Noto anche come
Test rapido per l’influenza
Flu PCR
Influenza A e B qualitativa e quantitativa
Nome ufficiale
Influenza A e B (ricerca qualitativa e quantitativa), PCR per il virus dell’influenza, Test rapido antigenico per l’influenza, Ricerca degli antigeni per l’influenza A e B
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 02.12.2021.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per confermare o escludere la presenza di influenza, in particolare in pazienti ricoverati, immunocompromessi o con qualsiasi altra condizione clinica in grado di determinare l’aumento del rischio di complicanze correlate all’influenza; come supporto per stabilire il corretto approccio terapeutico e per valutazioni epidemiologiche.

Quando Fare il Test?

Nel caso in cui sia necessario stabilire se i sintomi manifestati dal paziente siano riconducibili al virus influenzale di tipo A o di tipo B o ad altre patologie; entro 3-4 giorni dalla comparsa di sintomi quali febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di gola, debolezza, astenia, tosse, faringotonsillite e raffreddore.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Dipende dalla metodica utilizzata. Può essere necessario un tampone o un aspirato rinofaringeo; talvolta, un bronco aspirato o un bronco lavaggio. Nel caso di test sierologici, un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

Il virus dell’influenza è un virus molto comune, responsabile di infezioni respiratorie che possono causare malessere da lieve a molto grave, talvolta letale. I test per l’influenza rilevano la presenza del virus dell’influenza in un campione di secrezioni respiratorie.

L’influenza tende ad essere stagionale, con picchi in genere tra la fine dell’autunno e l’inizio della primavera. I segni e sintomi associati, come mal di testa, febbre, brividi, dolori muscolari, debolezza, rinite, faringotonsillite e tosse, possono essere più gravi rispetto a quelli del raffreddore comune.

Esistono due tipi di virus dell’influenza, A e B, responsabili di forme influenzali epidemiche e pandemiche. Il virus di tipo C causa malessere lieve e non è sufficientemente patogenico da causare epidemie, mentre il virus di tipo D colpisce preferenzialmente bovini e suini. Esistono numerosi sottotipi di virus dell’influenza A, il cui nome deriva da specifiche proteine presenti sulla superficie del virus, l’emoagglutinina (H) e la neuroaminidasi (N). I virus dell’influenza più comuni sono H1N1 e H3N3 (per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo “Influenza” nella sezione “Patologie”).

La diffusione del virus dell'influenza può verificarsi tramite piccole goccioline di secrezioni nebulizzate (droplets) espulse dal naso o dalla bocca quando il paziente affetto respira, tossisce o starnutisce. Globalmente, ogni anno, il virus influenzale colpisce tra il 5 e il 15% della popolazione adulta, con un’incidenza che sale al 20-30% nei bambini. In Italia, mediamente, le sindromi simil-influenzali colpiscono ogni anno il 9% della popolazione.

Generalmente la diagnosi d’influenza non richiede le analisi di laboratorio, in maniera particolare nel caso in cui compaia nei periodi durante i quali sono presenti i picchi influenzali. Tuttavia, il test dell’influenza può essere utile nel caso in cui vi sia la necessità di escludere altre patologie, limitando l’uso di antibiotici (non necessari in caso d’influenza) e favorendo l’uso di terapie più appropriate (come i farmaci antivirali). Dal 2020, sono disponibili test combinati che, a partire da un unico tampone nasofaringeo, rilevano il virus influenzale di tipo A e B e lo distinguono dal virus responsabile di COVID-19 (denominato SARS-CoV-2).

Il test per l’influenza può essere utile anche nel caso in cui si sospetti la presenza di un focolaio epidemico nell’ambito di aree confinate, come in ospedali, case di cura e scuole. Infine, il test dell’influenza può avere lo scopo di fornire informazioni di carattere epidemiologico agli enti di sorveglianza sanitaria nazionali ed internazionali. Poiché i virus dell’influenza cambiano ogni anno, è importante monitorare quale sia il ceppo ed il tipo di virus presente per ciascuna stagione influenzale, al fine di raccogliere informazioni utili per la formulazione dei vaccini e per il monitoraggio di eventuali ceppi resistenti ai farmaci antivirali.

