Noto anche come
Sottoclassi delle LDL
Sottofrazioni delle LDL
LDL-P
Particelle LDL
Nome ufficiale
Profilo delle sottofrazioni delle lipoproteine
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
24.05.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per la valutazione del rischio di sviluppare la malattia coronarica (CAD).

Quando Fare il Test?

In presenza di anamnesi personale o familiare positiva per CAD giovanile; nel caso in cui nonostante il test del colesterolo LDL (LDL-C) rientri nell’intervallo di riferimento, il clinico sospetti la presenza di un rischio aumentato per  lo sviluppo di patologie cardiovascolari; talvolta per monitorare l’efficacia del trattamento ipolipemico e/o di cambiamenti nello stile di vita.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

È richiesto un digiuno di 9-12 ore prima dell’esecuzione del test; è permessa solo l’assunzione di acqua. È importante seguire tutte le istruzioni fornite dal personale sanitario.

L’Esame

Le lipoproteine a bassa densità (LDL; Low-Density Lipoprotein) sono particelle deputate al trasporto dei lipidi in tutto l’organismo. Ciascuna particella contiene una combinazione di proteine, colesterolo, trigliceridi e molecole fosfolipidiche. La composizione delle particelle varia durante la loro circolazione nel circolo sanguigno. La rimozione di alcune molecole e l’aggiunta di altre determina la presenza di un ampio spettro di particelle lipoproteiche di varia forma e dimensione, da grandi e soffici a piccole e dense. Il test per le sottofrazioni delle LDL misura la percentuale delle diverse particelle circolanti.

I test lipidici tradizionali misurano la quantità di colesterolo LDL (LDL-C) presente nel circolo ematico ma non valuta il numero di particelle LDL (LDL-P). Alcuni studi hanno mostrato che l’incremento delle particelle LDL piccole e dense (sdLDL) è associato con l’infiammazione ed è verosimilmente associata ad aterosclerosi in maniera maggiore rispetto alle particelle LDL grandi e soffici. È probabile che l’aumentato numero di sdLDL sia il motivo per il quale alcune persone andrebbero incontro ad attacco cardiaco nonostante i livelli di colesterolo totale e LDL-C siano perlopiù nella norma.

Tuttavia i dati non chiariscono se il test delle sottofrazioni fornisca informazioni aggiuntive circa il rischio cardiaco individuale o se i risultati di tale test possano influenzare le decisioni riguardanti il trattamento. Il report annuale di Lipidologia Clinica del 2015 della “National Lipid Association” statunitense, suggerisce il potenziale utilizzo del test delle sottofrazioni  in una particolare categoria di pazienti; tuttavia è necessario eseguire ancora ulteriori ricerche cliniche per determinare se il test della frazione delle lipoproteine possa essere un valido ausilio diagnostico e per definirne l’ambito di utilizzo. Le raccomandazioni riguardanti l’uso di questo test sono in continua evoluzione, in accordo con i progressi degli studi effettuati ed attualmente includono:

  • I risultati di uno studio clinico chiamato JUPITER riguardante le terapie per le malattie cardiovascolari e l’associazione tra la malattia e le frazioni di LDL
  • Una revisione di molteplici studi riguardanti l’associazione tra l’esercizio fisico e la diminuzione dei livelli di sdLDL e del rischio di malattie cardiovascolari
  • Uno studio riguardante l’associazione tra la progressione della malattia e l’aumento delle sdLDL misurate tramite molteplici metodiche, inclusa l’ultracentrifugazione (separazione delle particelle in base alla densità), l’elettroforesi su gel di poliacrilammide in gradiente (separazione sulla base del rapporto massa/carica) e la spettroscopia in risonanza magnetica nucleare, in grado di misurare le particelle sulla base della loro differente composizione.
  • Nel 2013, la “Lipoprotein and Vascular Diseases Division Working Group on Best Practices” dell’Associazione Americana di Chimica Clinica (AACC), ha redatto un documento riguardante il confronto tra l’utilizzo dell’Apolipoproteina B (ApoB) e le particelle LDL (LDL-P) come indicatori di aterogenesi in confronto agli altri marcatori lipidici concludendo la loro uguale superiorità come test predittivi per il rischio cardiovascolare rispetto al colesterolo LDL comunemente usato. Il gruppo di studio pertanto supporta l’utilizzo dei test ApoB o LDL-P nello screening per il rischio cardiovascolare e nella definizione della terapia, pur esprimendo una preferenza per l’uso di ApoB, il quale è presente in tutte le particelle di VLDL.
  • Un’analisi genetica riguardante le sottofrazioni LDL e la terapia in una popolazione Europea, ha mostrato la correlazione genetica con la quantità di sottofrazioni LDL e di colesterolo LDL.

