VasiSanguigni
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 22.12.2020.

Una recente ricerca suggerisce l’associazione tra obesità, diabete di tipo 2 ed ipertensione in persone giovani ed il rischio di invecchiamento precoce dei vasi sanguigni (prima dei 55 anni negli uomini e dei 65 anni nelle donne).

Le persone giovani che presentano una delle tre condizioni cliniche sopracitate hanno probabilità maggiori di sviluppare irrigidimento ed ispessimento dei vasi sanguigni - in particolare dell'arteria carotidea - rispetto a soggetti sani nella stessa fascia d'età. L'arteria carotidea è situata nel collo ed irrora il sistema nervoso centrale; il suo ispessimento è associato ad una diminuzione del flusso sanguigno, con conseguente aumentato rischio di sviluppare eventi cardiovascolari quali ictus.

I risultati pubblicati il 6 dicembre 2019 nella versione online del Journal of the American Heart Association suggeriscono l'associazione tra presenza di obesità, diabete di tipo 2 o ipertensione nelle persone giovani ed un aumentato rischio di infarto e ictus in età avanzata. Questi eventi possono verificarsi precocemente rispetto alle persone giovani senza fattori di rischio. Lo studio in oggetto approfondisce analisi preesistenti che hanno dimostrano che i processi biologici che precedono l'insorgenza di patologie cardiovascolari iniziano già durante l'infanzia, anche se generalmente non determinano l'insorgenza di sintomi o patologie fino alla età adulta o alla vecchiaia.

L'invecchiamento precoce dei vasi sanguigni è risultato maggiormente diffuso nei giovani con diabete di tipo 2 rispetto a quelli in sovrappeso. I fattori di rischio per l'invecchiamento precoce dei vasi includono l'appartenenza ad un'etnia non caucasica ed il sesso maschile.

Nello studio in oggetto i ricercatori dell'Università del Minnesota, Università di Cincinnati e Louisiana State University hanno esaminato 141 soggetti normopeso, 156 con obesità e 151 con diabete di tipo 2. L'età media dei soggetti coinvolti all'inizio dello studio era di 18 anni e lo studio si è protratto per cinque anni.

La valutazione dell'arteria carotidea è stata stabilita tramite l'utilizzo di due metodiche: l'ecografia non invasiva, che misura lo spessore delle pareti interne dell'arteria, e la velocità dell'onda di polso (PDW), che determina la rigidità dell'arteria misurando la velocità del flusso sanguigno. I ricercatori hanno registrato entrambe le misurazioni all'inizio dello studio e dopo cinque anni.

L'autore principale dello studio, Justin R. Ryder, Ph.D., ricercatore esperto in obesità pediatrica della University of Minnesota Medical School, ha dichiarato che lo studio in oggetto ha dimostrato che le progressive alterazioni dei vasi sanguigni che portano allo sviluppo dell'aterosclerosi iniziano durante l'infanzia. L'aterosclerosi consiste nel restringimento del lume delle arterie causato dalla deposizione di un eccesso di lipidi, colesterolo ed altre sostanze; è associata al fisiologico processo di invecchiamento vascolare, il quale aumenta il rischio di infarto, ictus ed altri eventi cardiovascolari.

L'autore ha aggiunto che l'obesità dovrebbe essere sottoposta a trattamenti "aggressivi", come avviene per il diabete di tipo 2, poiché rappresenta anch'essa un fattore di rischio per l'invecchiamento precoce dei vasi sanguigni, precursore delle malattie cardiovascolari in età adulta.

L'obesità, il diabete di tipo 2 e l'ipertensione sistolica dovrebbero essere identificati precocemente con l'impiego di strumenti di screening e, eventualmente, trattati e monitorati per ridurre il rischio di invecchiamento vascolare. 

La statura ed il peso, utilizzati per calcolare l'indice di massa corporea (BMI) e definire l'eventuale condizione di eccesso di peso, vengono regolarmente misurati durante le visite mediche di bambini ed adolescenti. Il Ministero della Salute raccomanda il controllo della statura e del peso ogni 6 mesi e di rilevare almeno una volta l’anno le abitudini nutrizionali e di vita del bambino e dell’adolescente per poter stabilire l’intervento educativo. L’anamnesi e la valutazione della curva di crescita staturo-ponderale sono gli strumenti che consentono di identificare i bambini maggiormente a rischio per lo sviluppo di obesità, prima che tale patologia si instauri. Il fattore di rischio più importante è avere uno o entrambi i genitori obesi (BMI>30); i fattori di rischio possono essere stabiliti utilizzando il test a digiuno della glicemia, l'emoglobina A1c o il test orale di tolleranza al glucosio. Un ulteriore fattore di rischio consiste nella presenza di patologie o sintomi associati all'insulino resistenza. I sintomi di tale condizione includono ipertensione, concentrazioni elevate di trigliceridi, sindrome dell'ovaio policistico, macchie scure ed ispessimento della pelle a livello del collo, delle ascelle e sotto al seno.

La definizione di ipertensione in età pediatrica risulta differente rispetto a quella in età adulta. Nel 2017, l'American Academy of Pediatrics ha raccomandato di confrontare la pressione sanguigna dei pazienti giovani con le tabelle che riportano i valori normali dei soggetti sani appartenenti alla stessa classe d'età e di statura. I soggetti giovani con valori di pressione maggiori del 90° - 95° percentile dei valori pressori dei corrispettivi sani dovrebbero essere classificati come ipertesi.

I ricercatori hanno concluso che i risultati dello studio in oggetto forniscono ulteriori evidenze a sostegno dell'importanza della prevenzione e del trattamento dell'obesità, del diabete di tipo 2 e dell'ipertensione nei giovani, al fine di ritardare o prevenire l'invecchiamento precoce dei vasi sanguigni.

Fonti

Justin R. Ryder et al. Accelerated Early Vascular Aging Among Adolescents With Obesity and/or Type 2 Diabetes Mellitus. Journal of the American Heart Association. Available online at https://www.ahajournals.org/doi/10.1161/JAHA.119.014891. Published May 6, 2020. Accessed July 7, 2020.

Press release. Study Adds to Evidence that Teen Obesity, Diabetes, HBP Linked to Heart Disease Later in Life. American Heart Association. Available online at https://newsroom.heart.org/news/teen-obesity-diabetes-or-high-blood-pressure-may-lead-to-prematurely-aged-arteries?preview=dd33. Issued May 6, 2020. Accessed July 7, 2020.

Final Recommendation Statement. Obesity in Children and Adolescents: Screening. U.S. Preventive Services Task Force. Available online at https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/recommendation/obesity-in-children-and-adolescents-screening. Issued June 20, 2017. Accessed July 7, 2020.