Esistono diversi tipi di test per l’influenza, caratterizzati da metodiche e finalità diverse.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    La raccolta del campione è una fase cruciale nell’esecuzione del test per l’influenza e le modalità di raccolta variano sulla base del test utilizzato. Il campione più indicato è un aspirato rinofaringeo o un campione di secrezioni nasali. Talvolta, il clinico può richiedere l’esecuzione del test su un tampone faringeo, il quale risulta però caratterizzato da una minore sensibilità rispetto ai precedenti.

    Per la raccolta dell’aspirato rinofaringeo, al paziente viene iniettata, tramite l’uso di una piccola siringa, della soluzione salina nel naso; quindi viene applicata una leggera suzione in modo da raccogliere la soluzione salina mista al muco. Per conservare correttamente i microrganismi contenuti nell’aspirato, il campione viene posto in uno specifico mezzo chiamato “terreno di trasporto per virus” ed inviato al laboratorio di analisi.

    Il campione rinofaringeo viene raccolto tramite l’uso di un tampone (simile ad un lungo cottonfioc con una piccola punta), che viene inserito nelle narici fino a toccare la parete posteriore del rino-faringe, dove viene lasciato per alcuni secondi e quindi ruotato alcune volte prima di disinserirlo. Non è una procedura dolorosa ma può essere fastidiosa ed indurre prurito, lacrimazione e colpi di tosse. 

    L'unica tipologia di test che non richiede un campione respiratorio è l'esame sierologico, che non viene tuttavia utilizzato per stabilire la diagnosi di influenza. Il test sierologico richiede un campione di sangue, solitamente prelevato da una vena del braccio.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test per l’influenza può essere utilizzato come sostegno alla diagnosi d’influenza e per la valutazione delle scelte terapeutiche. Talvolta, il test viene richiesto per documentare ed approfondire la presenza di focolai epidemici e per definire il tipo e/o ceppo del virus.

    Non tutti i casi d’influenza richiedono l’uso di test per la prescrizione di farmaci antivirali. Spesso, la diagnosi d’influenza è possibile grazie alla sola valutazione clinica del paziente, ai segni e sintomi presenti ed alle informazioni disponibili, come la stagione in corso. Nel caso in cui l’influenza duri 3-4 giorni e non vi siano evidenze di gravi complicanze secondarie (sequele), allora al paziente può essere consigliato soltanto di rimanere a riposo, di idratarsi e di contenere i sintomi con farmaci da banco.

    Tuttavia, l’influenza può rivelarsi anche mortale. I test possono supportare i clinici nel tentativo di limitarne la diffusione e per utilizzare farmaci antivirali in grado di limitarne i sintomi. Le organizzazioni internazionali raccomandano l'esecuzione del test in alcune specifiche condizioni:

    • Nei pazienti ricoverati o con patologie ad alto rischio, con sospetta influenza
    • Nei casi in cui la diagnosi d’influenza possa essere utile per limitare la diffusione del virus nella comunità o in aree confinate, come ospedali, case di cura e scuole
    • Nelle persone che abbiano avuto gravi sintomi o in seguito al decesso di persone affette da influenza (post-mortem)

    Il test è utile anche per identificare nuovi ceppi del virus e prevenire eventuali pandemie, per monitorare la resistenza ai farmaci antivirali e per preparare i vaccini per la successiva stagione influenzale.

    Esistono diversi tipi di test influenzali. La scelta del metodo utilizzato dipende dalla disponibilità e dalla finalità del test.

