Noto anche come
IGRA
T-Spot®.TB
QuantiFERON®-TB Gold (QFT-G)
QuantiFERON®-TB Gold In-Tube (QFT-GIT)
Nome ufficiale
Test IGRA (Interferon Gamma Release Assay)
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 21.11.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Come test di screening per la tubercolosi (TBC) attiva o latente.

Quando Fare il Test?

Nel caso in cui il paziente sia stato esposto alla TBC; nel caso in cui il paziente presenti segni e sintomi clinici o fattori di rischio per la progressione verso TBC attiva.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

​​​​​​​Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

La tubercolosi (TBC) è una malattia infettiva causata da un'infezione del batterio Mycobacterium tuberculosis.
La TBC colpisce in primo luogo i polmoni ma può interessare anche altre parti dell’organismo, cioè il tratto urinario, il sistema nervoso centrale, le ossa, le articolazioni e/o altri organi. I test di screening per la TBC permettono di determinare se un paziente presenta un’infezione da Mycobacterium tuberculosis. Il test IGRA (Test di rilascio dell’interferone gamma) misura la risposta del sistema immunitario ad un antigene derivato dal micobatterio tubercolare.

Il micobatterio tubercolare può causare una infezione inattiva (latente) o una infezione attiva e/o progressiva. Il sistema immunitario del 90% delle persone infette riesce a controllare la crescita e a limitare l'infezione del micobatterio a poche cellule. I batteri confinati in queste cellule sono inattivi ma rimangono comunque vitali. Pertanto i pazienti non presentano segni e sintomi dell’infezione pur essendo portatori di un’infezione “latente”.

L’indebolimento del sistema immunitario può comportare una ripresa della crescita del micobatterio con la conseguente ripresa della malattia attiva.

La TBC attiva causa malessere nel paziente e può essere trasmessa attraverso le secrezioni respiratorie come l'espettorato, o attraverso l’aereosol rilasciato tossendo, starnutendo, parlando o respirando.

Il test IGRA rileva la presenza dell’infezione da M.Tuberculosis ma non è in grado di discriminare tra la malattia attiva e latente. Per poter stabilire una diagnosi di tubercolosi attiva, è necessario effettuare ulteriori test, come il test colturale.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test IGRA per la tubercolosi (TBC) non viene utilizzato sulla popolazione generale ma solo sulle persone a rischio di aver contratto la tubercolosi o che sono a rischio nel caso la contraggano. Ad esempio:

    • Persone con il sistema immunitario compromesso, come coloro che sono positivi per HIV o sono affetti da AIDS, che quindi sono maggiormente vulnerabili alla TBC
    • Persone in condizioni abitative ritenute a rischio, come coloro che vivono nei rifugi per senzatetto, campi profughi, case di cura, scuole e istituti penitenziari.
    • Operatori sanitari e altri persone che, per lavoro, stanno a stretto contatto con persone affette da TBC
    • Persone con segni e sintomi indicativi di TBC
    • Persone originarie o che comunque hanno abitato per un certo periodo in paesi nei quali la TBC è molto comune (endemica)
    • Persone che fanno uso di droghe da iniezione
       

    Per lo screening della TBC possono essere utilizzati sia il test cutaneo della tubercolina che il test di rilascio dell’interferone gamma (IGRA) anche se, in molti casi, attualmente viene preferito il test IGRA. Quest'ultimo misura il rilascio di sostanze chiamate interferon gamma da parte dei leucociti presenti in un campione di sangue ed esposti ad uno specifico antigene tubercolare. Tuttavia il test IGRA non viene eseguito in tutti i laboratori. Esso richiede la disponibilità di leucociti vitali; pertanto il test deve essere eseguito entro una finestra temporale ben definita dal momento del prelievo.

    Secondo le raccomandazioni fornite dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l'Infectious Diseases Society, of America (IDSA) e l'American Thoracic Society (ATS), il test IGRA dovrebbe essere preferito al test cutaneo in caso di:

    • Persone poco propense a tornare in sede ambulatoriale per il controllo del ponfo dopo 48-72 ore
    • Persone di età superiore ai 5 anni
    • Infezione TBC molto probabile
    • Rischio intermedio o basso di progressione verso la TBC attiva
    • Persone vaccinate con il vaccino antitubercolare BCG (Bacille Calmette-Guérin) che potrebbe interferire con l'interpretazione del test
       

    Il test cutaneo viene considerato una buona alternativa al test IGRA nel caso in cui questo non sia disponibile o sia considerato troppo costoso.

    Le stesse organizzazioni non raccomandano l'esecuzione dello screening in persone non considerate a rischio di aver contratto o di contrarre l'infezione.

  • Quando viene prescritto?

