Noto anche come
Cancro al colon
Cancro al colon-retto
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
13.06.2018.

Cos'è il tumore al colon?

Il tumore al colon, o tumore colon-rettale nel caso in cui interessi anche il retto, consiste nella crescita incontrollata di cellule anomale nel tessuto di rivestimento. Il colon, o intestino crasso, è la parte del canale digerente che segue l'intestino tenue e giunge fino al retto. E' responsabile dell'assorbimento di acqua, vitamine e sali minerali attraverso le strutture intestinali. 

Nel colon, la produzione del muco responsabile della lubrificazione della parete dell'intestino e del retto, è operata dal tessuto ghiandolare. La maggior parte dei tumori al colon sono adenomi o polipi, ossia tumori benigni che originano dalle cellule presenti nel tessuto ghiandolare. I polipi sono strutture simili a dita che si protrudono all'interno della cavità intestinale e sono relativamente comuni nelle persone di età superiore ai 50 anni.

Il rischio che un adenoma vada incontro ad una trasformazione maligna (adenocarcinoma), è variabile e dipende dal tipo e il numero degli adenomi presenti. In base alle caratteristiche degli adenomi, varia quindi la terapia o gli esami richiesti. Un polipo canceroso può invadere i tessuti circostanti e diffondersi in altre aree dell'organismo (metastasi). La presenza dei polipi può causare un blocco intestinale e quindi impedire l'eliminazione delle feci dall'intestino.

Il tumore al colon-retto rappresenta il secondo tumore più diagnosticato nella popolazione italiana, con una stima di circa 53.000 nuove diagnosi nel 2017 (fonte ARITUM). Nel 2014 sono stati osservati 18.671 decessi per carcinoma del colon-retto (fonte ISTAT), sebbene la mortalità per questo tumore abbia subito, negli ultimi anni, una progressiva diminuzione grazie alla diagnosi precoce, permessa dai programmi di screening nazionali, e quindi all'eliminazione dei polipi negli stadi pre-cancerosi e all'attuazione di un protocollo terapeutico in stadi più facilmente trattabili. 

Accordion Title
Approfondimenti
  • Fattori di Rischio

    La causa esatta del cancro al colon non è nota ma il rischio di svilupparlo aumenta con l'età, la vita sedentaria e anche fattori di tipo ereditario.

    Tra i fattori di rischio vi sono:

    • Familiarità - presenza di familiari affetti da cancro al colon o polipi.
    • Dieta - il consumo di cibi grassi, insaccati o carne rossa aumenta il rischio di cancro al colon, in maniera particolare se non associata al consumo di frutta, verdura o cibi ricchi di fibre
    • Stile di vita - in questa categoria rientra il fumo di sigaretta, il consumo di quantità eccessive di alcol e la mancanza di esercizio fisico
    • Colite Ulcerosa, una malattia infiammatoria intestinale
    • Diabete di tipo 2
    • Particolari etnie - gli afroamericani e gli ebrei Ashkenazi sono a maggior rischio di sviluppare il cancro al colon rispetto ad altre etnie
    • Anamnesi clinica positiva per cancro al colon pregresso o presenza di polipi adenomatosi
    • Presenza di una malattia ereditaria rara chiamata poliposi adenomatosa familiare responsabile della formazione precoce di polipi benigni che, se il colon non viene rimosso, vanno incontro ad una trasformazione cancerosa
    • Presenza della Sindrome di Lynch (o cancro colorettale ereditario non poliposico; Hereditary Non-Polyposis Colon Cancer - HNPCC)
  • Segni e Sintomi

    Il tumore colonrettale si sviluppa spesso senza segnisintomi precoci. I sintomi che possono verificarsi includono:

    • Diarrea, costipazione o altre alterazoni delle abitudini intestinali che durano da 10 anni o più
    • Sangue nelle feci (di colore rosso chiaro o scuro)
    • Movimenti intestinali che non portano però alla defecazione
    • Anemia sideropenica inspiegabile
    • Dolore addominale e sensibilità nel basso addome
    • Disagi addominali (frequente dolore per il gas, gonfiore, senso di sazietà e crampi)
    • Perdita di peso senza un motivo apparente
    • Costante stanchezza
       

    Questi segni e sintomi possono essere causati dal tumore o da numerose altre patologie/condizioni cliniche. E' importante parlare al proprio medico curante, partecipare ai protocolli di screening per il tumore al colon o ad esami diagnostici di approfondimento in caso di sospetto. L'individuazione e rimozione precoce dei polipi, prima della loro trasformazione cancerosa, consente di prevenire lo sviluppo del cancro al colon. Se diagnosticato precocemente, il cancro al colon è curabile al 90%.

