Noto anche come
PCR per Micoplasma
Esame colturale di Ureaplasma
Esame colturale Micoplasma
Nome ufficiale
Mycoplasma pneumoniae anticorpi IgG e IgM; Micoplasma Esame colturale; Micoplasma esame molecolare
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 21.09.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per rilevare la presenza di un’infezione recente o attiva operata da micoplasma (un tipo di batterio).

Quando Fare il Test?

Nel caso in cui il clinico sospetti, sulla base dei sintomi del paziente, la presenza di infezioni da micoplasma dell’apparato respiratorio; in presenza di infezioni genitali che potrebbero essere causate da micoplasma o ureaplasma (un tipo particolare di micoplasma).

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio, un tampone faringeo, un campione di escreato, un campione di fluidi o tessuti corporei; talvolta un tampone genitale o uretrale.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L'Esame

I micoplasmi sono i più piccoli microrganismi liberi viventi conosciuti. Possono essere presenti insieme alla normale flora batterica residente nella gola, nelle vie aeree superiori e nel tratto urogenitale. I micoplasmi sono diversi da altri tipi di batteri per molti aspetti e possono essere difficili da crescere in coltura e da identificare. Il test del micoplasma è utilizzato per determinare la presenza di un’infezione recente o attiva operata da questo microrganismo.

I test del micoplasma includono un gruppo di test volti a misurare gli anticorpi presenti nel circolo ematico e prodotti in risposta all’infezione da micoplasma o utilizzati per identificare direttamente il microrganismo tramite l’esame colturale o tramite la rilevazione del suo materiale genetico (DNA) all’interno dei fluidi corporei. La specie di micoplasma rilevata più di frequente è il Mycoplasma pneumoniae (M. pneumoniae), l’agente eziologico di una patologia infettiva respiratoria nota con il nome di “polmonite atipica”.

M. pneumoniae è un agente eziologico molto comune di infezioni delle vie aeree superiori in grado di causare oltre il 40% delle polmoniti contratte in ambiente extraospedaliero, per le quali nell’1-5% dei casi è richiesto un ricovero ospedaliero. Possono essere casi isolati o epidemici, in modo particolare in ambito scolastico, nelle caserme o in altri luoghi nei quali le persone vivono a stretto contatto. Le infezioni di questo tipo sono più frequenti nel periodo di fine estate/inizio autunno.

La maggior parte delle infezioni da M. pneumoniae determinano una sintomatologia lieve e spesso autolimitante, causando sintomi non specifici come bronchite, rinite o tosse secca che può persistere per molte settimane. I sintomi possono diventare più gravi, causando febbre, faringotonsillite, cefalea e dolori muscolari; quando l’infezione si diffonde alle vie aeree inferiori può causare polmonite e, più raramente, può diffondere ad altri distretti dell’organismo. Questo è particolarmente vero nel caso di bambini molto piccoli con comorbidità come l’asma, o nei pazienti immunocompromessi come in quelli affetti da HIV/AIDS. In base al distretto dell’organismo interessato dall’infezione, le complicanze possono variare dalla meningite alle difficoltà respiratorie, l’infiammazione cardiaca e l’aritmia, la presenza di eruzioni cutanee, lesioni o noduli, l’artrite, l’anemia o la sindrome di Guillain-Barré.

Talvolta questo test può essere richiesto per rilevare altre specie di micoplasma come il Mycoplasma hominis, il Mycoplasma genitalium, e l’Ureaplasma urealyticum, infezioni meno comuni rispetto al M. pneumoniae. Negli adulti questi organismi vengono trasmessi per via sessuale, causando uretrite non gonococcica (NGU, non correlata alla gonorrea), alcune infiammazioni della prostata (prostatiti) negli uomini e, nelle donne, infiammazioni associate alla presenza di secrezioni vaginali e malattia infiammatoria pelvica.

