Noto anche come
Cancro al colon
Cancro al colon-retto
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
29.09.2017.

Cos'è il tumore al colon?

Il colon, diviso in quattro sezioni, costituisce la lunghezza maggiore del grosso intestino. Nel canale alimentare (il percorso che il cibo segue attraverso il corpo) il colon segue al piccolo intestino e giunge fino al retto. Il colon è responsabile dell'assorbimento dell'acqua, vitamine e sali minerali attraverso le strutture intestinali. Miscela anche i contenuti intestinali, forma feci,e libera l'organismo da materiale indigerito.
Il tumore al colon ed al retto, sono talvolta definiti come "tumore colonrettale". Insieme essi raprresentano il terzo più comune tumore nell'adulto, rappresenta l'11% delle morti per tumore. La maggior parte dei casi del tumore colonrettale incomincia con lo sviluppo di polipi benigni, crescite simili ad estroflessioni che protrudono nella cavità intestinale. Questi polipi benigni sono relativamente comuni nelle persone al di sopra dei 50 anni. Possono trasformarsi in tumore, tuttavia, con la capacità di invadere il colon sano e diffondersi in altre parti dell'organismo (metastasi). Il tumore può creare dei blocchi intestinali, ostacolando l'eliminazione fecale.
L'esatta causa del tumore al colon ed al retto non si conosce, ma il rischio sembra essere associato a fattori genetici, dietetici e stile di vita. Gli individui con una storia personale o familiare di tumore colonrettale o di polipi sono ad alto rischio, come lo sono quelli con coliti ulcerose, malattie infiammatorie intestinali e malattie da immunodeficienza. Una rara malattia ereditaria, chiamata adenomatosi o poliposi, è causa di polipi benigni che si sviluppano precocemente e sono causa di tumore in quasi in tutte le persone affette a meno che non venga rimosso. Il rischio inoltre aumenta con l'età e con il verificarsi di tumori in altre parti dell'organismo. Grandi quantità di grassi e dieta carnea sono un fattore di rischio, specialmente se associati all'introduzione di poca frutta, verdura e fibre. I fattori derivanti dallo stile di vita includono il fumo di sigaretta, l' obesità e la vita sedentaria.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    Il tumore colonrettale si sviluppa senza sintomi precoci. I sintomi che possono verificarsi includono:

    • diarrea, costipazione o altri cambi delle abitudini intestinali che durano da 10 anni o più
    • sangue nelle feci (di colore rosso chiaro o scuro)
    • anemia inattesa
    • dolore addominale e sensibilità nel basso addome
    • disagi addominali (frequente dolore per il gas, gonfiore, senso di sazietà e crampi)
    • ostruzioni intestinali
    • perdita di peso senza una ragione conosciuta
    • costante stanchezza
       

    Questi sintomi possono essere causati dal tumore o da un numero di altre condizioni. E' importante parlare al medico sottoporsi ad esami per il tumore al colon. Se i polipi che conducono al tumore sono visualizzati e rimossi, il tumore al colon può spesso essere rimosso. Se il tumore al colon è rilevato precocemente, è curabile al 90%.

  • Esami

    Viene raccomandato che tutti gli adulti intraprendano uno screening del tumore colonrettale intorno ai 50 anni. La decisione di quale test di screening utilizzare spesso, alla fine, dipende dal rischio individuale per la persona nei confronti del tumore colonrettale. Se il parente di primo grado ha avuto il tumore colonrettale, per esempio, lo screening partirebbe 10 anni prima dell'età alla quale al parente fu diagnosticato, per identificare possibilmente i polipi pre-cancerosi. Ci sono quattro test di screening comuni raccomandati dall' American Gastroenterological Association per la rilevazione del tumore al colon e le opzioni successive più recenti.
    Qui sono riassunte nella seguente tabella.

    Test

    Descrizione

    Raccoman-
    dazioni

    Prospettive

    Consigli

    Sangue Occulto fecale

    (FOBT)

    Test per rilevare sangue occulto in un campione di feci

    Annuale

    Non costoso; facile da eseguire

    E' assente in alcuni casi; la rilevazione del sangue non è dovuta al tumore

    Sigmoidoscopia

    Esplorazione del retto e del colon inferiore con uno strumento flessibile e rigido dotato di luce

    Ogni 5 anni

    Più semplice e vi è meno preparazione della colonscopia

    Si perdono dei casi

    Doppio clistere di bario per il contrasto

    Serie di raggi X al colon ed al retto; al paziente viene eseguito un clistere contenente una soluzione bianca, gessossa che contorna il colon ed il retto ai raggi X

