Noto anche come
Colesterolo non a bassa densità
Nome ufficiale
non-HDL-C
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 19.01.2022.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per determinare la concentrazione del colesterolo “cattivo” nel sangue, come supporto nella valutazione del rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD).

Quando Fare il Test?

Come supporto allo screening, alla diagnosi ed al monitoraggio delle malattie cardiovascolari (CVD).

Screening: per identificare i soggetti con alti livelli di non-HDL-C nel sangue, che risultano quindi esposti ad un rischio maggiore di sviluppare patologie cardiovascolari, quali malattie cardiache, infarto e ictus 

Diagnosi: come parte del pannello di test utilizzati per la valutazione dei pazienti con sintomi riconducibili alle malattie cardiovascolari, o come ausilio alla diagnosi di alcune patologie che interessano pancreas, fegato e tiroide

Monitoraggio: ad intervalli di tempo regolari, in pazienti con valori elevati di colesterolo totale rispetto ai precedenti o in caso di diagnosi di CVD, come pure per monitorare l'efficacia del trattamento per la riduzione dei livelli dei lipidi e/o dei cambiamenti nello stile di vita.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

Solitamente è richiesto il digiuno per 9-12 ore (è permesso solo bere acqua) prima del prelievo. È importante rispettare tutte le istruzioni fornite e comunicare al momento del prelievo se si è a digiuno.

L'Esame

Il colesterolo è una molecola (uno steroide) essenziale per la vita che circola nel sangue complessato a particelle chiamate lipoproteine, classificate in base alla loro densità. Ogni particella lipoproteica è composta da un insieme di proteine, colesterolo, trigliceridi e fosfolipidi. Le lipoproteine ad alta densità (HDL), che veicolano il colesterolo definito “buono”, rimuovono l’eccesso di colesterolo dai depositi e lo trasportano al fegato per la rimozione. Le altre lipoproteine veicolano il colesterolo definito "cattivo", che comprende il colesterolo cosiddetto non-HDL, poiché può depositarsi sulle pareti dei vasi e formare placche aterosclerotiche che ostruiscono i vasi sanguigni, portando ad un aumentato rischio di sviluppare malattie cardiache, infartoictus

Il test del colesterolo non-HDL calcola la quantità nel sangue del colesterolo potenzialmente nocivo per l'organismo. Il non-HDL-C viene calcolato con una formula a partire dai valori del colesterolo totale e di HDL-C e corrisponde alla differenza fra la concentrazione di colesterolo totale e e quella della frazione HDL.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La determinazione del colesterolo non-HDL coinvolge almeno tre componenti:

    • Colesterolo totale; misura il colesterolo totale (buono e cattivo) trasportato nel sangue dalle lipoproteine
    • Colesterolo HDL; misura la concentrazione del colesterolo “buono”, contenuto nelle lipoproteine ad alta densità
    • Colesterolo non-HDL; corrisponde alla differenza tra il colesterolo totale e il colesterolo HDL.

    Il non-HDL-C include la totalità del colesterolo veicolato dalle lipoproteine aterogene, ovvero in grado di depositarsi sulla parete delle arterie ed aumentare il rischio di CVD, come le LDL (lipoproteine a bassa densità), le VLDL (lipoproteine a bassissima densità), le IDL (lipoproteine a densità intermedia) e la lipoproteina (a).

  • Quando viene prescritto?

    La misura del colesterolo viene utilizzata come screening iniziale per individuare i pazienti esposti ad un rischio medio-elevato di sviluppare malattie cardiovascolari (CVD). Solitamente, a tale scopo, viene prescritto un pannello di esami noto come profilo lipidico, che comprende colesterolo totale, HDL-C, LDL-CtrigliceridiInoltre, il profilo lipidico può essere utilizzato per la diagnosi di malattie cardiovascolari e di alcune patologie che interessano pancreas, fegato e tiroide, così come per il monitoraggio delle malattie cardiovascolari (CVD), in particolare in pazienti con storia clinica di malattie cardiache, in presenza di risultati elevati nei test eseguiti precedentemente e/o per monitorare l’efficacia dei cambiamenti dello stile di vita e delle terapie farmacologiche prescritte per ridurre i livelli dei lipidi.

