Noto anche come
GICA (GastroIntestinal Cancer Antigen - Antigene dei tumori gastrointestinali)
Antigene Carboidratico 19-9 (CA 19-9)
Nome ufficiale
CA 19-9
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 29.03.2021.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per avere indicazioni sulla neoplasia nella fase iniziale di valutazione e, nel successivo corso della malattia, per monitorare la risposta al trattamento o per diagnosticare un'eventuale recidiva nei tumori del pancreas e delle vie biliari.

Quando Fare il Test?

In fase iniziale di valutazione, prima della terapia, periodicamente dopo la terapia e durante il trattamento di una eventuale recidiva nei tumori del pancreas o delle vie biliari.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso. In certe malattie del pancreas a volte viene utilizzato un campione di liquido aspirato da una ciste.

​​​​​​​Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

Questo esame misura la concentrazione dell'antigene carboidratico 19-9 (CA 19-9) nel sangue o in altri liquidi biologici. Il CA 19-9 è una proteina presente sulla superficie cellulare in alcuni tipi di tumore o, più raramente e in associazione con fatti infiammatori o altre patologie, anche in tessuti normali. Il CA 19-9 non è responsabile della insorgenza o della progressione di un tumore, ma ne è una conseguenza; viene infatti rilasciato dalle cellule tumorali e può essere rilevato nel sangue e, in casi particolari, in altri fluidi corporei. Il CA 19-9 viene in genere misurato nel sangue come “marcatore tumorale” sia per fare una valutazione iniziale del tumore del pancreas o delle vie biliari (il CA 19-9 è elevato in circa il 70-95% delle persone con carcinoma pancreatico avanzato e nel 50-65 % dei pazienti con tumore delle vie biliari), sia per monitorare il successivo decorso di queste neoplasie.

Tuttavia, il CA 19-9 non è un marcatore specifico per il cancro del pancreas e delle vie biliari. Infatti, il CA 19-9 può essere elevato anche in altri tipi di tumore (tumori del colon-retto, dello stomaco, dell’ovaio e della tuba, del polmone, della mammella), nei quali però le linee guida non ne raccomandano l’utilizzo clinico. Inoltre, i livelli di CA 19-9 nel sangue possono essere aumentati in numerose malattie non tumorali (ad esempio, pancreatite acuta, pancreatite cronica, calcoli delle vie biliari, infiammazione della colecisti, malattie reumatiche e autoimmuni, diabete, nefropatia diabetica, epatopatia cronica, cirrosi epatica, epatite acuta, patologie benigne del polmone, fibrosi cistica). In particolare, in caso di ittero si possono verificare incrementi del CA 19.9 dell’ordine di centinaia o migliaia di U/mL, compatibili quindi con una neoplasia avanzata. Pertanto, poiché il CA 19-9 non è specifico per il cancro del pancreas o delle vie biliari, non può essere utilizzato da solo come marcatore per lo screening o la diagnosi di tali neoplasie, tantomeno se un paziente ha l’ittero.

Inoltre, bisogna ricordare che in alcune persone con un particolare gruppo sanguigno (antigene Lewis negativo) il CA 19-9 può essere non essere misurabile anche in pazienti con carcinoma del pancreas.

Gli Intervalli di Riferimento – Cosa sono e come usarli

Per capire il significato clinico di un esame di laboratorio è necessario confrontare il proprio risultato con lo specifico intervallo di riferimento di quel tipo di esame. Gli intervalli di riferimento, chiamati a volte “valori normali”, indicano per ogni tipo di esame l’intervallo di valori che ci si aspetta di trovare in una persona sana esono in genere riportati sul referto di laboratorio accanto al risultato dello stesso. Per maggiori informazioni a riguardo, consultare l'articolo Intervallo di riferimento.

Tuttavia, essendo i “marcatori tumorali” prevalentemente utilizzati a scopo di valutazione iniziale del paziente o di monitoraggio, e solo raramente come diagnosi differenziale rispetto alla malattia benigna, gli intervalli di riferimento identificati come precedentemente descritto hanno solo un valore indicativo e non possono essere utilizzati per “classificare” il risultato dell’esame. Per questo è essenziale che il paziente si astenga dal tentativo di interpretare da solo il risultato dell’esame, e si raccomanda che, per l’interpretazione del risultato, il paziente si rivolga al medico curante che ha prescritto l’esame.