Il Mycoplasma hominis e l’Ureaplasma urealyticum può essere trasmessa da madre a figlio durante il parto. Questi colonizzano il neonato per circa due anni dalla nascita. Raramente possono causare infezioni sistemiche nei neonati, sviluppabili anche nelle persone immunocompromesse.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Il campione richiesto dipende dal metodo utilizzato e dallo stato di salute del paziente:

    • Il test anticorpale richiede un campione di sangue, ottenuto tramite il prelievo da un braccio
    • La ricerca diretta del micoplasma può essere effettuata su molteplici campioni. Per le infezioni respiratorie, il campione può essere costituito da escreato, lavaggio bronchiale o tampone faringeo. Per le infezioni sistemiche può essere invece richiesto un campione di sangue, di liquido sinoviale o di altri liquidi e tessuti dell’organismo utilizzabili per l’esame colturale. La raccolta di alcuni tipi di campioni richiede procedure speciali. La rilevazione delle infezioni genitali richiede invece un tampone ottenuto dalla cervice o dall’uretra.
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    I test del micoplasma vengono utilizzati in primo luogo per determinare se un’infezione delle vie aeree è causata da Mycoplasma pneumoniae. Possono però essere utilizzati anche per accertare la diagnosi di un’infezione sistemica.

    Test ematologici per la ricerca di anticorpi anti-M. pneumoniae

    In risposta ad un’infezione di M. pneumoniae possono essere prodotti dall’organismo due tipi di anticorpi, IgM e IgG, rilevabili nel circolo ematico.

    • Le IgM sono le prime ad essere prodotte in risposta all'infezione; i loro livelli aumentano per un breve periodo per poi diminuire pur rimanendo in quantità rilevabili per alcuni mesi.
    • La produzione delle IgG segue quella delle IgM, aumentando nel tempo fino a stabilizzarsi. Una volta che una persona è stata infettata dal micoplasma, presenterà quantità rilevabili di IgG per il resto della sua vita.
       

    Per la diagnosi di un’infezione attiva di M. pneumoniae, il clinico può richiedere un primo prelievo durante la fase acuta da utilizzare per la misura delle IgG e delle IgM, seguito da un secondo prelievo effettuato a distanza di alcune settimane utile per confrontare i livelli delle immunoglobuline nella fase convalescente. Questo approccio non solo permette di valutare le variazioni nella quantità di IgG presenti ma rappresenta anche un valido ausilio diagnostico nelle persone nelle quali la compromissione del sistema immunitario determina la presenza di quantità di immunoglobuline inferiori all’atteso.

    Ricerca diretta

    La rilevazione di M. pneumoniae viene effettuata ricercando il microrganismo nelle secrezioni dell’apparato respiratorio, nel sangue e nei fluidi o tessuti corporei. Questa può essere effettuata tramite l’esame colturale e quindi la crescita del microrganismo in un appropriato mezzo di coltura, o tramite la ricerca del materiale genetico (DNA).

    L’esame colturale del micoplasma rappresenta il metodo tradizionale per la rilevazione di questo microrganismo, ma non è privo di problemi. Esso infatti richiede l’utilizzo di un terreno di coltura specializzato nel quale incubare il campione ottenuto dal paziente. Il micoplasma non è infatti in grado di crescere bene nei terreni di coltura utilizzati comunemente. La mancanza della parete cellulare inoltre non consente l'utilizzo della colorazione di Gram.

    Esistono dei terreni di coltura in grado di promuovere la crescita di alcuni microrganismi caratterizzati da una velocità di crescita scarsa, come il micoplasma. A causa della scarsa velocità di crescita di questo microrganismo, la conferma di un risultato negativo per l’esame colturale di M. penumoniae richiede almeno 3-4 settimane (in confronto ai 2-4 giorni necessari per la maggior parte dei batteri). Il test anticorpale e la ricerca del materiale genetico del microrganismo possono pertanto essere richiesti a fianco dell’esame colturale, poiché in grado di fornire risultati in tempi più brevi.