    Il colesterolo non-HDL non viene richiesto routinariamente insieme al profilo lipidico. Tuttavia, la sola valutazione della colesterolemia e della frazione LDL può risultare fuorviante nella valutazione del rischio cardiovascolare, in quanto non comprende la totalità delle lipoproteine coinvolte nel processo di aterogenesi.

    Il calcolo del colesterolo non-HDL può rivelarsi particolarmente utile nel determinare il rischio individuale di sviluppare malattie cardiovascolari in soggetti con obesità addominale, diabete o sindrome metabolica, che presentano trigliceridi alti, HDL-C basso e valori di LDL-C relativamente nella norma. Per questi pazienti si ritiene che il non-HDL-C possa rappresentare un ulteriore fattore da considerare nel determinare il rischio di CVD, rispetto alla valutazione tradizionale con la sola frazione LDL.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Generalmente, i valori di riferimento per il non-HDL-C corrispondono ai livelli desiderabili del colesterolo LDL aumentati di 30 mg/dL.

    I valori di riferimento per il non-HDL-C sono:

    • Inferiore a 130 mg/dL in soggetti con rischio alto di CVD
    • Inferiore a 160 mg/dL in soggetti con rischio borderline-alto
    • Inferiore a 190 mg/dL in soggetti con rischio basso

    Generalmente, il risultato viene interpretato nel contesto del profilo lipidico come supporto nella valutazione del rischio di CVD, incluse le malattie coronariche. Livelli elevati di non-HDL-C rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di patologie cardiovascolari.

    I risultati del test non-HDL-C devono essere interpretati contestualmente ad altri fattori, inclusi l'età del paziente, il sesso, la storia familiare e personale di CVD, lo stato di salute generale e lo stile di vita (ad es., l'abitudine al fumo).

  • C’è altro da sapere?

    Il risultato del test viene reso disponibile in tempi che dipendono dal laboratorio che esegue il test; possono essere necessari diversi giorni.

Modalità del test
Prima del test

Solitamente, è richiesto il digiuno per 9-12 ore (è permesso solo bere acqua) prima di sottoporsi al test del colesterolo. Il digiuno viene comunemente richiesto nel caso in cui il test comprenda la misura del LDL-C e dei trigliceridi, che risultano maggiormente influenzati dal consumo recente di alimenti.

Nel caso in cui venga misurato soltanto il colesterolo totale ed il colesterolo HDL, utilizzati per il calcolo del non-HDL-C, non è richiesto di sottoporsi al digiuno prima dell'esecuzione del test.

Occorre rispettare tutte le istruzioni fornite e comunicare al momento del prelievo se si è a digiuno.

Durante il test

L'analisi di laboratorio viene eseguita su un campione di sangue prelevato da una vena del braccio. Durante il prelievo ematico viene posizionato il laccio emostatico nella parte superiore del braccio, per favorire il reperimento della vena. Per prevenire eventuali infezioni, viene eseguita la disinfezione della zona del prelievo e successivamente inserito l'ago. Il prelievo può richiedere qualche minuto e causare un lieve fastidio legato alla puntura.

In caso di test eseguito su strumentazione Point-of-Care-Testing (POCT) o a domicilio viene prelevato un campione di sangue capillare tramite puntura del dito.

Dopo il test

Al termine della raccolta del campione, viene applicata una garza sterile sul sito della puntura ed esercitata una leggera pressione per prevenire eventuali emorragie e consentire una rapida guarigione. 

Questo tipo di prelievo è eseguito routinariamente e non comporta alcun rischio; può essere sconsigliato effettuare sport o attività fisica intensa per alcune ore dopo il prelievo.

Nel caso del test a domicilio solitamente non è richiesta alcuna restrizione circa le attività che possono essere svolte dopo l'auto-raccolta del campione.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Qual è la differenza tra il test del colesterolo non-HDL ed i test del colesterolo LDL e VLDL?

