Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 17.11.2020.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per valutare la funzionalità della ghiandola tiroidea e come supporto alla diagnosi dei disordini tiroidei; per monitorare il trattamento dei disordini tiroidei.

Quando Fare il Test?

In presenza di segni e sintomi di ipo- o iper-tiroidismo, riconducibili a patologie riguardanti la tiroide; in presenza di gozzo (aumento del volume tiroideo) o noduli tiroidei (masse anomale, solide o a contenuto liquido, che si formano all'interno della ghiandola tiroidea).

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato da un braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna; tuttavia, poiché alcuni farmaci (prescritti e da banco) ed integratori possono interferire con il risultato del test, occorre informare il medico in merito alla loro assunzione.

I pazienti in terapia con l'ormone tiroideo per il trattamento di patologie della tiroide dovrebbero eseguire il prelievo di sangue prima di assumere la dose giornaliera del farmaco. La presenza di patologie acute può interferire con i risultati del test; pertanto, non è raccomandato sottoporsi all'esame ai soggetti ospedalizzati o non in salute.

L’Esame

La valutazione della funzionalità tiroidea si avvale di una serie di test che possono essere richiesti al fine di valutare la funzionalità della tiroide e quindi di diagnosticare eventuali disordini tiroidei. I test misurano una serie di ormoni presenti nel sangue. 

Gli esami per la valutazione della funzionalità tiroidea di solito comprendono:

In passato veniva richiesto anche il test di captazione del T3 (T3RU) che, insieme al valore del T4, era utilizzato per il calcolo dell’indice di tiroxina libera (FTI), un altro metodo in grado di valutare la funzionalità tiroidea correggendo il cambiamento che i livelli di alcune proteine possono determinare sui livelli di T4 totale.

La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla posta anteriormente alla trachea, alla base della gola. Essa produce gli ormoni tiroxina (T4) e triiodiotironina (T3), implicati nella regolazione del consumo energetico da parte dell’organismo (metabolismo). Il principale ormone prodotto dalla tiroide è il T4; questo ormone si trova perlopiù in forma inattiva, ma viene convertito nella forma maggiormente attiva, il T3, nel fegato e in altri tessuti.

Quasi la totalità dei T3 e T4 circolanti sono legati ad una proteina. La forma biologicamente attiva di questi ormoni è però rappresentata da una piccola quota libera, ossia non legata alle proteine di trasporto. I test sono in grado di misurare la quantità di T3 e T4 liberi e legati nel sangue.

  • La misura di T3 e T4 totali è stata usata per molto tempo; tuttavia, questi valori sono influenzati dalla quantità di proteina legante gli ormoni presente nel sangue
  • La misura di T3 e T4 liberi non è influenzata dalla quantità di proteina legante, pertanto permette una valutazione più accurata della funzionalità tiroidea

L'organismo controlla la quantità di T4 e T3 nel sangue tramite un sistema a feedback:

  • Quando i livelli ematici degli ormoni tiroidei diminuiscono, l'ipotalamo produce l'ormone di rilascio della tireotropina (TRH), che a sua volta stimola il rilascio da parte dell'ipofisi dell'ormone tireostimolante (TSH). Il TSH stimola la ghiandola tiroidea a produrre e rilasciare T4 (principalmente) e T3
  • Quando i livelli ematici degli ormoni tiroidei aumentano, l'ipofisi riduce il rilascio di TSH, con conseguente produzione di quantità inferiori di T4 e T3 da parte della tiroide

In condizioni fisiologiche questo sistema a feedback regola l'attività della tiroide, al fine di mantenere relativamente stabili i livelli degli ormoni tiroidei nel sangue.

La perdita di funzionalità tiroidea o la riduzione del TSH determinano una diminuita produzione degli ormoni tiroidei e la manifestazione di sintomi associati all'ipotiroidismo, quali aumento di peso, aumentata sensibilità al freddo, irregolarità del ciclo mestruale e affaticamento. La tiroidite di Hashimoto è la causa più frequente di infiammazione della ghiandola tiroidea (tiroidite) e di ipotiroidismo. Per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Tiroidite di Hashimoto.

La produzione eccessiva di ormoni tiroidei è associata alla manifestazione di segni e sintomi di ipotiroidismo, quali tachicardia, ansia, perdita di peso, insonnia, tremore delle mani ed irritazione e lacrimazione degli occhi. La malattia di Graves rappresenta la causa più comune di iperattività della ghiandola tiroidea (ipertiroidismo). Per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Malattia di Graves.

Sia l'ipertiroidismo che l'ipotiroidismo possono essere causati anche da tiroidite, tumore alla tiroide e produzione eccessiva o insufficiente di TSH.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    I marcatori di funzionalità tiroidea vengono utilizzati nella valutazione della funzionalità tiroidea e come supporto alla diagnosi di ipotiroidismo e/o ipertiroidismo riconducibili alla presenza di vari disordini della tiroide.

