Noto anche come
Esame del piombo nel sangue
Livello del piombo nel sangue: Pb
Nome ufficiale
Piombemia
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 03.06.2020.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per la rilevazione dell'eccessiva esposizione al piombo, specialmente nei bambini

Quando Fare il Test?

In accordo con le raccomandazioni locali o nazionali per lo screening della piombemia, o secondo le disposizioni del medico, tra i 9 mesi e i 2 anni d’età; nei bambini a rischio di esposizione, tra i 18 mesi e i 6 anni d’età, possono essere eseguiti ulteriori test; nei soggetti esposti al piombo per motivi professionali o nei suoi familiari; in presenza di segni e sintomi riconducibili all’intossicazione da piombo

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio oppure mediante una puntura del dito o del tallone (neonati). Se gli esiti del test effettuato su un campione ottenuto tramite puntura del dito o del tallone risultano anomali, è possibile eseguire un secondo test su sangue venoso per conferma

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna

L’Esame

Questo esame misura la concentrazione di piombo nel sangue (piombemia) al momento del prelievo. Il piombo è un metallo duttile presente nell’ambiente e che, quando assorbito dall'organismo, risulta altamente tossico e dannoso per la maggior parte degli organi. Approssimativamente soltanto l'1% del piombo si trova libero nel sangue, pertanto, la misura della piombemia non è necessariamente rappresentativa delle condizioni del paziente. 

L'esposizione al piombo può avvenire tramite inalazione o ingestione di piccole particelle volatili, o, in misura minore, attraverso la pelle. Negli adulti la principale via di assorbimento è l'inalazione, nei bambini il tratto digestivo a seguito di ingestione. Una volta assorbito, il piombo si distribuisce a livello ematico, nei tessuti molli e nelle ossa, determinando danni all'encefalo, agli organi ed al sistema nervoso.

Anche l'esposizione prolungata a concentrazioni ridotte di piombo può causare danni irreversibili senza provocare sintomi fisici. Nei bambini l'avvelenamento da piombo può causare ritardi cognitivi permanenti, disordini comportamentali e ritardo nello sviluppo. I sintomi associati all'intossicazione da piombo dipendono dal protrarsi dell'esposizione, in forma acuta o cronica. L'intossicazione acuta da piombo può provocare costipazione, perdita di appetito, dolore addominale, dolore ai muscoli ed alle articolazioni, mal di testa, depressione e diminuzione del desiderio sessuale. Il rischio di sviluppare deficit cognitivi aumenta quando la piombemia è maggiore di ca. 150 μg/dL, con conseguente coma, convulsioni o morte. L'esposizione cronica a bassi livelli di piombo può causare depressione, ansia, diminuzione delle funzioni neuromotorie, anemia e danni renali. L'esposizione cronica al piombo risulta inoltre associata, anche se non è noto in quale misura, all'ipertensione. Il piombo può passare dal circolo materno a quello fetale e provocare aborto o nascita prematura.

In passato il piombo veniva comunemente utilizzato nelle vernici, come additivo nella benzina, nelle tubature ed in altri prodotti comunemente utilizzati, come il cibo in scatola. L'utilizzo di questi prodotti è stato nel tempo progressivamente diminuito ed, in certi casi, abbandonato. Tuttavia, il piombo potrebbe essere ancora presente, ad esempio, nelle tubature o nelle vernici delle vecchie abitazioni (costruite prima del 1978). Il deterioramento delle stesse può liberare frammenti di piombo e polveri che possono essere rilasciate nell'aria e nel terreno circostante, con grandi rischi di esposizione, soprattutto per i bambini.

I bambini di età inferiore ai 3 anni sono considerati i soggetti maggiormente suscettibili all'esposizione e all'avvelenamento da piombo, a causa dell'incompleta formazione della barriera emato-encefalica e della maggior tendenza alla carenza di ferro. Inoltre, i bambini possono ingerire con più facilità scaglie di vernici di piombo o inalare significative quantità di piombo sotto forma di aerosol, derivate da particelle scrostate o polverizzate.

