Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 01.03.2019.

Cos'è il sangue nell'urina (ematuria)?

La presenza di sangue nell'urina, detta anche ematuria, non rispecchia una situazione fisiologica pur non essendo una cosa rara. Tuttavia, sebbene la presenza di sangue nell'urina possa creare preoccupazione, non rispecchia necessariamente un evento allarmante. L'ematuria è un segno, non una patologia di per se. E' un indicatore della necessità di effettuare ulteriori approfondimenti volti a determinare la causa della presenza del sangue.

Il sangue può essere facilmente visibile ad occhio nudo o essere presente in quantità tali da essere rilevato, ad esempio, solo tramite l'analisi dell'urina. L'urina è normalmente chiara e di colore giallo paglierino variando dal color paglierino pallido al color ambra sulla base della concentrazione dell'urina. Il colore dell'urina può variare in presenza di sangue ma non necessariamente verso il rosso.

  • L'ematuria visibile ad occhio nudo (macroematuria) può conferire all'urina un colore che può andare dal rosa ("a lavatura di carne"), al rosso (ematuria franca) o al color "marsala" o "coca-cola" (ematuria pregressa).
  • La microematuria invece non è visibile ad occhio nudo e non conferisce alcun colore all'urina.

Nella maggior parte dei casi l'ematuria evidenzia un coinvolgimento dell'apparato urinario, il quale è composto dai reni, i due ureteri, la vescica e l'uretra.

  • L'urina viene prodotta continuamente dai reni, filtrando i prodotti di scarto presenti nel sangue.
  • L'urina prodotta si muove dai reni attraverso gli ureteri per poi raccogliersi nella vescica dove viene immagazzinata fino al momento in cui viene eliminata con la minzione passando attraverso l'uretra.
Apparato Urinario

Esistono molte patologie che coinvolgono altri apparati dell'organismo e che possono causare la presenza di sangue nell'urina. Per maggiori dettagli si rimanda alla sezione "Approfondimenti".

Accordion Title
Approfondimenti
  • Cause

    In alcuni casa l'ematuria è causata da patologie/condizioni cliniche benigne, temporanee e che non richiedono particolari trattamenti o lunghi periodi di tempo per essere risolte. Altre volte tuttavia, la presenza di ematuria può essere dovuta a patologie croniche che richiedono un intervento medico e un monitoraggio continuo.

    Il solo modo per capire l'origine dell'ematuria e quindi intraprendere il corretto percorso terapeutico è quello di eseguire esami di approfondimento volti a chiarirne la causa. A questo scopo il clinico valuta l'anamnesi clinica, effettua l'esame clinico e valuta i segni e sintomi presenti.

    Le domande alle quali è necessario trovare una risposta potrebbero essere quelle elencate di seguito.

    Si tratta effettivamente di sangue?

    Una delle prime cose da verificare è che si tratti effettivamente di sangue.

    • Il color "coca-cola" potrebbe essere dovuto anche all'assunzione di alcuni alimenti come barbabietola e rabarbaro o all'assunzione di farmaci come la fenazopiridina, cascara, difenilidantoina, metildopa, fenolftaleina, fenotiazina, fenacetina, fenindione, ecc.
    • Emoglobina nell'urina (emoglobinuria). Alcune patologie causano la rottura dei globuli rossi (emolisi) ed il rilascio dell'emoglobina in essi contenuta, responsabile del colore dei globuli rossi. In caso di quantità eccessive di emoglobina eliminata tramite l'urina, come può avvenire in presenza, ad esempio, di patologie emolitiche come l'anemia falciforme, l'urina acquisisce un colore rossastro o "marsala".
    • Esistono altre sostanze prodotte dall'organismo ed eliminate tramite l'urina che sono in grado di variarne il colore. Per esempio la bilirubina, che viene di solito eliminata dal fegato, può accumularsi, in caso di patologie epatiche, e rendere l'urina di un colore ambrato scuro. Queste situazioni richiedono approfondimenti diagnostici ma, in questo caso, non si tratta di ematuria. Un altro esempio è la possibile presenza di mioglobina: si tratta di una piccola proteina in grado di legare l'ossigeno e presente nel muscolo scheletrico e cardiaco, filtrata dal sangue nei reni ed eliminata tramite l'urina. Livelli elevati di mioglobina possono rendere l'urina di colore rosso, mimando la presenza del sangue.
       

    Il sangue origina nell'apparato urinario?

    E' necessario accertarsi che non vi sia contaminazione dell'urina causata da:

    • Sanguinamenti vaginali, come nel caso delle mestruazioni
    • Emorroidi
       

    La causa è infettiva?

    Le infezioni possono talvolta rendere l'urina torbida e maleodorante, provocare dolore durante la minzione e, talvolta, provocare la presenza di sangue.

    • Infezioni dell'apparato urinario - interessano perlopiù la vescica e hanno origine batterica. Queste infezioni possono causare cistite, ossia infiammazione della vescica.
    • Infezioni renali - le infezioni dell'apparato urinario possono talvolta diffondersi fino ai reni.
    • Infezioni virali - le infezioni come l'epatite, essendo responsabili dell'infiammazione epatica, possono causare ematuria.
       

