Noto anche come
Acido 5-etil-5-fenilbarbiturico
Phenobarbital
Fenobarbitale
Per il nome commerciale consultare la Banca Dati AIFA (https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it)
Nome ufficiale
Fenobarbital; Phenobarbital
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 02.01.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Il test viene effettuato per monitorare i livelli di Fenobarbital nel sangue del paziente al fine di assicurare gli effetti terapeutici in assenza degli effetti tossici.

Quando Fare il Test?

All’inizio della terapia farmacologia e ad intervalli regolari durante il trattamento; nel caso in cui siano presenti segni e sintomi di tossicità o in seguito a convulsioni.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

Il Fenobarbital è un barbiturico a lunga durata d’azione, un farmaco antiepilettico e un sedativo che è in grado di deprimere l’attività del sistema nervoso. I clinici lo prescrivono come antiepilettico, nel trattamento delle convulsioni e degli stati d’ansia, grazie alla sua capacità di stabilizzare l’attività elettrica del sistema nervoso centrale. Il test misura la quantità di fenobarbital nel sangue.

È importante mantenere stabili i livelli di fenobarbital nel sangue, all’interno delle concentrazioni terapeutiche. Nel caso in cui i livelli del farmaco siano troppo bassi, possono manifestarsi convulsioni o stati d’ansia. Se i livelli del farmaco sono troppo alti, si possono avere effetti collaterali o addirittura tossicità. Gli effetti tossici includono sonnolenza, stato confusionale, mancata coordinazione dei movimenti muscolari volontari (atassia), effetti che possono influire sul normale svolgimento delle attività abituali, come la capacità di guidare. I pazienti trattati in maniera cronica con questo farmaco, possono sviluppare un fenomeno di tolleranza agli effetti sedativi del farmaco e diventarne dipendenti.

È difficile mantenere stabili all’interno delle concentrazioni terapeutiche i livelli di farmaco nel sangue. La finestra terapeutica del farmaco (i livelli entro i quali il farmaco è efficace senza essere tossico) è molto ristretta. Pertanto il monitoraggio di questo farmaco è molto importante.

Il fenobarbital viene degradato (metabolizzato) dagli enzimi epatici ed eliminato con le urine con una velocità dipendente dall’età del paziente e dal suo stato di salute complessivo. Pertanto il farmaco può impiegare pochi giorni fino a qualche settimana per essere eliminato, in rapporto all’età del paziente, lo stato di salute e la dose di somministrazione. Una volta che l’organismo ha raggiunto la capacità massima di metabolizzare il farmaco, allora piccoli aumenti  del dosaggio del farmaco possono comportare grossi aumenti nella sua concentrazione nel sangue. Di conseguenza gli effetti collaterali e tossici possono essere gravi.

Il clinico deve quindi monitorare la risposta del paziente al farmaco per essere sicuro di mantenere i suoi livelli all’interno della finestra terapeutica e per determinare il dosaggio migliore per il trattamento di quel paziente. Di solito il test del fenobarbital viene richiesto all’inizio della terapia e in corso della terapia ad intervalli regolari per valutare il corretto dosaggio. Poiché alcuni farmaci possono interferire con il fenobarbital, il test può essere richiesto anche nel caso in cui venga in concomitanza iniziata una nuova terapia farmacologia.

I farmaci che possono interagire con il fenobarbital sono warfarin, antidepressivi, sedativi, ipnotici, tranquillanti, antistaminici, contraccettivi orali, corticosteroidi come il prednisone, altri farmaci antiepilettici come la fenitoina e l’alcool. Inoltre, il fenobarbital può influenzare il metabolismo dei farmaci che vengono assunti in concomitanza rendendo necessaria una verifica dei dosaggi assunti.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, nessuna

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test viene utilizzato per misurare la quantità di fenobarbital presente nel sangue e quindi per determinare se il farmaco è all’interno della finestra terapeutica. Il fenobarbital è un farmaco antiepilettico utilizzato per prevenire le convulsioni in persone affette da epilessia. Questo test viene utilizzato per verificare che la quantità di fenobarbital presente nel sangue dei pazienti non sia così basso da non impedire le convulsioni né così alto da comportare effetti collaterali. In rapporto al risultato del test il clinico può decidere se aumentare o diminuire il dosaggio del farmaco.