    Il test IGRA può essere richiesto:

    • Annualmente per i soggetti appartenenti alle classi ad alto rischio, sia perché affetti da patologie che determinano la compromissione del sistema immunitario, sia per le particolari condizioni lavorative o abitative
    • Prima di entrare a contatto con persone ad alto rischio, come prima di entrare in una scuola, diventare insegnante o operatore sanitario
    • In persone che siano state a stretto contatto con persone affette da TBC attiva; questo dovrebbe essere fatto poche settimane dopo l’esposizione; infatti in genere tra il primo contatto e lo sviluppo dei primi segni di infezione passano circa sei settimane
    • In persone che abbiano vissuto per lunghi periodi in paesi nei quali la TBC è ancora endemica
    • Nel caso in cui una persona presenti segni e sintomi riconducibili a TBC, come tosse cronica con la produzione di muco o la presenza di sangue nell’espettorato, febbre, brividi, sudorazione notturna e inspiegabile perdita di peso
  • Cosa significa il risultato del test?

    Se il test IGRA fornisce un risultato positivo, allora è verosimile che la persona sia entrata in contatto con il M.tuberculosis. Potrebbe avere un’infezione latente o attiva. Nel caso in cui il clinico sospetti la presenza di un’infezione attiva, allora il paziente deve essere sottoposto ad una radiografia toracica e ad un test colturale AFB per confermare la diagnosi.

    Se il risultato del test è negativo invece, è verosimile che il paziente non abbia la tubercolosi (TBC), anche se questa non può essere esclusa definitivamente. Infatti il sistema immunitario del paziente potrebbe non aver risposto all’antigene o potrebbe essere ancora troppo presto per poter rilevare un’infezione. Sono infatti necessarie circa 6 settimane dal primo contatto con il micobatterio perché il test fornisca risultati positivi. Nel caso in cui il test di screening fornisca un risultato negativo ma il sospetto clinico rimanga, il clinico può richiedere l’esecuzione di un nuovo test IGRA o del test cutaneo della tubercolina (TST).

    Talvolta i pazienti infettati con altre specie di micobatteri, come il Mycobatterium kansasii, possono fornire risultati falsamente positivi. Pertanto i test positivi devono essere sempre seguiti da ulteriori esami di conferma, come la radiografia toracica, per ricercare segni di TBC attiva. Possono pertanto essere eseguiti test per la diagnosi microbiologica della TBC, inclusi gli strisci, gli esami colturali e i test di sensibilità, al fine di confermare la diagnosi e verificare la sensibilità ai farmaci del M. tuberculosis responsabile dell’infezione.

  • C’è altro da sapere?

    Le persone che sono state vaccinate con il vaccino antitubercolare BCG (bacillo di Calmette e Guérin) possono fornire risultati positivi al test cutaneo. 

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

Herchline, T. and Amorosa, J. (2017 November 9, Updated). Tuberculosis (TB). Medscape Infectious Disease. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/230802-overview. Accessed on 5/05/18.

Batra, V. and Ang, J. (2018 April 26, Updated). Pediatric Tuberculosis. Medscape Pediatrics: General Medicine. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/969401-overview#showall. Accessed on 5/05/18.

(© 1995–2018). QuantiFERON-TB Gold Plus, Blood. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories. Available online at https://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/113563. Accessed on 5/05/18.

Moon, H. et. al. (2017 May 23). Evaluation of QuantiFERON-TB Gold-Plus in Health Care Workers in a Low-Incidence Setting. J Clin Microbiol. 2017 Jun;55(6):1650-1657. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28298455. Accessed on 5/05/18.

Barker, A. (2018 March, Updated). Mycobacterium tuberculosis – Tuberculosis. ARUP Consult. Available online at https://arupconsult.com/content/mycobacterium-tuberculosis. Accessed on 5/05/18.

Pieterman, E. et. al. (2018 January). A multicentre verification study of the QuantiFERON®-TB Gold Plus assay. Tuberculosis (Edinb). 2018 Jan;108:136-142.Available online at https://www.tuberculosisjournal.com/article/S1472-9792(17)30391-8/fulltext. Accessed on 5/05/18.

Lewinsohn, D. et. al. (2017 January 3). Official American Thoracic Society/Infectious Diseases Society of America/Centers for Disease Control and Prevention Clinical Practice Guidelines: Diagnosis of Tuberculosis in Adults and Children. Clinical Infectious Diseases, Volume 64, Issue 2, 15 January 2017, Pages 111–115. Available online at https://academic.oup.com/cid/article/64/2/111/2811357. Accessed on 5/05/18.

Stewart, R. et. al. (2018 March 23). Tuberculosis — United States, 2017. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2018 Mar 23; 67(11): 317–323. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5868206/. Accessed on 5/05/18.

Titus, K. (2018 April). TB testing: new approaches to old scourge. CAP Today. Available online at http://www.captodayonline.com/tb-testing-new-approaches-old-scourge/. Accessed on 5/14/18.