L'esposizione al piombo negli adulti può avere origine professionale o derivare dalla pratica di attività ricreative che implicano l'utilizzo di metalli. In questi casi, la contaminazione agli altri membri della famiglia può essere veicolata tramite gli indumenti portati a casa dopo il lavoro.

Per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Avvelenamento da Piombo.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    L’esame del piombo viene utilizzato per valutare la concentrazione della piombemia al momento del prelievo. La piombemia viene utilizzata per lo screening dell’esposizione al piombo, per monitorare l'efficacia del trattamento ed il decorso dell'avvelenamento nel tempo. 

    valori di riferimento dei metalli pesanti vengono ottenuti grazie a studi di monitoraggio dei loro livelli nella popolazione generale. Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l'American Academy of Pediatrics (AAP) ed altri organi di competenza forniscono raccomandazioni riguardanti i livelli di sicurezza dei metalli pesanti nei bambini. 

    I livelli di piombo vengono misurati periodicamente nei soggetti esposti per motivi professionali. La misura della piombemia consente di valutare l’esposizione cronica e l’esposizione acuta recente al piombo. Talvolta, può essere richiesto anche l’esame della zincoprotoporfirina (ZPP). I livelli di ZPP risultano aumentati in caso di compromissione da parte del piombo della produzione di globuli rossi. Il test ZPP non è sufficientemente sensibile da poter essere utilizzato nello screening dell’esposizione cronica al piombo nei bambini, ma permette di valutare il livello medio di esposizione al piombo negli adulti nelle ultime settimane. Inoltre, la misura della ZPP può essere richiesta in pazienti con livelli di piombemia nella norma ma che presentano sintomi riconducibili all'avvelenamento da piombo.

  • Quando viene prescritto?
    Nei bambini

    Le raccomandazioni per gli esami del sangue di routine per l'esposizione al piombo sono variabili. In linea generale, l'esame deve essere effettuato tra i 9 mesi e 1 anno nei bambini a rischio di esposizione (quelli che vivono in case costruite prima del 1980) e deve essere ripetuto a 24 mesi. Il test dovrebbe essere eseguito anche sui figli dei soggetti per cui si sospetta l'esposizione al piombo.

    Gestione dei bambini con piombemia elevata

    Il campione di sangue richiesto per l'esecuzione dell'esame può essere prelevato da una vena del braccio oppure mediante una puntura del dito o del tallone (neonati). L'eventuale presenza di risultati anomali nei test effettuati su campioni di sangue capillare può essere seguita da un secondo test di conferma su sangue venoso. Nei bambini con i livelli di piombo nel sangue > 5 μg/dL viene raccomandato il monitoraggio delle concentrazioni ad intervalli regolari.

    Negli adulti

    I soggetti esposti cronicamente al piombo per motivi professionali sono di solito sottoposti a monitoraggio periodico, operato dalla medicina del lavoro, come previsto dal Decreto Legislativo 81/08 (cosiddetto "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza del Lavoro"). Il monitoraggio dovrebbe essere effettuato anche alle loro famiglie ed ai soggetti esposti, in seguito ad attività ricreative abituali, a prodotti contenenti piombo (come le vernici usate per la colorazione del vetro); così anche ad alcune categorie di persone, come le donne in gravidanza o in allattamento.