    L'ematuria è transitoria o associata a cause note?

    Talvolta l'ematuria può comparire e risolversi spontaneamente senza che ne venga identificata la causa. Altre volte le cause sono note ma risolvibili o autolimitanti, come:

    • Esercizio fisico intenso
    • Febbre
    • Esposizione a tossine, come i mezzi di contrasto usati in radiologia
    • Uso di farmaci come gli anti-infiammatori non steroidei (FANS), l'aspirina o gli anticoagulanti che inibiscono la coagulazione e aumentano il rischio emorragico e quindi episodi di ematuria
    • Procedure cliniche riguardanti parte dell'apparato urinario come alcune procedure chirurgiche, la biopsia renale o l'inserimento di cateteri urinari che possono causare un temporaneo sanguinamento
    • Trauma dei reni o della vescica
    • Episodio sporadico la cui causa non viene mai identificata
       

    L'ematuria potrebbe essere dovuta a infiammazione o irritazione del canale urinario (o della prostata negli uomini) o alla presenza di calcoli renali?

    Di seguito sono elencate le possibili cause di dolore nella minzione, minzione frequente e/o difficoltà nella minzione:

    • Uretrite - infiammazione del dotto che trasporta l'urina dalla vescica fino all'esterno (uretra)
    • Prostatite - infiammazione della prostata (che nell'uomo sovrasta l'uretra)
    • Iperplasia prostatica benigna (IPB)
    • Calcoli renali o della vescica
       

    L'ematuria potrebbe essere dovuta alla presenza di patologie renali?

    • Esistono molte malattie renali associate ad ematuria. Un esempio è la glomerulonefrite, una malattia renale delle unità filtranti presenti nei reni, dette glomeruli. Un'altra malattia renale è la glomerulonefrite post-infettiva associata alla faringotonsillite streptococcica che può, nei bambini, causare ematuria.
    • Diabete e ipertensione - sono cause frequenti di danneggiamento renale che può talvolta tradursi in ematuria.
    • Malattia renale policistica (o rene policistico) - una patologia ereditaria responsabile della formazione di cisti renali che possono portare a malattia renale.
       

    L'ematuria potrebbe essere dovuta ad altre patologie o condizioni cliniche a carico dell'apparato urinario?

    • La presenza di anomalie strutturali dell'apparato urinario può comportare ematuria.
    • Presenza di coaguli ematici all'interno del canale urinario.
    • Endometriosi, una patologia associata alla crescita anomala della parete dell'utero che può invadere altre aree come la vescica, causando sanguinamento nell'urina.
       

    L'ematuria potrebbe essere dovuta alla presenza di qualche patologia cronica e/o ereditaria?

    Esistono patologie sistemiche che possono portare ad ematuria, come:

    • Sinromi emorragiche - possono causare episodi emorragici (sangue dal naso, ecchimosi, sanguinamento prolungato) in tutto l'organismo. Alcuni esempi sono l'emofilia e la trombocitopenia.
    • Sindrome di Alport - patologia ereditaria associata ad ematuria e proteinuria (proteine nell'urina).
    • Malattie autoimmuni - in questo gruppo di malattie, il sistema immunitario riconosce ed attacca erroneamente i propri organi e tessuti, inclusi i reni.
       

    L'ematuria ha origine tumorale?

  • Segni e Sintomi

    La maggior parte delle persone con ematuria non hanno altri segni e sintomi. Coloro che li hanno, manifestano di solito i segni e sintomi associati alla patologia responsabile, come:

    • Dolore nella minzione
    • Necessità di urinare frequentemente
    • Dolore addominale e/o alla schiena
    • Difficoltà nella minzione
    • Febbre (in caso di infezioni)
    • Gonfiore dei piedi, delle gambe e/o delle caviglie (edema)
    • Dolore forte (con i calcoli renali)
  • Esami

    Gli esami vengono eseguiti per stabilire l'entità e la persistenza del sangue nell'urina oltre che per identificarne la causa. In genere il clinico prescrive una serie di esami iniziali volti a confermare l'ematuria e ad identificare o escludere alcune tra le cause più frequenti. Sulla base dei risultati, dei segni e sintomi presenti e della storia clinica, possono essere poi eseguiti esami di approfondmento.

    Esami di laboratorio

    Esami di primo livello:

    • Analisi dell'urina - si tratta in genere del primo esame eseguito oltre che del motivo per il quale l'ematuria viene rilevata. Consiste nell'analisi macroscopica e microscopica dell'urina; la prima consente di verificare macroscopicamente l'alterazione del colore dell'urina e quindi di valutare una possibile ematuria; la seconda analizza microscopicamente l'urina alla ricerca dei globuli rossi contenuti al suo interno. Secondo l'American Urological Association, l'ematuria microscopica è definita come presenza di 3 o più globuli rossi per campo microscopico (rbc/hpf) su due o tre campioni di urina. Tramite questo tipo di analisi è possibile rilevare anche la presenza di proteine nell'urina, possibile indicatore della causa dell'ematuria.
    • Creatinina e azoto ematici - eseguiti per valutare la funzionalità renale
    • Emocromo completo - per valutare le cellule ematiche e le piastrine; consente di rilevare la presenza di anemia, infezioni o anomalie eritrocitarie.
       

