Noto anche come
Encefalomielite mialgica
SEID
Malattia da intolleranza sistemica allo sforzo
CFS/ME
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
15.01.2018.

Cos’è la sindrome da fatica cronica?

La sindrome da fatica cronica o Encefalomielite Mialgica (CFS/ME) è una patologia caratterizzata dalla presenza di stanchezza profonda inspiegabile. Si tratta di una patologia debilitante in grado di influenzare le normali attività giornaliere.

Le persone affette da CFS/ME dormono poco e male. Soffrono frequentemente di cefalea, dolore muscolare ed articolare, mal di gola ricorrenti e problemi nella concentrazione e nella memoria. L’intensità ed il tipo di sintomi possono variare da persona a persona e anche in giorni diversi, anche se in genere corrispondono ad estremo senso di stanchezza che perdura per almeno 6 mesi. Nella migliore situazione, i sintomi possono essere lievi e possono consentire l’esecuzione delle normali attività giornaliere; nei momenti peggiori invece i pazienti possono avere difficoltà ad alzarsi dal letto. La sensazione di spossatezza non migliora con il riposo e peggiora anche con il lavoro intellettuale.

La CFS/ME è diffusa globalmente e può interessare tutti senza distinzione di sesso, età o etnia. È però più comune nelle donne e nella fascia d’età compresa tra i 40 ed i 50 anni. Seppur introdotta nella lista delle patologie neurologiche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, questa patologia è ancora poco nota in Italia. Si stima che colpisca circa 200-300.000 italiani.

Le cause della CFS/ME non sono note. Molti ricercatori concordano sul fatto che possa trattarsi di una patologia multifattoriale; tra le cause della patologia sono incluse:

  • Infezioni virali come quella da EBV (virus di Epstein Barr), sebbene questo non sia stato dimostrato
  • Disfunzioni immunitarie causate da traumi, stress o allergie
  • Carenza nutrizionale
  • Ipotensione e svenimenti frequenti
  • Disturbi dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene come possibile causa di inattività, disturbi del sonno, comorbidità psichiatrica o stress continuo

I ricercatori hanno osservato la presenza di una predisposizione di carattere ereditario della patologia. Altri ritengono che in realtà non si tratti di una singola patologia ma di un gruppo di patologie caratterizzate da sintomatologia analoga.

Le persone affette da CFS/ME sono tutte in grado di riferire una tempistica relativa alla comparsa dei sintomi, cioè un momento prima del quale erano in grado di svolgere normalmente le attività quotidiane. In circa il 75% dei casi, la patologia sembra essere preceduta da sintomi para-influenzali. Nel restante numero di caso invece i pazienti la definiscono come una conseguenza di particolari periodi di stress psicofisici o anche come la conseguenza di una progressiva perdita di energia e aumento del senso di spossatezza.

Esistono moltissime patologie o condizioni cliniche anche temporanee che possono essere caratterizzate dagli stessi sintomi. Alcuni esempi includono ipotiroidismo, mononucleosi, alcuni disordini psichici, disturbi dell’alimentazione, cancro, patologie autoimmuni, infezioni, uso e abuso di farmaci o alcol, reazioni avverse ai farmaci e, per qualsiasi ragione, la mancanza di sufficienti ore di sonno per un periodo prolungato. In questi casi spesso il senso di spossatezza può essere trattato e comunque il senso di spossatezza, temporaneo o duraturo, presenta caratteristiche diverse rispetto alla CFS/ME.

Non esiste un singolo test in grado di diagnosticare questa patologia, anche se esistono una serie di segni e sintomi che consentono, se presenti, di identificarla.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    I segni e sintomi riconosciuti dalle organizzazioni internazionali comprendono:

    • Senso di spossatezza grave cronico, che perdura da almeno 6 mesi e non imputabile ad altre condizioni cliniche note
    • Difficoltà nell’esecuzione delle normali attività giornaliere
    • Presenza di 4 o più dei seguenti sintomi, presenti contemporaneamente e che durano o si ripetono per più di sei mesi:
      • Difficoltà nella concentrazione, problemi con la memoria a breve termine o con l’attenzione
      • Mal di gola frequente e persistente
      • Linfonodi del collo o delle ascelle ingrossati
      • Dolore muscolare
      • Dolore articolare ma senza gonfiore o rossore
      • Cefalea anomala e molto intensa
      • Disturbi del sonno e senso di stanchezza al mattino
      • Senso di stanchezza che perdura per più di 24 ore dopo un esercizio fisico o mentale
         