Il numero delle particelle LDL piccole e dense (sdLDL) di un individuo sono in parte geneticamente determinate, in parte dipendono dal genere (i maschi tendono ad avere più sdLDL rispetto alle femmine), ed in parte sono dovute allo stile di vita e di salute generale di un individuo. Alcune patologie e condizioni, quali ad esempio diabete ed ipertensione, sono associate con livelli incrementati di particelle sdLDL.

Come già detto, per determinare le sottofrazioni delle lipoproteine vengono utilizzate diverse metodologie, tra le quali l’ultracentrifugazione, l’elettroforesi su gel di poliacrilammide in gradiente e la spettroscopia NMR.
È inoltre possibile predire la presenza di livelli elevati di sdLDL sulla base dei livelli di trigliceridi e colesterolo HDL (HDL-C). Questi test vengono tipicamente eseguiti nell’ambito di un profilo lipidico. Le persone con trigliceridi alti ma livelli di HDL-C bassi tendono ad avere un numero maggiore di sdLDL. In particolare, avere i trigliceridi superiori ai 120 mg/dL e l’HDL-C inferiore a 40 mg/dL negli uomini e 50 mg/dL nelle donne, determina la presenza di livelli maggiori di sdLDL.

Il test delle sottofrazioni è disponibile anche per altre lipoproteine, come e HDL e le VLDL, ma sono ancora in fase di studio.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    Le attuali linee guida raccomandando un digiuno di 9-12 ore prima dell’esecuzione del test, con la sola assunzione di acqua. Per ulteriori informazioni rivolgersi al personale sanitario.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test per le sottofrazioni delle lipoproteine a bassa densità (particelle LDL o LDL-P) misura le LDL sulla base della loro quantità, dimensione, densità e/o carica elettrica. Questo test è in grado di fornire molte informazioni riguardanti il rischio cardiovascolare di un individuo in modo particolare nelle persone con anamnesi personale o familiare positiva per patologie cardiovascolari (CVD) in giovane età, in modo particolare se associate a livelli di colesterolo totale e colesterolo LDL (LDL-C) non significativamente elevati.

    Il test delle LDL-P viene richiesto nell’ambito del profilo lipidico.

    Sebbene per la maggior parte delle persone la quantità di LDL-C rappresenti un buon marcatore di rischio cardiovascolare, è stato visto che alcune persone, nonostante la presenza di livelli di LDL-C nella norma, presentano un rischio comunque aumentato. Allo stesso modo, alcune persone affette da patologie croniche come il diabete, possono avere un rischio aumentato nonostante la presenza di valori di LDL-C nella norma. Per questa categoria di pazienti viene pertanto raccomandata l’esecuzione del test LDL-P per la misura del numero e/o delle dimensioni delle particelle di LDL al fine di ottenere maggiori informazioni riguardo il loro rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare.

    Il test LDL-P può talvolta essere richiesto anche per il monitoraggio dell’efficacia della terapia indicata dalla diminuzione del numero delle particelle LDL piccole e dense (sdLDL).
    Mentre il test delle LDL-P viene già utilizzato nella pratica clinica, i test relativi alle sottofrazioni delle VLDL e delle HDL è ancora in corso di studio. Questo perché il colesterolo LDL è stato identificato da tempo come fattore di rischio cardiovascolare ed è pertanto stato studiato in maniera più approfondita.

