Noto anche come
FK506
TAC
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 29.11.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per misurare la concentrazione ematica del farmaco tacrolimus al fine di stabilire il corretto dosaggio, mantenere l'intervallo terapeutico e rilevare i livelli tossici di farmaco.

Quando Fare il Test?

All'inizio della terapia con tacrolimus, frequentemente all'inizio e poi ad intervalli regolari per il monitoraggio nel tempo.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

Il campione di sangue dovrebbe essere prelevato dopo 12 ore dall'assunzione del farmaco e immediatamente prima dell'assunzione della dose successiva. Seguire le istruzioni fornite dal personale sanitario.

L'Esame

Il tacrolimus, noto anche come FK506, è un farmaco immunosoppressore che può essere assunto per via orale o endovenosa da persone sottoposte a trapianto di rene, fegato o altri organi. Si tratta di un farmaco aggressivo in grado di prevenire il rigetto dell'organo trapiantato. Questo esame misura la concentrazione di tacrolimus nel sangue.

Normalmente, il sistema immunitario riconosce un organo trapiantato come estraneo all'organismo e lo attacca. Il tacrolimus limita la risposta del sistema immunitario prevenendo il rigetto e inibendo l'attivazione di alcune cellule del sistema immunitario chiamate linfociti T.

I livelli di tacrolimus nel sangue devono essere mantenuti all'interno di uno stretto intervallo terapeutico. Se la concentrazione del farmaco è troppo bassa esiste il rischio di rigetto dell'organo trapiantato; in caso di concentrazioni troppo alte però, possono comparire sintomi di tossicità.

Il corretto dosaggio deve essere definito individualmente. Spesso le persone cominciano con dosaggi maggiori per poi diminuire progressivamente nelle settimane successive.

Il tacrolimus viene di solito assunto due volte al giorno lontano dai pasti, ogni 12 ore. Dopo l'assunzione del farmaco, i suoi livelli ematici aumentano raggiungendo un picco nelle 2-3 ore successive, per poi diminuire progressivamente. Il prelievo del campione ematico per il test viene di solito effettuato dopo 12 ore dall'assunzione e/o immediatamente prima dell'assunzione della dose successiva di farmaco, quando la sua concentrazione ematica è a livelli minimi (livello basale).

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    L'esame del tacrolimus viene usato per misurare la quantità di farmaco nel sangue e determinare se ha raggiunto una concentrazione tale da ricadere all'interno dell'intervallo terapeutico. Il monitoraggio dei livelli di tacrolimus nel sangue è importante per varie ragioni:

    • Non esiste una buona correlazione tra la quantità di farmaco assunta e i suoi livelli ematici
    • La quantità di tacrolimus, assunto per via orale, assorbita e metabolizzata può variare considerevolmente sulla base del dosaggio, della tipologia del cibo assunto e dell'assetto genetico (vedi Test Farmacogenetici)
    • Il tacrolimus può dannggiare i reni (nefrotossicità), in particolare ad alto dosaggio. La misura dei livelli ematici del farmaco in persone che hanno subito un trapianto di reni consente di distinguere un danno renale da rigetto (dovuto ad una concentrazione di farmaco troppo bassa) da quello dovuto a nefrotossicità (per concentrazione di farmaco eccessiva)
    • Il tacrolimus aumenta il rischio di infezioni batteriche, virali e fungine per la diminuzione delle difese immunitarie
  • Quando viene prescritto?

    L'esame per la misura del tacrolimus viene richiesto frequentemente all'inizio della terapia, spesso giornalmente fino al raggiungimento del dosaggio ottimale. Una volta stabilito il corretto dosaggio e accertata la sua buona tolleranza, il test può essere eseguito con minore frequenza. Il test può essere eseguito anche in caso di variazione del dosaggio o in caso di sintomi indicativi di effetti collaterali, tossicità o rigetto d'organo.