    Nel febbraio 2015 un rapporto dell'Institute of Medicine (IOM) ha descritto la CFS/ME come «malattia sistemica, complessa, cronica e grave», proponendo dei criteri diagnostici volti al miglioramento della diagnosi di questa patologia. Alcuni criteri sono gli stessi sopracitati; per la diagnosi è stato proposto un algoritmo diagnostico che comprende:

    1. Senso di estrema spossatezza che perdura per un tempo superiore ai 6 mesi con la progressiva perdita della capacità di svolgimento delle attività quotidiane come il lavoro, la scuola, gli eventi sociali o la cura personale; il senso di fatica e di inabilità deve avere una collocazione temporale precisa con un inizio dei sintomi definito, non deve essere causata da esercizio eccessivo continuativo e non deve trovare miglioramento con il riposo
    2. Senso di malessere dopo l’esercizio e il dispendio di energia
    3. Insonnia o sonno disturbato
       

    Oltre a questi devono essere presenti i seguenti sintomi i quali devono interessare il paziente per almeno metà del tempo ed essere moderatamente intensi:

    • Difficoltà nella concentrazione; problemi nella memoria e nell’attenzione (disfunzioni cognitive)
    • Intolleranza ortostatica:vertigini, svenimenti, o palpitazioni cardiache dopo aver assunto la posizione verticale da una posizione di seduta o di riposo
       

    Oltre ai sintomi principali, possono essere presenti molti altri sintomi, tra i quali:

    • Dolore o gonfiore addominale, nausea, vomito e perdita di appetito
    • Allergia e ipersensibilità ad alcuni cibi, odori, sostanze chimiche, farmaci o suoni
    • Dolore toracico
    • Brividi e sudorazione notturna
    • Tosse cronica
    • Depressione e ansia
    • Minzione frequente
    • Sensibilità al caldo ed al freddo
    • Temperatura corporea bassa
    • Secchezza degli occhi e della bocca
    • Mal di orecchi
    • Dolore alla mascella
    • Febbre
    • Rigidità delle articolazioni, in modo particolare al mattino
    • Intorpidimento, formicolio, o sensazione di bruciore alle mani, ai piedi od al viso
    • Dispnea
  • Esami

    Attualmente non esistono esami di laboratorio o altre metodiche in grado di diagnosticare questa patologia. La diagnosi viene fatta per esclusione di altre patologie. Il percorso diagnostico in genere comprende:

    • Valutazione anamnestica del paziente (storia clinica)
    • Esecuzione di un esame clinico approfondito
    • Valutazione cognitiva
    • Esclusione di altre patologie responsabili del senso di spossatezza (e/o identificazione e trattamento di quelle che possono essere trattate)
    • Applicazione dell’algoritmo diagnostico per la definizione di CFS
    • Monitoraggio del paziente nel tempo per valutare la comparsa di altre patologie
       

    I pazienti che non rientrano nei criteri di classificazione sopramenzionati possono ricevere una diagnosi di stanchezza cronica.

    I test di laboratorio possono essere utilizzati per la diagnosi differenziale tra la CFS/ME e altre patologie con sintomatologia analoga che in tal modo possono venire identificate e trattate. Il clinico può scegliere se effettuare tutti o alcuni degli esami raccomandati.

    Test di laboratorio
    • Pannello metabolico: include una serie di esami volti alla valutazione della funzionalità epatica e renale
    • Emocromo completo: per l’identificazione di infezioni o di stati anemici
    • Proteina C reattiva e/o VES: marcatori aspecifici di infiammazione
    • TSH e/o altri test per la tiroide: per rilevare la presenza di ipotiroidismo, responsabile di sintomi analoghi alla CSF/ME
    • Esami per la valutazione del metabolismo del ferro: per valutare l’anemia o la carenza di ferro
    • Analisi delle urine: per rilevare la presenza di infezioni o altre patologie
       

    Il riscontro di risultati anomali a questi test può essere seguito da ulteriori analisi in grado di identificare od escludere altre patologie con sintomatologia simile. Tra questi vi sono:

    • ANA: per rilevare la presenza di disordini autoimmuni
    • Test per la malattia di Lyme: nel caso in cui vi sia il sospetto e sia endemica nella regione geografica del paziente
    • Fattore reumatoide: per rilevare la presenza di artrite reumatoide
    • Test dell’HIV: per rilevare un’infezione da HIV
    • Cortisolo: nel caso in cui si sospetti la presenza di concentrazioni basse di cortisolo e/o disfunzioni del surrene
       
    Altri test non di laboratorio

    Talvolta può essere richiesta la risonanza magnetica nucleare per escludere la sclerosi multipla come agente eziologico della fatica cronica. In ambito di ricerca possono essere utilizzati anche altri test che però, attualmente, non vengono considerati di rilevanza clinica.