    Per la diagnosi

    Sia nei bambini che negli adulti la piombemia dovrebbe essere misurata in presenza di segni e sintomi riconducibili ad una potenziale intossicazione da piombo. Questi sintomi sono aspecifici e possono includere:

    • Affaticamento
    • Cambiamenti comportamentali
    • Nausea, disturbi di stomaco prolungati
    • Mal di testa
    • Tremori
    • Perdita di peso
    • Neuropatie periferiche
    • Anemia
    • Encefalopatie, perdita di memoria, convulsioni e coma

    Anche in bambini asintomatici o con sintomi lievi possono tuttavia essere presenti danni a diversi organi derivanti da un'esposizione eccessiva. La piombemia dovrebbe essere prescritta in bambini che presentano ritardo della crescita, anemia, disturbi del sonno, perdita dell’udito o della parola, disturbi del linguaggio o deficit dell'attenzione.

  • Cosa significa il risultato del test?

    La concentrazione del piombo viene solitamente misurata nel sangue. Tuttavia, la piombemia non correla necessariamente con la quantità del metallo nell’organismo. Infatti il piombo migra dal sangue verso gli organi e, nel tempo, viene incorporato nelle ossa e nei denti. Il rischio associato all'esposizione al piombo dipende dall'età e dallo stato di salute generale della persona, oltre che dalla quantità e dal protrarsi dell'esposizione. 

    Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per i bambini non è possibile identificare alcun limite al di sotto del quale non si osservino effetti sul quoziente intellettivo (QI). I bambini con livelli di piombo nel sangue > 5 μg/dL dovrebbero essere sottoposti al monitoraggio e alla valutazione della carenza di ferro e dello stato nutrizionale generale.

    Adulti con sintomi di avvelenamento e piombemia > 70 μg/dL e bambini con encefalopatia o piombemia > 45 μg/dL dovrebbero essere trattati per chelazione, un trattamento utilizzato per legare stabilmente il piombo formando un “complesso” che è successivamente eliminato con l'urina. Terapie per chelazione comprendono l'utilizzo di farmaci chelanti e di CaNa2EDTA (acido etilendiamminotetraacetico).

    I bambini con piombemia > 70 μg/dL e tutti i pazienti con sintomi neurologici devono essere ricoverati.

  • C’è altro da sapere?

    Il piombo interferisce con l’assorbimento del ferro, pertanto i bambini con elevate concentrazioni di piombemia nel sangue dovrebbero sottoporsi ad esami per rilevare la carenza di ferro. Pazienti con alterazioni della funzionalità renale risultano più suscettibili all'esposizione al piombo, poiché in grado di eliminare meno efficacemente il metallo dall'organismo.

    L'esposizione alle stesse quantità di piombo non causa necessariamente gli stessi effetti in persone diverse; ciascuno infatti assorbe ed elimina i metalli con ritmi diversi. 

    Successivamente alla legislazione che ha vietato l'utilizzo di piombo nei carburanti sono diminuite in modo significativo le emissioni di questo metallo nell'atmosfera e, conseguentemente, l'esposizione per inalazione della popolazione generale. Un simile effetto è stato anche osservato in seguito alla limitazione dell’uso del piombo nelle vernici e negli smalti precedentemente utilizzati in numerosi prodotti di consumo, inclusi i giocattoli.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Quali altri prodotti contengono piombo, oltre le vernici e le ceramiche?

    Alcuni prodotti contenenti piombo includono batterie delle macchine, saldatrici, tubature, vernici industriali, smalti ed altri prodotti importati da paesi extraeuropei in cui è ancora utilizzato il piombo nella produzione di bigiotteria, giocattoli, ceramiche e coloranti usati nell’industria cosmetica.

  • Come avviene l'esposizione?

    La maggior parte del piombo è presente nell'ambiente sotto forma di composto inorganico, il quale risulta innocuo se tenuto in mano poiché non penetra nell'organismo attraverso la pelle. Le principali fonti di esposizione includono inalazione o ingestione di molecole di piombo polverizzate. Altre fonti di avvelenamento da piombo includono ingestione di acqua o alimenti contaminati, contatto con vernici e smalti al piombo usati per pareti, mobili, giocattoli e prodotti di consumo, inalazione di piombo disperso nell'aria a seguito di emissione dei gas di scarico degli autoveicoli ed ingestione di polvere e particelle di particolato alle quali il piombo aderisce.

