Noto anche come
Gamma-glutamil transpeptidasi
Gamma-GT
GTP
GGTP
Nome ufficiale
Gamma-glutamil transpeptidasi
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
24.05.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare una possibile patologia del fegato o delle vie biliari o per differenziare tra malattia epatica e ossea come causa dell’aumento di  fosfatasi alcalina (ALP); talvolta per lo screening e il monitoraggio di abuso d’alcol.

Quando Fare il Test?

Quando il paziente ha sintomi di malattia del fegato e dei dotti biliari o come follow- up rispetto ad un’aumentata ALP

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio

 

Il Test Richiede una Preparazione?

Le concentrazioni di GGT diminuiscono dopo mangiato; è possibile che venga richiesto al paziente di non mangiare e bere nulla (a parte l’acqua) per le 8 ore precedenti al test. E’ probabile inoltre che gli venga chiesto anche di smettere di bere alcol o di prendere certe medicine

L’Esame

Gamma- glutamil transferasi è un enzima che si trova in molti organi come rene, cistifellea, milza e pancreas. Insieme a questi, il fegato è una fonte di GGT che viene riversata nel sangue. Questo esame misura la concentrazione di GGT in un campione di sangue.

La GGT è aumentata nella maggior parte delle patologie che causano danno al fegato o alle vie biliari. Di solito, la GGT è presente in basse concentrazioni, ma quando il fegato è danneggiato, può aumentare. La GGT è di solito il primo enzima epatico che aumenta nel sangue se uno dei dotti che trasposta la bile dal fegato all’intestino si ostruisce, ad esempio per un tumore o un calcolo. Per questo, è l’enzima epatico più sensibile nel determinare problemi alle vie biliari.

Però la GGT non è molto specifica e non è utile nel differenziare tra le varie cause di danno epatico perché si alza in vari tipi di malattie del fegato, come il cancro e le epatiti virali così come in altre patologie non- epatiche tipo la sindrome coronarica acuta.

Per questa ragione l’uso della GGT è controverso e le linee guide pubblicate dalle associazioni statunitensi National Academy of Clinical Biochemistry e American Association for the Study of Liver Diseases non ne raccomandano l’utilizzo in routine. Queste linee guida mettono però in evidenza l’importanza dell’esame nel determinare la causa di un aumento di fosfatasi alcalina (ALP), un altro enzima che si trova nel fegato.

Sia la GGT che l’ALP sono aumentate nelle patologie epatiche, ma solo l’ALP aumenta anche nelle malattie dell’osso. Perciò, la GGT può essere usata come follow-up di un rialzo di ALP per capire se questo risultato sia dovuto al fegato o alle ossa.

Le concentrazioni di GGT a volte aumentano dopo il consumo di anche piccole quantità di alcol. I livelli più alti si trovano di solito nei bevitori cronici (molto più alti rispetto a chi beve 2-3 bicchieri al giorno o a chi beve occasionalmente). La GGT può essere utilizzata per valutare il paziente per l’abuso d’alcol acuto o cronico.

 

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione da testare?

    Un campione di sangue viene prelevato da una vena del braccio.

     

  • Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    Le concentrazioni di GGT diminuiscono dopo mangiato; è possibile che venga richiesto al paziente di non mangiare e bere nulla (a parte l’acqua) per le 8 ore precedenti al test. E’ probabile inoltre che gli venga chiesto anche di smettere di bere alcol o di prendere certe medicine.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La gamma- glutamil transferasi (GGT) può essere usata per determinare la causa di un aumento di fosfatasi alcalina (ALP). Sia l’ALP che la GGT possono aumentare in patologie dei dotti biliari e in alcune malattie del fegato, ma solo l’ALP si alza anche nelle malattie dell’osso. Per questo, se la concentrazione di GGT è normale in un paziente con ALP alta, allora la causa del rialzo di ALP è molto probabilmente dovuta alle ossa. 

    Il test della GGT viene talvolta usato per determinare patologie epatiche o ostruzione dei dotti biliari. Viene di solito prescritto insieme ad altri test epatici come ALTAST, ALP e bilirubina. In generale, un aumento di GGT indica che  il fegato del paziente è danneggiato senza indicare quale sia la patologia scatenante.

    La GGT può essere usata nello screening dell’abuso d’alcol cronico (è aumentata in circa il 75% dei bevitori cronici) e nel monitoraggio di uso e/o abuso in persone che sono in cura per alcolismo o epatite alcolica.

  • Quando viene prescritto?

