Noto anche come
WNV
WNV con tecnologia NAAT
Nome ufficiale
Virus West Nile, ricerca degli anticorpi IgM e IgG ed amplificazione degli acidi nucleici
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 29.11.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Come supporto per la diagnosi dell’infezione causata dal virus West Nile (WNV); per definire la causa di meningiti o encefaliti virali o di malattie febbrili che possono manifestarsi nella stagione estiva; per determinare la presenza di WNV e arginare la diffusione alla comunità; come screening per i donatori di sangue, tessuti o organi.

Quando Fare il Test?

In presenza di sintomi che suggeriscano un'infezione da WNV come mal di testa, febbre, rigidità nucale e debolezza muscolare comparse in seguito alla puntura di zanzare o in seguito alla diagnosi di encefalite o meningite contratta durante il periodo estivo.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di liquido cefalorachidiano prelevato mediante puntura lombare e/o un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

Il virus West Nile (WNV) è un virus responsabile di un’infezione trasmessa agli uomini principalmente dalla puntura di zanzare infettatesi precedentemente pungendo uccelli o altre persone infette. Il test rileva nel sangue e/o nel liquor del paziente il virus o gli anticorpi prodotti dall'organismo in risposta all’infezione.

Il WNV è un virus appartenente alla famiglia dei Flavivirus, che include anche i virus Zika, della febbre gialla e Dengue. Inoltre appartiene al gruppo degli Arbovirus, ossia virus trasmessi alle persone tramite la puntura di insetti e zanzare. Nel giugno 2018 è stato confermato il primo caso d'infezione all'uomo operata da WNV in Italia. I dati relativi alla sorveglianza sanitaria dell'infezione da WNV riportano, al 5 settembre 2018, 365 casi di infezione. Tra questi sono inclusi 148 casi con manifestazioni di tipo neuro invasivo di cui 19 decessi, 169 casi di febbre e 48 casi in donatori di sangue asintomatici (fonte EpiCentro).

L'infezione può essere contratta anche tramite il contatto con sangue e tessuti di altri animali infetti oltre gli uccelli. Non è possibile contrarre l'infezione manipolando o mangiando volatili infetti o direttamente da persona a persona. Esistono tuttavia rari casi di infezione da WNV trasmessa mediante donazioni di sangue e organi o dalla madre al bambino durante la gravidanza, il parto o l’allattamento al seno.

In circa l’80% dei casi, l'infezione è asintomatica. Nel restante 20% dei casi, possono comparire sintomi parainfluenzali, come mal di testa, febbre, nausea, debolezza muscolare e/o eruzioni cutanee alla schiena o al petto. Questi sintomi si risolvono di solito spontaneamente entro pochi giorni o poche settimane.

In 1 caso su 150, possono comparire gravi complicanze a carico del sistema nervoso centrale. Tra queste vi sono lo stato confusionale, le convulsioni, la febbre alta, la rigidità nucale, il mal di testa fino al coma. Possono manifestarsi encefalite, meningite e/o paralisi muscolare. Queste forme aggressive sono più frequenti negli anziani, nelle persone con sistema immunitario compromesso (immunocompromessi) e negli individui con patologie concomitanti come diabete o ipertensione. Sebbene la maggior parte dei sintomi si risolva entro poche settimane, alcuni danni ai nervi e la paralisi possono rimanere più a lungo o essere permanenti.

Esistono due tipi test per la ricerca dell'infezione da WNV:

  • Ricerca degli anticorpi - rileva la presenza di IgM o di IgG dirette contro WNV
  • Amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) - rileva la presenza di materiale genetico (RNA) del virus WNV

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

     Il test del virus West Nile (WNV) viene usato come supporto alla diagnosi di infezione da WNV in persone con segni e sintomi e una storia di recente esposizione alla puntura di insetti o altri fattori di rischio per l'infezione. Il WNV viene trasmesso agli uomini principalmente tramite la puntura di una zanzara che abbia precedentemente punto uccelli infetti o altre persone infette. Il test eseguito in persone sintomatiche può aiutare a distinguere l'infezione da WNV da altre patologie caratterizzate da sintomi simili, come le meningiti batteriche, e può fornire informazioni utili nella scelta del trattamento.