  • Quando viene prescritto?

    Il test per le sottofrazioni delle lipoproteine a bassa densità  (LDL-P) può essere prescritto come parte di una valutazione generale del rischio cardiaco per un soggetto con una storia personale o familiare di CAD precoce, specialmente quando non sono presenti i tipici fattori di rischio cardiaco, quali colesterolo elevato LDL-C elevato, trigliceridi elevati, HDL basso, fumo, obesità, inattività, diabete e/o ipertensione.

    Il test per le sottofrazioni delle LDL può essere prescritto dal clinico, insieme ad altri test per i lipidi, per monitorare l’efficacia del trattamento in un paziente con quantità elevate di particelle LDL piccole e dense (sdLDL) e che è sottoposto a terapia ipolipemizzante ed a variazioni nello stile di vita.

    Sebbene non sia generalmente raccomandato come test di screening, alcuni clinici prescrivono il test per le sottofrazioni delle lipoproteine, insieme ad una serie di altri test per il rischio cardiaco, per cercare di determinare il rischio complessivo per un paziente di sviluppare CAD.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il risultato del test LDL-P dipende dal metodo utilizzato per l’esecuzione del test, così come dai livelli di colesterolo totale, LDL-C, VLDL e HDL-C del paziente. Poiché diversi metodi sono in grado di dividere diverse sottofrazioni sulla base di caratteristiche chimico-fisiche differenti (numero, dimensioni, densità e/o carica elettrica), i risultati di test eseguiti in laboratori diversi e con metodi diversi possono non essere comparabili.
    Generalmente il risultato viene interpretato nel contesto di un profilo lipidico e del rischio associato:

    • Se il paziente possiede principalmente particelle LDL piccole e dense (sdLDL) e livelli elevati di LDL-P, questo risultato va sommato al rischio di sviluppare CAD associato con il valore di LDL totale.
    • La presenza esclusiva di particelle LDL larghe e soffici, con LDL-P basse, non determina rischio aggiuntivo.
  • C’è altro da sapere?

    E’ importante ricordare che il test per le sottofrazioni delle lipoproteine (ed il test per altri fattori lipidici e di rischio cardiaco) non ha valore diagnostico. Esso cerca di valutare il rischio statistico di sviluppare CAD per un paziente, ma non può predire lo sviluppo o la gravità della CAD in un particolare paziente.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2016 review performed by Rose Romeo, PhD, DABCC, FACB.

Yan Zhang, Sha Li, Rui-Xia Xu, Cheng-Gang Zhu, Yuan-Lin Guo, Na-Quiong Wu, Jing Sun and Jian-Jun Li. System Inflammatory Markers Are Closely Associated with Atherogenic Lipoprotein Subfractions in Patients Undergoing Coronary Angiography. Mediators of Inflammation (2015):2015 Article ID 235742 (9 pages). Available online at http://www.hindawi.com/journals/mi/2015/235742/abs/. Accessed February 7, 2016.

HaroldE. Bays, Peter H. Jones, W. Virgil Brown and Terry A. Jacobson. National Lipid Association Annual Summary of Clinical Lipidology 2015. Journal of Clinical Lipidology; 2014 (8) S1-S36. Available online at http://nlaresourcecenter.lipidjournal.com/Content/PDFs/Summary-Revised.pdf as. Accessed February 7, 2016.

Samia Mora, Michael P. Caulfield, Jay Wohlgemuth, Zhizong Chen, Robert Superko, Charles M. Rowland, Robert J. Glynn, Paul M. Ridker, Ronald M. Kraus. Atherogenic Lipoprotein Subfractions Determined by Ion Mobility and First Cardiovascular Events After Random Allocation to High Intensity Statin or Placebo. The Justification for the Use of Statins in Prevention: An Intervention Trial Evaluating Rosuvastatin (JUPITER) Trial. Circulation (2015); 132:2220-2229. Abstract available online at http://circ.ahajournals.org/content/132/23/2220.abstract. Accessed February 7, 2016.