Nel caso del CA 19-9 bisogna anche ricordare che risultati e valori di riferimento possono variare da laboratorio a laboratorio se vengono utilizzati metodi diversi. É pertanto consigliabile eseguire il dosaggio di CA 19-9 nello stesso laboratorio e con lo stesso metodo per poter confrontare e interpretare correttamente i risultati lungo il decorso della malattia.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il CA 19-9 può essere utilizzato, insieme ad altri test di laboratorio e di diagnostica per immagini, nella valutazione iniziale e nel monitoraggio di pazienti con tumore del pancreas o delle vie biliari. In particolare, il CA 19-9 può esser usato:

    • Per monitorare la comparsa di eventuali recidive dopo il trattamento chirurgico del tumore;
    • Per monitorare la risposta al trattamento medico (chemioterapia) e/o la progressione tumorale;
    • Nella valutazione iniziale del paziente per avere informazioni aggiuntive sulla estensione del tumore;

    Il CA 19-9 non è invece un marcatore sufficientemente sensibile e specifico per poter essere considerato utile per lo screening o la diagnosi iniziale del tumore pancreatico o delle vie biliari.

    Sono in fase di studio nuovi marcatori (da utilizzare da soli o in combinazione con il CA 19-9) per lo screening e la diagnosi del tumore pancreatico in fase iniziale, quando cioè è più facilmente curabile. Tuttavia questi marcatori non sono ancora stati validati per l’impiego clinico.

  • Quando viene prescritto?

    Il CA 19-9 viene correttamente prescritto nei pazienti ai quali è stata fatta una diagnosi di tumore del pancreas o delle vie biliari, sia in fase iniziale per la valutazione della malattia, sia per il monitoraggio durante e dopo la terapia.

    A volte il CA 19-9 viene richiesto in pazienti con sintomi generici (dolore addominale e/o alla schiena, nausea, perdita di appetito, perdita di peso inspiegabile) che possono essere anche associati a un tumore del pancreas. Questo impiego non è appropriato perché il CA 19-9 è un marcatore poco specifico (vedi più sopra L’Esame: che cosa si misura?). Infatti, valori aumentati di CA 19-9 possono essere causati da numerose altre malattie diverse dal cancro del pancreas o delle vie biliari, le quali possono anche essere associate proprio a tali sintomi generici, mentre valori bassi del CA 19-9 non escludono la presenza di un tumore.

    Nei pazienti con ittero l’uso del CA 19-9 è da evitare in quanto l’ittero, anche se provocato da una banale calcolosi delle vie biliari, può causare incrementi dei livelli del CA19.9 dell’ordine di centinaia o migliaia di U/mL. Poiché tali livelli sarebbero compatibili con una neoplasia del pancreas avanzata, misurare il CA 19-9 in persone con ittero comporta il rischio di dare al medico un’informazione diagnostica fuorviante. In pazienti con ittero la condotta appropriata consiste nel considerare il dosaggio del CA 19-9 solo una o due settimane dopo la risoluzione dell’ittero mediante drenaggio (ottenuto posizionando uno stent nei dotti biliari).

  • Cosa significa il risultato del test?

    Basse concentrazioni di CA 19-9 possono essere rilevate nel sangue di persone sane, mentre diverse malattie non tumorali (come ad esempio, pancreatite acuta, pancreatite cronica, calcoli delle vie biliari, infiammazione della colecistiti, malattie reumatiche e autoimmuni, diabete, nefropatia diabetica, epatopatia cronica, cirrosi epatica, epatite acuta, patologia benigna del polmone, fibrosi cistica) possono causare aumenti dei livelli del marcatore nel sangue.

    Pertanto, livelli medio-alti di CA 19-9 si possono osservare in pazienti con cancro del pancreas o delle vie biliari, ma anche in altri tumori e in numerose altre malattie e condizioni.