  • Esami

     Le più recenti linee guida internazionali, raccomandano la partecipazione ai programmi di screening per il  tumore colon-rettale a tutte le persone di età superiore ai 50 anni. In Italia, lo Screening Organizzato per il Cancro Colon-rettale, promosso dal Ministero della Salute, prevede due diversi tipi di test di primo livello: la ricerca del sangue occulto nelle feci oppure la rettosigmoidoscopia (esame endoscopico che permette la visualizzazione diretta dell'ultima parte dell'intestino, il sigma e il retto, sedi del 70% dei tumori al colon-retto) e lascia alla singole regioni la scelta di quale modello di screening attuare. Il test di secondo livello invece rappresentato dalla colonscopia, durante la quale può anche avvenire la rimozione dei polipi.

    Se negativo, lo screening eseguito tramite il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci, deve essere ripetuto ogni due anni fino ai 69 anni. La rettosigmoidoscopia è invece raccomandata una sola volta in persone di età compresa tra i 58 ed i 60 anni.

    La decisione di quale test di screening utilizzare dipende dal rischio individuale della persona nei confronti del tumore colonrettale. Se, ad esempio, esiste una familiarità per il tumore colonrettale, potrebbe essere raccomandata l'esecuzione di test di screening anche prima dei 50 anni o anche della colonscopia con frequenza anche annuale.

    I marcatori fecali e la colonscopia virtuale vengono invece ancora considerate delle metodiche sperimentali e pertanto non utilizzabili nella pratica clinica.

    Per quanto riguarda il panorama internazionale, la U.S. Multi-Society Task Force (MSTF) prevede tre raggruppamenti di esami:

    • Opzione numero 1 - considerata la scelta d'eccellenza:
      • Colonscopia ogni 10 anni
      • Ricerca del sangue occulto nelle feci nel caso il paziente rifiuti di eseguire la colonscopia ogni 10 anni
    • Opzione numero 2:
      • Colonscopia virtuale (eseguita tramite TAC) ogni 5 anni
      • Ricerca del sangue occulto e del DNA delle cellule cancerose nelle feci ogni 3 anni
      • Sigmoidoscopia ogni 5-10 anni
    • Opzione numero 3: colonscopia con video capsula ogni 5 anni; si tatta di un esame ancora non sufficientemente validato e che perciò non viene raccomandato

       

    Nel 2016 invece, la Canadian Task Force on Preventive Health Care (CTFPHC) ha fornito delle linee guida parzialmente diverse dalle precedenti:

    • Raccomanda che gli adulti di età compresa tra i 50 ed i 74 anni si sottopongano al test per la ricerca del sangue occulto nelle feci ogni 2 anni o a sigmoidoscopia ogni 10
    • Sconsiglia l'utilizzo della colonscopia come test di screening di primo livello
       
    Pazienti ad alto rischio

    Le persone a maggior rischio di sviluppare il cancro al colon-retto, non dovrebbero rientrare nei protocolli di screening validi per la popolazione generale ma dovrebbero sottoporsi a controlli mirati anche prima dei 50 anni. In genere viene raccomandata l'esecuzione della colonscopia, trattandosi di un esame maggiormente accurato, e ad intervalli minori (spesso 1-2 anni) rispetto ai 10 anni raccomandati per la popolazione generale.

    Inoltre, le persone a rischio per la presenza di patologie benigne (come i polipi precancerosi) associate al cancro al colon-retto, sono sottoposte a protocolli di sorveglianza specifici. Per esempio, la MSTF raccomanda la sorveglianza per le persone nelle quali siano stati rilevati 3-10 piccoli polipi adenomatosi o 1 ad alto rischio di trasformazione cancerosa (come un polipi con un diametro maggiore di 10 mm o con caratteristiche atipiche riferibili a displasia di alto grado).

    La presenza invece di piccoli polipi (diametro inferiore ai 10 mm) e in numero limitato (1-2) non è associata ad un rischio aumentato di sviluppare il cancro al colon e pertanto può essere monitorata con la colonscopia ogni 10 anni.

    Pazienti a rischio intermedio

     Per le persone con moderato rischio di sviluppare il cancro al colon-retto, per esempio per motivi etnici, viene raccomandato l'ingresso nei protocolli di screening in età inferiore ai 50 anni.