    Solitamente, il test d'elezione per rilevare la presenza di disordini della tiroide è il test del TSH. Se i livelli di TSH sono alterati, allora viene richiesto il test di misura del T4 libero e, talvolta, anche del T3 libero. Spesso, i laboratori eseguono questi test di follow-up in maniera automatica, con una modalità cosiddetta “riflessa”, ossia che prevede l’esecuzione di ulteriori esami qualora i primi risultino alterati. I test riflessi vengono eseguiti sullo stesso campione inviato al laboratorio per effettuare il primo test richiesto.

    Alternativamente, il clinico può richiedere direttamente l’esecuzione di tutto il pannello di esami.

  • Quando viene prescritto?

    Questi test possono essere richiesti in presenza di segnisintomi indicativi di ipo- o iper-tiroidismo, causati da patologie che influenzano la tiroide.

    I segni e sintomi di ipotiroidismo includono:

    • Rallentamento del battito cardiaco
    • Aumento di peso
    • Aumento del volume della tiroide (gozzo)
    • Secchezza della pelle
    • Costipazione
    • Aumentata sensibilità al freddo
    • Dolore muscolare e articolare
    • Diradamento dei capelli
    • Debolezza muscolare
    • Depressione
    • Mancanza di memoria
    • Irregolarità del ciclo mestruale, sanguinamenti eccessivi
    • Nelle donne, infertilità

    I segni e sintomi di ipertiroidismo includono:

    • Tachicardia, aritmia o palpitazioni
    • Ansia
    • Inspiegabile perdita di peso
    • Insonnia
    • Tremore delle mani
    • Astenia
    • Sudorazione eccessiva
    • Debolezza muscolare
    • Movimenti intestinali frequenti
    • Problematiche meno comuni che possono interessare gli occhi: irritazione e lacrimazione degli occhi, secchezza oculare, sensibilità alla luce, diplopia (visione doppia)
    • Irregolarità del ciclo mestruale
  • Cosa significa il risultato del test?

    Quando il sistema a feedback che regola l'attività della tiroide non funziona in maniera appropriata a causa di vari disordini tiroidei, si verifica un aumento o una diminuzione della produzione degli ormoni tiroidei. 

    • Quando i livelli di TSH aumentano, la tiroide produce e rilascia quantità eccessive di T4 e T3, con conseguente manifestazione di sintomi di ipertiroidismo
    • Quando diminuisce la produzione degli ormoni tiroidei, il paziente può sviluppare sintomi associati all'ipotiroidismo

    I risultati dei test non sono di per sé diagnostici, ma possono indirizzare il clinico verso ulteriori test da effettuare al fine di identificare la causa di una carenza o un eccesso di ormoni tiroidei e dei disordini tiroidei. Ad esempio, la malattia di Graves rappresenta la causa più comune di ipertiroidismo e la tiroidite di Hashimoto di ipotiroidismo. (Per maggiori informazioni, consultare l'articolo Patologie della tiroide).

    La tabella seguente riassume alcuni esempi dei risultati ottenibili da questi esami e la loro possibile interpretazione.

    TSH fT4  fT3  DIAGNOSI PIÙ PROBABILE
    Normale Normale Normale Funzionalità tiroidea normale ("eutiroide")
    Normale o basso Normale o basso Basso Presenza di patologie che interessano la tiroide, che funziona normalmente (sindrome del malato eutiroideo)
    Aumentato Normale Normale Ipotiroidismo subclinico1: in pazienti in trattamento per ipotiroidismo che non ricevono quantità sufficienti di ormone tiroideo 
    Aumentato Basso Normale o basso Ipotiroidismo dovuto ad un'alterazione della ghiandola tiroidea (Ipotiroidismo primario)
    Normale o basso Aumentato Aumentato Ipertiroidismo causato dall'alterato funzionamento dell'ipofisi (ipertiroidismo centrale) o del recettore degli ormoni tiroidei (sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei)
    Basso Normale Normale Ipertiroidismo subclinico2: in pazienti in trattamento per ipertiroidismo che ricevono quantità eccessive di ormone tiroideo 
    Basso Normale Aumentato Ipertiroidismo riconducibile ad una produzione eccessiva di ormone T3 da parte della ghiandola tiroidea (raro, noto come tossicosi T3)
    Basso Aumentato Aumentato Ipertiroidismo dovuto alla produzione eccessiva di ormoni tiroidei da parte della ghiandola tiroidea (ipertiroidismo primario)
    Basso Basso Basso Ipotiroidismo causato dall'alterato funzionamento dell'ipotalamo o dell'ipofisi, coinvolti nella regolazione della tiroide (ipotiroidismo centrale)

    NOTA: I RISULTATI DI LABORATORIO DEVONO ESSERE CORRELATI CON LA CLINICA DEL PAZIENTE

    1La diagnosi di ipotiroidismo subclinico viene stabilita in presenza di concentrazioni elevate di TSH e di T4 libero normale su test periodici ripetuti per settimane o mesi. Gli adulti con ipotiroidismo subclinico possono risultare asintomatici o manifestare lievi sintomi di ipotiroidismo. Tuttavia, l'ipotiroidismo subclinico in età adulta espone ad un rischio aumentato di sviluppare patologie cardiovascolari, livelli elevati di colesterolo LDL e ridotte capacità cognitive.