    Il colesterolo non-HDL rappresenta la somma dei diversi tipi di colesterolo “cattivo”, incluso quello trasportato dalle LDL e dalle VLDL. Pertanto, i valori del non-HDL-C consentono una stima più accurata del colesterolo "cattivo" rispetto alla sola determinazione del colesterolo LDL o VLDL.

    Anche se il colesterolo non-HDL include il colesterolo LDL, in routine è preferibile utilizzare la misura di LDL-C per valutare il rischio cardiovascolare e per determinare la necessità del trattamento.

    Nella maggior parte dei casi il colesterolo non-HDL, il colesterolo LDL ed il colesterolo VLDL vengono calcolati tramite equazioni o formule specifiche. Tuttavia, se necessario, è disponibile il test diretto del LDL-C per la misurazione effettiva della quantità di colesterolo LDL nel sangue.

  • I risultati del test sono affidabili?

    I fattori che potrebbero interferire con l’accuratezza dei risultati del test non-HDL-C includono:

    • Malattia in corso; la presenza di infezioni in corso o di patologie in fase acuta
    • Variabilità inter-individuale e analitica; lo stress ed altri fattori individuali possono causare lievi variazioni nei risultati del test. Inoltre, laboratori diversi che utilizzano metodi diversi possono produrre piccole variazioni nelle concentrazioni di colesterolo
    • Disordini ematologici; anche se non comunemente, la presenza di alcune patologie ematiche può alterare i risultati del test
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

American Board of Internal Medicine. ABIM laboratory test reference ranges. Updated July 2021. Accessed August 27, 2021. https://www.abim.org/Media/bfijryql/laboratory-reference-ranges.pdf

American Heart Association. How to get your cholesterol tested. Updated November 9, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.heart.org/en/health-topics/cholesterol/how-to-get-your-cholesterol-tested

Arnett DK, Blumenthal RS, Albert MA, et al. 2019 ACC/AHA guideline on the primary prevention of cardiovascular disease: A report of the American College of Cardiology/American Heart Association task force on clinical practice guidelines [published correction appears in Circulation. 2019 Sep 10;140(11):e649-e650] [published correction appears in Circulation. 2020 Jan 28;141(4):e60] [published correction appears in Circulation. 2020 Apr 21;141(16):e774]. Circulation. 2019;140(11):e596-e646. doi:10.1161/CIR.0000000000000678

ARUP Consult. Atherosclerotic cardiovascular disease risk markers. Updated August 2021. Accessed August 27, 2021. https://arupconsult.com/content/cardiovascular-disease-traditional-risk-markers

Centers for Disease Control and Prevention. LDL and HDL cholesterol: “Bad” and “good” cholesterol. Updated January 31, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.cdc.gov/cholesterol/ldl_hdl.htm

Centers for Disease Control and Prevention. Getting your cholesterol checked. Updated September 8, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.cdc.gov/cholesterol/cholesterol_screening.htm

Chrostek L, Supronowicz L, Panasiuk A, Cylwik B, Gruszewska E, Flisiak R. The effect of the severity of liver cirrhosis on the level of lipids and lipoproteins. Clin Exp Med. 2014;14(4):417-421. doi:10.1007/s10238-013-0262-5

Davidson MH. Dyslipidemia. Merck Manuals Professional Edition. Updated August 2021. Accessed August 27, 2021. https://www.merckmanuals.com/professional/endocrine-and-metabolic-disorders/lipid-disorders/dyslipidemia

de Ferranti SD, Newburger JW. Dyslipidemia in children: Definition, screening, and diagnosis. In: Fulton DR, ed. UpToDate. Updated March 3, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/dyslipidemia-in-children-definition-screening-and-diagnosis

Food and Drug Administration. Cholesterol. Updated February 4, 2018. Accessed August 27, 2021. https://www.fda.gov/medical-devices/home-use-tests/cholesterol

Grundy SM, Stone NJ, Bailey AL, et al. 2018 AHA/ACC/AACVPR/AAPA/ABC/ACPM/ADA/AGS/APhA/ASPC/NLA/PCNA guideline on the management of blood cholesterol: Executive summary: A report of the American College of Cardiology/American Heart Association task force on clinical practice guidelines [published correction appears in J Am Coll Cardiol. 2019 Jun 25;73(24):3234-3237]. J Am Coll Cardiol. 2019;73(24):3168-3209. doi:10.1016/j.jacc.2018.11.002

Kafonek SD, Donovan L, Lovejoy KL, Bachorik PS. Biological variation of lipids and lipoproteins in fingerstick blood. Clin Chem. 1996;42(12):2002-2007.