    Se un paziente in trattamento comincia ad assumere altri farmaci che potrebbero interferire con il metabolismo del fenobarbital, viene richiesto di effettuare il test per monitorare i livelli di farmaco nel sangue. Il fenobarbital potrebbe aumentare o diminuire gli effetti di altri farmaci e altri farmaci potrebbero influenzare i livelli di fenobarbital nel sangue. Di conseguenza potrebbero manifestarsi degli effetti tossici gravi dovuti a concentrazioni troppo elevate di fenobarbital o la perdita dell’efficacia del farmaco dovuta a diminuzione della sua concentrazione.

  • Quando viene prescritto?

    Il clinico di solito richiede il test di misura del fenobarbital all’inizio della terapia e nelle settimane seguenti. La frequenza con la quale viene effettuato il test dipende anche dalla frequenza con la quale si rende necessaria una verifica del dosaggio. Se i livelli di fenobarbital nel sangue si mantengono stabili allora viene effettuato un monitoraggio ad intervalli regolari.
    Molto spesso il test viene effettuato nel caso in cui un paziente in corso di terapia con fenobarbital, debba assumere altri farmaci che potrebbero influenzarne il metabolismo.

    Altrimenti il test può essere richiesto in assenza degli effetti terapeutici desiderati e quindi nel caso in cui il paziente continui a soffrire di convulsioni.
    Anche la presenza di effetti collaterali può indurre il clinico a richiedere il test. Molti effetti collaterali non sono gravi e spesso scompaiono spontaneamente. Il paziente deve però avvisare il proprio medico nel caso in cui uno o più dei seguenti effetti collaterali compaia e persista:

    • Sonnolenza
    • Mal di testa, vertigini
    • Depressione
    • Eccitazione (specialmente nei bambini)
    • Mal di stomaco, vomito
    • Incubi, sogni più frequenti
    • Costipazione
    • Dolore muscolare e alle articolazioni
       

    Se uno o più dei seguenti sintomi sono presenti invece, questi devono essere comunicati immediatamente al medico curante:

    • Convulsioni
    • Ulcere alla bocca, mal di gola
    • Ecchimosi, sangue dal naso, sanguinamento insolito
    • Febbre inspiegabile
    • Difficoltà a respirare o nella deglutizione
    • Gravi eruzioni cutanee
  • Cosa significa il risultato del test?

    La l'intervallo terapeutico del fenobarbital per gli adulti in trattamento per le convulsioni è di ca. 15-40 microgrammi/millilitro (μg/mL) (65-173 micromoli/L), mentre per l’uso sedativo è di ca.  5-15 μg/mL (22-65 micromoli/L). Nei bambini di età inferiore ai 5 anni, per il trattamento delle convulsioni è di ca.  15-30 μg/mL (65-130 micromoli/L).

    Se il farmaco viene mantenuto all’interno di questi intervalli di concentrazione, allora la maggior parte dei pazienti sperimenta i benefici del trattamento senza andare incontro agli effetti collaterali. Un paziente potrebbe anche sviluppare gli effetti collaterali o non avere i desiderati effetti terapeutici pur a concentrazioni inferiori o maggiori del farmaco. Come per gli altri farmaci antiepilettici, è compito del clinico stabilire il dosaggio più appropriato per il trattamento dei singoli pazienti.

  • C’è altro da sapere?

    Il fenobarbital è utilizzato come antiepilettico fin dagli inizi del ventesimo secolo ed è ancora il farmaco antiepilettico maggiormente prescritto nel mondo, nonostante sia stato affiancato da molti altri. Nei paesi più sviluppati viene spesso utilizzato come farmaco di seconda o terza linea, a causa degli effetti collaterali e della sonnolenza.