    I segni e sintomi di tossicità del tacrolimus dipendono dall'organo trapiantato e possono includere:

    • Danno renale (nefrotossicità)
    • Tremori, cefalea (neurotossicità)
    • Ipertensione
    • Nausea, vomito
    • Alterazione dell'equilibrio elettrolitico, come iperkaliemia
    • Tinnito (suono intermittente e/o persistente nelle orecchie)
    • Convulsioni
    • Tachicardia
    • Visione offuscata
       

    Il monitoraggio si rende necessario per tutta la durata della terapia.

  • ​​​​​​​Cosa significa il risultato del test?

    Una concentrazione troppo alta rispetto all'intervallo terapeutico stabilito può aumentare il rischio di tossicità, incluso il danno renale e nervoso. Una concentrazione troppo bassa invece può portare a rigetto dell'organo trapiantato. Gli effetti collaterali possono comparire a qualsiasi dosaggio ma tendono ad essere maggiori in caso di dosaggi maggiori.

    L'intervallo terapeutico stabilito dal laboratorio dipende sia dal metodo usato per misurare il farmaco che dal tipo di organo trapiantato. I risultati ottenuti con metodi differenti non sono intercambiabili. Per questo è importante eseguire il monitoraggio sempre nello stesso laboratorio.

  • C'è altro da sapere?

    Esistono molti farmaci in grado di alterare le concentrazioni ematiche di tacrolimus. Questi includono i calcio antagonisti, gli antimicotici, gli antibiotici macrolidi (come l'eritromicina), gli inibitori delle proteasi, il cloramfenicolo e altri immunosoppressivi, anticonvulsivi e antimicrobici. E' pertanto importante riferire al clinico quali siano i farmaci assunti abitualmente, in particolare la ciclosporina, il sirolimus, il nelfinavir, il telaprevir, il boceprevir e l'amidarone. Esistono poi molti altri farmaci acquistabili con prescrizione medica in grado di interagire con il tacrolimus, come anche i fitoterapici come l'erba di San Giovanni (Iperico) e il succo di pompelmo.

    Il tacrolimus unguento (da utilizzare per via topica) può essere usato nel trattamento di molteplici patologie della pelle, come gli eczemi, che non rispondono ad altre terapie. L'uso del tacrolimus per via topica non ha effetti sistemici e pertanto non richiede monitoraggio.

    L'uso del tacrolimus aumenta il rischio di sviluppare tumori come il linfoma e i tumori della pelle; per questo motivo in corso di terapia dovrebbe essere evitata l'esposizione alla luce del sole. Può anche causare il diabete, in particolare in persone di origine africana o ispanica; questo rende necessario anche il monitoraggio dei livelli di glicemia. Il tacrolimus può anche causare la sindrome del QT lungo, una patologia che influenza il ritmo cardiaco.

    E' fortemente raccomandato di non variare in autonomia il dosaggio del farmaco se non in accordo con il clinico. Il tacrolimus deve essere assunto due volte al giorno, lontano dai pasti e ogni 12 ore. Il cibo, in particolare la carne grassa, può ridurre considerevolmente la biodisponibilità del farmaco.

    Le donne in gravidanza o che progettano una gravidanza devono consultare il proprio medico per avere informazioni circa i possibili rischi correlati all'assunzione del farmaco.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2018 review performed by Manoj Tyagi, PhD. NRCC, FAACC, Medical Director, Captiva Lab.

Hesselink DA, et Al. The role of pharmacogenetics in the disposition of and response to tacrolimus in solid organ transplantation. Clin Pharmacokinet. 2014 Feb;53(2):123-39. doi: 10.1007/s40262-013-0120-3.

Kalt DA, Tacrolimus: A Review of Laboratory Detection Methods and Indications for Use. Lab Med. 2017 Nov 8;48(4):e62-e65. doi: 10.1093/labmed/lmx056.

(June 2016) Food and Drug Administration, Draft Guidance on Tacrolimus. Available pdf https://www.fda.gov/downloads/Drugs/.../Guidances/UCM506916.pdf. Accessed June 28, 2018.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry. AACC Press, Washington, DC. McMillin, G. and Hammett-Stabler, C. Chapter 39: Therapeutic Drug Monitoring, Pp 453-463.

