Ultima Modifica: 14.08.2017.
Dal punto di vista biochimico l’ipoglicemia è definita da bassi livelli di glucosio nel sangue. Le cause più frequenti di ipoglicemia risiedono in una somministrazione eccessiva di insulina nel diabetico o in una eccessiva secrezione di insulina da parte del pancreas (tipicamente nell’insulinoma); raramente l’ipoglicemia può essere causata da un ridotto apporto calorico. Clinicamente l’ipoglicemia si manifesta con obnubilamento, astenia, ansia e, se particolarmente severa e non trattata, con coma e addirittura morte. Il trattamento consiste nell’infusione endovenosa di glucosio.