    Tuttavia, l'approvazione di disposizioni di legge volte a ridurre la presenza di piombo, quali il decreto legislativo n. 31 del 2001 che regola la qualità dell'acqua potabile in Italia, la direttiva n. 84/500/EEC che regola a livello europeo la presenza di piombo nelle decorazioni per le ceramiche e nei giocattoli, l'obbligo di utilizzare benzina senza piombo in Europa a partire dal 1º gennaio 2002, ha ridotto significativamente l'esposizione al piombo e la piombemia nella popolazione. 

    Le donne in gravidanza esposte al rischio di avvelenamento da piombo possono trasmettere il metallo al feto in via di sviluppo tramite la placenta, che il piombo è in grado di attraversare. Inoltre, il piombo può essere trasmesso ai neonati attraverso il latte materno, pertanto, prima dell'allattamento, occorre controllare i livelli di piombo nel sangue.

  • Quali professioni sono a rischio di esposizione al piombo?

    Di seguito è riportato un elenco di lavori potenzialmente a rischio di esposizione al piombo:

    • Fusione del piombo
    • Lavoro edile
    • Saldatura di acciaio
    • Ricostruzione di ponti
    • Lavorare in un poligono di tiro
    • Ristrutturazione e rifiniture
    • Lavoro in fonderia
    • Riciclaggio di ferraglia
    • Riparazione di automobili
    • Riparazione di cavi
    • Lavorazione di vetro colorato
    • Lavorazione della ceramica
  • Esiste un modo per proteggersi dall’esposizione al piombo?

    Per gli individui che vivono in abitazioni costruite prima del 1978 occorre:

    • Far controllare l'abitazione ed il terreno circostante da un professionista
    • Utilizzare un filtro per aspirapolvere HEPA
    • Rimuovere tempestivamente eventuali scaglie di vernici di piombo o  particelle scrostate che potrebbero contenere piombo

    Per i bambini:

    • Lavare spesso le mani ed i giocattoli per ridurre il rischio di contaminazione da piombo
    • Evitare l'esposizione di bambini e donne in gravidanza ad aree in ristrutturazione o riparazione
    • Evitare di avvicinare alla bocca oggetti che possono essere contaminati dal piombo, quali chiavi, gioielli, sporcizia
    • Assumere una dieta ricca di calcio, ferro e vitamina C 
Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

National Center for Environmental Health. Screening Young Children for Lead Poisoning, 1997. Available online at http://www.cdc.gov/nceh/lead/guide/guide97.htm.

California Department of Health Services, Occupational Health Branch. "How to Prevent Lead Poisoning on Your Job", 2000. Pp 9,10,23.

Hipkins KL, Materna BL, Kosnett MJ, Rogge JW, Cone JE. Medical surveillance of the lead exposed worker. AAOHN Journal 46(7):330-339.

Todd AC, et al. "Unraveling the chronic toxicity of lead: An essential priority for environmental health". Environmental Health Perspectives, 104(Supp 1):141-146; March 1996.

A Manual of Laboratory & Diagnostic Tests (sixth edition), Frances Fischbach, editor. Philadelphia: Lippincott Williams& Wilkins, 2000; Pp 398-400; 1179-1180.

General Industry Federal OSHA Lead Standard, 29 CFR 1910.1025

Residential Lead Hazard Standards - TSCA Section 403 Environmental Protection Agency, Office of Pollution Prevention and Toxics. Available online at http://www.epa.gov/lead/leadhaz.htm.

Blood Lead Levels in Young Children — United States and Selected States, 1996-1999 Centers for Disease Control and Prevention, MMWRDecember 22, 2000 / 49(50);1133-7.

Management Guidelines for Blood Lead Levels in Children and Adults. California Department of Health Services. Available online at http://www.dhs.cahwnet.gov/ohb/OLPPP/mgmtgdln.htm.