    Da ricordare che la presenza di ittero può provocare valori molto alti di CA 19-9, indipendentemente dal tipo di malattia che causa l’ittero. I livelli più alti di CA 19-9 si osservano nel cancro del pancreas esocrino (il tessuto pancreatico che produce gli enzimi digestivi e i dotti che trasportano tali enzimi verso l’intestino tenue), che rappresenta il 95% dei tumori del pancreas.

    Nei pazienti con tumore del pancreas o delle vie biliari, livelli di CA 19-9 inizialmente elevati che diminuiscono con il tempo suggeriscono che la rimozione chirurgica del tumore è stata radicale o che il trattamento terapeutico in atto è efficace. Livelli che rimangono alti o che aumentano nel tempo, invece, possono essere indice di un trattamento non efficace e/o della comparsa di recidive.

  • C’è altro da sapere?

    Valori elevati di CA 19-9 possono aiutare a fare una diagnosi precoce di tumore del pancreas? Sfortunatamente, i tumori pancreatici allo stadio iniziale sono asintomatici o causano sintomi aspecifici. Quando una persona presenta sintomi e livelli significativamente elevati di CA 19-9, il cancro del pancreas è solitamente in una fase avanzata. Inoltre diversi altri tumori e numerose altre malattie e condizioni (vedi Cosa significa il risultato del test?) possono causare aumenti anche importanti dei livelli di CA 19-9 nel sangue.

    Valori bassi di CA 19.9 possono aiutare a escludere la presenza di un tumore del pancreas? Il CA 19-9 è una proteina presente sulla superficie delle cellule che deriva da un antigene associato al sistema di antigeni Lewis, un sistema di gruppo sanguigno umano simile al sistema ABO (utilizzato nella tipizzazione del sangue per le trasfusioni). Il 5-7% della popolazione non produce l'antigene di Lewis (circa il 30% nelle persone di origine africana) e, conseguentemente, non produce il CA 19-9. Pertanto, in soggetti negativi per l'antigene di Lewis il CA 19-9 può risultare negativo anche in presenza di un tumore del pancreas.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • É importante eseguire il dosaggio del CA 19-9 sempre nello stesso laboratorio?

    Sì, perché laboratori diversi possono utilizzare metodi diversi per misurare il CA 19-9 e per questo motivorisultati e valori di riferimento possono variare da laboratorio a laboratorio.

    É pertanto consigliabile eseguire il dosaggio di CA 19-9 nello stesso laboratorio e con lo stesso metodo affinché i risultati possano essere confrontati e interpretati correttamente lungo tutto il decorso della malattia.

  • Perché la misura del CA 19-9 non viene utilizzata a scopo di screening?

    Il CA 19-9 non è un marcatore abbastanza sensibile e specifico per poter essere raccomandato come esame di screening. Infatti, la sua determinazione in persone asintomatiche o con sintomi generici  sarebbe associata a troppi risultati falsi positivi e falsi negativi (vedi più sopra L’Esame: che cosa si misura?).

    Sono in fase di studio altri marcatori che potrebbero essere utili nell’identificazione precoce dei tumori pancreatici e più adatti allo screening, che però non sono ancora stati validati per l’uso clinico.

  • Quali altre indagini si possono associare a CA 19-9?

    Il medico può richiedere esami diversi in relazione al problema clinico.

    Nei tumori del pancreas e delle vie biliari, nei quali il CA 19-9 può essere utilizzato, possono essere richiesti una tomografia computerizzata (TC), un'ecografia, una risonanza magnetica per la valutazione dei dotti biliari e pancreatici, una colangiopancreatografia retrograda endoscopica (una procedura tramite la quale, entrando con un piccolo endoscopio attraverso la bocca e passando attraverso lo stomaco, è possibile raggiungere l’intestino tenue e i dotti pancreatici) e/o una biopsia per identificare al microscopio la presenza di eventuali cellule tumorali.

    Alcuni esami sono richiesti sia in fase di diagnosi e valutazione iniziale che durante il monitoraggio della malattia, altri solo in fase iniziale.

  • Quali sono i principali fattori di rischio per il tumore al pancreas?