(2007 April 1). Tacrolimus. MedlinePlus Drug Information [On-line information].  Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/medmaster/a601117.html. Accessed on 6/9/07.

Aradhye, S., et. al. (2006 December, Revised). Medicines for Keeping Your New Kidney Healthy. American Society of Transplantation [On-line information]. PDF available for download at http://www.a-s-t.org/files/pdf/patient_education/english/AST-EdBroKIDNEYMED-ENG.pdf. Accessed on 6/9/07.

(2006 July 1, Revised). Tacrolimus Topical. MedlinePlus Drug Information [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/medmaster/a602020.html. Accessed on 6/9/07.

Howard, A. (2004 July 12). Long-Term Monitoring and Care of the Kidney Transplant Recipient. Medscape Transplantation 5(2), 2004 [On-line article]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/481411. Accessed on 6/9/07.

Kim, J. Cyclosporine and Tacrolimus Toxicities. Kidney Transplant Program, Univ of Southern California Department of Surgery [On-line information]. Available online at http://www.kidneytransplant.org/article-cyclosporineandtacrolimustoxicities.html. Accessed on 6/9/07.

(© 2007). Tacrolimus. ARUP's Laboratory Test Directory [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/TestDirectory/clinical_guide.jsp. Accessed on 6/16/07.

(© 2007). Tacrolimus. LabCorp's On-line Directory of Services and Interpretive Guide [On-line information]. Available online at http://www.labcorp.com/datasets/labcorp/html/chapter/. Accessed on 6/16/07.

(2006 April, Revised). Prograf. FDA MedWatch [On-line information]. PDF available for download at http://www.fda.gov/medwatch/SAFETY/2006/Apr_PIs/Prograf_PI.pdf. Accessed on 6/16/07.

(2007 April 1). Tacrolimus (Oral Route, Intravenous Route). Mayoclinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/drug-information/DR601851. Accessed on 6/10/07.

Woo, D. and James, W. (2005 May 24). Topical Tacrolimus: A Review of Its Uses in Dermatology. Medscape from Dermatitis 2005;16(1):6-21 [On-line article]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/505242. Accessed on 6/9/07.

(2001). Therapeutic Drug Monitoring: Is it Important for Newer Immunosuppressive Agents? Medscape from Drug Ther Perspect 17(22):8-12, 2001 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/414907. Accessed on 6/9/07.

Martindale, The Complete Drug Reference (Online information). Available online at http://www.thomsonhc.com/hcs/librarian/PFDefaultActionId/pf.PrintReady. Accessed August 2007.

(June 1, 2008) MedlinePlus Drug Information. Tacrolimus. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/meds/a601117.html. Accessed March 2011.

(February 1, 2011) Mayo Clinic. Tacrolimus. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/drug-information/DR601851. Accessed March 2011.

(December 4, 2007) United Network for Organ Sharing. Transplant Living: Medications, Tacrolimus. AVailable online through http://www.transplantliving.org. Accessed March 2011.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, Pp 317-318.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pp 1279-1280.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry. AACC Press, Washington, DC. McMillin, G. and Hammett-Stabler, C. Chapter 39: Therapeutic Drug Monitoring, Pg 453-463.

(September 8, 2008) Lemi L. Transplants, Liver. eMedicine article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/776313-overview. Accessed March 2011.

Prograf. Rx List. Available online at http://www.rxlist.com/prograf-drug.htm. Last reviewed September 23, 2013. Accessed February 26, 2014.

Patient Information. Prograf. Astellas Pharma Inc. Available online at http://www.prograf.com/Docs/13H057-PRG-WPI-PPI.pdf. Accessed February 26, 2014.

Tacrolimus (Oral Route). Mayo Clinic. Available online at http://www.mayoclinic.org/drugs-supplements/tacrolimus-oral-route/description/drg-20068314. Last updated December 1, 2013. Accessed February 26, 2104.