da HPV.

    La Food and Drug Administration ha approvato il vaccino per l’HPV perchè venga usato nelle donne con età compresa tra i 9 e i 26 anni per prevenire il tumore cervicale e l’infezione dai tipi di HPV che causano il 70% di condilomi e formazioni tumorali. I vaccini sono somministrati in 3 dosi in un periodo di 6 mesi. Sono efficaci solo se presi prima dell’esposizione al virus, per questo motivo le donne dovrebbero vaccinarsi prima di iniziare ad avere rapporti sessuali.

  • Perché è necessario sottoporsi regolarmente a Pap test o a ricerca dell’HPV?

    Il tumore cervicale ha una crescita lenta e progressiva e può impiegare diversi anni per arrivare oltre alla cervice. Per questo motivo, fare regolarmente la visita ginecologica e il test di screening è necessario per determinare la presenza di cellule precancerose e permettere la rimozione dei tessuti malati. Una regolarità degli esami può anche rilevare tessuti in trasformazione (da normali a tumorali). Se la diagnosi è precoce, il tumore cervicale è facile da trattare, al contrario se non curato è quasi sempre letale.

  • Quali sono i fattori di rischio per il tumore cervicale?

    Il fattore di rischio più importante per il tumore cervicale è l’infezione da virus del papilloma umano (HPV) ad alto rischio. Questo è il motivo per cui, insieme al Pap test, spesso viene eseguita anche la ricerca del DNA dell’HPV.

    Secondo il National Cancer Institute, ci sono altri fattori che possono aumentare il rischio dopo un’infezione da HPV: avere molti figli, usare contraccettivi orali a lungo e fumare. 

    Altri fattori di rischio sono: avere iniziato l’attività sessuale in età precoce, avere molti partner sessuali, fare il pap test di rado, essere esposte a DES (dietilstilbestrolo) prima della nascita, avere già avuto un tumore cervicale, avere il sistema immunitario compromesso dal trapianto d’organo o dall’HIV e avere altre malattie sessualmente trasmissibili (ad esempio l’herpes).

  • Come viene trattato il tumore cervicale?

    Il trattamento del tumore cervicale dipende dallo stadio della patologia. Quando il tumore è contenuto nel rivestimento della cervice o all’interno della cervice, il trattamento prevede generalmente la rimozione chirurgica del tessuto anomalo, la crioterapia (congelamento del tessuto normale) o la tecnologia laser.

    L’intervento per curare il tumore cervicale più invasivo può prevedere un’operazione chirurgica per la rimozione dei tessuti malati o dell’intero utero (isterectomia), radioterapia o chemioterapia per distruggere le eventuali cellule tumorali ancora presenti. In caso di diagnosi di tumore cervicale, è importante tenere presente che le tecniche sono in costante evoluzione. E’ opportuno affidarsi al ginecologo ed all’oncologo per la scelta del miglior trattamento.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(2018) American College of Obstetricians and Gynecologists. Practice advisory: Cervical cancer screening (update). Available online at https://www.acog.org/Clinical-Guidance-and-Publications/Practice-Advisories/Practice-Advisory-Cervical-Cancer-Screening-Update. Accessed on March 14, 2019.

(December 2018) American College of Obstetricians and Gynecologists Cervical cancer infographic. Available online at https://www.acog.org/Patients/FAQs/Cervical-Cancer-Screening-Infographic. Accessed March 18, 2019.

(September 2017) American College of Obstetricians and Gynecologists. Frequently asked questions (FAQ 085): Cervical cancer screening. Available online at https://www.acog.org/-/media/For-Patients/faq085.pdf?dmc=1&ts=20190218T2308367101. Accessed March 18, 2019.

(December 28, 2018) American Cancer Society. The American Cancer Society guidelines for the prevention and early detection of cervical cancer. Available online at https://www.cancer.org/cancer/cervical-cancer/prevention-and-early-detection/cervical-cancer-screening-guidelines.html. Accessed March 14, 2019.

June 14, 2018. National Cancer Institute. Cancer Screening (PDQ®)-Health Professional Version. Available online at https://www.cancer.gov/types/cervical/hp/cervical-screening-pdq. Accessed March 14, 2019.

(May 2018) U.S. Centers for Disease Control and Prevention. HPV vaccine information for clinicians. Available online at https://www.cdc.gov/hpv/hcp/need-to-know.pdf. Accessed March 24, 2019.