  • Trattamento

    Attualmente non esistono cure né farmaci per la CFS/ME, ma solo trattamenti volti alla riduzione dei sintomi e indicazioni riguardanti variazioni nello stile di vita. Questi includono:

    • Terapia comportamentale cognitiva (CBT)
    • Tecniche di gestione del sonno
    • Tecniche di rilassamento e riduzione dello stress, tra cui yoga, meditazione, massaggi e esercizi di respirazione profonda
    • Farmaci per ridurre il dolore e la febbre
    • Farmaci per trattare l'ansia (farmaci ansiolitici)
    • Farmaci per il trattamento della depressione (farmaci antidepressivi)
       

    Alcuni farmaci possono causare reazioni o effetti collaterali che anche peggiori dei sintomi di CFS/ME.

    Molte persone affette da CFS/ME mostrano dei miglioramenti nel corso del tempo, sebbene la malattia possa persistere per anni o per tutta la vita. I medici esperti raccomandano ai pazienti affetti di valutare e gestire bene i propri livelli di energia e quindi il tempo e le attività. Mangiare bene e svolgere regolarmente esercizio fisico moderato (ma non eccessivo) può contribuire a mantenere le capacità funzionali e migliorare l'umore ed il sonno. Esistono gruppi di sostegno e di consulenza che possono aiutare i pazienti ad affrontare le frustrazioni fisiche, psicologiche, finanziarie e sociali causate dalla CFS/ME.

    Le persone affette da CFS/ME devono lavorare con il proprio medico curante per stabilire il miglior approccio terapeutico. Ciò che funziona per alcuni può non essere adatto ad altri; molti pazienti possono presentare effetti collaterali ai farmaci.

Fonti

Fonti utilizzate

Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Chronic Fatigue Syndrome Awareness Day. Available online at http://www.cdc.gov/Features/cfsawarenessday/. Accessed October 2016.

CDC. Chronic Fatigue Syndrome. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/general/index.html. Accessed October 2016.

CDC. Chronic Fatigue Syndrome. The 1994 Case Definition. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/case-definition/1994.html. Accessed October 2016.

CDC. Chronic Fatigue Syndrome. Diagnosis. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/diagnosis/. Accessed October 2016.

CDC. Chronic Fatigue Syndrome. Patient Examination Process for CFS. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/diagnosis/step-6.html. Accessed October 2016.

Feb. 16, 2016. CDC Public Health Grand Rounds: Chronic Fatigue Syndrome: Advancing Research and Clinical Education. Available online at https://www.cdc.gov/cdcgrandrounds/pdf/archives/2016/feb2016.pdf. Accessed October 2016.

Nov. 13, 2015. Healthline. CFS (Chronic Fatigue Syndrome). Available online at http://www.healthline.com/health/chronic-fatigue-syndrome#Overview1. Accessed October 2016.

December 2015. The Lancet Psychiatry. Rehabilitative treatments for chronic fatigue syndrome: long-term follow-up from the PACE trial. Available online at  http://thelancet.com/journals/lanpsy/article/PIIS2215-0366(15)00317-X/fulltext. Accessed October 2016.

(February 10, 2015) National Academy of Medicine. Beyond Myalgic Encephalomyelitis/Chronic Fatigue Syndrome: Redefining an Illness. Available online at http://www.nationalacademies.org/hmd/Reports/2015/ME-CFS.aspx. Accessed November 2016.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Klein, J., Reviewed (2002 June, Reviewed). KidsHealth for Parents, The Nemours Foundation [On-line information]. Available online at http://kidshealth.org/parent/system/ill/cfs.html.

Hanna, E. (2002 September, Reviewed). Chronic Fatigue Syndrome. What is Chronic Fatigue Syndrome (CFS)? 4woman.gov, The National Women's Health Information Center [On-line information]. Available online at http://www.4woman.gov/faq/cfs.htm.

About CFID. CFIDS (Chronic fatigue and immune dysfunction syndrome) Association of America [On-line information]. Available online at http://www.cfids.org/about-cfids/symptoms.asp.

(2003, September 18, Reviewed). Chronic Fatigue Syndrome. CDC, National Center for Infectious Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/cfs/info.htm.