    • Test rapido dell’influenza; questo esame è in grado di fornire risultati in tempi rapidi, circa 10-30 minuti. Esistono diversi test POCT (point-of-care-test) approvati, alcuni dei quali sono in grado di rilevare la sola influenza A o sia quella di tipo A che B, ma senza distinguerle. Altri ancora sono in grado di rilevare e discriminare i virus influenzali di tipo A e B, o ancora di rilevare particolari ceppi, come l'H1N1
      • Test diagnostico rapido di rilevazione degli antigeni del virus dell’influenza; utilizzato per rilevare gli antigeni del virus influenzale in campioni dell’apparato respiratorio. Gli antigeni sono proteine presenti sulla superficie del virus in grado di stimolare l'attivazione del sistema immunitario; la loro presenza è indicativa di un'infezione in corso. Lo svantaggio principale di questo tipo di test è l’alto tasso di risultati falsamente negativi (risultati negativi in presenza d'infezione), che si verificano più comunemente in soggetti che vivono in aree con alta prevalenza del virus. Questi test hanno una sensibilità limitata e generalmente rilevano circa il 50-70% dei casi d’influenza. Pertanto, anche nel caso di risultati negativi, è comunque raccomandato di trattare il paziente con farmaci antivirali. Il test di conferma può essere eseguito tramite esami colturali o molecolari, maggiormente sensibili. Talvolta, questo test può fornire anche risultati falsamente positivi (risultati positivi in assenza d'infezione), in particolare in soggetti che vivono in aree con bassa diffusione del virus
      • Test molecolari (RT-PCR); questi esami rilevano la presenza del materiale genetico virale (RNA) nel campione respiratorio. Generalmente risultano più sensibili e specifici rispetto ai test rapidi ed identificano, in base al tipo di test utilizzato, il 66-100% dei casi di influenza. La maggior parte dei test molecolari sono in grado di distinguere tra virus dell'influenza A e B; alcuni permettono di identificare sottotipi specifici dell'influenza A e/o ceppi nuovi o sconosciuti. Alcune metodiche consentono di rilevare contemporaneamente diverse specie di virus responsabili di infezioni respiratorie, come il virus dell’influenza, il virus respiratorio sinciziale, il rinovirus ed il virus responsabile di COVID-19 (denominato SARS-CoV-2)
    • Esame colturale virale; la necessità di eseguire gli esami colturali virali è diminuita notevolmente dall’introduzione dei test molecolari. Questo tipo di esami richiede molto tempo per l’esecuzione (3-10 giorni), poiché è necessario aspettare un tempo sufficiente a permettere la crescita dei virus in coltura; pertanto, risulta di scarsa utilità clinica. L’esame colturale è in grado di rilevare i virus influenzali di tipo A e B e di determinare il ceppo ed il sottotipo del virus. Questi test sono utili per la formulazione di un vaccino che si ritiene possa essere utilizzabile nel periodo seguente, sulla base della presenza di ceppi virali emergenti e potenzialmente pandemici. L’esame colturale può rilevare la presenza anche di altri virus del tratto respiratorio
    • Test sierologico (anticorpale); rileva la presenza di anticorpi, prodotti dal sistema immunitario dell'organismo in risposta al virus influenzale, in un campione di sangue. Gli anticorpi vengono prodotti dopo alcune settimane dall'infezione; pertanto, il test sierologico viene utilizzato per identificare infezioni pregresse. Poiché questo test potrebbe non rivelare la presenza di infezioni recenti, non viene utilizzato per stabilire la diagnosi o il trattamento dei pazienti con influenza. Al contrario, può essere utilizzato per "tracciare" la diffusione dell'infezione all'interno di una specifica area o di un gruppo di persone.

    Insieme al test per l’influenza, il clinico può richiedere ulteriori test per escludere o diagnosticare altri tipi di infezione caratterizzati da sintomi simili, come:

    • Strep test; per rilevare la faringotonsillite streptococcica
    • Virus respiratorio sinciziale; per la ricerca del virus respiratorio sinciziale, un virus responsabile di una sintomatologia analoga a quella influenzale che spesso infetta i bambini e gli anziani.

    I test per l'influenza possono comprendere anche esami del sangue, radiografie del torace, monitoraggio dei livelli di saturazione dell'ossigeno ed altri test in grado di rilevare eventuali complicanze associate all'infezione da virus influenzale.

  • Quando viene prescritto?