    Possibili esami di approfondimento volti a valutare la funzionalità renale:

    Sulla base dei risultati dei test di primo livello, dei segni e sintomi presenti e della valutazione clinica del paziente, possono essere richiesti ulteriori esami per l'identificazione delle patologie responsabili del sanguinamento. Questi esami non vengono richiesti routinariamente ma sono eseguiti in genere solo se indicato. Alcuni esempi includono:

    Esami clinici

    Gli esami di diagnostica per immagini e altre procedure consentono d'identificare anomalie, danno renale, ostruzioni renali, tumori benigni e maligni. Alcuni esempi includono:

    • Cistoscopia
    • Ecografia addominale
    • TAC
    • Risonanza magnetica nucleare (MRI)
    • Cistouretrografia retrograda
    • Medicina nucleare
  • Trattamento

    Spesso non è necessario alcun trattamento, nel caso in cui l'ematuria sia transitoria o autolimitante, come in seguito ad esercizio fisico intenso.

    Il trattamento per le altre cause di ematuria prevede la terapia delle patologie responsabili ed il trattamento de sintomi associati.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

(Updated July 2016). National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Hematuria: Blood in the Urine. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/hematuria. Accessed on September 9, 2018.

Sobol, J. (Updated August 26, 2017). MedlinePlus Medical Encyclopedia. Urine – bloody. Available online at https://medlineplus.gov/ency/article/003138.htm. Accessed on September 9, 2018.

Shah, A.P. (Updated March 2017). Merck Manual for Healthcare Professionals. Isolated Hematuria. Available online at https://www.merckmanuals.com/professional/genitourinary-disorders/symptoms-of-genitourinary-disorders/isolated-hematuria. Accessed April 2014.

Davis, R., et al. (2012, validity confirmed 2016). American Urological Association. Diagnosis, evaluation and follow-up of asymptomatic microhematuria (AMH) in adults. Available online at https://www.auanet.org/guidelines/asymptomatic-microhematuria-(2012-reviewed-for-currency-2016). Accessed on September

(Updated 2012 April 16). Hematuria: Blood in the Urine. National Kidney and Urologic Diseases Information Clearinghouse [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/hematuria/. Accessed April 2014.

Dugdale, D. (Updated 2011 September 16). Urine – bloody. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003138.htm. Accessed April 2014.

Shah, A. (Revised 2013 July). Isolated Hematuria. Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online through http://www.merckmanuals.com. Accessed April 2014.

Gulati, S. and Pena, D. (Updated 2013 March 25). Hematuria. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/981898-overview. Accessed April 2014.

Vivante, A. et. al. (© 2013). Hematuria and Risk for End-stage Kidney Disease. Medscape Multispecialty from Curr Opin Nephrol Hypertens. 2013;22(3):325-330. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/803019. Accessed April 2014.

Basler, J. and Stanley, D. (Updated 2012 February 10). Hemorrhagic Cystitis. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2056130-overview. Accessed April 2014.

Fatica, R. and Fowler, A. (Updated 2009 January 1). Hematuria. Cleveland Clinic [On-line information]. Available online at http://www.clevelandclinicmeded.com/medicalpubs/diseasemanagement/nephrology/evaluation-of-hematuria/. Accessed April 2014.

(Updated 2014 April 2). Glomerular Diseases. National Kidney and Urologic Diseases Information Clearinghouse (NKUDIC) [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/glomerular/. Accessed April 2014.

(Reviewed 2011 January). Blood in the Urine (Hematuria). Urology Care Foundation [On-line information]. Available online at http://www.urologyhealth.org/urology/index.cfm?article=113&display=2. Accessed April 2014.

(Modified 2013 September 30). Bladder and Other Urothelial Cancers Screening (PDQ®). National Cancer Institute [On-line information]. Available online at http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/screening/bladder/patient/. Accessed April 2014.

Dugdale, D. (Updated 2013 August 18). RBC urine test. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003582.htm. Accessed April 2014.

Mayo Clinic Staff (2011 September 1). Blood in urine (hematuria). Mayo Clinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/blood-in-urine/basics/definition/CON-20032338?p=1. Accessed April 2014.

Silberberg, C. (Updated 2013 September 8). Alport syndrome. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000504.htm. Accessed April 2014.

Editorial Staff (Updated 2014 March). Microscopic Hematuria. Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/familydoctor/en/diseases-conditions/microscopic-hematuria.html. Accessed April 2014.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 1000-1014.

RedUrine.com. Myoglobin. Available online at http://www.redurine.com/vitamins_and_nutrients/myoglobin.html. Accessed July 2014.