Noto anche come
Conta differenziale dei leucociti
Conta differenziale del sangue periferico
conta differenziale dei GB
Nome ufficiale
Conta differenziale dei globuli bianchi
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.

La conta differenziale dei leucociti include: conta dei neutrofili o % di neutrofili, conta dei linfociti o % di linfociti, conta dei monociti o % di monociti, conta degli eosinofili o % di eosinofili e conta dei basofili o % di basofili.

In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare la causa di un risultato anomalo della conta dei globuli bianchi (GB); come supporto alla diagnosi e/o al monitoraggio di patologie che colpiscono il sistema immunitario, come infezioni o infiammazioni o tumori dei globuli bianchi, come la leucemia.

Quando Fare il Test?

Come parte della conta totale delle cellule del sangue; durante gli esami di routine per valutare lo stato di salute; quando il risultato della conta totale risulta fuori dai limiti di normalità; quando il paziente mostra segni e sintomi correlati a patologie dei globuli bianchi, come infezioni, infiammazioni o tumori; quando il paziente si trova in una condizione o ha una patologia il cui trattamento può dare problemi ai globuli bianchi.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio o mediante una puntura del dito (bambini e adulti) o del tallone (neonati).

Il Test Richiede una Preparazione?

No.

L’Esame

I globuli bianchi del sangue (GB), anche chiamati leucociti, sono cellule che circolano nel sangue e nel sistema linfatico, che aiuta a proteggere l’organismo contro le infezioni. Queste cellule sono una parte importante del sistema immunitario dell’organismo e svolgono un ruolo durante l’infiammazione, la reazione allergica e la protezione contro i tumori. Esistono cinque tipi di globuli bianchi, ognuno con funzione differente. La conta differenziale dei GB misura il numero di ogni differente tipo di GB nel sangue del paziente. La conta differenziale determina se queste cellule sono presenti in proporzione normale tra loro, se il numero di un tipo di cellule è aumentato o diminuito, o se sono presenti cellule immature e/o anomale. Questa è un’informazione utile nella diagnosi di specifici tipi di patologie che colpiscono il sistema immunitario e il midollo osseo.

La conta differenziale deve essere eseguita insieme alla conta completa delle cellule del sangue, un test spesso utilizzato come valutazione generale dello stato di salute, oppure può essere eseguito a seguito di una conta generale che risulta anomala. Più spesso, la conta differenziale può essere eseguita su uno strumento automatizzato per l’analisi su sangue, oppure manualmente da un laboratorista esperto che esamina lo striscio di sangue al microscopio. Il valore è di solito riportato come numero assoluto di cellule ma può essere espresso anche come percentuale relativa del numero totale di GB.

I globuli bianchi si sviluppano da precursori prodotti nel midollo osseo. I cinque tipi di GB includono:

Granulociti - sono cellule della linea bianca che presentano dei granuli nel loro citoplasma. I granuli contengono sostanze chimiche e altri composti che vengono rilasciati come parte della risposta immunitaria. I tre tipi di granulociti includono:

  • Neutrofili (neu) normalmente sono la più larga parte del numero di GB circolanti. Essi si muovono verso i tessuti danneggiati o infetti, dove fagocitano e distruggono batteri o talvolta funghi. I neutrofili giovani, rilasciati da poco in circolo, sono chiamati neutrofili a banda.
  • Eosinofili (eos) rispondono all’infezione causata da parassiti e giocano un ruolo importante nelle reazioni allergiche (ipersensibilità)
  • Basofili (baso) di solito rappresentano il minor numero di GB circolanti e sono implicati nelle reazioni allergiche.

Linfociti, esistono sia nel sangue che nel sistema linfatico. Essi si dividono in tre tipi, ma la conta differenziale non distingue tra essi. Tutti i linfociti si differenziano dalle cellule staminali linfoidi nel midollo osseo. La conta differenziale misura il numero di tutti i linfociti insieme. Altri test specialistici devono essere eseguiti per differenziare i tre tipi:

  • I linfociti B (cellule B) sono cellule che producono anticorpi e sono essenziali per la risposta immunitaria antigene- specifica. Il linfociti B del tutto maturi sono chiamati plasmacellule, esse producono anticorpi, proteine immunitarie che sono dirette contro batteri, virus e altri antigeni estranei chiamati “non-self” e li distruggono.
  • I linfociti T (cellule T) terminano la loro maturazione nel timo e consistono di pochi differenti tipi. Alcuni linfociti T aiutano l’organismo a distinguere gli antigeni “self” dagli antigeni “non-self”. Gli altri tipi danno inizio e controllano l’estensione della risposta immunitaria, aumentandola al bisogno e rallentandola alla risoluzione del problema. Altri tipi di cellule T attaccano direttamente e neutralizzano le cellule infettate da virus o le cellule tumorali.
  • Linfociti natural-killer (cellule NK) attaccano direttamente e uccidono le cellule anomale, quali le cellule tumorali o infettate da virus.