    Il test dell’influenza viene richiesto perlopiù durante la stagione influenzale in persone ricoverate, negli immunocompromessi o nelle persone che, per altri motivi, possono essere a rischio di sviluppare complicanze. Il test deve essere richiesto entro tre giorni dalla comparsa dei sintomi. La maggior parte delle persone affette da influenza stagionale presenta un malessere moderato, caratterizzato da:

    • Astenia
    • Febbre, brividi
    • Naso tappato
    • Mal di gola
    • Mal di testa
    • Dolori muscolari
    • Debolezza
    • Tosse
    • In alcuni casi, diarrea e vomito

    Questi sintomi risultano comuni a numerose altre patologie o infezioni virali stagionali. Nella maggior parte dei casi i sintomi dell'influenza sono lievi e di breve durata; tuttavia, talvolta, possono causare complicanze potenzialmente letali. I bambini, gli anziani, le donne in gravidanza e i soggetti con comorbidità sono esposti ad un rischio aumentato di sviluppare gravi complicazioni in seguito ad un'infezione da virus influenzale.

    Nel caso in cui si sospetti un caso di influenza anomalo, poiché al di fuori della stagione influenzale, può essere richiesto un test rapido per la conferma diagnostica.

    Il test può essere richiesto anche nel caso in cui si sospetti che il virus influenzale possa essere responsabile di un’epidemia caratterizzata dalla presenza di sintomi a carico dell’apparato respiratorio. 

    Talvolta, il test può essere eseguito post-mortem, per accertare le cause di un malessere acuto e letale.

  • Cosa significa il risultato del test?

    La presenza di un risultato positivo al test rapido indica che molto probabilmente la persona che ha eseguito il test è stata infettata dal virus influenzale di tipo A o di tipo B e che è possibile prescrivere un farmaco antivirale per limitare i sintomi. Tuttavia, non è in grado di fornire al clinico informazioni riguardanti il ceppo del virus, la sua virulenza e la possibilità di sequele

    Un risultato negativo indica che con buona probabilità la persona ha una patologia diversa dall’influenza o che il test non è stato in grado di rilevare il tipo di virus (potrebbe essere presente un nuovo ceppo del virus non rilevabile dal test) o che nel campione sono presenti quantità di virus insufficienti per la rilevazione (come conseguenza di un campionamento inadeguato, sia dal punto di vista delle modalità di raccolta che della tempistica). Solitamente, le quantità del virus nel tratto respiratorio risultano elevate nei primi 3-4 giorni dall'infezione; pertanto, l'esecuzione degli esami dopo questa finestra temporale può aumentare le probabilità di incorrere in risultati falsamente negativi. Al contrario, è possibile incorrere in risultati falsi positivi nel caso in cui l'esecuzione del test avvenga entro pochi giorni dalla vaccinazione

    Alcuni tipi di test rapidi sono in grado di identificare specifici sottotipi di virus A, come H1N1, o anche altri virus, come il virus respiratorio sinciziale (RSV).

    Nel caso in cui l’esame colturale fornisca un risultato positivo, significa che il virus influenzale è presente. Sono necessari ulteriori esami per stabilire il tipo, il ceppo e la suscettibilità ad agenti antivirali.

  • C’è altro da sapere?

    Sia con che senza trattamento, la maggior parte dei casi di influenza si risolve nel giro di una o due settimane. La sensazione di debolezza e la tosse possono tuttavia permanere più a lungo. Alcune persone sviluppano complicanze anche gravi, che in genere si manifestano dopo la scomparsa dei sintomi influenzali.

    Chiunque può sviluppare complicanze dall’influenza, ma i bambini, gli anziani, gli immunocompromessi e le persone con patologie polmonari sono esposti ad un rischio aumentato. Tra le complicanze vi sono la polmonite, la sepsi e l’encefalite, che possono risultare molto gravi e richiedere il ricovero ospedaliero.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • È possibile che il test sia negativo nonostante l’influenza?

    Sì, il test dell’influenza potrebbe non essere in grado di rilevare tutti i casi di influenza. I test rapidi rilevano il 50-70% dei casi di influenza, mentre le metodiche molecolari il 66-100% dei casi. I test potrebbero fornire un risultato falsamente negativo nel caso in cui nel campione non vi siano quantità del virus sufficienti o nel caso in cui il test non sia in grado di rilevare particolari ceppi del virus. Potrebbero inoltre essere presenti nuovi ceppi del virus.