    2La diagnosi di ipertiroidismo subclinico viene stabilita in presenza di concentrazioni di TSH e di livelli di T4 e T3 liberi normali su test periodici ripetuti per settimane o mesi. Gli adulti con ipertiroidismo subclinico possono risultare asintomatici o manifestare lievi sintomi di ipertiroidismo. Tuttavia, l'ipertiroidismo subclinico espone ad un rischio aumentato di sviluppare fibrillazione atriale ed osteoporosi.

  • C’è altro da sapere?

    In passato era molto comune richiedere questi esami all’interno di un “pannello tiroideo”. Recentemente, allo scopo di diminuire la quantità di esami non necessari, c’è una sempre maggior tendenza a richiedere gli esami in maniera sequenziale, con iniziali test di screening seguiti, se necessario, da esami successivi di approfondimento. Nel caso dei test della tiroide, viene per prima cosa misurato il TSH. Qualora questo fornisca risultati anomali e nel caso in cui permanga il sospetto clinico, vengono richiesti gli altri esami relativi alla funzionalità tiroidea.

    I livelli di T4 totale e T3 totale e/o TSH possono variare ed essere influenzati da:

    • Aumento, diminuzione o variazioni (ereditarie o acquisite) delle proteine che legano T4 e T3 (nel caso della misura degli ormoni totali, non in quella dei liberi, in quanto questi ultimi misurano la frazione degli ormoni non legati alle proteine)
    • Gravidanza
    • Estrogeni o altri farmaci
    • Patologie epatiche
    • Patologie sistemiche
    • Raramente, resistenza agli ormoni tiroidei
Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

 

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(Updated 2014 May 14). Thyroid Tests.National Endocrine and Metabolic Diseases Information Service [On-line information].Available online at http://endocrine.niddk.nih.gov/pubs/thyroidtests/index.aspx throughhttp://endocrine.niddk.nih.gov.Accessed January 2015.

(2012 June 4). Thyroid Function Tests. American Thyroid Association [On-line information]. Available online at http://www.thyroid.org/blood-test-for-thyroid/ through http://www.thyroid.org.Accessed January 2015.

(© 1995–2015). Thyroid Function Cascade, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/83633 throughhttp://www.mayomedicallaboratories.com.Accessed January 2015.

Meikle, A. W. and Straseski, J. (Updated 2014 July). Thyroid Disease. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ThyroidDz.html?client_ID=LTD through http://www.arupconsult.com.Accessed January 2015.

Clarke, W., Editor (© 2011). Contemporary Practice in Clinical Chemistry 2nd Edition: AACC Press, Washington, DC. Pp 431-449.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

American Thyroid Association. Thyroid Function Tests, patient information. PDF available for download at http://www.thyroid.org/patients/brochures/FunctionTests_brochure.pdf through http://www.thyroid.org/.Accessed May 2008.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 3rd Edition, St. Louis: Mosby Elsevier; 2006.

(April 27, 2007) MedlinePlus, Medical Encyclopedia. Thyroid Function Tests.Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/encyclopedia.html.Accessed May 2008.

Quest Diagnostics.Thyroid Function Panel.Available online through http://www.questdiagnostics.com.Accessed May 2008.

Shomon, Mary. Thyroid Blood Tests. About.com Guide. Updated: March 27, 2007.Available online at http://thyroid.about.com/od/gettestedanddiagnosed/a/bloodtests.htm through http://thyroid.about.com.Accessed June 22, 2010.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics.Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pp. 2053, 2063-2064.

Kasper DL, Braunwald E, Fauci AS, Hauser SL, Longo DL, Jameson JL eds (2005). Harrison's Principles of Internal Medicine, 16th Edition, McGraw Hill, Pg 2119.

ARUP Lab Tests.Thyroid Panel.Available online at http://www.aruplab.com/guides/ug/tests/0070141.jsp throughhttp://www.aruplab.com.Accessed February 2011.

National Endocrine and Metabolic Diseases Information Service.Thyroid Function Tests.Available online at http://endocrine.niddk.nih.gov/pubs/thyroidtests/index.htm through http://endocrine.niddk.nih.gov.Accessed February 2011.

MedlinePlus Medical Encyclopedia.TSH Test. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003684.htm.Accessed February 2011.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. T3 Test. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003687.htm. Accessed February 2011.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. T4 Test. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003517.htm. Accessed February 2011.

MedlinePlus Medical Encyclopedia. T3RU Test. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003688.htm. Accessed February 2011.

Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. Pagana and Pagana.4th edition, Pg. 512.