Monociti (mono), sono simili ai neutrofili, si muovono verso la zona di infezione dove fagocitano e distruggono i batteri. Essi sono associati più spesso alle infezioni croniche, rispetto a quelle acute. Essi sono implicati anche nella riparazione dei tessuti e in altre funzioni che coinvolgono il sistema immunitario.

Quando è in corso un’infezione o un processo infiammatorio in una zona dell’organismo, il midollo osseo produce alcuni GB e li rilascia nel circolo sanguigno. In relazione dalla causa dell’infezione o dell’infiammazione, un particolare tipo di GB può essere aumentato all’opposto degli altri tipi. Al risolversi dell’infezione, la produzione di quel tipo di GB diminuisce e il numero scende di nuovo a livelli normali.
Insieme alle infezioni e alle infiammazioni, ci sono altri tipi di patologie che possono interferire con la produzione di GB da parte del midollo osseo o la sopravvivenza di tali cellule nel sangue, con aumento o diminuzione del numero di cellule. La conta differenziale, insieme ad altre componenti della conta delle cellule del sangue, mettono in allerta il medico su possibili problemi di salute del paziente. I risultati sono spesso interpretati insieme a test aggiuntivi come lo striscio di sangue, che può rivelare la presenza di popolazioni di GB anomale o immature.

In poche e gravi patologie, alcune forme di cellule immature sono rilasciate dal midollo osseo nel circolo e possono essere determinate dalla conta differenziale dei GB. Ciò può accadere durante le infezioni batteriche, la leucemia, i disordini mielodisplastici o i neoplasmi mieloproliferativi, ad esempio. Alcune cellule immature che possono essere determinate includono i metamielociti, i mielociti, i promielociti e/o i blastociti.
Se il risultato del test indica un problema, può essere effettuata una vasta gamma di altri test in modo da determinarne la causa. Il dottore di solito considera i segni e i sintomi del paziente, la sua storia clinica e i risultati delle visite mediche per decidere quali altri test possano essere necessari. Ad esempio, al bisogno, potrà essere eseguita una biopsia del midollo osseo per valutare lo stato del midollo.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La conta differenziale dei globuli bianchi è spesso utilizzata come parte della conta completa delle cellule del sangue e come parte del check- up generale su una persona. Può essere usato per diagnosticare la causa di una conta di globuli bianchi alta o bassa, determinata dalla conta delle cellule completa. Questo esame può essere inoltre utilizzato per diagnosticare e/o monitorare altre patologie e condizioni che colpiscono uno o più tipi di GB.
    I cinque tipi di GB includono: neutrofililinfocitimonocitieosinofili e basofili. La conta differenziale misura il numero di ogni tipo e determina se le cellule siano presenti in proporzione normale tra loro, se un tipo di cellule è aumentato o diminuito, o se sono presenti cellule immature.
    Questa informazione è utile come supporto nell’effettuare la diagnosi di una specifica causa di patologia, come:

    Alcune patologie attivano una risposta del sistema immunitario che causa un aumento di certi tipi di GB. La conta differenziale può fornire indizi sulla causa specifica della risposta immunitaria. Ad esempio, può essere di supporto nel determinare se un’infezione è causata da batteri o da virus.
    Altre patologie colpiscono la produzioni di certi tipi di GB da parte del midollo osseo o la sopravvivenza in circolo, con aumento o diminuzione del numero di alcuni tipi di GB. La conta differenziale informa il medico su quale tipo di GB sia basso o alto.

    Un risultato anomalo nella conta differenziale può essere seguito da altri test quali lo striscio di sangue, la biopsia del midollo osseo o l’immunofenotipizzazione (ad esempio, citometria a flusso). Questi test rivelano la presenza di popolazioni di GB anomale o immature.

  • Quando viene prescritto?

    La conta differenziale è spesso eseguita come parte dell’emocromo con formula, che può essere eseguito nello stesso momento degli altri esami di routine.
    La conta differenziale può essere inclusa come parte dell’emocromo con formula quando il paziente mostra segni e sintomi generali di infezione e/o infiammazione, come:

    • Febbre, brividi
    • Dolori
    • Mal di testa
    • Vari altri segni e sintomi, in relazione al sito di infezione o infiammazione sospettata.
       