  • Quali altri esami possono essere richiesti come supporto diagnostico in presenza di sintomi influenzali?

    Il clinico può richiedere l’esecuzione dello Strep test, per la diagnosi della faringotonsillite streptococcica, o la ricerca del virus respiratorio sinciziale (RSV), un virus che spesso infetta i bambini e gli anziani. L’esame colturale dell’espettorato potrebbe anche rilevare la presenza di batteri o funghi quali responsabili dei sintomi respiratori. Infine, l’emocromo ed il pannello metabolico completo possono essere utili nella valutazione dello stato di salute complessivo, dei reni e dei polmoni.

  • Perché l’influenza è così importante?

    L’influenza rappresenta un importante rischio per la salute pubblica, soprattutto nel caso in cui emergano ceppi particolarmente virulenti. Si ricordi ad esempio l’influenza spagnola del 1918, responsabile di una pandemia che uccise tra i 20 e i 50 milioni di persone nel mondo, o l’influenza asiatica, che tra il 1957 ed il 1968 uccise centinaia di migliaia di persone.

    Negli anni più recenti è possibile ricordare la preoccupazione internazionale riguardante i ceppi H5N1 e H7N9, noti come influenza aviaria e bovina. Le preoccupazioni maggiori riguardano la possibilità di epidemie sempre più diffuse e gravi.

  • È preferibile sottoporsi ad un vaccino antinfluenzale?

    Il vaccino antinfluenzale è raccomandato nei bambini di età superiore ai 6 mesi e negli anziani. Anche i soggetti a maggior rischio di sviluppare complicanze dovrebbero sottoporsi al vaccino, incluse le persone ospitate nelle case di cura, le donne in gravidanza, le persone con asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva, malattie cardiache, epatiche e renali.

  • È possibile prendere l’influenza nonostante il vaccino?

    Sì, è possibile che il vaccino non sia efficace al 100%. Tuttavia, questo potrebbe diminuire i sintomi. Talvolta possono essere presenti nuovi ceppi del virus non inclusi nel vaccino in uso, per i quali quindi non ha efficacia.

  • Come viene deciso quale ceppo inserire nei vaccini ogni anno?

    I vaccini anti-influenzali prodotti ogni anno sono formulati sulla base di previsioni riguardanti il ceppo virale che con maggiore probabilità sarà maggiormente rappresentato durante quella particolare stagione influenzale. Queste valutazioni derivano da osservazioni epidemiologiche eseguite da esperti nel settore. In genere questi vaccini vengono prodotti con forme attenuate del virus o di virus inattivo, e sono diretti contro due ceppi del virus influenzale A e uno del B.

    I virus influenzali, attraversando le comunità di tutto il mondo, subiscono cambiamenti spontanei (chiamati "deriva antigenica") che permettono di eludere gli anticorpi protettivi sviluppati durante le precedenti infezioni e vaccinazioni. La quantità di "deriva antigenica" varia di anno in anno. Le derive antigeniche più importanti, note come "spostamento antigenico", portano a malattie più gravi poiché più persone risultano suscettibili al virus.

    Talvolta può capitare che il ceppo dell'influenza abbia una deriva antigenica significativa nel corso della stessa stagione influenzale. In questo caso il virus acquisisce caratteristiche leggermente diverse, mal riconosciute dal sistema immunitario. Questo fenomeno diminuisce l'efficacia del vaccino. Altre volte, la stagione influenzale può essere causata da un ceppo inaspettato, diverso da quelli per i quali il vaccino è stato sviluppato.

    In questi casi, comunque, la vaccinazione permette almeno la riduzione dei sintomi.