    Il fenobarbital deve essere preso esattamente secondo la posologia fornita dal medico curante. Il dosaggio non deve essere aumentato o diminuito autonomamente, poiché questo potrebbe comportare la comparsa delle convulsioni o degli effetti collaterali associati. Nel caso in cui vi siano problemi durante l’assunzione del farmaco, è necessario sempre parlarne con il proprio medico curante.

    Il clinico può inoltre decidere se effettuare il test nel caso in cui il paziente in cura necessiti dell’assunzione di altri farmaci che potrebbero influenzare il metabolismo del fenobarbital. I seguenti farmaci o sostanze potrebbero interagire con il fenobarbital:

    • Anticoagulanti orali come il warfarin
    • Antidepressivi triciclici, inclusi gli antidepressivi MAO inibitori (IMAO)
    • Sedativi, ipnotici, tranquillanti
    • Antistaminici
    • Alcool
    • Contraccettivi orali
    • Corticosteroidi come il prednisone
    • Doxiciclina, usata nel trattamento di infezioni batteriche
    • Griseofulvina, un antimicotico
    • Fentoina, un altro farmaco prescritto contro le convulsioni.
Accordion Title
Domande Frequenti
  • Quanto tempo è necessario per trovare il corretto dosaggio del farmaco?

    Per trovare il corretto dosaggio del farmaco sono necessarie alcune settimane. Potrebbe essere necessario anche più tempo per valutare quale sia il farmaco migliore nel trattamento di ciascun paziente. Il tempo necessario dipende dal singolo paziente. Il farmaco impiega circa 14-21 giorni per stabilizzarsi nel sangue. I fattori che possono influenzare il dosaggio includono la frequenza delle convulsioni, l’assunzione di altri farmaci e la soggettiva risposta al farmaco.

  • Per quanto tempo deve essere monitorato il livello di fenobarbital?

    In linea generale, il monitoraggio deve continuare per tutta la durata della terapia. Il fenobarbital, analogamente ad altri antiepilettici, viene assunto giornalmente per tutta la vita. Fanno eccezione gli adulti che hanno superato le crisi epilettiche infantili o le persone nelle quali le convulsioni sono causate da patologie temporanee e che quindi necessitano di trattamenti limitati nel tempo.

  • Il fenobarbital ha qualche interazione con altri farmaci?

    Potrebbe. Nel caso in cui vengano assunti altri farmaci, integratori, vitamine o farmaci da banco è necessario avvisare il proprio medico. Alcuni di questi infatti potrebbero avere interazioni con il fenobarbital, diminuendone o aumentandone le concentrazioni nel sangue. Inoltre il fenobarbital potrebbe influenzare l’attività di altri farmaci.

  • Nel caso in cui venga assunto primidone, è necessario monitorare il fenobarbital?

    Il primidone è un altro farmaco utilizzato nel trattamento delle convulsioni. Il fenobarbital è un derivato (metabolita) del primidone il quale viene usato nel controllo delle convulsioni. Per essere sicuri che nel sangue del paziente vi sia una dose tale del farmaco da essere efficace senza determinare la comparsa di effetti collaterali, il clinico richiederà il monitoraggio del fenobarbital durante la terapia con primidone.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

June 2015 review performed by Irene Shu, PhD, DABCC, Assistant Laboratory Director, USDTL.

(2015 July 1, Updated) Mayo Clinic. Barbiturate. Available online at http://www.mayoclinic.org/drugs-supplements/barbiturate-oral-route-parenteral-route-rectal-route/description/drg-20069290 throughhttp://www.mayoclinic.org. Accessed on 7/13/2015.

Suzanne Bentley, MD (2014 January 3rd, Updated). Phenobarbital Level. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2090284-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed on 7/13/2015.

Baselt R.C. (© 2014). Disposition of Toxic Drugs and Chemicals in Man. 10th Edition: Biomedical Publications. Seal Beach, CA. Pp 1607-1609.

