Noto anche come
Na
Nome ufficiale
Sodio
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
22.06.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per capire se la concentrazione di sodio è nel limite di normalità e per valutare l’equilibrio elettrolitico e la funzionalità renale; per monitorare l’ipernatriemia cronica o acuta o l’iponatriemia.

Quando Fare il Test?

Quando il paziente è disidratato o ha un edema; anche per monitorare alcune patologie croniche, come la pressione alta o bassa.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio o, in alcuni casi, un campione di urine raccolte nelle 24 ore.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

Questo esame misura la concentrazione di sodio nel sangue. E’ un elettrolita vitale per i normali processi dell’organismo, incluse le funzionalità nervose e muscolari. Il sodio, insieme ad altri elettroliti come potassio, cloro e bicarbonato (o CO2 totale), partecipano alle normali funzioni cellulari e alla regolazione della quantità di liquidi nell’organismo. Il sodio è presente in tutti i liquidi biologici ma si trova a concentrazioni più alte nel sangue e nei fluidi all’esterno della cellula. La concentrazione di sodio extracellulare, così come l’acqua presente nell’organismo, è regolata dai reni.
Il sodio è introdotto con la dieta, dal sale da tavola (cloruro di sodio o NaCl) e da alcuni dei cibi principali cibi mangiati. La maggior parte delle persone ha un’adeguata introduzione di sodio. L’organismo utilizza il necessario e il resto è escreto dai reni nell’urina affinché la concentrazione nel sangue venga mantenuta regolata entro limiti ristretti. Ciò avviene:

  • Producendo ormoni che aumentano (peptidi natriuretici) o diminuiscono (aldosterone) il sodio perso con le urine
  • Producendo un ormone che previene la perdita di acqua (ormone antidiuretico, ADH)
  • Controllando il senso di sete; anche l’aumento dell’1% di sodio nel sangue fa aumentare la sete e stimola la persona a bere acqua, facendo tornare il sodio a concentrazioni normali.

Concentrazioni anomale di sodio sono di solito dovute ad alcuni problemi di questi meccanismi di controllo. Quando cambia la concentrazione di sodio nel sangue, cambia anche il contenuto di acqua nell’organismo. Questi cambiamenti possono essere associati a disidratazione o edema, specialmente alle gambe.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio. In alcuni casi viene richiesto un campione di urine raccolte nelle 24 ore.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Questo esame è usato per verificare se c’è un’anomala concentrazione di sodio, un’iponatriemia (sodio basso) o un’ipernatriemia (sodio alto). Il medico può richiedere questo test, insieme ad altri elettroliti, per identificare un squilibrio elettrolitico. Può essere anche prescritto per capire se la patologia che coinvolge cervello, polmoni, fegato, reni, tiroide, surreni è causata o esacerbata da carenza o eccesso di sodio. Nei pazienti con squilibrio elettrolitico, viene eseguito a intervalli regolari il test del sodio per monitorare l’efficacia del trattamento. Può anche essere fatto in quei pazienti che prendono farmaci che influenzano la concentrazione di sodio, come i diuretici.

    La concentrazione del sodio nell’urina è di solito misurata nei pazienti che hanno un valore alterato nel sangue per capire se lo squilibrio deriva, ad esempio, da un’introduzione eccessiva di sodio o da una perdita importante dell’elemento. Il test su urina è inoltre usato per capire se il paziente iperteso introduce troppo sale con la dieta. Viene usato spesso nelle persone che hanno valori renali anomali come ausilio  per determinare la causa del danno renale,  e per guidare il trattamento.

  • Quando viene prescritto?

    Il test del sodio è parte della valutazione laboratoristica di routine della maggior parte dei pazienti. E’ uno degli elettroliti spesso prescritti in gruppo. Il gruppo di elettroliti prescritto più di frequente è costituito da sodio, potassiocloro e bicarbonato (o CO2 totale). Gli elettroliti sono misurati anche nel monitoraggio del trattamento che comprende l’introduzione di liquidi per via endovenosa o quando è possibile che si sviluppi disidratazione. Il pannello degli elettroliti è frequentemente usato nel monitoraggio del trattamento di alcune patologie, incluse l’ipertensione, l’insufficienza cardiaca, e le malattie epatiche e renali.
    Il test del sodio può essere prescritto quando la persona mostra i sintomi di iponatriemia, come affaticamento, confusione e letargia, o sintomi di ipernatriemia, come sete, diminuita minzione, spasmi muscolari e/o agitazione.

    Il test del sodio urinario può essere prescritto quando il test del sodio su sangue è anomalo, come supporto nel determinare la causa di squilibrio, o nel monitoraggio del trattamento.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Una bassa concentrazione di sodio è di solito dovuta ad una perdita importante dell’elemento, all’eccessiva introduzione di acqua o alla ritenzione idrica, o all’accumulo di liquidi nel corpo (edema). Se la concentrazione di sodio diminuisce rapidamente, la persona può sentirsi debole e affaticata; nei casi più gravi, il paziente può essere confuso o andare in coma. Quando la concentrazione di sodio diminuisce lentamente, però, possono non manifestarsi sintomi. Questo è il motivo per cui la concentrazione del sodio è spesso testata anche in assenza di segni clinici.

