Noto anche come
Per il nome commerciale consultare la Banca Dati AIFA (https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it)
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 19.08.2021.
In Sintesi
​​​​​​​Perché Fare il Test?

Per determinare la concentrazione di levetiracetam nel sangue e per stabilire il dosaggio ottimale del farmaco; per verificarne l'eventuale tossicità e determinare l'aderenza alla terapia; per il monitoraggio in caso di variazioni dello stato di salute del paziente che potrebbero compromettere la clearance del farmaco o la funzionalità renale.

Quando Fare il Test?

Nella fase iniziale per la definizione del corretto dosaggio; se necessario, per rilevare concentrazioni troppo basse e inefficaci o troppo alte e potenzialmente tossiche; in seguito ad una riduzione della funzionalità renale; talvolta, per verificare l'aderenza alla terapia.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio, in genere subito prima dell'assunzione della dose successiva di farmaco (livello di "valle").

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna. Tuttavia, è necessario prestare attenzione alla tempistica del prelievo

L'Esame

Il levetiracetam è un farmaco utilizzato per il trattamento di alcune forme di epilessia, quali l'epilessia mioclonica giovanile, l'epilessia lobo temporale, le crisi parziali complesse, le convulsioni miocloniche, le convulsioni refrattarie, le convulsioni secondarie generalizzate, le convulsioni semplici parziali e le convulsioni tonico-cloniche. Il farmaco viene di solito prescritto come farmaco secondario da assumere in combinazione con altri antiepilettici. Questo esame misura la quantità di levetiracetam nel sangue. 

L'epilessia altera le capacità cerebrali di trasmissione degli impulsi elettrici necessari per l'attività del sistema nervoso. Durante un episodio convulsivo, le persone possono andare incontro ad alterazioni dello stato di coscienza e dei sensi, quali odore, vista o tatto. La frequenza delle convulsioni può essere variabile, andando da episodi isolati, sporadici fino a ricorrenti. Gli episodi convulsivi vengono in genere classificati sulla base delle aree encefaliche coinvolte, o anche dell'intero organismo. Il levetiracetam viene prescritto per prevenire specifiche tipologie di convulsioni ricorrenti.

Il levetiracetam è uno dei farmaci antiepilettici di seconda generazione. Per questo farmaco l'intervallo terapeutico, ossia l'intervallo di concentrazione di farmaco all'interno del quale risulta essere efficace senza la comparsa degli effetti tossici associati, è molto più ampio rispetto ai farmaci di prima generazione. Inoltre, questo farmaco è associato ad una quota minore di effetti collaterali e all'assenza di interazioni con altri farmaci antiepilettici. Per i suoi livelli di efficacia e sicurezza, il levetiracetam viene utilizzato in molte situazioni cliniche.

La disponibilità di un intervallo terapeutico più ampio consente di non richiedere il monitoraggio continuo del farmaco (per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo "Monitoraggio terapeutico dei farmaci"), richiesto invece per i farmaci di prima generazione.

Il monitoraggio viene richiesto solo all'inizio della terapia, per la definizione del dosaggio ottimale. Una volta definito il corretto dosaggio, il clinico può richiedere la misura della concentrazione ematica del farmaco solo in caso di alterazioni dello stato di salute, di assunzione di altri farmaci o di dubbi circa la sua efficacia.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Questo test viene utilizzato per misurare la concentrazione di levetiracetam nel sangue e determinare se rientra all'interno dell'intervallo terapeutico. Il test viene di solito richiesto nella fase iniziale, quando è necessario stabilire il corretto dosaggio su base individuale. Vista l'ampiezza dell'intervallo terapeutico, il clinico sceglie il dosaggio più appropriato cercando di rendere massimi i benefici e di limitare gli effetti collaterali associati. Il dosaggio viene pertanto stabilito sulla base dei risultati del test, ma anche della valutazione clinica dell'efficacia del farmaco.

