allergia
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 08.06.2021.

Dato l'arrivo della primavera, periodo considerato a rischio per le allergie stagionali, molti individui riferiscono febbre ed altri sintomi correlati all'allergia, quali tosse e mal di gola, che in questo momento storico possono essere facilmente attributi ad un'infezione da COVID-19, suscitando ulteriore panico tra le persone.

Le allergie consistono in una reazione eccessiva del sistema immunitario a sostanze innocue per la maggior parte delle persone. Le sostanze che scatenano queste reazioni sono dette allergeni. Le allergie stagionali come la febbre da fieno possono essere innescate in seguito all’inalazione di pollini prodotti da alberi, graminacee e parietarie. Il polline risospeso nell'aria e introdotto nell'organismo tramite naso o gola può causare la manifestazione di sintomi tipici.

Secondo il Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CDC), i sintomi condivisi tra allergie e COVID-19 includono tosse, affaticamento, cefalea, mal di gola, naso chiuso o che cola. 

Differentemente dalle allergie stagionali, il COVID-19 può causare sintomi quali dispnea e difficoltà respiratorie. Tuttavia, questo tipo di sintomi può essere manifestato anche da soggetti affetti da condizioni cliniche come l'asma, la quale può essere innescata da vari allergeni, incluso il polline.

Nonostante la sovrapposizione di vari sintomi tra allergia e Coronavirus, le allergie stagionali sono caratterizzate da sintomi peculiari, quali prurito, lacrimazione degli occhi e/o starnuti. Come suggerito dal Johns Hopkins Medicine, i pazienti sintomatici dovrebbero valutare l'eventuale presenza dei medesimi sintomi anche nello stesso periodo negli anni precedenti. La presenza di febbre permette di discriminare tra COVID-19 ed allergie, in quanto queste ultime non causano l'aumento della temperatura. Altri sintomi riconducibili con maggior probabilità a COVID-19 includono brividi e dolori generalizzati, perdita dell'olfatto e del gusto e disturbi gastrointestinali quali nausea, vomito e diarrea.

Data la pericolosità e la contagiosità dell'infezione da COVID-19, è importante discriminare tra le due patologie. Come raccomandato dall'Asthma and Allergy Foundation of America (AAFA), i pazienti con febbre e tosse dovrebbero rivolgersi al medico per valutare a quale delle due condizioni siano riconducibili i sintomi presenti ed eventualmente sottoporsi ad un test per COVID-19.

È opportuno richiedere assistenza medica di emergenza in presenza dei seguenti sintomi:

  • Problemi respiratori
  • Dolore persistente o pressione al petto
  • Confusione
  • Sonnolenza
  • Cute, labbra o letto ungueale di colore pallido, cianotico o grigiastro

Nonostante alcune patologie (malattie renali, diabete) predispongano effettivamente al rischio di sviluppare forme gravi di COVID-19, il CDC ha dichiarato che al momento non esistono evidenze che i soggetti interessati da allergie stagionali risultino maggiormente esposti.

Fonti

(September 10, 2020) Centers for Disease Control and Prevention. Infographic: Venn diagram of the overlap of COVID-19 symptoms with seasonal allergy symptoms. Accessed April 27, 2021. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/need-extra-precautions/infographic-overlap-symptoms.html

(April 2, 2021) CDC. COVID-19 Frequently Asked Questions, People with Seasonal Allergies. Accessed April 27, 2021. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/faq.html

Asthma and Allergy Foundation of America. COVID-19 (New Coronavirus). Accessed April 27, 2021. https://www.aafa.org/covid-19-new-coronavirus.aspx

(March 8, 2021) Johns Hopkins Medicine. Is it Allergies or COVID-19? April 27, 2021. https://www.hopkinsallchildrens.org/ACH-News/General-News/Is-it-Allergies-or-COVID-19