    Il test non è usato anche per lo screening in persone asintomatiche, ma viene usato per lo screening dei donatori di sangue. Nel 2018, il WNV è stato rilevato in 48 donatori di sangue. Tuttavia, nell'80% dei casi, l'infezione è asintomatica e non comporta problemi di salute. Per questo motivo lo screening generale della popolazione asintomatica non è utile.

    Sono disponibili due tipi di test per WNV:

    Test per gli anticorpi

    La ricerca degli anticorpi anti-WNV consente di diagnosticare un’infezione attiva o recente. Esistono due classi di anticorpi anti-WNV prodotti in risposta all’infezione: IgM e IgG.

    • Le IgM sono i primi anticorpi prodotti dal sistema immunitario in risposta all’infezione da WNV. Sono presenti, nella maggior parte degli individui, entro una o due settimane dall’esposizione. La concentrazione di anticorpi (titolo) aumenta per un breve periodo per poi diminuire. Di solito, dopo alcuni mesi, le IgM scendono sotto il limite di rilevabilità.
      La ricerca delle IgM sono il primo test effettuato su sangue o su liquor di pazienti sintomatici. Questo esame può risultare positivo sia a seguito di infezione da WNV che di altri arbovirus come il virus dell’encefalite di St. Louis e quello dell’encefalite giapponese. Per questa ragione, la maggior parte dei test positivi alle IgM deve essere confermata da un altro metodo prima di stabilire una diagnosi e mandarne la segnalazione agli organi di sorveglianza sanitaria.
    • Il test per la ricerca delle IgG può essere usato, insieme alla ricerca delle IgM, per rilevare un’esposizione recente o pregressa a WNV. Il test delle IgG può essere prescritto una volta con le IgM oppure, dopo la misura iniziale, può essere prescritto nuovamente dopo 2-4 settimane, per rilevare un aumento o una diminuzione del titolo (importante ai fini diagnostici).
       
    Test di amplificazione degli acidi nucleici (NAAT)

    La tecnologia NAAT consente l'amplificazione e la misura del materiale genetico del virus. Questo esame consente di rilevare un’infezione attiva prima che gli anticorpi siano rilevabili nel siero. Sebbene il test sia in grado di rilevare in modo specifico la presenza di WNV, questo deve essere presente in una certa quantità minima (numero di copie) per poter essere rilevato.

    Poiché l’uomo è il secondo ospite del WNV (gli uccelli sono gli ospiti primari), le concentrazioni di virus nell’uomo sono di solito relativamente basse e non rimangono a lungo.

    Il test NAAT è molto utile per lo screening su sangue, tessuti o organi donati, con lo scopo di rilevare la presenza del virus ed evitare il contagio di altri individui. Inoltre viene usato per testare gli uccelli e le zanzare così da verificare la presenza e la diffusione del WNV nella comunità. E’ importante capire se il virus è presente in una certa area tra gli uccelli e dalle zanzare (sorveglianza veterinaria), così da monitorare l'eventuale diffusione all’uomo. Inoltre può essere usato per testare il sangue o i tessuti di una persona deceduta (post mortem) per capire se WNV possa aver causato o contribuito al decesso.

  • Quando viene prescritto?

    Il test per la ricerca degli anticorpi prodotti in risposta all'infezione del virus West Nile (WNV), è prescritto principalmente in persone con segni e sintomi che suggeriscano un’infezione attiva da WNV, in modo particolare se abitanti o frequentanti zone nelle qual il virus è endemico. L’infezione può essere sospettata soprattutto se i sintomi si presentano durante l’estate. In Italia il primo caso umano è stato segnalato a giugno del 2018.