    Solitamente, il monitoraggio continuo del levetiracetam non è necessario. Tuttavia, esistono delle situazioni nelle quali è utile, se non necessario, stabilirne i valori ematici:

    • Definizione dell'intervallo terapeutico personalizzato: dopo l'inizio del trattamento e l'evidenza di diminuzione dei sintomi (convulsioni) in assenza di effetti collaterali, può essere utile determinare la concentrazione ematica del farmaco. In questo modo viene definito l'intervallo terapeutico individuale (specifico per ciascuna persona), utile per eventuali future valutazioni in caso di alterazione dello stato di salute del paziente o di altri fattori
    • Verificare se la ricomparsa dei sintomi (convulsioni o effetti collaterali) in un paziente possa essere dovuta a quantità insufficienti o tossiche del farmaco
    • Verificare che il paziente stia assumendo regolarmente il farmaco
    • Valutazione e variazione del dosaggio in alcune specifiche situazioni, quali:
      • Malattie renali; il levetiracetam viene eliminato dall'organismo per via renale, pertanto qualsiasi fattore possa influenzare la funzionalità renale influenza anche i livelli di farmaco nel sangue
      • Variazione o aggiunta di altri farmaci
      • Età; le persone in cura con levetiracetam in genere assumono il farmaco per tutto il corso della loro vita, pertanto è necessario modificare il dosaggio del farmaco con l'avanzare dell'età
      • Gravidanza; in gravidanza il metabolismo del farmaco e la sua clearance potrebbero essere temporaneamente modificati
  • Quando viene prescritto?

    Il test per la misura della concentrazione ematica di levetiracetam può essere richiesto occasionalmente nelle seguenti circostanze:

    • All'inizio della terapia fino al raggiungimento del dosaggio ottimale 
    • Nel caso in cui si renda necessaria una variazione del dosaggio
    • Nel caso in cui vengano assunti nuovi farmaci e si voglia verificare l'eventuale effetto sui livelli ematici di levetiracetam
    • Nel caso in cui il paziente in cura non risponda alla terapia e manifesti crisi epilettiche ricorrenti 
    • Nel caso in cui il paziente manifesti complicanze o effetti collaterali relativi al farmaco; eventuali effetti collaterali possono verificarsi a qualsiasi concentrazioni del farmaco, ma solitamente sono associati alla presenza di livelli eccessivi. Gli effetti collaterali più frequenti includono:
      • Adulti: sonnolenza, debolezza, astenia, depressione, vertigini
      • Bambini: affaticamento, aggressività, congestione nasale, perdita di appetito, irritabilità

    Il test può essere prescritto periodicamente in caso di diminuzione della funzionalità renale, in presenza di malattie renali o di disfunzioni epatiche significative.

  • Cosa significa il risultato del test?

    L'intervallo terapeutico del levetiracetam è di circa 12.0-46.0 mg/L (µg/mL). Livelli superiori a 46 mg/L sono considerati potenzialmente tossici. Tuttavia, l'intervallo può variare da laboratorio a laboratorio; pertanto, si raccomanda di riferirsi ai valori forniti dal laboratorio che esegue il test. Il clinico deve provvedere alla corretta interpretazione dei risultati in associazione con la storia clinica del paziente, compreso il riscontro dell'efficacia e/o della tossicità del farmaco cercando di definire l'intervallo terapeutico individuale del proprio paziente.

    Infatti, sebbene la maggior parte delle persone risponda al farmaco senza manifestare effetti collaterali eccessivi, la risposta al farmaco ha caratteristiche strettamente individuali. Alcune persone manifestano i sintomi per dosaggi corrispondenti al limite inferiore dell'intervallo di riferimento o gli effetti collaterali a livelli vicini al limite superiore, altre hanno la necessità di assumere una dose di farmaco esterna all'intervallo di riferimento (a concentrazioni inferiori al limite inferiore di riferimento o superiori al limite superiore) per poter eliminare gli effetti collaterali o i sintomi. Le persone che assumono questo farmaco devono pertanto collaborare con il clinico, soprattutto nella fase iniziale, per il raggiungimento del dosaggio ottimale.

    In generale, se i livelli di levetiracetam misurati ricadono all'interno dell'intervallo terapeutico (o di quello stabilito in maniera personalizzata) e il paziente non manifesta né sintomi né effetti collaterali eccessivi, allora il dosaggio viene considerato adeguato.

    Il riscontro di valori alterati potrebbe dipendere dalla non corretta assunzione del farmaco (non corretta aderenza alla terapia) da parte del paziente. E' importante che le persone in cura vengano correttamente informate circa i possibili rischi associati a comportamenti di questo tipo.