(February 1, 2018) National Cancer Institute. Cervical cancer prevention (PDQ®)—Health professional version. Available online at https://www.cancer.gov/types/cervical/hp/cervical-prevention-pdq#_344_toc. Accessed March 27, 2019.

(September 21, 2017) National Cancer Institute. Cervical cancer prevention (PDQ®)—Patient version. Available online at https://www.cancer.gov/types/cervical/patient/cervical-prevention-pdq. Accessed March 27, 2019.

(December 28, 2016) U.S. Centers for Disease Control and Prevention. HPV vaccine information for young women. Available online at https://www.cdc.gov/std/hpv/stdfact-hpv-vaccine-young-women.htm. Accessed March 27, 2019.

Leeds I, Fang S, Anal cancer and intraepithelial neoplasia screening: A review. World J Gastrointest Surg. 2016 Jan 27; 8(1): 41–51. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4724586/. Accessed May 2019.

(August 2018) Fact Sheet: United States Cancer Statistics Data Brief. Available online at https://www.cdc.gov/cancer/hpv/pdf/USCS-DataBrief-No4-August2018-508.pdf. Accessed May 2019.

(March 2019) National Cancer Institute. Cervical Cancer Screening. Available online at https://www.cancer.gov/types/cervical/patient/cervical-screening-pdq. Accessed May 2019.

The Pap test and Bethesda 2014. Ritu Nayar, MD and David C. Wilbur, MD. Article first published online: 1 MAY 2015, Cancer Cytopathology Volume 123, Issue 5, pages 271–281. Available online at http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/cncy.21521/full. Accessed May 2019.

(May 1, 2019) Understanding Cervical Changes: Next Steps After an Abnormal Screening. National Cancer Institute. Available online at https://www.cancer.gov/types/cervical/understanding-cervical-changes. Accessed May 2019.

(November 20, 2016) The Pap (Papanicolaou) Test. American Cancer Society. Available online at https://www.cancer.org/cancer/cervical-cancer/prevention-and-early-detection/pap-test.html. Accessed May 2019.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

 

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Robert Krum, MD. Director of Cytology, Kaiser Permanente; Adjunct Assistant Professor of Pathology, Oregon Health & Science University.

Communication from Kenneth Sims, M.D. based on Dr. John Bishops' topic "Pap Smear" in Evaluating Abnormal Test Results, http://UPCMD.com developed by the University Pathology Consortium, LLC.

Cindy Steele, SCT(ASCP (IAC). Cytopathology Supervisor, SUNY Upstate Medical University, Syracuse, NY.

Teri Somrak, JD, CT (ASCP). Director of Educational Planning, ASCP.

(2004 Copyright). Human Papilloma Virus (HPV). American Cancer Society [On-line information]. Available online through http://www.cancer.org.

Bren, L. (2004 January February). Cervical Cancer Screening. FDA Consumer Magazine [On-line article]. Available online at http://www.fda.gov/fdac/features/2004/104_cancer.html.

(2004 Copyright). Human Papillomavirus (HPV). ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing [On-line testing information]. Available online at http://www.arup-lab.com/guides/clt/tests/clt_302a.jsp#3465668.

(2004 May 4). Revised Cervical Cancer Screening Guidelines Require Reeducation of Women and Physicians. ACOG [On-line news release]. Available online at http://www.acog.org/from_home/publications/press_releases/nr05-04-04-1.cfm.

(2004 Copyright). The High-Risk HPV Test: A Breakthrough in Cervical Cancer Screening. The HPVtest.com [On-line information from Digene Corportaion]. Available online at http://www.thehpvtest.com/factsheet.html.

Pagana K, Pagana T. (2006). Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 3rd edition. St. Louis: Mosby Elsevier. Pages 690-693.

(December 2009). ACOG Practice Bulletin, Clinical Management Guidelines for Obstetricians-Gynecologists, No. 109, Cervical Cytology Screening. PDF available for download at http://journals.lww.com/greenjournal/documents/PB109_Cervical_Cytology_Screening.pdf. Accessed December 2009.

(Updated 2009 January 22). Frequently Asked Questions, Pap Test. Womenshealth.gov [On-line information]. Available online at http://womenshealth.gov/faq/pap-test.cfm. Accessed February 2009.

(Updated 2009 January 7). Making Progress against Cervical Cancer. CDC [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/Features/CervicalCancer/. Accessed February 2009.

(Reviewed 2009 February 2). Pap Test. National Cancer Institute Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Detection/Pap-test. Accessed February 2009.