    Alcuni segni e sintomi riconducibili a WNV, sono:

    • Mal di testa
    • Febbre, brividi
    • Nausea, vomito
    • Debolezza muscolare
    • Eruzioni cutanee alla schiena o al petto
       

    Segni e sintomi associati ad un'infezione da WNV più grave, che coinvolge il sistema nervoso centrale, sono:

    • Febbre alta
    • Debolezza muscolare estrema
    • Rigidità nucale
    • Disorientamento
    • Tremori, convulsioni
    • Coma
    • Paralisi (raramente)
       

    Il test per la ricerca degli anticorpi può essere richiesto al momento della diagnosi iniziale e 2-4 settimane dopo la positivizzazione del test, nella fase detta di convalescenza. Un test inizialmente negativo per le IgM può essere ripetuto dopo qualche giorno nel caso in cui i sintomi persistano e siano state escluse altre patologie. Questo perché nella fase iniziale le IgM potrebbero essere presenti in quantità troppo piccole per poter essere rilevate.

    L’amplificazione degli acidi nucleici (NAAT) è usata in routine come screening su sangue, organi e tessuti prima della donazione o del trapianto.

  • Cosa significa il risultato del test?
    Test degli anticorpi

    Se le IgM sono positive nel sangue o nel liquor e vengono confermate con un altro metodo, allora è probabile che il paziente abbia un’infezione attiva da WNV, o che l’abbia avuta in un passato recente. Se le IgM sono presenti nel liquor significa che l’infezione è presente nel sistema nervoso centrale.

    Se nel primo campione (alla diagnosi) sono presenti sia le IgM che le IgG , allora è probabile che il paziente abbia contratto l’infezione WNV circa tre settimane prima del prelievo. Se le IgG sono positive e le IgM sono molto basse o non rilevabili, allora è probabile che la persona sia stata precedentemente esposta al WNV ma che l'infezione non sia più attiva. Se il titolo delle IgG nel sangue del paziente in fase di convalescenza continua ad aumentare, allora si tratta di un’infezione recente. Se gli anticorpi anti-WNV non cambiano o diminuiscono, significa che l’infezione è pregressa, non recente.

    La tabella seguente riassume i risultati che possono essere osservati con il test degli anticorpi:

    Risultato IgM

    Risultato IgG 

    Possibile interpretazione

    Positivo

    Negativo

    Infezione attiva precoce

    Positivo

    Positivo

    Infezione attiva

    Basso o negativo o non testato

    Aumentate di quattro volte in campioni raccolti dopo 2-4 settimane

    Infezione recente

    Basso o negativo

    Positivo

    Infezione passata

    Negativo

    Negativo

    • Prelievo troppo precoce rispetto all’esposizione iniziale (per lo sviluppo degli anticorpi)
    • Sintomi dovuti ad altre cause

    La presenza degli anticorpi anti-WNV può indicare la presenza di un’infezione ma non può essere usata per predire la gravità dei sintomi o la prognosi.

    Vista la possibilità di incorrere in risultati falsamente positivi, per la presenza di cross-reattività con anticorpi diretti contro altri virus appartenenti allo stesso gruppo, è necessario confermare ciascun risultato positivo utilizzando metodi alternativi ma dotati delle stesse caratteristiche in termini di sensibilità.

    Test di amplificazione degli acidi nucleici (NAAT)

    Se il test NAAT è positivo per WNV, significa che il virus è presente nel campione testato (sangue, sangue di un donatore, tessuti umani, di uccelli o di altri animali, pool di sangue raccolto dalle zanzare) e molto probabilmente anche nell’area geografica da cui proviene.

    Un test NAAT può risultare negativo se il virus non è presente o se è presente in concentrazioni molto piccole (non rilevabili). Un risultato negativo non esclude completamente la presenza del WNV. Il NAAT rileva la presenza del WNV fintanto che lo stesso è in fase di attiva replicazione.