    I test possono essere eseguiti quando ci sono segni e sintomi che il medico sospetta essere in relazione a patologie del sangue e/o del midollo osseo, o autoimmunitarie.
    Se la conta differenziale non è eseguita con l’emocromo, può essere prescritta quando i risultati dell’emocromo sono fuori dai limiti di riferimento.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Il risultato indica il numero e/o la percentuale di ogni tipo di globulo bianco presente nel sangue del paziente.
    I risultati della conta differenziale sono spesso riportati come numeri in valore assoluto dei cinque tipi di GB e/o possono essere riportati come percentuali del numero totale di GB. I valori assoluti sono calcolati moltiplicando il numero totale di GB per la percentuale di tutti i tipi di globuli bianchi. Questa informazione può fornire la diagnosi di una patologia e il monitoraggio della terapia. I neutrofili di solito aumentano molto il numero dei GB, seguiti dai linfociti, poi dai monociti, dagli eosinofili e dai basofili.
    Bisogna prestare attenzione all’interpretazione del risultato della conta differenziale. Il medico considererà i segni e sintomi e la storia clinica dell’individuo e il grado di aumento o diminuzione delle cellule. Alcuni fattori possono causare aumenti o diminuzioni transitorie nel numero di ogni tipo di cellula. Un aumento o una diminuzione persistenti necessitano di altri esami di solito, per determinarne la causa. La tabella seguente porta alcuni esempi di cosa possono indicare i risultati della conta differenziale:

    Possibili cause di GB alti o bassi - risultati della conta differenziale:

    Tipo di GB

    Abbreviazioni

    Esempi di cause di numero alto

    Esempi di cause di numero basso

    Neutrofili (Valore assoluto di neutrofili, percentuale di neutrofili)

    Neu, Polys, PMNs, ANC

    % Neu

            Neutrofilia

    • Infezione batterica acuta e alcune infezioni causate da virus e da funghi
    • Inflammazione (Malattie infiammatorie intestinali, artrite reumatoide)
    • Morte dei tessuti (necrosi) causata da trauma, chirurgia, infarti, bruciature
    • Fisiologia (stress, troppo esercizio fisico)
    • Fumo
    • Gravidanza- ultimo trimestre o durante il parto
    • Leucemia cronica (es. leucemia mieloide cronica)

             Neutropenia

    • Sindrome mielodisplastica
    • Infezioni gravi, anche sistemiche (es. sepsi, in cui si esauriscono i neutrofili)
    • Reazione ai farmaci (es., penicillina, ibuprofene, fenitoina, etc.)
    • Patologie autoimmuni
    • Chemioterapia
    • Tumore diffuso al midollo osseo
    • Anemia aplastica

    Linfociti (Valore assoluto di linfociti, percentuale di linfociti)

    Linf,

    % linf

    Linfocitosi

    • Infezioni virali acute (es., epatiti, chicken pox, cytomegalovirus (CMV), Epstein-Barr virus (EBV), herpes, rosolia)
    • Alcune infezioni batteriche (e.g., pertosse, tosse convulsa), tubercolosi (TB)
    • Leucemia linfatica
    • Linfoma

    Linfopenia o Linfocitopenia

    Monociti (Valore assoluto di monociti, percentuale di monociti)

    Mono

    % mono

    Monocitosi

    • Infezioni croniche (es., tubercolosi, infezioni fungine)
    • Infezioni al cuore (endocarditi batteriche)
    • Malattie vascolari del collagene (es., lupus, scleroderma, artrite reumatoide, vasculite)
    • Malattie infiammatorie dell’intestino
    • Leucemia mieloide
    • Leucemia mielomonocitica cronica
    • Leucemia mielomonocitica giovanile

    monocitopenia

    Di solito una conta bassa non è rilevante.

    Più di una conta bassa possono indicare:

    - Danneggiamento del midollo osseo

    -         Leucemia a cellule capellute

     

    Eosinofili (Valore assoluto di eosinofili, percentuale di eosinofili)

    Eos

    % eos

    Eosinofilia

    • Asmaallergie come la febbre da fieno
    • Reazioni avverse ai farmaci
    • Infiammazioni della pelle (es., eczema, dermatite)
    • Infezioni parassitarie
    • Malattie infiammatorie (e.g., morbo celiaco, malattie infiammatorie intestinali)
    • Alcuni tumori maligni

    Eosinopenia

    Spesso difficili da determinare poichè normalmente sono scarsamente rappresentati nel sangue. Un numero occasionalmente basso o il singolo risultato basso, di solito non è rilevante

    Basofili (Valore assoluto di basofili, percentuale di basofili)

    Baso

    % baso

    Basofilia

    • Rare reazioni allergiche (es., orticaria, allergie al cibo)
    • Infiammazioni (artrite reumatoide, colite ulcerosa)
    • Alcune forme di leucemia

    Basopenia

    Il numero di queste cellule è normalmente basso nel sangue; di solito non rilevante.