    La tabella sottostante riassume i test di screening utilizzabili per le persone a rischio intermedio:

    Test

    Descrizione

    Raccoman-
    dazioni (per persone a rischio intermedio di età superiore ai 50 annni)

    Pro

    Contro

    Sangue Occulto fecale

    (FOBT)

    Test per rilevare sangue occulto in un campione di feci

    Annuale

    Non necessita di preparazione

    Non è necessaria nessuna dieta particolare prima dell'esecuzione del test o la sospensione di farmaci

    Privo di rischi

    Il campione può essere raccolto dal paziente nella propria abitazione

    Non è in grado di rilevare alterazioni precancerose

    Può non rilevare alcune forme tumorali

    Il risultato positivo necessita della conferma tramite colonscopia

    Sigmoidoscopia

    Esplorazione del retto e del colon inferiore con uno strumento flessibile e rigido dotato di luce

    Ogni 5-10 anni

    Necessaria una minima preparazione prima dell'esame

    Rileva polipi precancerosi e cancerosi

    In genere non richiede sedazione

    Più veloce e semplice della colonscopia

    Esamina solo il 30% del colon

    Associata ad un piccolo rischio di sanguinamento e di infezioni

    La presenza di un risultato anomalo richiede l'esecuzione della colonscopia

    Colonscopia virtuale (TAC)

    Esame radiologico che esamina il retto, l'intero colon fino al tenue, utilizzando i raggi X e un computer per la rielaborazione delle immagini; richiede l'inserimento di un tubo nel retto e l'introduzione di aria nell'intestino

    Ogni 5 anni

    Non richiede sedazione

    Consente di visualizzare l'intero intestino

    Rileva le forme precancerose

    Relativamente sicuro; rischio minimo di danneggiare il colon

    E' necessaria una preparazione complessa dell'intestino

    I risultati anomali possono richiedere la colonscopia

    L'efficacia come test di screening non è condivisa

    Colonoscopia

    Esplorazione del retto e dell'intero colon con uno strumento luminoso

    Ogni 10 anni

    Consente di esaminare tutto il colon

    Rileva i polipi precancerosi e cancerosi

    Consente la rimozione dei polipi e il prelievo di campioni bioptici per l'esecuzione di esami istopatologici

    Richiesta una preparazione e una leggera sedazione;

    Si tratta di un esame invasivo

    Esiste il rischio di sanguinamento del colon e di infezione

    Colonscopia virtuale

    Esplorazione del retto e dell'intero colon al piccolo intestino utilizzando raggi X e computer

    Necessita di maggiori evidenze scientifiche per la prescrizione

    Non viene richiesta sedazione; è meno invasiva

    E' richiesta la preparazione

    Test dal DNA su campione fecale

    Rileva le mutazioni in uno specifico gene associato con il tumore al colon, nel DNA prelevato da un campione di feci

    Per la ricerca; necessita di maggiori evidenze scientifiche

    Non viene richiesta preparazione o sedazione

    Il campione può essere raccolto dal paziente nella propria abitazione

    Non vi sono rischi per l'intestino

    Non rileva alterazioni precancerose

    Il campione deve essere raccolto in maniera adeguata

    E' richiesta una manipolazione particolare

    La presenza di risultati anomali comporta l'esecuzione della colonscopia

    Colonscopia con videocapsula Esplorazione del colon tramite l'ingestione di una capsula contenente una videocamera Ogni 5 anni secondo la MSTF; solo in via sperimentale in Italia

    Rileva polipi precancerosi e cancerosi

    Non necessita di sedazione

    Relativamente sicura

    La presenza di risultati anomali necessita dell'esecuzione della colonscopia

    Non ancora sufficientemente validato clinicamente

    In aggiunta a questi, il clinico potrebbe eseguire una esplorazione rettale digitale (DRE) per sentire la massa rettale tramite un dito rivestito da un guanto. La maggior parte dei tumori al colon, tuttavia, sono rinvenuti oltre la lunghezza del dito e non hanno sintomi.

  • Diagnosi, Stadiazione, Prognosi
    Biopsia

    In genere, l'esecuzione della colonscopia consente anche la rimozione di eventuali polipi rilevati. Qualsiasi campione venga prelevato in questo modo (biopsia) viene successivamente analizzato da un anatomopatologo. L'analisi dei polipi al microscopio, consente la loro classificazione sulla base delle caratteristiche rilevate e la loro definizione come forme cancerose o precancerose.