    Ai pazienti ad alto rischio (ad esempio quelli con disturbi cardiaci, renali e polmonari), è possibile prescrivere trattamenti antivirali prima della comparsa della malattia, al fine di fornire anche una protezione a breve termine durante la stagione influenzale.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

A.D.A.M. Medical Encyclopedia. Flu. Updated August 13, 2020. Accessed August 5, 2021. https://medlineplus.gov/ency/article/000080.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Rapid influenza diagnostic tests. Updated October 25, 2016. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/clinician_guidance_ridt.htm

Centers for Disease Control and Prevention. How flu spreads. Updated August 27, 2018. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/about/disease/spread.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Information on rapid molecular assays, RT-PCR, and other molecular assays for diagnosis of influenza virus infection. Updated October 21, 2019. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/molecular-assays.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Types of influenza viruses. Updated November 18, 2019. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/about/viruses/types.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Influenza virus testing methods. Updated August 10, 2020. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/table-testing-methods.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Nucleic acid detection based tests. Updated August 27, 2020. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/table-nucleic-acid-detection.html

Centers for Disease Control and Prevention. Rapid influenza diagnostic tests (RIDTs). Updated August 27, 2020. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/table-ridt.html

Centers for Disease Control and Prevention. Information on clinicians on rapid diagnostic testing for influenza. Updated August 31, 2020. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/rapidclin.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Overview of influenza testing methods. Updated August 31, 2020. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/overview-testing-methods.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Diagnosing flu: Questions & answers. Updated January 27, 2021. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/symptoms/testing.htm

Centers for Disease Control and Prevention. About flu. Updated February 10, 2021. Accessed August 5, 2021. https://www.cdc.gov/flu/about/index.html

Centers for Disease Control and Prevention. Live attenuated influenza vaccine [LAIV] (the nasal spray flu vaccine). Updated May 6, 2021. Accessed August 6, 2021. https://www.cdc.gov/flu/prevent/nasalspray.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Key facts about seasonal flu vaccine. Updated June 8, 2021. Accessed August 6, 2021. https://www.cdc.gov/flu/prevent/keyfacts.htm

Dolin R. Diagnosis of seasonal influenza in adults. In: Hirsch MS, ed. UpToDate. Updated February 11, 2021. Accessed August 5, 2021. https://www.uptodate.com/contents/diagnosis-of-seasonal-influenza-in-adults

Heikkinen T, Marttila J, Salmi AA, Ruuskanen O. Nasal swab versus nasopharyngeal aspirate for isolation of respiratory viruses. J Clin Microbiol. 2002;40(11):4337-4339. doi:10.1128/JCM.40.11.4337-4339.2002

MedlinePlus: National Library of Medicine. Flu (influenza) test. Updated July 31, 2020. Accessed August 5, 2021. https://medlineplus.gov/lab-tests/flu-influenza-test/

Munoz FM. Seasonal influenza in children: Clinical features and diagnosis. In: Mallory GB, Edwards MS, eds. UpToDate. Updated October 26, 2020. Accessed August 5, 2021.

https://www.uptodate.com/contents/seasonal-influenza-in-children-clinical-features-and-diagnosis

Tesini BL. Influenza (flu). Merck Manual Consumer Version. Updated March 2021. Accessed August 5, 2021. https://www.merckmanuals.com/home/infections/respiratory-viruses/influenza-flu

Tesini BL. Influenza. Merck Manual Professional Version. Updated March 2021. Accessed August 5, 2021. https://www.msdmanuals.com/professional/infectious-diseases/respiratory-viruses/influenza

US Food and Drug Administration. Coronavirus (COVID-19) update: FDA authorizes first COVID-19 and flu combination test for use with home-collected samples. Published December 4, 2020. Accessed August 8, 2021. https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/coronavirus-covid-19-update-fda-authorizes-first-covid-19-and-flu-combination-test-use-home

US Food and Drug Administration. Emergency use authorization (EUA) summary for the covid-flu multiplex assay. Published July 1, 2021. Accessed August 8, 2021. https://www.fda.gov/media/150561/download

Uyeki TM, Bernstein HH, Bradley JS, et al. Clinical Practice Guidelines by the Infectious Diseases Society of America: 2018 Update on Diagnosis, Treatment, Chemoprophylaxis, and Institutional Outbreak Management of Seasonal Influenza [published correction appears in Clin Infect Dis. 2019 May 2;68(10):1790]. Clin Infect Dis. 2019;68(6):e1-e47. doi:10.1093/cid/ciy866

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

(October 26, 2016) Centers for Disease Control and Prevention.Influenza Signs and Symptoms and the Role of Laboratory Diagnostics.Available online at https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/labrolesprocedures.htm.Accessed December 2016.