    Talvolta, possono essere presenti nel sangue alcune forme cellulari immature e/o anormali ed essere rilevate con la conta differenziale. Le forme immature includono metamielociti, mielociti, promielociti e/o blasti. Possono essere necessari ulteriori accertamenti (es. biopsia del midollo osseo).

  • C’è altro da sapere?

    L’uso prolungato di steroidi e l’esposizione a lungo termine ad elementi tossici (come la soda caustica o gli insetticidi) possono aumentare il rischio di avere un risultato anomalo nella conta differenziale dei globuli bianchi.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2015 review performed by Nicole Ziegler, MT (ASCP) and the Lab Tests Online Editorial Review Board.

Harmening D. Clinical Hematology and Fundamentals of Hemostasis, Fifth Edition, F. A. Davis Company, Philadelphia, 2009, Pp 305-328.

Holland, K. (Updated 2013 June 14). White Blood Cell Count and Differential. Healthline Reference [On-line information]. Available online at http://www.healthline.com/health/white-blood-cell-count-and-differential#Overview1. Accessed September 2015.

Curry, C. (Updated 2015 January 14). Differential Blood Count. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2085133-overview. Accessed September 2015.

Muniz V., Weller P., et al. Eosinophil crystalloid granules: structure, function, and beyond. Journal of Leukocyte Biology. 2012 August 92(2). Pp 281-288. Available online at http://jleukobio.org/content/92/2/281.long. Accessed September 2015.

Legrand F., Driss V., et al. Human Eosinophils Exert TNF-α and Granzyme A-Mediated Tumoricidal Activity Toward Colon Carcinoma Cells. Journal of Immunology. 2010 December 15 185(12). Pp 7443-7451. Available online at http://jimmunol.org/content/185/12/7443. Accessed September 2015.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Susan J. Leclair, PhD, CLS(NCA). Professor of Medical Laboratory Science, Department of Medical Laboratory Science, University of Massachusetts, Dartmouth, MA.

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 1003-1008.

Harmening D. Clinical Hematology and Fundamentals of Hemostasis, Fifth Edition, F.A. Davis Company, Philadelphia, 2009, Pp 305-328.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, Pp 547-559.

Wintrobe's Clinical Hematology. 12th ed. Greer J, Foerster J, Rodgers G, Paraskevas F, Glader B, Arber D, Means R, eds. Philadelphia, PA: Lippincott Williams & Wilkins: 2009, Pp 170-402, 1528-1533.

(Feb 1 2011) National Heart Lung Blood Institute. What is lymphocytopenia? Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/lym/. Accessed April 2012.

(Jan 23 2012) American Cancer Society. Acute Lymphocytic Leukemia. Available onlne at http://www.cancer.org/Cancer/Leukemia-AcuteLymphocyticALLinAdults/DetailedGuide/leukemia-acute-lymphocytic-what-is-all. Accessed April 2012.

(Dec 7 2010) American Cancer Society. Acute Myeloid Leukemia. Available online at http://www.cancer.org/Cancer/Leukemia-AcuteMyeloidAML/DetailedGuide/leukemia-acute-myeloid-myelogenous-what-is-aml. Accessed April 2012.

(Oct 25 2010) American Cancer Society. Non-Hodgkin Lymphoma. Available online at http://www.cancer.org/Cancer/Non-HodgkinLymphoma/DetailedGuide/non-hodgkin-lymphoma-what-is-non-hodgkin-lymphoma. Accessed April 2012.

(January 8 2010) Kempert P. White Blood Cell Function, Overview of the Immune System. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/960027-overview. Accessed April 2012.

(January 26, 2010) Naushad H. Leukocyte Count (WBC). Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2054452-overview#aw2aab6b2. Accessed April 2012.

(Updated December 5, 2011) Nader N. Neutrophilia. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/208576-overview. Accessed April 2012.

(May 24, 2011) Godwin J. Neutropenia. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/204821-overview. Accessed April 2012.

(August 25, 2011) Liss M. Eosinophilia. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/199879-overview. Accessed April 2012.

(January 14, 2015) Curry C. White Blood Cell Differential. Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2085133-overview#a2. Accessed July 10, 2015.