Michael E. Ottlinger, PhD. Senior Toxicologist, Centers for Disease Control and Prevention, Cincinnati, OH.

Mitchell G. Scott, PhD. Division of Laboratory Medicine, Washington University School of Medicine, St. Louis, MO.

Raymond K. Meister, MD, MPH. Occupational health physician.

Thomas P. Moyer, PhD. Professor of Laboratory Medicine, Division of Clinical Biochemistry & Immunology, Department of Laboratory Medicine & Pathology, Mayo Clinic, Rochester, MN.

(2005 October 1). Lead Exposure in Children: Prevention, Detection, and Management. American Academy of Pediatrics, PEDIATRICS Vol. 116 No. 4 October 2005, Pp. 1036-1046.

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby’s Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

(2005 June 23, Reviewed) Lead Health Effects. U.S. Department of Labor, Occupational Safety & Health Administration [On-line information]. Available online at http://www.osha.gov/SLTC/lead/recognition.html.

(2005 July, Updated). Lead Poisoning in Children. Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/617.xml.

(2005 September, Revised). Management Guidelines for Blood Lead Levels in Children and Adults. California Department of Health Services [On-line information]. PDF available for download at http://www.dhs.ca.gov/ohb/OLPPP/mgmtgdln.pdf.

Hipkins, K. et. al. (2004 November/December). Family Lead Poisoning Associated with Occupational Exposure. Clin Pediatr 2004;43:845-849. PDF available for download at http://www.dhs.ca.gov/ohb/OLPPP/family_lead_poisoning.pdf.

(2005 May 25, Reviewed). CDC Childhood Lead Poisoning Prevention Program, CDC Recommendations for Lead Poisoning Prevention in Newly Arrived Refugee Children. CDC National Center for Environmental Health [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nceh/lead/Refugee%20recs.htm.

(2005 September). ToxFAQs™ for Lead. Agency for Toxic Substances and Disease Registry (ATSDR) [On-line information]. Available online at http://www.atsdr.cdc.gov/tfacts13.html.

(2005 September). Public Health Statement, from Toxicological Profile for Lead, Draft for Public Comment. Agency for Toxic Substances and Disease Registry (ATSDR) [[On-line information]. Available online at http://www.atsdr.cdc.gov/toxprofiles/tp13.html.

(2006 January 13, Reviewed). General Lead Information, Questions and Answers. CDC, National Center for Environmental Health [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nceh/lead/faq/about.htm.

(2002 March). Managing Elevated Blood Lead Levels Among Young Children: Recommendations from the Advisory Committee on Childhood Lead Poisoning Prevention. CDC [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nceh/lead/CaseManagement/caseManage_main.htm.

(2003 September 12). Surveillance for Elevated Blood Lead Levels Among Children --- United States, 1997—2001 CDC MMWR [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/ss5210a1.htm.

(2004 July 9). Adult Blood Lead Epidemiology and Surveillance --- United States, 2002. CDC MMWR [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm5326a2.htm.

SN Tsekrekos, I Buka. Paediatr Child Health Vol 10, No 4. April 2005.

Dr. Irena Buka MB, ChB, FRCPC. Pediatric Environmental Health Clinic. Edmonton, Alta. Canada.

Harold E. Hoffman, MD, FRCPC, FACOEM. Occupational & Environmental Medicine. Edmonton, Alberta, Canada.

Kathy Leinenkugel, CLS. Lead Program Coordinator, Douglas County Health Department. Omaha, NE.

Thomas P. Moyer, Ph.D. Professor of Laboratory Medicine, Mayo College of Medicine. Vice Chair for Diagnostic Development, Department of Laboratory Medicine & Pathology. Co-Director for Medical Affairs, Mayo Collaborative Services, Inc. Mayo Clinic, Rochester, MN.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (© 2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry: AACC Press, Washington, DC. Pp 474.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 658-659.