(September 23, 2016) Centers for Disease Control and Prevention.Influenza Virus Testing Methods.Available online at https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/table-testing-methods.htm.Accessed December 2016.

(October 25, 2016) Centers for Disease Control and Prevention. Rapid Diagnostic Testing for Influenza: Information for Health Care Professionals. Available online at https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/rapidclin.htm.Accessed December 2016.

(October 14, 2016) Centers for Disease Control and Prevention. Key Facts About Seasonal Flu Vaccine. Available online at https://www.cdc.gov/flu/protect/keyfacts.htm. Accessed January 2017

(October 25, 2016) Centers for Disease Control and Prevention.Guidance for Clinicians on the Use of RT-PCR and Other Molecular Assays for Diagnosis of Influenza Virus Infection.Available online at https://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/molecular-assays.htm.Accessed December 2016.

(July 19, 2016) National Institute of Allergy and Infectious Diseases.Influenza.Available online at https://www.niaid.nih.gov/diseases-conditions/influenza.Accessed December 2016.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary.F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Ault, A. (2002 October 7). CDC Urges Flu, Pneumococcal Shots for Seniors. MedlinePlus & Reuters Health Information [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/news/fullstory_9746.html.

NIAID (2001 July).Flu.Fact Sheet, National Institute of Allergy and Infectious Diseases, National Institutes of Health [On-line information].Available online at http://www.niaid.nih.gov/factsheets/flu.htm.

CDC (2002 September 20, Updated).Flu Facts for Everyone. Centers For Disease Control (CDC) [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nip/Flu/Public.htm.

CDC (2002 July 9, Reviewed). Influenza: The Disease. National Center for Infectious Diseases [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/flu/fluinfo.

CDC (2002 July 9, Reviewed). Antiviral Drug Information.National Center for Infectious Diseases [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/flu/fluviral.htm.

CDC (2002).Laboratory Diagnostic Procedures for Influenza, Diagnosis of influenza.National Center for Infectious Diseases [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/flu/flu_dx_table.htm.

CDC (2001 November 27, Modified). Inhalational Anthrax, Influenza, or Influenza-like Illness?Centers for Disease Control and Prevention [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/nip/Flu/MMWR_summary_11-9.htm.

Hurtado, R. (2002 March 1). Influenza. MedlinePlus Health Information, Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000080.htm.

Montato, N., et. al. (2000 December 1). Updated Treatment for Influenza A and B. American Family Physician [On-line information].Available online at http://www.aafp.org/afp/20001201/2467.html.

Kingston, B. and Wright, C. (2002 January 1). Influenza in the Nursing Home. American Family Physician [On-line journal]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20020101/75.html.

Baylor College of Medicine (2002). Virology Question of the Month, How accurate are the new rapid tests for flu? Diagnostic Virology Laboratory Newsletter [On-line newsletter]. Available online at http://www.bcm.tmc.edu/pedi/infect/dvl/nws10_2001.htm.

Locke, J. (2001 July 9). Rapid Infectious Disease Testing (Strep and Flu Diagnostics) - The Promise and Pitfalls.Clinical Laboratory Strategies [Unpublished version of published article]. Available E-mail: jtechwriter@yahoo.com

Harvard (2002 October). Fleeing crummy? Is it the flu? Harvard Health Letter [Newsletter]. Associated online at http://www.health.harvard.edu.

College of American Pathology (2002 October 09). CLIA Waived Test List. CAP Laboratory Improvement, Surveys/EXCEL (On-line serial). Available online at http://www.cap.org/html/lip/waived.html.

(Updated 2009 December 24). H1N1 Flu: Diagnosis and Lab Testing. Centers for Disease Control and Prevention, [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/h1n1flu/diagnosis/.Accessed March 2010.

Chang, H. (2009 November 4). Influenza.JAMA. 2009;302(17):1926 On-line information]. Available online at http://jama.ama-assn.org/cgi/reprint/302/17/1926.pdf.Accessed March 2010.