    Ogni 5, 10 anni

    Non richiede sedazione

    Sono necessarie alcune preparazioni come la colonscopia

    Colonoscopia

    Esplorazione del retto e dell'intero colon con uno strumento luminoso

    Ogni 10 anni

    Forse è il test maggiormente utilizzato

    Viene richiesta una preparazione e una leggera sedazione; è più invasiva

    Colonscopia virtuale

    Esplorazione del retto e dell'intero colon al piccolo intestino utilizzando raggi X e computer

    Necessita di maggiori evidenze scientifiche per la prescrizione

    Non viene richiesta sedazione; è meno invasiva

    E' richiesta la preparazione

    Test dal DNA

    Rileva le mutazioni in uno specifico gene associato con il tumore al colon da un campione di feci

    Per la ricerca necessita di maggiori evidenze scientifiche

    Non viene richiesta preparazione o sedazione

    Necessita di trattamento specifico


    In aggiunta a questi, il medico potrebbe eseguire una esplorazione rettale digitale (DRE) per sentire la massa rettale tramite un dito rivestito da un guanto. La maggior parte dei tumori al colon, tuttavia, sono rinvenuti oltre la lunghezza del dito e non hanno sintomi; il sangue occulto nelle feci, rilevato con FOBT, è spesso il primo e il solo segnale d'allarme.

  • Trattamento

    Se il medico ritrova che ciò che si sospetta è un tumore al colon, richiederà una biopsia, prendendo un poco di tessuto per l'esame al microscopio da parte di un anatomo patologo. Se il tessuto è canceroso, vorrà capire il grado (o l'estensione) della malattia. Il trattamento dipenderà in parte dal "grado" del tumore al colon o al retto; è classificato in base all'estensione rispetto al sito d'origine. I sistemi di classificazione del tumore al colon variano nella differenti parti del mondo, ed alcuni utilizzano lettere al posto dei numeri. Un sistema comune utilizzato per descrivere il grado del tumore colonrettale è:

    • Grado 0: tumore molto precoce nello strato profondo
    • Grado I: tumore negli strati profondi del colon
    • Grado II: tumore negli strati superficiali del colon e/o vicino al tessuto
    • Grado III: tumore che ha raggiunto i linfonodi
    • Grado IV: tumore che ha raggiunto organi distanti
       

    Tutti i gradi del tumore al colon sono generalmente trattati con rimozione chirurgica del tumore e possibilmente del tessuto circostante. Per gli stadi II e III, possono essere aggiunte la chemioterapia e/o la radioterapia  per permettere la rimozione e l'eradicazione del tumore. La chemioterapia e la radioterapia potrebbero anche essere utilizzate nello stadio IV per migliorare i sintomi  e per prolungare la vita. La terapia biologica o l'immunoterapia, terapia che stimola il sistema immunitario del paziente a riconoscere le cellule cancerose e debellarle, potrebbero anche essere utilizzate in qualche caso.

Fonti

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali.


S1
Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

S2
Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

S3
AGA (2001). The Facts About Colorectal Cancer [7 paragraphs]. The American Gastroenterological Association [On-line information]. Available FTP: http://www.gastro.org/phys-sci/fact-cc.html

S4
AGA (2001). Clinical Practice Recommendations -- People at Average Risk [15 paragraphs]. The American Gastroenterological Association [On-line information]. Available FTP: http://www.gastro.org/phys-sci/colcancer/average-risk.html

S5
CDC (2001, March 9). CDC says colorectal cancer screening rates remain low [12 paragraphs]. Centers for Disease Control [Press Release]. Available FTP: http://www.cdc.gov/od/oc/media/pressrel/r010309.htm

S6
DHHS (1996). “Screening for Colorectal Cancer” in Guide to Clinical Preventative Services, 2nd Edition, Report of the U.S. Preventative Services Task Force, U.S. Department of Health and Human Services, Office of Public Health and Science, Office of Disease Prevention and Health Promotion [Total 35 pages]. [On-line information]. Available FTP: http://odphp.osophs.dhhs.gov/pubs/GUIDECPS/text/CH08.txt

S7
MedlinePLUS (Page updated 2002, January 2) Fecal occult blood test (FOBT) [14 paragraphs]. MedlinePLUS Encyclopedia [On-line information]. Available FTP: http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007008.htm

S8
National Digestive Diseases Information Clearinghouse: Virtual Colonoscopy. Available FTP: http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/virtualcolonoscopy/

S9
American Cancer Society. Colorectal Cancer: Early Detection. Available online