    Il test del DNA è rapido e sensibile ma non viene utilizzato largamente per la diagnosi dell’infezione da micoplasma. Sono tuttavia sempre più diffusi dei test in grado di rilevare un pannello di patogeni, tra i quali M. pneumoniae, responsabili delle infezioni delle vie aeree. Tuttavia, la rilevazione del materiale genetico del patogeno non consente di confermare la presenza di un'infezione attiva. Il DNA del micoplasma può essere rilevabile anche dopo la scomparsa dei sintomi, quando l’organismo non è più vitale.

    Il test del DNA per la ricerca di M. pneumoniae può talvolta essere richiesto insieme ai test per la rilevazione di Chlamydia pneumoniaeBordetella pertussis o Legionella, al fine di effettuare diagnosi differenziale tra questi microrganismi responsabili di infezioni respiratorie.

    Talvolta il test può essere richiesto per la diagnosi di un’infezione delle aree genitali o del tratto urinario ad opera di Mycoplasma hominisMycoplasma genitalium o Ureaplasma urealyticum. In genere la ricerca di M. hominis U. urealyticum viene effettuata tramite esame colturale e richiede molti giorni. Il M. genitalium necessita invece di circa 1-2 mesi per crescere, pertanto la sua presenza viene di solito valutata tramite il test molecolare per la ricerca del DNA.

    La scelta dei test e del tipo di campione raccolto dipende dall’età del paziente, dallo stato di salute generale e dal sospetto clinico sulla base dei sintomi e degli organi interessati. Una persona con una sospetta infezione da micoplasma può cominciare il trattamento indipendentemente dai risultati di laboratorio, sulla base dei sintomi clinici e degli esami di diagnostica per immagini.

  • Quando viene prescritto?

    I test per M. penumoniae possono essere richiesti nel caso in cui un paziente presenti sintomi di gravi difficoltà respiratorie non dovute ad una delle infezioni tipiche dell’apparato respiratorio, come nel caso della polmonite pneumococcica. Alcuni di questi sintomi includono:

    • Tosse secca ma persistente anche per alcune settimane
    • Febbre
    • Faringotonsillite
    • Cefalea e dolori muscolari
       

    I test possono inoltre essere richiesti nel caso in cui l’infezione si diffonda alle basse vie respiratorie o ad altri distretti dell’organismo, causando complicazioni come eruzioni cutanee, artriteencefalite, infiammazione dei muscoli cardiaci o della parete cardiaca o anemia emolitica, e nel caso in cui il paziente non risponda alle terapie convenzionali. Infine questi test possono essere utili nella valutazione di un’epidemia, per il controllo della diffusione dell’agente patogeno.

    Oltre a M. penumoniae possono essere testate altre specie di micoplasma, nel caso in cui nei neonati o in persone immunocompromesse si sviluppino infezioni polmonari e/o sistemiche imputabili al micoplasma.

    In linea generale, il test anticorpale per la ricerca di IgG e IgM viene richiesto nel caso in cui il clinico sospetti la presenza di un’infezione attiva di M. pneumoniae; in questo caso viene poi effettuata la ripetizione della misura delle sole IgG dopo 2-4 settimane per la conferma dell’innalzamento dei livelli anticorpali in risposta all’infezione. In presenza di un sospetto di infezione attiva possono essere richiesti anche il test colturale e molecolare.

    I micoplasmi sono frequentemente parte della normale flora batterica residente nelle aree genitali, pertanto il test su campioni prelevati in sede genitale viene effettuato raramente. Tuttavia, in pazienti maschi sessualmente attivi con sintomi di infiammazione dell’uretra non dovuti a gonorrea o clamidia (uretrite non gonococcica) o in donne nelle quali si sospetti la presenza di un’infezione da micoplasma, per la negatività ai test per la gonorrea e la clamidia, è possibile richiedere i test del micoplasma per la ricerca di M. hominis U. urealyticum.