  • C’è altro da sapere?

    In alcune zone il virus è presente tutto l’anno, ma nella maggior parte delle aree del mondo è stagionale: i casi si manifestano in concomitanza della presenza delle zanzare. La quantità di virus presente nell'ambiente è proporzionale al numero di uccelli infetti e alla popolazione delle zanzare. La prevenzione consiste nel prevenire l’esposizione individuale e nel controllo veterinario e della popolazione di zanzare.

    Le tecnologie NAAT e le colture virali sono usate in ambito di ricerca per identificare i ceppi virali  che causano l’infezione e per studiare le loro caratteristiche. Questi test sono molto utili per studiare la diffusione del virus e le epidemie. Sono stati inoltre isolati differenti sottotipi di WNV associati a diverse epidemie nel mondo.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Esiste un vaccino per il West Nile virus (WNV)?

    Non al momento, sebbene siano in corso di studio. Poiché vaccini per gli altri flavivirus come la febbre gialla, sono disponibili, efficaci e sicuri da oltre settant’anni, i ricercatori sono ottimisti a riguardo.

  • Quali misure è bene adottare per proteggersi dall’infezione?

    La prevenzione consiste perlopiù nella protezione dalle punture di zanzara. Le misure preventive consistono nell’utilizzo di repellenti per insetti, nel vestire con maniche e pantaloni lunghi per limitare l'esposizione alla puntura delle zanzare, nel rimanere in casa nelle ore in cui le zanzare sono maggiormente attive (all’alba e al tramonto), ed nell'eliminare l’acqua stagnante che attrae le zanzare. Esistono piani nazionali di sorveglianza veterinaria per il monitoraggio della diffusione del virus.

  • Le persone asintomatiche devono sottoporsi al test?

    Non nella popolazione generale. Esistono protocolli di screening effettuati sui donatori di sangue e/o organi e tessuti. In questi casi il donatore, se a rischio, viene sottoposto al test anche se asintomatico.

    Il test può essere anche eseguito su una madre asintomatica nel caso in cui il figlio neonato abbia contratto l'infezione, per capire se questa possa essere stata passata dalla madre al figlio tramite l'allattamento.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2018 review performed by Yanal M. Murad, PhD, DABMM.

Rutledge TF. Morbidity and Mortality Weekly Report Surveillance for Human West Nile Virus Disease — United States , 1999 – 2008. 2010;59(31):1999-2008.

WHO | West Nile virus. WHO. Available online at http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs354/en/. Published 2016. Accessed February 12, 2018.

West Nile Virus Disease Cases and Presumptive Viremic Blood Donors by State – United States, 2016. 2016. Available online at https://www.cdc.gov/westnile/resources/pdfs/data/WNV-Disease-Cases-and-PVDs-by-State-2016_09292017.pdf. Accessed February 12, 2018.

Centers for Disease Control and Prevention. Diagnostic Testing, West Nile Virus. Available online at https://www.cdc.gov/westnile/healthcareproviders/healthcareproviders-diagnostic.html. Accessed February 12, 2018.

Fda, Cber. Draft Guidance for Industry: Use of Nucleic Acid Test on Pooled and Individual Samples from Donors of Whole Blood and Blood Components for Transfusion to Adequately and Appropriately Reduce the Risk of Transmission of WNV. 2009. Available online at http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/GuidanceComplianceRegulatoryInformation/. Accessed February 12, 2018.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Tabers Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Petersen, L. and Marfin, A. (2002 August 6). West Nile Virus: A Primer for the Clinician. Annals of Internal Medicine Volume (137) 3:173-179 [On-line journal article]. Available online at http://www.annals.org/cgi/content/full/137/3/173.

(2003 September 24, Modified). West Nile Virus (WNV) Infection: Information for Clinicians. CDC, Division of Vector-Borne Infectious Diseases, West Nile Virus [On-line Fact Sheet]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/resources/fact_sheet_clinician.htm.