(2005 January 28). Understanding Cervical Changes: A Health Guide for Women. National Cancer Institute Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/understandingcervicalchanges. Accessed February 2009.

(Updated 2008 April). Pap Smear, What is a Pap Smear? Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/online/famdocen/home/women/reproductive/gynecologic/138.html. Accessed February 2009.

Dr. D. Van Niekirk, Director, Cervical Cancer Screening Laboratory, British Columbia Cancer Agency, Vancouver, BC, Canada.

American Cancer Society. Cervical Cancer Overview. Available online at http://www.cancer.org/Cancer/CervicalCancer/OverviewGuide/cervical-cancer-overview-key-statistics. Last reviewed February 8, 2012. Accessed April 17, 2012.

World Health Organization. Sexual and Reproductive Health: Cancer of the Cervix. Available online at http://www.who.int/reproductivehealth/topics/cancers/en/.  Accessed March 23, 2012.

Press release. FDA Approves New Indication for Gardasil to Prevent Genital Warts in Men and Boys. Available online at http://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm187003.htm. Issued October 16, 2009. Accessed March 23, 2009.

U.S. Preventive Services Task Force. Screening for Cervical Cancer. Release Date: March 2012. Available online at http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/uspscerv.htm. Accessed March 2012. 

Moyer, VA on behalf of the U.S. Preventive Services Task Force. Screening for Cervical Cancer: U.S. Preventive Services Task Force Recommendation Statement. Annals of Internal Medicine, March 6, 2012, 156(5). Available online at http://www.annals.org/content/early/2012/03/14/0003-4819-156-12-201206190-00424.full. Accessed March 2012.

American Cancer Society. New Screening Guidelines for Cervical Cancer. Article date: March 14, 2012. Available online at http://www.cancer.org/Cancer/news/News/new-screening-guidelines-for-cervical-cancer. Accessed March 2012. 

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). Cervical cytology screening. Washington (DC): American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG); 2009 Dec. 12. (ACOG practice bulletin; no. 109). Available online at http://www.guideline.gov/content.aspx?id=15274#Section420. Accessed March 23, 2012.

National Cancer Institute.Fact Sheet. HPV and Cancer. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/Risk/HPV. Accessed March 23, 2012.

National Cancer Institute. Treatment Options by Stage. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/cervical/Patient/page5. Accessed March 23, 2012.

Reuters. Wait longer between Pap tests, doctors say. October 22, 2012. Available online at http://www.reuters.com/article/2012/10/22/health-cancer-papsmear-idUSL3E8LM84D20121022. Accessed November 2012.

ACOG. Ob-Gyns Recommend Women Wait 3 to 5 Years Between Pap Tests. October 22, 2012. Available online at http://www.acog.org/About_ACOG/News_Room/News_Releases/2012/Ob-Gyns_Recommend_Women_Wait_3_to_5_Years_Between_Pap_Tests. Accessed November 2012.

Karjane, N. and Ivey, S. (2014 January 22, Updated). Pap Smear. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1947979-overview#showall. Accessed May 17, 2015.

Carter, J. (2015 May 4, Updated). Cervical Cancer Guidelines. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2267535-overview. Accessed May 17, 2015.

Boardman, C. and Matthews, K. (2014 August 15, Updated). Cervical Cancer. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/253513-overview. Accessed May 17, 2015.

Storck, S. (2014 March 11, Updated). Pap smear. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003911.htm. Accessed May 17, 2015.

(2015 March 26, Updated). Making Sense of Your Pap & HPV Test Results. Centers for Disease Control and Prevention. [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/std/hpv/pap/default.htm. Accessed May 17, 2015.

(2015 January 21, Updated). Cervical Cancer Screening. National Cancer Institute [On-line information]. Available online at http://www.cancer.gov/types/cervical/patient/cervical-screening-pdq#link/stoc_h2_2. Accessed May 17, 2015.

(2013 September). New Guidelines for Cervical Cancer Screening. Patient Education Fact Sheet. American College of Obstetricians and Gynecologists [On-line information]. Available online at http://www.acog.org/-/media/For-Patients/pfs004.pdf?dmc=1&ts=20150519T0657307766. Accessed May 19, 2015.

(2015 April, Updated). Vaccines for Children - A Guide for Parents and Caregivers. U.S. Food and Drug Administration [On-line information]. Available online at http://www.fda.gov/biologicsbloodvaccines/resourcesforyou/consumers/ucm345587.htm. Accessed May 2015.