    Nel caso si tratti di un tessuto canceroso, deve essere definita la stadiazione o l'estensione del tumore. Le informazioni riguardanti la stadiazione sono infatti fondamentali per la scelta dell'approccio terapeutico più appropriato. Esistono moltissimi criteri di stadiazione; il seguente è uno dei più comuni:

    • Stadio I: tumore molto precoce, presente nello strato più interno della parete del colon o del retto (carcinoma in situ)
    • Stadio I: tumore circoscritto all'interno della parete intestinale
    • Stadio II: il tumore ha invaso la parete esterna dell'intestino e/o i tessuti circostanti, senza però interessare i linfonodi
    • Stadio III: tumore diffuso ai linfonodi ma non metastatizzato (non diffuso ad altri organi distanti)
    • Stadio IV: tumore metastatizzato in organi come polmoni, ossa o fegato
       
    Altri test di laboratorio
    • Antigene Carcinoembrionario (CEA): utile per la stadiazione; questa proteina aumenta nelle persone affette da cancro al colon-retto e i suoi livelli in genere correlano con l'estensione della lesione. Il test CEA può essere utilizzato anche nel monitoraggio per la valutazione dell'efficacia della rimozione chirurgica e della terapia, ma non ha valore diagnostico.
    • Ricerca delle mutazioni dei geni KRAS, BRAF e/o NRAS. La rilevazione di queste mutazioni consente di ottenere informazioni di tipo prognostico e terapeutiche in persone con tumori metastatici. Ad esempio, la presenza di alcune mutazioni consente di escludere l'utilizzo di farmaci anti-EGFR come il cetuximab e il panitumumab, che, in quei casi, risulterebbero inefficaci.
    • Test del mismatch repair (MMR) e dell'instabilità dei microsatelliti (MSI): test genetico eseguito su un campione di tessuto tumorale, per rilevare la presenza di alterazione nei geni MMR e la presenza di una forte instabilità genetica delle cellule cancerose. Queste informazioni sono importanti nella scelta della terapia. Circa il 15% delle persone affette da cancro al colon-retto e il 90% delle persone con cancro al colon retto associato a sindrome di Lynch, presentano instabilità dei microsatelliti. Gli studi hanno rilevato che questo tipo di tumori ha una prognosi migliore ma non risponde ad alcuni farmaci chemioterapici.
    • Septina 9 metilata: si tratta di un possibile marcatore tumorale del cancro del colon-retto. Alcuni studi hanno rilevato che la presenza di septina 9 ipermetilata (con molti gruppi metile legati al gene septina 9) nel sangue, potrebbe essere associata ad un maggior rischio di sviluppare il cancro al colon-retto. Non si tratta di un test di routine.
  • Trattamento

    La presenza di polipi cancerosi a qualsiasi stadio, richiede la rimozione chirurgica degli stessi e, talvolta, anche dei tessuti circostanti. Altri trattamenti includono la chemioterapia e/o la radioterapia, utili per eliminare eventuali cellule cancerose residue.

    La terapia mirata (target therapy) è un approccio relativamente nuovo che utilizza farmaci in grado di attaccare specifici target proteici che, di solito, controllano la crescita delle cellule e che sono alterati nelle cellule tumorali. Ad esempio, farmaci come il cetuximab e il panitumimab, attaccano il recettore dell'epidermal growth factor (EGFR). Di solito questo tipo di farmaci presenta effetti collaterali meno pronunciati rispetto alla chemioterapia.

    Un approccio relativamente nuovo è anche quello dell'immunoterapia, che stimola il sistema immunitario del paziente a riconoscere ed attaccare le cellule tumorali.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

Dragovich, T. and Tsikitis, V. (2017 November 8, Updated). Colon Cancer. Medscape Drugs & Diseases. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/277496-overview Accessed on 1/05/18.

(2017 December 7, Updated) Colon Cancer Treatment (PDQ) – Patient Version. National Cancer Institute. Available online at https://www.cancer.gov/types/colorectal/patient/colon-treatment-pdq. Accessed on 1/05/18.

(2018 January 4, Updated). About Colorectal Cancer. American Cancer Society. Available online at https://www.cancer.org/cancer/colon-rectal-cancer.html. Accessed on 1/05/18.

Bayrak-Toydemir, P. et. al. (2017 October, Updated). Colorectal Cancer. ARUP Consult. Available online at https://arupconsult.com/content/colorectal-cancer. Accessed on 1/05/18.