    Ancora non si conoscono le cause dei tumori del pancreas. I fattori di rischio includono il fumo, l’età (sono interessati soprattutto soggetti di età superiore ai 50 anni), il sesso (gli uomini hanno rischio maggiore rispetto alle donne), la familiarità, il diabete, la pancreatite cronica e occupazioni con forte esposizione a prodotti chimici e coloranti (come quelli utilizzati nelle lavanderie a secco e nella lavorazione dei metalli).

     

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Carcinoma del pancreas esocrino, edizione 2020. Associazione Italiana di Oncologia Medica: Milano, Italy. Available from https://www.aiom.it/linee-guida-aiom/.

Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Neoplasie dello stomaco e della giunzione gastro-esofagea, edizione 2020. Associazione Italiana di Oncologia Medica: Milano, Italy. Available from https://www.aiom.it/linee-guida-aiom/.

Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Tumori del colon, edizione 2020. Associazione Italiana di Oncologia Medica: Milano, Italy. Available from https://www.aiom.it/linee-guida-aiom/.

Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Tumori delle vie biliari, edizione 2020. Associazione Italiana di Oncologia Medica: Milano, Italy. Available from https://www.aiom.it/linee-guida-aiom/.

Balaban EP, Mangu PB, Khorana AA, et al. Locally Advanced, Unresectable Pancreatic Cancer: American Society of Clinical Oncology Clinical Practice Guideline. J ClinOncol. 2016 Aug 1;34(22):2654-68. doi: 10.1200/JCO.2016.67.5561.

Colorectal cancer, Clinical guideline 151. National Institute for Health and Care Excellence: London, UK; 2020 January. Available from https://www.nice.org.uk/guidance/ng151.

De Manzoni G, Marrelli D, Baiocchi GL, et al. The Italian Research Group for Gastric Cancer (GIRCG) guidelines for gastric cancer staging and treatment: 2015. Gastric Cancer. 2017 Jan;20(1):20-30. doi: 10.1007/s10120-016-0615-3.

Del Giudice L, Yao X, Kellett S, reviewers; The Colorectal Cancer Referral Expert Panel. Referral of patients with suspected colorectal cancer by family physicians and other primary care providers. Program in Evidence-based Care Evidence-Based Series No.: 24-1 Version 2. Cancer Care Ontario: Toronto ON, Canada; 2017, Apr. Available from: https://www.cancercareontario.ca/en/guidelines-advice/types-of-cancer/586.

Dubé C, McCurdy BR, Bronstein T, Pollett A, Baxter NN, Morgan D, Tinmouth J. Recommendations for Post-Polypectomy Surveillance.  Cancer Care Ontario: Toronto, ON, Canada; 2019, Mar. Available from: https://www.cancercareontario.ca/en/content/coloncancercheck-recommendations-post-polypectomy-surveillance.

Gion M, Trevisiol C, Rainato G, Fabricio ASC: Marcatori Circolanti in Oncologia. Guida all'Uso Clinico Appropriato. I Quaderni di Monitor AGENAS.  Roma: Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, 2016

Khorana AA, McKernin SE, Berlin J, et al. Potentially Curable Pancreatic Adenocarcinoma: ASCO Clinical Practice Guideline Update. J ClinOncol. 2019 Aug 10;37(23):2082-2088. doi: 10.1200/JCO.19.00946.

Members of the Colorectal Cancer Survivorship Group. Follow-up care, surveillance protocol, and secondary prevention measures for survivors of colorectal cancer.Program in Evidence-based Care Evidence-Based Series No.: 26-2 Version 2. Cancer Care Ontario: Toronto ON, Canada; 2016, Mar. Available from:https://www.cancercareontario.ca/en/guidelines-advice/types-of-cancer/256.

National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Clinical Practice Guidelines in Oncology. Colon cancer, Version1.2021. National Comprehensive Cancer Network: Fort Washington, PA, USA; 2020. Available from https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx.

National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Clinical Practice Guidelines in Oncology. Gastric cancer, Version 4.2020. National Comprehensive Cancer Network: Fort Washington, PA, USA; 2020. Available from https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx.