Mark A. Sarzynshi, Jeffrey Burton, Tuomo Rankinen, Steven N. Blair, Timothy S. Church, Jean-Pierre Despres, James M. Hapberg, Rian Landers-Ramos, Arthur S. Leon, Catherine R. Mikus, D.C. Rao, Richard L. Selp, James S. Skinner, Cris A. Sientz, Paul D. Thompson, Kenneth R. Wilund, William E. Kraus, Claude Bouchard. The effects of exercise of the lipoprotein subclass profile: A meta-analysis of 10 interventions. Atherosclerosis (2015) 243: 364-372. Abstract available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26520888. Accessed February 7, 2016.

Paul T. Williams, Xue-Qiao Zhao, Santica M. Marcovina, James D. Otvos, B. Greg Brown, Ronald M. Krauss. Comparison of four methods of analysis of lipoprotein particle subfractions for their association with angiographic progression of coronary artery disease. Atherosclerosis (2015) 233: 713-720. Abstract available online at http://www.atherosclerosis-journal.com/article/S0021-9150(14)00060-4/abstract. Accessed February 7, 2016.

Heejung Shim, Daniel I. Chasman, Joshua D. Smith, Samia Mora, Paul M. Ridker, Deborah A. Nickerson, Ronald M. Krauss, Matthew Stephens.. A Multivariate Genome-Wide Association Analysis of 10 LDL Subfractions, and Their Response to Statin Treatment, in 1868 Caucasians. PLOS ONE 10(4):1-20. Available online at http://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0120758. Accessed February 7, 2016.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Landray, M. et. al (2002 January 2). Abnormal low-density lipoprotein subfraction profile in patients with untreated hypertension.Association of Physicians Q J Med 2002; 95: 165-171. Available online at http://qjmed.oupjournals.org/cgi/content/full/95/3/165.

Bioletto, S. et. al. (2000 February). Acute hyperinsulinemia and very-low-density and low-density lipoprotein subfractions in obese subjects. American Journal of Clinical Nutrition, Vol. 71, No. 2, 443-449. Available online at http://www.ajcn.org/cgi/content/full/71/2/443.

(Winter 2004). The Fats of Life, 7 Articles. Lipoproteins and Vascular Diseases Division, AACC, Volume XVIII, Vol 1. PDF available for download at http://www.aacc.org/divisions/lipids/winter04.pdf.

(2002). LDL Subfractions. Specialty Laboratories [On-line test information]. PDF available for download at http://laboratory.specialtylabs.com/education/download_PDF/TN_LDLsub.pdf.

(2004). LDL Subclasses. ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing. Available online at http://www.arup-lab.com/guides/clt/tests/clt_a34b.jsp.

Warnick, G. and Cheung, M. (2000). Measurement and Clinical Significance of High-density Lipoprotein Cholesterol Subclasses. Chapter 15 (Handbook of Lipoprotein of Lipoprotein Testing, AACC Press). Available online at http://www.warnick.biz/dextransulfate/Chapter15.htm.

Muniz, N., et. al. (2000). A New Tool for the Automated Analysis of LDL Subfraction Patterns Generated by the Lipoprint™ LDL System. Paper presented at The Frontiers in Lipoprotein and Vascular Disease, St Louis, MO. PDF available for download at http://www.4qc.com/pdf/frontiers.pdf.

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 602-605.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC. 253-258.

Mudd, J. et. al. (2007 October 29). Beyond Low-Density Lipoprotein Cholesterol -- Defining the Role of Low-Density Lipoprotein Heterogeneity in Coronary Artery Disease. Journal of the American College of Cardiology 50(18):1735-1741. Available online through http://www.medscape.com/. Accessed on 3/8/08.

Navab, M. et. al. (2006 October 20). Mechanisms of Disease: Proatherogenic HDL-An Evolving Field. Nat Clin Pract Endocrinol Metab. 2006;2(9):504-511. Available online through http://www.medscape.com/. Accessed on 3/8/08.

CCMDweb.org. Clinical Insights. Available online through http://www.ccmdweb.org/clinicalinsights. Accessed May 2008.