(Updated 2008 May 30). Lead. U.S. Dept of Labor OSHA [On-line information]. Available online at http://www.osha.gov/SLTC/lead/index.html. Accessed June 2009.

(Updated 2009 February 01). Lead. ATSDR [On-line information]. Available online at http://www.atsdr.cdc.gov/substances/toxsubstance.asp?toxid=22. Accessed June 2009.

(Updated 2007 October 05) ToxFAQs™ for Lead. ATSDR [On-line information]. Available online at http://www.atsdr.cdc.gov/tfacts13.html. Accessed June 2009.

(2009 May 19). Lead in Paint, Dust, and Soil. U.S. Environmental Protection Agency [On-line information]. Available online at http://www.epa.gov/opptintr/lead/index.html. Accessed June 2009.

Alexander, D. (Updated 2007 May 25). Lead levels – blood [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003360.htm. Accessed June 2009.

(2007 November 2). Interpreting and Managing Blood Lead Levels <10 µg/dL in Children and Reducing Childhood Exposures to Lead. CDC MMWR 56(RR08);1-14;16 [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/rr5608a1.htm. Accessed June 2009.

(Revised 2007 August 20). Case Studies in Environmental Medicine (CSEM), Lead Toxicity, What Tests Can Assist with Diagnosis of Lead Toxicity? ATSDR [On-line information]. Available online at http://www.atsdr.cdc.gov/csem/lead/pbtests_diagnosis2.html. Accessed June 2009.

(Updated 2008 September) Lead Poisoning. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ToxinsTraceMetals/LeadPoisoning.html. Accessed June 2009.

APHA. CDC Accepts Advisory Committee Recommendation to Replace "Level of Concern" for Lead Poisoning with New Reference Value. Washington, D.C. May 16, 2012. Available online at http://www.apha.org/about/news/pressreleases/2012/cdc+advisory+new+reference+value.htm. Accessed May 2012.

Centers for Disease Control and Prevention. CDC Response to Advisory Committee on Childhood Lead Poisoning Prevention Recommendations in "Low Level Lead Exposure Harms Children: A Renewed Call of Primary Prevention." PDF available for download at http://www.cdc.gov/nceh/lead/ACCLPP/CDC_Response_Lead_Exposure_Recs.pdf. Accessed May 2012.

KidsHealth.org. Blood Test: Lead. Available online at http://kidshealth.org/parent/system/medical/test_lead.html#. Accessed February 2012. 

(January 4, 2012) Report of the Advisory Committee on Childhood Lead Poisoning Prevention of the Centers for Disease Control and Prevention, Low Level Lead Exposure Harms Children: A Renewed Call for Primary Prevention. PDF available for download at http://www.cdc.gov/nceh/lead/ACCLPP/Final_Document_011212.pdf. Accessed February 2012. 

HealthyChildren.org. Lead Poisoning. Available online through http://www.healthychildren.org. Accessed February 2012.

American Academy of Pediatrics. Lead Exposure in Children: Prevention, Detection, and Management. Pediatrics Vol. 116 No. 4 October 1, 2005, Pp 1036 -1046. Available online at http://aappolicy.aappublications.org/cgi/content/full/pediatrics;116/4/1036#SEC7. Accessed February 2012.

Donald L. Simmons, Ph.D. Laboratory Manager. State Hygienic Laboratory - Ankeny Ankeny, IA.

OSHA Blood Lead Regulations. Available online at http://www.ehow.com/about_5538910_osha-blood-lead-regulations.html. Accessed April 2012. 

Wengrovitz, Anne M. and Brown, Mary Jean. Recommendations for Blood Lead Screening of Medicaid-Eligible Children Aged 1--5 Years: an Updated Approach to Targeting a Group at High Risk. MMWR. August 7, 2009. 58(RR09);1-11. Available online at http://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/rr5809a1.htm. Accessed June 2012.