(2003 September 10). Testing and Treating West Nile Virus in Humans. CDC, Division of Vector-Borne Infectious Diseases, West Nile Virus, Questions and Answers [On-line Information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/qa/testing_treating.htm.

(2003 July 15). Update on West Nile Virus. CDC Telebriefing Transcript [On-line News Conference]. Available online at http://www.cdc.gov/od/oc/media/transcripts/t030715.htm.

(2003). Epidemic/Epizootic West Nile Virus in the United States: Guidelines for Surveillance, Prevention, and Control. CDC [On-line Guidelines]. PDF available for download at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/resources/wnv-guidelines-aug-2003.pdf.

Hayes, E. et. al (2004 February 27). Interim Guidelines for the Evaluation of Infants Born to Mothers Infected With West Nile Virus During Pregnancy. CDC, Division of Vector-Borne Infectious Diseases, West Nile Virus [On-line Clinical Guidelines, Published in MMWR (53) 7]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/congenitalinterimguidelines.htm.

Martin, D. et. al (2000 May). Standardization of Immunoglobulin M Capture Enzyme-Linked Immunosorbent Assays for Routine Diagnosis of Arboviral Infections. Journal of Clinical Microbiology (38) 5:1823-1826 [On-line journal]. Available online at http://jcm.asm.org/cgi/content/full/38/5/1823.

(2003 July 9). FDA Clears First Test for West Nile Virus. FDA News [On-line News Release]. Available online at http://www.fda.gov/bbs/topics/NEWS/2003/NEW00920.html.

(2003 May). Revised Recommendations for the Assessment of Donor Suitability and Blood and Blood Product Safety in Cases of Known or Suspected West Nile Virus Infection. FDA [On-line Guidance for Industry]. Available online at http://www.fda.gov/cber/gdlns/wnvguid.htm.

(2002 December) Arbovirus IFA Slides. PANBIO [On-line package insert]. PDF available for download at http://www.panbio.com.au/prodinfo/I-WNV01X%20-%2004DEC02-005.pdf.

(2003 July 17, Revised). West Nile Virus IgM Capture ELISA. PANBIO [On-line package insert]. PDF available for download at http://www.panbio.com.au/prodinfo/E-WNV01M.pdf.

Bren, L. (2003 January-February). West Nile Virus: Reducing the Risk. FDA Consumer Magazine [On-line article]. Available online at http://www.fda.gov/fdac/features/2003/103_virus.html.

(2004 February 23). US Startled by Extent of West Nile in Blood Donors. Reuters by Yahoo! Health [On-line article]. Available online at http://health.yahoo.com/search/healthnews?lb=p&p=id%3A54298.

(2003 December 11). West Nile Virus IgM Capture ELISA. FOCUS Technologies, Package Insert [On-line information]. Available online through http://www.focusanswers.com.

(2003 June 25). Focus Submits West Nile Virus Diagnostic Kits to FDA for 510 (k) Clearance [5 paragraphs]. FOCUS Technologies [On-line Press Release]. Available online through http://www.focusanswers.com.

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp. 1001-1002.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp. 1626.

(2007 August 28). FDA Approves Second West Nile Screening Test for Donated Blood and Organs. FDA News [On-line press release]. Available online at http://www.fda.gov/bbs/topics/NEWS/2007/NEW01691.html. Accessed on 9/09/07.

(2007 March 2). FDA Approves First Fully Automated Test to Screen for West Nile Virus in Blood and Tissue Donors. FDA News [On-line press release]. Available online at http://www.fda.gov/bbs/topics/NEWS/2007/NEW01578.html. Accessed on 9/09/07.

(2006 August 25). Recommendations for Protecting Laboratory, Field, and Clinical Workers from West Nile Virus Exposure. National Institute for Occupational Safety and Health [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/niosh/topics/westnile/reclab.html. Accessed on 9/09/07.