  • C'è altro da sapere?

    Assumere regolarmente il farmaco è essenziale per evitare il verificarsi di convulsioni. Le persone in cura non devono variare autonomamente il dosaggio del farmaco o interrompere la terapia senza prima aver consultato il proprio medico. Il dosaggio corretto deve essere valutato e definito caso per caso.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Per quanto tempo deve essere assunto il levetiracetam?

    Generalmente, le persone affette da epilessia assumono il farmaco per tutto il corso della loro vita. In caso di comparsa di effetti collaterali o di inefficacia, tuttavia, il farmaco può essere sostituito con un altro antiepilettico.

  • Il test può essere eseguito ambulatorialmente?

    No, sono necessari strumenti e personale specializzati presenti nei laboratori clinici.

  • Quali sono gli altri farmaci antiepilettici?

    Esistono molteplici farmaci caratterizzati da formulazione ed azione differenti e che vengono utilizzati per trattare differenti tipi di convulsioni. I farmaci di prima generazione includono: fenobarbital (utilizzato fin dai primi anni del 1900), fenitoina, carbamazepina, etosuccimide e acido valproico. I nuovi farmaci, detti di seconda generazione, includono: gabapentin, lamotrigina, oxcarbazepina, topiramato, tiagabine, zonisamide e levetiracetam. Alcuni di questi vengono utilizzati da soli, ma la maggior parte possono essere assunti insieme ad altri farmaci.

  • Quali sono gli effetti collaterali gravi associati all'assunzione di levetiracetam?

    La manifestazione di effetti collaterali gravi associati all'assunzione del levetiracetam è molto rara. Alcuni esempi includono:

    • Sintomi simil-influenzali, eruzioni cutanee sul volto, sistemiche o che formano vescicole; questi sintomi possono essere riconducibili ad una rara e grave patologia della pelle, nota come sindrome di Stevens-Johnson
    • Convulsioni sempre più gravi
    • Oliguria, spossatezza o confusione, gonfiore a livello di arti inferiori, caviglie o piedi; questi sintomi possono essere riconducibili a problematiche renali
    • Alterazioni dello stato mentale, confusione, sonnolenza, perdita di memoria, comportamento anomalo, perdita di coordinazione
    • Tendenza al suicidio; si verifica in un numero ristretto di casi
    • In rari casi, il paziente può manifestare una grave reazione allergica (anafilassi) al levetiracetam
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

2020 review performed by Hong Zheng, PhD, NRCC, Lab Director, Clinical Toxicology Laboratory.

(June 6, 2017) Therapeutic Class Overview: Anticonvulsants. Available online at https://www.medicaid.nv.gov/Downloads/provider/Anticonvulsants_2017-09.pdf. Accessed on 11/07/2020.

Mayo Clinical Lab. Levetiracetam, Serum. Available online at https://www.mayocliniclabs.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/83140. Accessed on 11/11/2020.

(Revised October 2019) Keppra® US Prescribing Information tablets and oral solution. Available online at https://www.ucb.com/_up/ucb_com_products/documents/Keppra_IR_Current_COL_10_2019.pdf. Accessed on 11/07/2020.

(Updated February 25, 2019) NHS. Levetiracetam. Available online at https://www.nhs.uk/medicines/levetiracetam/. Accessed on 11/08/2020.

Jacob S and Nair AB. An Updated Overview on Therapeutic Drug Monitoring of Recent Antiepileptic Drugs. Drugs R D. 2016; 16(4): 303–316.

Kanner AM, Ashman E, Gloss D, et al. Practice guideline update summary: Efficacy and tolerability of the new antiepileptic drugs I: Treatment of new-onset epilepsy: Report of the Guideline Development, Dissemination, and Implementation Subcommittee of the American Academy of Neurology and the American Epilepsy Society. Neurology. 2018;91(2):74-81. Available online at https://n.neurology.org/content/neurology/91/2/74.full.pdf. Accessed 11/11/20.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Cavazos, J. (Updated 2013 March 11). Epilepsy and Seizures. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1184846-overview. Accessed April 2013.

(© 1995-2013). Levetiracetam, Serum. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/83140. Accessed April 2013.