The National Academy of Clinical Biochemistry. Laboratory Medicine Practice Guidelines, Emerging Biomarkers of Cardiovascular Disease and Stroke, Draft Guidelines, Version 0906, summary.

Mackey, R. et. al. (2012 August). High-density lipoprotein cholesterol and particle concentrations, carotid atherosclerosis, and coronary events: MESA (multi-ethnic study of atherosclerosis). J Am Coll Cardiol. 2012 Aug 7;60(6):508-16. [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22796256. Accessed September 2013.

Otvos, J. et. al. (2011 March-April). Clinical Implications of Discordance Between LDL Cholesterol and LDL Particle Number. J Clin Lipidol. 2011 Mar–Apr; 5(2): 105–113. [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3070150/. Accessed September 2013.

Rosenson RS, and Underberg JA. (2013 July 28). Systematic Review: Evaluating the Effect of Lipid-Lowering Therapy on Lipoprotein and Lipid Values. Cardiovasc Drugs Ther. 2013 Jul 28. Abstract [Epub ahead of print] [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23893306. Accessed September 2013.

Cole, T. et. al. (2013 ). Association of Apolipoprotein B and Nuclear Magnetic Resonance Spectroscopy–Derived LDL Particle Number with Outcomes in 25 Clinical Studies: Assessment by the AACC Lipoprotein and Vascular Diseases Division Working Group on Best Practices. Clinical Chemistry May 2013 vol. 59 no. 5 752-770 Abstract [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/content/59/5/752.abstract. Accessed September 2013.

Master, S. and Rader, D. (2013 March 13). Beyond LDL Cholesterol in Assessing Cardiovascular Risk: apo B or LDL-P?Clinical Chemistry 2013; v. 59, p.723-725 Extract. [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/content/59/5/723.extract. Accessed September 2013.

Sniderman, A. and Kwiterovich, PO. (2013 April). Update on the detection and treatment of atherogenic low-density lipoproteins. Curr Opin Endocrinol Diabetes Obes. 2013 Apr;20(2):140-7 Abstract. [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23422241. Accessed September 2013.

Mietus-Snyder, M. et. al. (2013 August). Low-Density Lipoprotein Cholesterol versus Particle Number in Middle School Children. J Pediatr. 2013 Aug;163(2):355-362 Abstract. [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23415622. Accessed September 2013.

DeGoma, E. and Rader, D. (2012) High-Density Lipoprotein Particle Number. A Better Measure to Quantify High-Density Lipoprotein? Medscape Multispecialty from J Am Coll Cardiol. 2012;60(6) [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/768499. Accessed September 2013.

(2013 July 19). A Test in Focus: LDL Particle Concentration NMR, Plasma. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://news.mayomedicallaboratories.com/2013/07/19/a-test-in-focus-ldl-particle-concentration-nmr-plasma-2/. Accessed September 2013.

(© 1995–2013). LDL Particle Concentration NMR, Plasma. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/62186. Accessed September 2013.

Ghassab, R. et. al. (March 2010). Determination of Low Density Lipoprotein Particle Size by Polyacrylamide Gradient Gel Electrophoresis in Patients with Coronary Artery Stenosis. LabMedicine v 41 (3) [On-line information]. Available online at http://labmed.ascpjournals.org/content/41/3/164.full. Accessed September 2013.

Myers, G. Editor (© 2009). Emerging Biomarkers for Primary Prevention of Cardiovascular Disease and Stroke. The National Academy of Clinical Biochemistry, Laboratory Medicine Practice Guidelines, Emerging Biomarkers for Primary Prevention [On-line information]. Available online through http://www.aacc.org. Accessed September 2013.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 622-625.

Clarke, W., Editor (© 2011). Contemporary Practice in Clinical Chemistry 2nd Edition: AACC Press, Washington, DC. Pp 285-297.

(June 13, 2009) The New Blood Lipid Tests -- Sizing Up LDL Cholesterol. Heart Health Special Report. Johns Hopkins Medicine. Available online at http://www.johnshopkinshealthalerts.com/reports/heart_health/1886-1.html. Accessed November 2013.