(2003 September 18, Reviewed). The Revised Case Definition (abridged version). CDC, National Center for Infectious Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/cfs/defined/defined2.htm.

(2003 February, Updated). Chronic Fatigue Syndrome. Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/x1598.xml.

Craig, T., and Kakumanu, S. (2002 March 15). Chronic Fatigue Syndrome: Evaluation and Treatment. American Family Physician [On-line journal]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20020315/1083.html.

(2001 January). Chronic Fatigue Syndrome. NIAID [On-line information]. Available online at http://www.niaid.nih.gov/factsheets/cfs.htm.

(2003 September 23). Aetna Clinical Policy Bulletins [On-line information]. Available online at http://www.aetna.com/cpb/data/PrtCPBA0369.html.

Chronic fatigue syndrome. AccessMed Health Information Library [On-line information]. Available online at http://www.ehendrick.org/healthy/.

Carter Batiste, L. and Loy, B. (2003 November 05). Accommodating People With Chronic Fatigue Syndrome. Job Accommodation Network [On-line information]. Available online at http://www.jan.wvu.edu/media/cfs.html.

Mayo Clinic staff (2003 October 02). Chronic fatigue syndrome. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/invoke.cfm?id=DS00395.

Kova, B. (2002 April 25). MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001244.htm.

(2003 October 14, Updated). Chronic Fatigue Syndrome Bytes. National Jewish Medical and Research Center [On-line information]. Available online at http://nationaljewish.org/cfsbytes.html.

Chronic Fatigue Syndrome. Merck Manual – Second Home Edition [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mrkshared/mmanual_home2/sec25/ch306/ch306b.jsp.

McLaughlin, Jill. Understanding Chronic Fatigue Syndrome. Co-Cure [On-line information]. Available online at http://www.co-cure.org/Understanding%20Chronic%20Fatigue%20Syndrome.htm.

Davis, C. What's in a Name: Fibro vs. CFS. Arthritis Foundation [On-line information]. Available online at http://www.arthritis.org/resources/news/news_fibro_cfs.asp.

(2006 May 9). Chronic Fatigue Syndrome, For Patients, Caregivers, Consumers. CDC [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/consumers.htm. Accessed on 4/20/08.

(2007 June 22). Chronic Fatigue Syndrome. MayoClinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/chronic-fatigue-syndrome/DS00395/DSECTION=3. Accessed on 4/20/08.

Christopher-Stine, L. (2006 August 22, Updated). Chronic Fatigue Syndrome. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001244.htm. Accessed on 4/20/08.

(2006 July 11, Modified). CFS Toolkit for Health Care Professionals: Basic CFS Overview. CDC Chronic Fatigue Syndrome [On-line information]. PDF available for download at http://www.cdc.gov/cfs/pdf/Basic_Overview.pdf. Accessed on 4/26/08.

(Updated June 4, 2007) Centers for Disease Control and Prevention. Chronic Fatigue Syndrome, Possible Causes. Available online at http://www.cdc.gov/cfs/cfscauses.htm. Accessed October 2008.

(2011 June 18) Mayo Clinic Staff. CFS, Risk Factors (Online Information). Available online at http://www.mayoclinic.com/health/chronic-fatigue-syndrome/DS00395/DSection. Accessed September 2012.

(2011 September 15) Davis, C.P., Balentine, J.R. Chronic Fatigue Syndrome. Medicine Net.com (Online information). Available online at http://www.medicinenet.com/chronic_fatigue_syndrome/article.htm. Accessed September 2012.

Shiel, W.C Jr., Stoppler, M.C. Chronic Fatigue Syndrome. Emedicinehealth.com (Online information). Available online at http://www.emedicinehealth.com/chronic_fatigue_syndrome/article_em.htm. Accessed September 2012.

(2012 May 16) Centers for Disease Control and Prevention. Chronic Fatigue Syndrome. CDC.gov/cfs (Online information). Available online at http:// www.cdc.gov/cfs/general/. Accessed September 2012.

(2012 February 2) Chronic Fatigue Syndrome, pubmed.com (Online information). Available online at http://Ncbi.nlm.nih.gov/pubmedhealth/PMH0002224. Accessed September 2012.

(October 2011) Carruthers B, et al. Myalgic encephalomyelitis: International Consensus Criteria. Journal of Internal Medicine Volume 270, Issue 4, pages 327–338. Available online at http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1365-2796.2011.02428.x/abstract. Accessed June 2012.