  • Cosa significa il risultato del test?
    Test anticorpale

    Livelli elevati di IgM anti-M. pneumoniae e/o un significativo aumento delle IgG tra il campione iniziale e il campione della fase convalescente, indicano la presenza di un’infezione da M. pneumoniae attiva o recente. L’aumento di IgG senza le IgM, può indicare una re-infezione.

    L’assenza di IgG e di IgM anti-micoplasma indica l’assenza dell’infezione attiva o pregressa o anche l’incapacità del sistema immunitario del paziente di produrre anticorpi in risposta all’infezione.

    Ricerca diretta

    La rilevazione in coltura di uno o più micoplasmi o di U. urealyticum, può indicare la presenza di un’infezione da micoplasma, in modo particolare se il campione testato proviene da un distretto dell’organismo teoricamente sterile, come il liquido sinoviale o il sangue. Tuttavia, per quanto riguarda i campioni provenienti dalle regioni dell’apparato respiratorio o genitale, la positività può indicare la presenza del micoplasma appartenente alla normale flora batterica residente. Per esempio, l’U. urealyticum è presente in circa il 60% degli uomini sani mentre il M. hominis in circa il 20%.

    Nel caso in cui il micoplasma non venga rilevato in coltura, allora il microrganismo potrebbe non essere presente nel campione o essere presente in quantità troppo piccole per essere rilevabili.

    Per quanto riguarda il test molecolare, la presenza del DNA di M. pneumoniae, indica la presenza del microrganismo come agente infettivo o come flora batterica residente. L’assenza del materiale genetico del micoplasma indica l’assenza dell’infezione o la presenza del micoplasma in quantità troppo piccole per essere rilevabili.

  • C’è altro da sapere?

    L’infezione da micoplasma può comportare la comparsa di sintomi analoghi a quelli di un’infezione virale, ma responsivi alla terapia antibiotica con la conseguente diminuzione della durata dei sintomi.

    L’infezione da micoplasma non ne conferisce l’immunità, pertanto questa può essere nuovamente contratta.

    I micoplasmi non sono visibili al microscopio tramite la colorazione di Gram, tecnica spesso usata per l’identificazione dei batteri.

    L’infezione da M. pneumoniae può essere rilevata anche tramite l’utilizzo di un vecchio test chiamato test delle agglutinine fredde. Questo test si basa sul fatto che durante un’infezione micoplasmatica, viene prodotto un anticorpo in grado di produrre l’agglutinazione degli eritrociti, se posti a freddo. Questo test non è specifico per il micoplasma ma più della metà delle persone infettate con M. pneumoniae presenta grandi quantità di agglutinine fredde.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Perché non si sente parlare spesso di micoplasmi?

    I micoplasmi sono una delle cause comuni ma spesso non identificate delle infezioni respiratorie. Come i virus che causano il comune raffreddore, i micoplasmi sono in grado di causare sintomi analoghi al raffreddore da lievi a moderati, non specifici e spesso autolimitanti che quindi si risolvono senza la necessità di un trattamento o la prescrizione di terapia antibiotica.

  • L’infezione da micoplasma può essere evitata?

    I micoplasmi sono specie batteriche molto diffuse nell’ambiente e pertanto l’infezione è difficilmente prevenibile. Le epidemie da Mycoplasma pneumoniae possono diffondersi tramite le gocce di saliva e possono pertanto essere evitate tramite l’accurata detersione delle mani, la copertura del naso e della bocca in caso di colpi di tosse o starnuti, la limitazione del contatto con persone malate. La trasmissione dei micoplasmi sessualmente trasmissibili può essere prevenuta tramite le stesse misure adottate per la prevenzione della trasmissione delle malattie sessualmente trasmissibili. Le infezioni trasmesse da madre al figlio sono invece difficilmente prevenibili.

  • Il test del micoplasma può essere effettuato ambulatorialmente?

    La raccolta del campione può avvenire ambulatorialmente ma l’esecuzione del test richiede personale e strumentazione specializzata.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

Waites, K. (2016 October 21, Updated). Mycoplasma Infections. Medscape Infectious Diseases. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/223609-overview. Accessed on 6/25/17.