National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Clinical Practice Guidelines in Oncology. Hepatobiliary cancers, Version5.2020. National Comprehensive Cancer Network: Fort Washington, PA, USA; 2020. Available from https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx.

National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Clinical Practice Guidelines in Oncology. Pancreatic adenocarcinoma, Version 1.2021. National Comprehensive Cancer Network: Fort Washington, PA, USA; 2020. Available from https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx.

National Comprehensive Cancer Network (NCCN). Clinical Practice Guidelines in Oncology. Rectal cancer, Version 1.2021. National Comprehensive Cancer Network: Fort Washington, PA, USA; 2020. Available from https://www.nccn.org/professionals/physician_gls/default.aspx.

National Guideline Alliance (UK). Oesophago-gastric cancer: Assessment and management in adults, Clinical guideline 83. National Institute for Health and Care Excellence: London, UK; 2018 Jan. Available from https://www.nice.org.uk/guidance/ng83.

National Guideline Alliance (UK). Pancreatic cancer in adults: diagnosis and management, Clinical guideline, 85. National Institute for Health and Care Excellence: London, UK; 2018 Feb. Available from https://www.nice.org.uk/guidance/ng85.

Salvatore L, Aprile G, Arnoldi E, et al. Management of metastatic colorectal cancer patients: guidelines of the Italian Medical Oncology Association (AIOM). ESMO Open. 2017 Apr 12;2(1):e000147. doi: 10.1136/esmoopen-2016-000147.

Silvestris N, Brunetti O, Bittoni A, et al. Clinical Practice Guidelines for Diagnosis, Treatment and Follow-Up of Exocrine Pancreatic Ductal Adenocarcinoma: Evidence Evaluation and Recommendations by the Italian Association of Medical Oncology (AIOM). Cancers (Basel). 2020 Jun 24;12(6):1681. doi: 10.3390/cancers12061681.

Smyth EC, Verheij M, Allum W, et al. Gastric cancer: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. Ann Oncol. 2016 Sep;27(suppl 5):v38-v49. doi: 10.1093/annonc/mdw350.

Sohal DPS, Kennedy EB, Cinar P, et al. Metastatic Pancreatic Cancer: ASCO Guideline Update. J ClinOncol. 2020 Aug 5:JCO2001364. doi: 10.1200/JCO.20.01364.

Stjepanovic N, Moreira L, Carneiro F, et al. Electronic address: clinicalguidelines@esmo.org. Hereditary gastrointestinal cancers: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. Ann Oncol. 2019 Oct 1;30(10):1558-1571. doi: 10.1093/annonc/mdz233.

Valle JW, Borbath I, Khan SA, et al. Biliary cancer: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. AnnOncol. 2016 Sep;27(suppl 5):v28-v37. doi: 10.1093/annonc/mdw324.

Van Cutsem E, Cervantes A, Adam R, et al. ESMO consensus guidelines for the management of patients with metastatic colorectal cancer. AnnOncol. 2016 Aug;27(8):1386-422. doi: 10.1093/annonc/mdw235.

Approved

Revisori: Massimo Gion - Centro Regionale Specializzato per i Biomarcatori Diagnostici Prognostici e Predittivi; Dipartimento di Patologia Clinica, Azienda ULSS 3 Serenissima – Ospedale SS. Giovanni e Paolo, Venezia / Chiara Trevisiol - Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS, Padova / Aline S.C. Fabricio - Istituto Oncologico Veneto IOV-IRCCS, Padova

Documento revisionato e condiviso dai componenti attivi del Gruppo di Studio “Marcatori Tumorali” della Società Italiana di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica (SIBioC): Emiliano Aroasio (Torino), Simone Barocci (Urbino), Ettore Capoluongo (Napoli), Giovanni Cigliana (Roma), Laura Conti (Roma), Mario Correale (Bari), Ruggero Dittadi (Mestre-Venezia), Antonio Fortunato (Ascoli Piceno), Fiorella Guadagni (Roma), Stefano Rapi (Firenze), Tiziana Rubeca (Firenze), Gian Luca Salvagno (Verona), Maria Teresa Sandri (Milano), Daniela Terracciano (Napoli), Alessandro Terreni (Firenze), Francesco Volpi (Aviano).