    L’iponetriemia è raramente dovuta a scarsa introduzione (carenza nella dieta o nei liquidi per via endovenosa). E’ dovuta più frequentemente ad una perdita di sodio a causa di patologie come il morbo di Addison, la diarrea, la somministrazione di diuretici o le patologie renali. In alcuni casi, può essere causata da un’eccessiva introduzione di acqua come accade durante l’esercizio fisico o ad un eccessivo accumulo di liquidi come nell’insufficienza cardiaca, nella cirrosi e nelle malattie renali che causano perdita di proteine (sindrome nefrosica). In altri casi (in particolare nelle patologie che coinvolgono cervello e polmoni, alcuni tipi di tumore nonché  in risposta ad alcuni farmaci), l’organismo produce troppo ormone anti- diuretico (ADH), facendo sì che vengano trattenuti troppi liquidi.

    Un’alta concentrazione di sodio è quasi sempre dovuta ad un’inadeguata introduzione di acqua e alla disidratazione. I sintomi includono secchezza delle mucose, sete, agitazione, incapacità di stare fermi, irrazionalità e, se la concentrazione di sodio aumenta in modo estremo, convulsioni o coma . In casi rari, l’ipernatriemia può essere dovuta al morbo di Cushing o ad una patologia che causa diminuzione di ADH, il diabete insipido.

    La concentrazione del sodio nell’urina deve essere valutata in associazione con i livelli del sangue.

    L’organismo normalmente secerne un eccesso di sodio, così la concentrazione nell’urina può essere elevata perché alta nel sangue. Può anche essere alta nell’urina quando l’organismo perde troppo sodio; in questo caso, la concentrazione nel sangue può essere da normale a bassa. Se la concentrazione di sodio nel sangue è bassa a causa di un’insufficiente introduzione, anche la concentrazione nell’urina sarà bassa.

    • Il sodio diminuito nell’urina può indicare disidratazione, scompenso cardiaco congestizio, malattia epatica o sindrome nefrosica.
    • Alte concentrazioni di sodio nell’urina possono indicare l’uso di diuretici o morbo di Addison.
       

    Le concentrazioni di sodio sono spesso valutate in relazione ad altri elettroliti e possono essere usati per calcolare un valore chiamato gap anionico. Il gap anionico è utile per identificare la presenza di sostanze sconosciute come le tossine nel sangue.

  • C’è altro da sapere?

    Certi tipi di farmaci come gli steroidi anabolizzanti, gli antibiotici, i corticosteroidi, i lassativi, i calmanti della tosse e i contraccettivi orali possono determinare un aumento delle concentrazioni di sodio. Altri farmaci come l’ACE inibitore, i diuretici, la carbamazepina, l’eparina, e gli antidepressivi triciclici possono causare una diminuzione della concentrazione di sodio.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Qual è l’apporto di sodio raccomandato?

    L’associazione americana Food and Nutrition Board raccomanda un’introduzione di sodio inferiore ai 2300 mg al giorno per gli adulti. Le persone normalmente assumono un’adeguata concentrazione di sodio dalla dieta, ma è importante non andare oltre alla soglia raccomandata.

    Le fonti alimentari più comuni sono i cibi in cui il sale viene aggiunto durante la preparazione, come formaggi, zuppe, sottaceti, e prodotti da forno. Inoltre i cibi preparati industrialmente e quelli consumati nei ristoranti sono spesso carichi di sodio.

    Per le persone sensibili al sodio o ipertese, ridurre il sale può portare a grandi benefici. Ma anche se la pressione del sangue è normale, limitare il sale può attenuare il rischio di ipertensione e malattie cardiache.
    Il gusto del sale è sia acquisibile che reversibile. Usandone meno, se ne sentirà una minore necessità nel tempo.

  • Tutte le persone sono a rischio di ipo o ipernatriemia?

    Sì, tutti gli individui che hanno diarrea, sudorazione abbondante, bruciature, vomito, morbo di Addisonmalattie renali o scompenso cardiaco congestizio possono andare incontro a iponatriemia. Le persone disidratate, che fanno uso di diuretici, con morbo di Cushingfibrosi cistica, disordini neurologici, ipotiroidismo o insufficienza renale possono andare incontro a ipernatriemia.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Tietz. Fundamentals of Clinical Chemistry, 2001; Fifth edition. Elsevier Health Sciences.

Boh, LE. Pharmacy Practice Manual, 2001; Second edition. Lippincott Williams & Wilkins.

NewsTarget. Pass on the Salt: News Release. Friday, August 18, 2006. Available online through http://www.mayoclinic.org. Accessed January 2008.

Jacobs & DeMott. Laboratory Test Handbook, 2001; 5th edition. Lexi-Comp, Inc.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC.

Food and Nutrition Board. Institute of Medicine of the National Academies, Dietary Reference Intake Tables, Water and Electrolytes. PDF available for download at http://www.iom.edu.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 3rd Edition, St. Louis: Mosby Elsevier; 2006.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

(1995-2004). Minerals and Electrolytes. The Merck Manual of Medical Information Second Home Edition [On-line information]. Available online through http://www.merck.com.

Ben-Joseph, E., Reviewed (2004 July). Dehydration. Familydoctor.org Information for Parents [On-line information]. Available online through http://www.kidshealth.org.

A.D.A.M. editorial, Updated (2003 October 15). Electrolytes. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002350.htm.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 4th edition, Pp. 479-482; 989-992.

USDA. Dietary Guidelines for Americans, 2010. Available online at http://www.cnpp.usda.gov/DGAs2010-PolicyDocument.htm. Accessed August 2011.

MayoClinic.com. Hyponatremia. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/hyponatremia/DS00974. Accessed August 2011.