Levine B. I. (© 2010). Principles of Forensic Toxicology 3rd Edition: American Association for Clinical Chemistry, Inc. Washington, DC. Pp 215 – 220.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

National Institutes of Health's MedlinePlus. Phenobarbital. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/meds/a682007.html. Reviewed October 1, 2007. Accessed October 3, 2008.

NetdoctorUK.com. Phenobarbital. Available online at http://www.netdoctor.co.uk/medicines/10002060.html throughhttp://www.netdoctor.co.uk. Reviewed August 1, 2007. Accessed October 3, 2008.

Warner, A. et al. Standards of laboratory practice: Antiepileptic Drug Monitoring. Clinical Chemistry 1998; 44:1085–1095. Available online at http://www.clinchem.org/cgi/reprint/44/5/1085 through http://www.clinchem.org. Accessed October 4, 2008.

Kwan, P. and Brodie, M. Phenobarbital for the Treatment of Epilepsy in the 21st Century: A Critical Review. Epilepsia 2004; 9: 1141-1149. Available online at https://www3.interscience.wiley.com/cgi-bin/fulltext/118751051/HTMLSTART?CRETRY=1&SRETRY=0 through https://www3.interscience.wiley.com. Accessed October 4, 2008.

American Society of Health System Pharmacists. Phenobarbital (Systemic). Available online at http://www.ashp.org/mngrphs/essentials/a382855e.htm through http://www.ashp.org. Revised August 2007. Accessed October 5, 2008.

San Diego Reference Laboratory. Phenobarbital. Available online at http://www.sdrl.com/druglist/phenobarbital.html through http://www.sdrl.com. Accessed October 7, 2008.

Burgess, C. ed. Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. 4th Edition, 2006. P. 2312.

Epilepsy Therapy Development Project. Children and Phenobarbital. Available online at http://professionals.epilepsy.com/medications/p_phenobarbital_children.html through http://professionals.epilepsy.com. Accessed October 5, 2008.

EmorySchoolof Medicine, Department of Human Genetics. Seizures and Pregnancy. PDF available for download at http://www.genetics.emory.edu/pdf/Emory_Human_Genetics_Seizures_Pregnancy.PDF throughhttp://www.genetics.emory.edu. Issued 2004. Accessed October 7, 2008.

UC San Diego Medical Center. Safety of Commonly Used Drugs in Nursing Mothers. Available online at http://health.ucsd.edu/specialties/pharmacy/resources/breastfeeding.asp through http://health.ucsd.edu. Reviewed April 2005. Accessed October 8, 2008.

Spencer, Jeanne P. et al. American Family Physician. Medications in the Breast Feeding Mother. Published July 1, 2001. Available online at http://www.aafp.org/afp/20010701/119.html through http://www.aafp.org. Accessed October 8, 2008.

Food and Drug Administration. Information for Healthcare Professionals: Suicidality and Antiepileptic Drugs. Available online at http://www.fda.gov/cder/drug/InfoSheets/HCP/antiepilepticsHCP.htm through http://www.fda.gov. Issued January 31, 2008. Accessed October 4, 2008.

Reinberg, Steve. FDA Advisers Don't Back 'Black Box' Warning for Epilepsy Drugs. The Washington Post. Available online at http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2008/07/10/AR2008071002527.html throughhttp://www.washingtonpost.com. Published July 10, 2008. Accessed October 7, 2008.

(September 27 2012) National Institutes of Health's Medline Plus. Phenobarbital. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/druginfo/meds/a682007.html. Accessed October 2012.

(September 25, 2012) Ochoa J. Antiepileptic Drugs. Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1187334-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2012.

(December 2, 2011) Cavasos J. Epilepsy and Seizures. Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1184846-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2012.

(April 28, 2011) Mayo Clinic. Epilepsy Treatment and Drugs. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/epilepsy/DS00342/DSECTION=treatments-and-drugs throughhttp://www.mayoclinic.com. Accessed October 2012.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. 4th edition, St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pp 1252-1253.