(2016 April 26, Updated). Familial colorectal cancer. Genetic and Rare Diseases Information Center. Available online at https://rarediseases.info.nih.gov/diseases/8533/disease. Accessed on 1/05/18.

(2017 March 20, Updated). Have You or a Family Member Had Colorectal (Colon) Cancer? Centers for Disease Control and Prevention. Available online at https://www.cdc.gov/Features/LynchSyndrome/. Accessed on 1/05/18.

(2016 June). Colorectal Cancer: Screening. US Preventive Services Task Force. Available online at https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/UpdateSummaryFinal/colorectal-cancer-screening2?ds=1&s=colon. Accessed on 1/05/18.

Rex, D. et. al. (2017 June 06). Colorectal Cancer Screening: Recommendations for Physicians and Patients from the U.S. Multi-Society Task Force on Colorectal Cancer. The American Journal of Gastroenterology 112, 1016–1030 (2017). Available online at http://www.nature.com/articles/ajg2017174. Accessed on 1/13/2018.

Importance of microsatellite instability (MSI) in colorectal cancer: MSI as a diagnostic tool. G. Kurzawski, J. Suchy, T. De˛bniak, J. Kładny & J. Lubin'ski. Annals of Oncology 15 (Supplement 4): iv283–iv284, 2004 doi:10.1093/annonc/mdh940.

Newton KF1, Newman W, Hill J. Review of biomarkers in colorectal cancer. Colorectal Dis. 2012 Jan;14(1):3-17. doi: 10.1111/j.1463-1318.2010.02439.x.

Canadian Task Force on Preventive Health Care. Recommendations on screening for colorectal cancer in primary care. CMAJ. 2016 Mar 15; 188(5): 340–348. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4786388/. Accessed February 2018.

(September 2012) Guidelines for Colonoscopy Surveillance After Screening and Polypectomy: A Consensus Update by the US Multi-Society Task Force on Colorectal Cancer. David A. Lieberman, Douglas K. Rex, Sidney J. Winawer, Francis M. Giardiello, David A. Johnson, Theodore R. Levin. Gastroenterology Volume 143, Issue 3, Pages 844–857. Available online at http://www.gastrojournal.org/article/S0016-5085(12)00812-8/fulltext. Accessed February 2018.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

AGA (2001). The Facts About Colorectal Cancer. The American Gastroenterological Association [On-line information]. Available online through http://www.gastro.org.

AGA (2001). Clinical Practice Recommendations -- People at Average Risk. The American Gastroenterological Association [On-line information]. Available online through http://www.gastro.org.

CDC (2001, March 9). CDC says colorectal cancer screening rates remain low. Centers for Disease Control [Press Release]. Available online through http://www.cdc.gov.

DHHS (1996). "Screening for Colorectal Cancer" in Guide to Clinical Preventative Services, 2nd Edition, Report of the U.S. Preventative Services Task Force, U.S. Department of Health and Human Services, Office of Public Health and Science, Office of Disease Prevention and Health Promotion. [On-line information]. Available online through http://odphp.osophs.dhhs.gov.

MedlinePlus (Page updated 2002, January 2). Fecal occult blood test (FOBT). MedlinePlus Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007008.htm.

National Digestive Diseases Information Clearinghouse: Virtual Colonoscopy. Available online at http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/virtualcolonoscopy/.

Levin B et. al, (2008). Screening and Surveillance for the Early Detection of Colorectal Cancer and Adenomatous Polyps, 2008: A Joint Guideline from the American Cancer Society, the US Multi-Society Task Force on Colorectal Cancer, and the American College of Radiology. Published online before print March 5, 2008. CA Cancer J Clin 2008. Available online at http://caonline.amcancersoc.org/cgi/content/full/CA.2007.0018v1. Accessed March 2008.

American Cancer Society. News release, March 5, 2008. Health Groups Issue Updated Colorectal Cancer Screening Guidelines—Recommendations Include Two New Tests and Preference for Tests that Detect Precancerous Polyps. Available online through http://www.cancer.org. Accessed March 2008.

The Facts About Colorectal Cancer. The American Gastroenterological Association (online information). Available online through http://www.gastro.org.

(February 26, 2007) Gandey A. Colorectal Cancer Screening Improved With Immunochemical Fecal Occult Blood Test. Medscape Medical News (online information). Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/552714. Accessed April 2008.

(March 5, 2008) American Cancer Society. Colorectal Cancer: Early Detection (online information). Available online through http://www.cancer.org. Accessed April 2008.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry, AACC Press, Washington, DC. Pp 244-245.