(2005 September 4). What You Need to Know about Mosquito Repellent. CDC West Nile Virus Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/mosquitorepellent.htm. Accessed on 9/09/07.

(2005 September 27). West Nile Virus Fact Sheet. CDC West Nile Virus Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/wnv_factsheet.htm. Accessed on 9/09/07.

(2007 August 1, Reviewed). Testing and Treating West Nile Virus in Humans. CDC Questions and Answers [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dvbid/westnile/qa/testing_treating.htm. Accessed on 9/09/07.

(2007 June 22). West Nile Virus Sequelae Can Be Long-Term. Medscape Reuters Health Information [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/558721. Accessed on 9/09/07.

Murray, K. et. al. (2007 April 05). Depression after Infection with West Nile Virus. Medscape from Emerg Infect Dis. 2007;13(3): 479-481. [On-line journal article]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/554199. Accessed on 9/09/07.

(2007 May 1). West Nile virus. MayoClinic.com [On-line information]. Available online through http://www.mayoclinic.com. Accessed on 9/09/07.

Salinas, J. and Steiner, M. (Updated November 6). West Nile Virus. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/312210-overview. Accessed November 2010.

Cunha, B. (Updated 2010 October 18). West Nile Encephalitis. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/234009-overview. Accessed November 2010.

Lindsey, N. et. al. (2010 September 13). West Nile Virus Activity — United States, 2009. Medscape Today from Morbidity & Mortality Weekly Report. 2010;59(25):769-772. © 2010 Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/725089. Accessed November 2010.

Mayo Clinic Staff (2010 June 26) West Nile virus. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/west-nile-virus/DS00438/METHOD=print. Accessed November 2010.

Dugdale, D. (Updated 2010 September 15). West Nile virus. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007186.htm. Accessed November 2010.

Neitzel, D. et. al. (2009 August 11). False-Positive Results with a Commercially Available West Nile Virus Immunoglobulin M Assay --- United States, 2008. Medscape Today from Morbidity & Mortality Weekly Report. 2009;58(17):458-460. © 2009 Centers for Disease Control and Prevention (CDC) [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/706830. Accessed November 2010.

Hillyard, D. et. al. (Updated 2010 January). Arboviruses. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Arboviruses.html?client_ID=LTD. Accessed November 2010.

(March 9, 2009) National Institute for Allergy and Infectious Diseases. West Nile Virus Diagnosis. Available online at http://www.niaid.nih.gov/topics/westNile/understanding/Pages/diagnosis.aspx. Accessed January 2011.

(2013 June 14). West Nile Virus in the United States: Guidelines for Surveillance, Prevention, and Control. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/westnile/resources/pdfs/wnvGuidelines.pdf. Accessed May 2014.

(© 1995–2014). West Nile Virus (WNV) Antibody, IgG and IgM, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratory [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/84186. Accessed May 2014.

(Reviewed 2013 June 7). Diagnostic Testing WNV Antibody Testing. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/westnile/healthCareProviders/healthCareProviders-Diagnostic.html. Accessed May 2014.

Gavin, M. (Reviewed 2012 August). West Nile Basics. TeensHealth from Nemours [On-line information]. Available online at http://kidshealth.org/teen/infections/bacterial_viral/west_nile.html. Accessed May 2014.

Murray, K. et. al. (2013). West Nile Virus, Texas, USA, 2012. Medscape Multispecialty from Emerging Infectious Diseases. 2013;19(11):1836-1838. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/819868. Accessed May 2014.

Salinas, J and Steiner, M. (Updated 2012 January 18). West Nile Virus. Medscape Multispecialty [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/312210-overview. Accessed May 2014.

Pittman, M. et. al. (2013 June 24). Recognition and Management of West Nile Virus in the ED. Medscape Multispecialty [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/804206. Accessed May 2014.