(Updated 2009 December 7). Updated Interim Recommendations for the Use of Antiviral Medications in the Treatment and Prevention of Influenza for the 2009-2010 Season.Centers for Disease Control and Prevention, [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/h1n1flu/recommendations.htm.Accessed March 2010.

(2009 September 29). Questions & Answers, Influenza Diagnostic Testing During the 2009-2010 Flu Season.Centers for Disease Control and Prevention [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/h1n1flu/diagnostic_testing_public_qa.htm.Accessed March 2010.

(2010 February 10). Questions & Answers, 2009 H1N1 Flu ("Swine Flu") and You.Centers for Disease Control and Prevention [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov.Accessed March 2010.

Derlet, R. et. al. (Updated 2009 December 8). Influenza.eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/219557-overview.Accessed March 2010.

Bronze, M. S. (Updated 2010 January 27). H1N1 Influenza (Swine Flu) eMedicine [On-line information].Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1807048-overview.Accessed March 2010.

Katz, M. et. al. (2009 March 13). Use of Rapid Tests and Antiviral Medications for Influenza Among Primary Care Providers in the United States. Medscape Today from Influenza Resp Viruses. 2009;3(1):29-35 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/588778.Accessed March 2010.

(2009 November 13). Fact Sheet for Healthcare Providers: Interpreting ELITech Molecular Diagnostics 2009-H1N1 Influenza A virus Real-Time RT-PCR Test Results ARUP Laboratories [On-line information]. PDF available for download at http://www.arup-lab.com/Testing-Information/resources/HotLines/H1N1-HealthcareProviders-InterpretingTestResults.pdf.Accessed March 2010.

Hillyard, D. et. al. (Updated 2010 February).Influenza Virus. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/InfluenzaVirus.html?client_ID=LTD. Accessed March 2010.

Mayo Clinic Staff (2009 September 30). H1N1 flu (swine flu).MayoClinic.com [On-line information].Available online at http://www.mayoclinic.com/health/swine-flu/DS01144.Accessed March 2010.

Mayo Clinic Staff (2009 September 11). Influenza (flu).MayoClinic.com [On-line information].Available online at http://www.mayoclinic.com/health/influenza/DS00081.Accessed March 2010.

(2009 August 10). Interim Guidance for the Detection of Novel Influenza A Virus Using Rapid Influenza Diagnostic Tests.Centers for Disease Control and Prevention [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/h1n1flu/guidance/rapid_testing.htm.Accessed March 2010.

(Updated 2010 March 8). CDC Estimates of 2009 H1N1 Influenza Cases, Hospitalizations and Deaths in the United States, April 2009 – February 13, 2010. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information].Available online at http://www.cdc.gov/h1n1flu/estimates_2009_h1n1.htm.Accessed March 2010.

Wu, A. (© 2006).Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 1225, 1578.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 729.

Reviewed March 2013.Influenza Virus. Arup Consult. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/InfluenzaVirus.html.Accessed November 2013.

Reviewed December 2012.Laboratory Support for Surveillance of Vaccine-Preventable Diseases.Centers for Disease Control and Prevention.Available online at http://www.cdc.gov/vaccines/pubs/surv-manual/chpt22-lab-support.html.Accessed November 2013.

Reviewed March 2012.Guidance for Clinicians on the Use of RT-PCR and Other Molecular Assays for Diagnosis of Influenza Virus Infection.Centers for Disease Control and Prevention.Available online at http://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/molecular-assays.htm.Accessed November 2013.

Reviewed December 2011.Influenza Symptoms and the Role of Laboratory Diagnostics.Centers for Disease Control and Prevention.Available online at http://www.cdc.gov/flu/professionals/diagnosis/labrolesprocedures.htm.Accessed November 2013.

Reviewed October 2013.Overview of Influenza Surveillance in the United States.Centers for Disease Control and Prevention.Available online at http://www.cdc.gov/flu/weekly/overview.htm.Accessed November 2013.

Updated February 2012.Diagnostic Influenza Tests.Medscape.Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2053517-overview.Accessed November 2013.