Khan J, Nordback I, Sand J. Serum lipid levels are associated with the severity of acute pancreatitis. Digestion. 2013;87(4):223-228. doi:10.1159/000348438

MedlinePlus: National Library of Medicine. HDL: The “good” cholesterol. Updated April 18, 2019. Accessed August 27, 2021. https://medlineplus.gov/hdlthegoodcholesterol.html

MedlinePlus: National Library of Medicine. Cholesterol levels. Updated July 30, 2020. Accessed August 28, 2021. https://medlineplus.gov/lab-tests/cholesterol-levels/

MedlinePlus: National Library of Medicine. Cholesterol levels: What you need to know. Updated October 2, 2020. Accessed August 27, 2021. https://medlineplus.gov/cholesterollevelswhatyouneedtoknow.html

National Heart, Lung, and Blood Institute. Blood cholesterol. Date unknown. Accessed August 27, 2021. https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/blood-cholesterol

Panz VR, Raal FJ, Paiker J, Immelman R, Miles H. Performance of the CardioChek PA and Cholestech LDX point-of-care analysers compared to clinical diagnostic laboratory methods for the measurement of lipids. Cardiovasc J S Afr. 2005;16(2):112-117.

Rajkumar SV. Laboratory methods for analyzing monoclonal proteins. In: Kyle RA, ed. UpToDate. Updated June 12, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/laboratory-methods-for-analyzing-monoclonal-proteins

Rizos CV, Elisaf MS, Liberopoulos EN. Effects of thyroid dysfunction on lipid profile. Open Cardiovasc Med J. 2011;5:76-84. doi:10.2174/1874192401105010076

Rosenson RS. Measurement of blood lipids and lipoproteins. In: Freeman MW, ed. UpToDate. Updated January 16, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/measurement-of-blood-lipids-and-lipoproteins

Rosenson RS. Patient education: High cholesterol and lipids (beyond the basics). In: Freeman MW, ed. UpToDate. Updated July 12, 2021. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/high-cholesterol-and-lipids-beyond-the-basics

Rosenson RS. Lipoprotein classification, metabolism, and role in atherosclerosis. In: Freeman MW, ed. UpToDate. Updated August 3, 2020. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/lipoprotein-classification-metabolism-and-role-in-atherosclerosis

Rosenson RS, Durrington P. HDL cholesterol: Clinical aspects of abnormal values. In: Freeman MW, ed. UpToDate. Updated August 19, 2021. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/hdl-cholesterol-clinical-aspects-of-abnormal-values

Rosenson RS, Stein JH, Durrington P. Lipoprotein(a). In: Freeman MW, ed. UpToDate. Updated June 29, 2020. Accessed August 26, 2021. https://www.uptodate.com/contents/lipoprotein-a

Ross DS. Lipid abnormalities in thyroid disease. In: Cooper DS, ed. UpToDate. Updated November 18, 2019. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/lipid-abnormalities-in-thyroid-disease

U.S. Preventive Services Task Force. Lipid disorders in children and adolescents: Screening. Published August 9, 2016. Accessed August 27, 2021. https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/recommendation/lipid-disorders-in-children-screening

Vijan S. Screening for lipid disorders in adults. In: Freeman MW, Elmore JG, eds. UpToDate. Updated August 2, 2021. Accessed August 27, 2021. https://www.uptodate.com/contents/screening-for-lipid-disorders-in-adults

Approved

Revisore: Dr.ssa Martina Zaninotto; UOC Medicina di Laboratorio, Azienda Ospedaliera-Universita degli Studi di Padova