    Il test della GGT può essere prescritto quando la persona presenta un aumento di ALP. Il test ALP può essere effettuato da solo o come parte di un pannello epatico di routine per determinare un danno epatico anche in assenza di sintomi. Se i risultati di ALP sono alti ma gli altri esami che fanno parte del pannello epatico (come AST e ALT) non lo sono, allora la GGT può essere prescritta come supporto nel determinare se la causa di ALP alta è una malattia ossea o una malattia epatica. La GGT può essere prescritta da sola, insieme ad altri esami o come follow-up di altri test di funzionalità epatica, quando il paziente ha segni e sintomi di danno epatico, come:

    • Debolezza e affaticamento
    • Perdita di appetito
    • Nausea, vomito
    • Gonfiore e/o dolore addominale
    • Ittero
    • Urine scure e feci chiare
    • Prurito
       

    La GGT può anche essere prescritta a persone con storia d’abuso d’alcol che hanno finito di disintossicarsi, per monitorare le complicazioni del programma di trattamento.

  • Che cosa significa il risultato del test?

    Alte concentrazioni di GGT suggeriscono che qualcosa non va a livello epatico ma non indicano che cosa, in modo specifico. In generale, più sono alte le concentrazioni, maggiore è il danno al fegato. Valori alti possono essere dovuti a patologie epatiche, come epatiti o cirrosi, ma anche ad altre malattie, come scompenso cardiaco congestizio, diabete o pancreatiti. Possono anche essere causati da abuso d’alcol o terapia con farmaci tossici per il fegato.

    Concentrazioni normali o basse di GGT indicano l’improbabilità che il paziente abbia una malattia epatica o abbia consumato alcol.

    Alte concentrazioni di GGT possono aiutare a escludere malattie dell’osso come causa di aumentate concentrazioni di ALP, ma se la GGT è bassa o normale, allora l’incremento di ALP è più probabilmente dovuto ad una malattia ossea.

  • C'è qualcos'altro da sapere?

    Anche piccole quantità di alcol bevute nelle 24 ore precedenti al prelievo, possono causare un temporaneo incremento di GGT.

    Il fumo può aumentare la GGT.

    Elevate concentrazioni di GGT possono essere un indicatore di malattia cardiovascolare e/o ipertensione.

    Alcuni studi hanno dimostrato che le persone con aumentata GGT hanno un maggior rischio di morire per malattie cardiache, ma il motivo di questa associazione non è noto.

    I farmaci che possono causare un incremento di GGT sono la fenitoina, la carbamazepina e i barbiturici come il fenobarbital. L’uso di altri farmaci che necessitano o meno della prescrizione medica, inclusi gli antinfiammatori non steroidei (FANS), le statine, gli antibiotici, i bloccanti dei recettori dell’istamina (usati per trattare l’eccessiva produzione di acido dello stomaco), gli antifungini, gli antidepressivi, e gli ormoni come il testosterone, possono aumentare la GGT. I clofibrati e i contraccettivi orali possono diminuire la concentrazione di GGT.

    La GGT aumenta con l’età della donna, ma non dell’uomo, nel quale è sempre comunque più alta.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • E’ possibile che la GGT sia elevata, in assenza di sintomi?

    Sì, la GGT è molto sensibile e può aumentare senza alcun sintomo. L’aumento può essere temporaneo, magari dovuto ad un farmaco o all’ingestione di alcol entro le 24 ore precedenti al test. Se gli altri enzimi epatici sono normali, il medico può decidere di aspettare per poi ripetere il test. Se la GGT e/o gli altri enzimi epatici sono elevati, allora può essere necessario fare ulteriori accertamenti.

  • Se un alcolizzato smette di bere, la GGT rientrerà nella normalità?

    Nel tempo, la GGT tornerà normale se la persona smette di bere. Possono essere necessari qualche settimana o più di un mese. Astenersi dall’alcol diminuirà la probabilità del manifestarsi di ulteriori danni epatici e potrebbe migliorare la funzionalità epatica.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(Jan 2016) American Liver Foundation. Liver Function Tests. Available online at http://www.liverfoundation.org/abouttheliver/info/liverfunctiontests/. Accessed August 13, 2016.

(Nov 2009) Gowda, S. et. al. A review on laboratory liver function tests. The Pan African Medical Journal. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2984286/. Accessed August 13, 2016.