Ochoa, J. and Riche, W. (Updated 2012 October 25). Antiepileptic Drugs. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1187334-overview. Accessed April 2013.

Johnson-Davis, K. (Reviewed 2013 February). Seizure Disorders – Epilepsy. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/SeizureDis.html?client_ID=LTD#tabs=0. Accessed April 2013.

(Revised 2009 September 1) Levetiracetam. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/meds/a699059.html. Accessed April 2013.

Rosenow, F. (2012). Lamotrigine Compared With Levetiracetam in the Initial 26 Weeks of Monotherapy for Focal and Generalised Epilepsy. Medscape News from J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2012;83(11):1093-1098. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/772590. Accessed April 2013.

Ha, H. and Bellanger, R. (2013). Epilepsy: Treatment and Management. Medscape Today News from US Pharmacist. 2013;38(1):35-39 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/779381. Accessed April 2013.

Buck, M. (2012). Recent Literature on Pediatric Antiepileptic Drugs. Medscape Today News from Pediatr Pharm. 2012;18(12) [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/781121. Accessed April 2013.

Krasowski, M. (2010 May 11). Therapeutic Drug Monitoring of the Newer Anti-Epilepsy Medications. Pharmaceuticals 2010, 3(6), 1909-1935. [On-line information]. Available online at http://www.mdpi.com/1424-8247/3/6/1909. Accessed April 2013.

Krishna, K. et. al. (2011 October). Levetiracetam. JAPI v 59 [On-line information]. PDF available for download at http://www.japi.org/october_2011/09_dr_levetiracetam.pdf. Accessed April 2013.

(Revised 2013 February). LevETIRAcetam. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online at http://www.merckmanuals.com/professional/lexicomp/levetiracetam.html. Accessed April 2013.

Buck, M. (2012 December 12). Recent Literature on Pediatric Antiepileptic Drugs. Pediatric Pharmacotherapy. A Monthly Newsletter for Health Care Professionals from the University of Virginia Children's Hospital v 18 (12) [On-line information]. PDF available for download through http://www.medicine.virginia.edu. Accessed April 2013.

Groot, M. et. al. (2012). Epilepsy in Patients With a Brain Tumour, Focal Epilepsy Requires Focused Treatment. Brain. V 135(4):1002-1016. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/763947_1. Accessed April 2013.

St. Louis E. Monitoring Antiepileptic Drugs: A Level-headed Approach. Curr Neuropharmacol. 2009 June; 7(2): 115–119. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2730002/. Accessed April 2013.

Krasowski M. Therapeutic Drug Monitoring of the Newer Anti-Epilepsy Medications. Pharmaceuticals (Basel). 2010 June 11; 3(6): 1909–1935. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2904466/#R7. Accessed April 2013.

2017 review performed by Charbel Abou-Diwan, PhD, DABCC, FACB.

Patsalos PN, Berry DJ, Bourgeois BF, et al. Antiepileptic drugs-best practice guidelines for therapeutic drug monitoring: a position paper by the subcommission on therapeutic drug monitoring, ILAE Commission on Therapeutic Strategies. Epilepsia2008 Jul;49(7):1239-1276.

Leppik, I. E. et al. 2002. Effective levetiracetam doses and serum concentrations: Age effects. Epilepsia 43 (Suppl 7):240.

Shih JJ, Whitlock JB, et al. Epilepsy treatment in adults and adolescents: Expert opinion, 2016 Epilepsy & Behavior 2017, Feb 22.

Naik GS, Kodagali R, et al. Therapeutic Drug Monitoring of Levetiracetam and Lamotrigine: Is There a Need? Ther Drug MonitVolume 37, Number 4, August 2015.

Stepanova D, Beran RG. Measurement of levetiracetam drug levels to assist with seizure control and monitoring of drug interactions with other anti-epileptic medications (AEMs). Seizure 23 (2014) 371–376.

Approved

Revisori: Prof. Antonio D'Avolio - Dipartimento di Scienze Mediche, Università di Torino; Laboratorio di Farmacologia e Farmacogenetica, Torino / Simona Pichini - Analytical Pharmacotoxicology Unit Head, National Centre on Addiction and Doping; Istituto Superiore di Sanità