(Revised 2011 June 24). Colorectal Cancer Early Detection. American Cancer Society [On-line information]. PDF available for download at http://www.cancer.org/acs/groups/cid/documents/webcontent/003170-pdf.pdf. Accessed September 2011.

Mayo Clinic Staff (2011 August 13). Colon Cancer. Mayo Clinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/colon-cancer/DS00035. Accessed September 2011.

(© 2011). Facts about Colorectal Cancer Screening from the American College of Gastroenterology. American College of Gastroenterology [On-line information]. Available online at http://www.acg.gi.org/patients/crcfactsheet.asp. Accessed September 2011.

(Revised 2011 August 22). Frequently Asked Questions About Colonoscopy and Sigmoidoscopy. American Cancer Society [On-line information]. Available online at http://www.cancer.org/Healthy/FindCancerEarly/ExamandTestDescriptions/faq-colonoscopy-and-sigmoidoscopy. Accessed September 2011.

Jarboe, E. et. al. (Updated 2011 February). Colorectal Cancer. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ColorectalCancer.html. Accessed September 2011.

National Cancer Institute. Colon and Rectal Cancers. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/types/colon-and-rectal. Accessed October 2011.

Colon Cancer Alliance. Guaiac Fecal Occult Blood Test (FOBT). Available online at http://www.ccalliance.org/screening/fecal-occult-blood-test.html. Accessed February 2015.

Colorectal Cancer – Predictive Testing for Anti-EGFR Therapy. September 2014. ARUP Laboratories. Available online at http://ltd.aruplab.com/Tests/Pdf/365. Accessed February 2015.

Colorectal Cancer Screening Guidelines. Centers for Disease Control and Prevention. Available online at http://www.cdc.gov/cancer/colorectal/basic_info/screening/guidelines.htm. Accessed February 2015.

Misale, S. et al. June 2012. Emergence of KRAS mutations and acquired resistance to anti-EGFR therapy in colorectal cancer. Nature 2012 Jun 28;486(7404):532-6. doi: 10.1038/nature11156. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22722830. Accessed February 2015.

Rokita, M., et. al. July 2013. Overexpression of epidermal growth factor receptor as a prognostic factor in colorectal cancer on the basis of the Allred scoring system. Onco Targets and Therapy. 2014:16.

Stages of Colon Cancer. National Cancer Institute. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/colon/Patient/page2#Keypoint7. Accessed February 2015.

Stool DNA. Colon Cancer Alliance. Available online at http://www.ccalliance.org/screening/stool-dna.html. Accessed February 2015.

Tests to Detect Colorectal Cancer and Polyps. National Cancer Institute. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/factsheet/detection/colorectal-screening. Accessed February 2015.

Virtual Colonoscopy.National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Available online at http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/diagnostic-tests/virtual-colonoscopy/Pages/diagnostic-test.aspx. Accessed February 2015.

What are the key statistics about colorectal cancer? American Cancer Society. Available online at http://www.cancer.org/cancer/colonandrectumcancer/detailedguide/colorectal-cancer-key-statistics. Accessed February 2015.

(October 15, 2014) Targeted Therapies for Colorectal Cancer. American Cancer Society. Available online at http://www.cancer.org/cancer/colonandrectumcancer/detailedguide/colorectal-cancer-treating-targeted-therapy. Accessed February 2015.

(October 15, 2014) Colon Cancer Screening Tests. American Cancer Society. Available online at http://www.cancer.org/cancer/colonandrectumcancer/moreinformation/colonandrectumcancerearlydetection/colorectal-cancer-early-detection-screening-tests-used. Accessed February 2015.

(October 2008) Colorectal cancer: Screening. United States Preventive Services Task Force. Available online at http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Topic/recommendation-summary/colorectal-cancer-screening. Accessed February 2015.

(December 1, 2013) Helwick, Caroline. Time to Think Beyond KRAS in Metastatic Colorectal Cancer. The ASCO Post. Volume 4, Issue 19. Available online at http://www.ascopost.com/issues/december-1,-2013/time-to-think-beyond-kras-in-metastatic-colorectal-cancer.aspx. Accessed April 2015.

Vilar E, Gruber S. Microsatellite instability in colorectal cancer—the stable evidence. B. Nat. Rev. Clin. Oncol. Advance online publication 9 February 2010; doi:10.1038/nrclinonc.20 09.237. Available online at http://www.mdanderson.org/education-and-research/departments-programs-and-labs/labs/vilar-lab/files/3.pdf. Accessed April 2015.