(May 2015) M. Lazo and J. Clark. Johns Hopkins Medicine POC-IT Guides. Liver function. Available online at http://www.hopkinsguides.com/hopkins/view/Johns_Hopkins_Diabetes_Guide/547086/all/Liver_function. Accessed August 13, 2016.

(Feb 2015). MedlinePlus. Gamma-glutamyl transpeptidase (GGT) blood test. Available online at https://medlineplus.gov/ency/article/003458.htm. Accessed August 13, 2016.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Mayo 2001 Test Catalog, Mayo Medical Laboratories, Rochester, MN, 2000 Mayo Press.

Worman, H (1998). Common Laboratory Tests in Liver Diseases. Columbia University Health Sciences. Available online at http://cpmcnet.columbia.edu/dept/gi/labtests.html.

Johnston, D (April 15, 1999). Special Considerations in Interpreting Liver Function Tests. American Family Physician: American Academy of Family Physicians. Available online at http://www.aafp.org/afp/990415ap/2223.html.

Riley, T (November 1, 2001). Preventive Strategies in Chronic Liver Disease: Part I. Alcohol, Vaccines, Toxic Medications and Supplements, Diet and Exercise. American Family Physician: American Academy of Family Physicians. Available online at http://www.aafp.org/afp/20011101/1555.html.

British Liver Trust Information Service (Last update September, 10 2001). Cirrhosis. British Liver Trust. Available online at http://www.britishlivertrust.org.uk/publications/cirrhosis.html.

MEDLINEplus (October 3, 2001). Medical Encyclopedia: ESR. U.S. National Library of Medicine, Bethesda, MD. MEdlinePlus. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003638.htm.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (1999). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 4th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Dufour DR, et al. Diagnosis and monitoring of hepatic injury - I. Characteristics of laboratory tests. Clin Chem 2000; 46:2027-2049.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER and Bruns DE, eds. 4th ed. St. Louis, Missouri: Elsevier Saunders; 2006 Pg 613.

Pagana K, Pagana T. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. 3rd Edition, St. Louis: Mosby Elsevier; 2006, Pp. 259-260.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry. AACC Press, Washington, DC, Pg. 271.

Carey, W (January 1, 2009). Approach to the Patient with Liver Disease: A Guide to Commonly Used Liver Tests, Cleveland Clinic. Available online at http://www.clevelandclinicmeded.com/medicalpubs/diseasemanagement/hepatology/guide-to-common-liver-tests/. Accessed September 2009.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson RA and Pincus MR, eds. Philadelphia: 2007, Pp 86, 275.

(2000) Dufour, DR et al. National Academy of Clinical Biochemistry Standards of Laboratory Practice: Laboratory Guidelines for Screening, Diagnosis and Monitoring of Hepatic Injury. Available online at http://www.aacc.org/SiteCollectionDocuments/NACB/LMPG/hepatic/hepatic_combined.pdf#page=3.

National Digestive Diseases Information Clearinghouse, part of NIDDK, NIH. NSAIDS and Peptic Ulcers. Available online at http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/nsaids/. Accessed September 20, 2010.

MedlinePlus Medical Encyclopedia: Gamma-glutamyl transpeptidase. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003458.htm. Accessed September 20, 2010.

Gamma-glutamyl transpeptidase. (Updated Jan. 21, 2013.) MedlinePlus Medical Encyclopedia. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003458.htm. Accessed September 2013.

Kim, KM et al. (Dec. 2012) Serum gamma-glutamyltransferase as a risk factor for general cardiovascular disease prediction in Koreans. National Center for Biotechnology Information PubMed database. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23138005. Accessed September 2013.

Gamma-glutamyltransferase level and risk of hypertension: a systematic review and meta-analysis. PLOS. Available online through http://www.plosone.org at http://www.plosone.org/article/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0048878. Accessed September 2013.

Ghadban, R. et. al. (Updated Aug. 2, 2012). Gamma-Glutamyltransferase. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2087891-overview#aw2aab6b3. Accessed September 2013.

KidsHealth. Blood Test: Gamma-Glutamyl Transpeptidase (GGT). Available online at http://kidshealth.org/parent/system/medical/test_ggt.html. Accessed September 2013.

George, Hank. GGT - Gammaglutamyl Transferase. December, 2000. Available online at http://www.stat.unc.edu/visitors/temp/Health/Thyroid/ggt2.htm. Accessed September 2013.

General Practice Notebook. GGT and alcohol intake. Available online at http://www.gpnotebook.co.uk/simplepage.cfm?ID=x20080405181818225450. Accessed September 2013.