Couturier, M. et. al. (2017 April, Updated). Mycoplasma pneumoniae. ARUP Consult. Available online at https://arupconsult.com/content/mycoplasma-pneumoniae. Accessed on 6/25/17.

Hadjiliadis, D. (2016 August 21 Updated).Mycoplasma pneumonia. MedlinePlus Medical Encyclopedia. Available online at https://medlineplus.gov/ency/article/000082.htm. Accessed on 6/25/17.

Bono, M. (2016 August 11, Updated). Mycoplasmal Pneumonia. Medscape Pulmonology. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1941994-overview. Accessed on 6/25/17.

(2017 February 7, Updated). Mycoplasma pneumoniae Infection. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/pneumonia/atypical/mycoplasma/index.html. Accessed on 6/25/17.

Waites, K. (2016 October 24, Updated).Ureaplasma Infection. Medscape Infectious Diseases. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/231470-overview. Accessed on 6/25/17.

(2017 January 27, Updated). Pelvic Inflammatory Disease (PID) – CDC Fact Sheet. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/std/pid/stdfact-pid-detailed.htm. Accessed on 6/25/17.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 525-532.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 1586-1587.

Medoff, B. (Updated 2008 September 24). Mycoplasma pneumonia. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000082.htm. Accessed October 2009.

Bono, M. (Updated 2008 August 5). Pneumonia, Mycoplasma. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/807927-overview. Accessed October 2009.

Waites, K. (Updated 2008 March 26). Mycoplasma Infections. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/223609-overview. Accessed October 2009.

Chatterjee, A. and O'Keefe, C. (Updated 2009 August 10). Mycoplasma Infections. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/966785-overview. Accessed October 2009.

Fisher, M. et. al. (Updated 2009 August). Mycoplasma pneumonia. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Mycoplasmapneumoniae.html. Accessed October 2009.

Lee, K. (2008 September 24). Pediatric Respiratory Infections by Mycoplasma pneumonia. Medscape from Expert Review of Anti-Infective Therapy [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/580478. Accessed October 2009.

Waites, K. (Updated 2008 March 27). Ureaplasma Infection. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/231470-overview. Accessed October 2009.

Plewa, M. (Updated 2009 August 4). Urethritis, Male. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/778374-overview. Accessed October 2009.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson RA and Pincus MR, eds. Philadelphia: 2007, Pp 1010-1011.

Harrison's Principles of Internal Medicine. 16th ed. Kasper D, Braunwald E, Fauci A, Hauser S, Longo D, Jameson JL, eds. McGraw-Hill, 2005, Pp. 1008-1010.

Waites, K. (Updated 2012 September 28). Mycoplasma Infections. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/223609-overview. Accessed September 2013.

Chatterjee, A. and O'Keefe, C. (Updated 2012 November 20). Pediatric Mycoplasma Infections. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/966785-overview. Accessed September 2013.

(Updated 2013 May 11). Mycoplasma pneumoniae Infections. Healthychildren.org [On-line information]. Available online at http://www.healthychildren.org/English/health-issues/conditions/chest-lungs/Pages/Mycoplasma-pneumoniae-Infections.aspx. Accessed September 2013.

Dugdale, D. (Updated 2012 August 30). Mycoplasma pneumonia. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000082.htm. Accessed September 2013.

Couturier, M. et. al. (Updated 2013 July). Mycoplasma pneumoniae. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Mycoplasmapneumoniae.html?client_ID=LTD. Accessed September 2013.

(Updated 2013 May 15). Mycoplasmal Pneumonia. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1941994-overview. Accessed September 2013.

McPherson, R. and Pincus, M. (© 2011). Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods 22nd Edition: Elsevier Saunders, Philadelphia, PA. Pp 1065-1078.

Maryland Department of Health & Mental Hygiene. Mycoplasma Fact Sheet. Available online at http://phpa.dhmh.maryland.gov/IDEHASharedDocuments/MYCOPLASMA.pdf. Accessed October 2013.