Noto anche come
Gozzo Tireotossico
Malattia di Basedow-Graves
Morbo di Basedow-Graves
Gozzo tossico diffuso
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 23.07.2018.

Cos’è la malattia di Graves?

La malattia di Graves è la causa più comune dell’iperattività della ghiandola tiroidea (ipertiroidismo). Si tratta di una patologia autoimmune nella quale il sistema immunitario attacca la tiroide. La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla posta alla base della gola, appiattita contro la trachea. La tiroide è responsabile della produzione degli ormoni tiroxina (T4) e triiodiotironina (T3), attori importanti nel controllo del metabolismo.

La produzione degli ormoni tiroidei è normalmente regolata tramite un sistema a feedback, che coinvolge l'attività dell'ipofisi, un piccolo organo delle dimensioni di un pisello, posto alla base dell'encefalo. L'ipofisi produce l'ormone TSH che, a sua volta, stimola la produzione di T3 e T4. Nel morbo di Graves, viene prodotto un autoanticorpo (chiamato immunoglobulina stimolante la tiroide, TSI) che agisce come l’ormone stimolante la tiroide (TSH) e che induce la ghiandola tiroidea a produrre un eccesso di ormoni tiroidei. Nel tempo, questa continua stimolazione, comporta l'ingrossamento della ghiandola tiroidea.

La malattia di Graves riguarda più del 50% degli ipertiroidismi e colpisce maggiormente il sesso femminile. In genere di manifesta in persone di 40-60 anni ma può interessare anche bambini e anziani. Le persone affette da altre malattie autoimmuni o con familiari affetti da malattia di Graves, sono a maggior rischio di sviluppare la malattia.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    La malattia di Graves può essere caratterizzata da molteplici segni e sintomi. In genere si sviluppa lentamente, spesso in maniera asintomatica nelle fasi iniziali, per poi peggiorare progressivamente. Le manifestazioni possono variare da persona a persona.

    La malattia di Graves può causare una condizione nota come esoftalmo o oftalmopatia di Graves. In questo caso si ha una protrusione del bulbo oculare con rigonfiamento delle palpebre. Gli occhi si irritano e la visione viene alterata; nei casi più gravi può esservi un danneggiamento della cornea, la porzione trasparente dell’occhio posta al davanti della pupilla e dell’iride, o del nervo ottico, il nervo responsabile della trasmissione delle immagini al cervello, con la risultante perdita della vista. Questi sintomi riguardano circa il 30% delle persone affette da malattia di Graves.

    Altri segni e sintomi includono:

    • Difficoltà nella concentrazione
    • Visione doppia
    • Irritazione e lacrimazione degli occhi
    • Astenia
    • Movimenti intestinali frequenti
    • Ingrossamento della ghiandola tiroidea (gozzo)
    • Ingrossamento delle mammelle (ginecomastia) negli uomini (raro)
    • Tremore delle mani
    • Sensibilità alla luce
    • Impotenza o riduzione della libido
    • Aumento dell'appetito
    • Tachicardia, aritmia o palpitazioni
    • Insonnia
    • Mancanza di resistenza
    • Irregolarità del ciclo mestruale
    • Stanchezza
    • Nervosismo
    • Protrusione del bulbo oculare (esoftalmo) e/o sguardo fisso
    • Rossore e ispessimento della pelle sugli stinchi (dermopatia di Graves)
    • Irrequietezza
    • Sudorazione
    • Inspiegabile perdita di peso
       

    In caso di gravidanza, la malattia di Graves può portare a ipertiroidismo transiente nei neonati dovuta alla stimolazione della tiroide da parte degli anticorpi materni trasferiti al feto. Nei bambini, la malattia di Graves altera il peso, il tasso di crescita e la pubertà.

    L'esposizione a lungo termine a quantità eccessive di ormoni tiroidei può causare osteoporosi. L'improvviso aumento, acuto, degli ormoni tiroidei può causare una "tempesta tiroidea" o crisi tireotossica, che  può essere potenzialmente letale.

  • Esami

    Quando sono presenti i sintomi come il gozzo o gli occhi sporgenti (esoftalmo), la diagnosi della malattia di Graves è un processo semplice. Tuttavia, nel 50% delle persone affette da malattia di Graves, i segni e sintomi non sono così evidenti e per la diagnosi è necessario ricorrere ad alcuni test di laboratorio. I test consentono di valutare la funzionalità della tiroide, diagnosticare la malattia di Graves e monitorare il trattamento.

    Test di laboratorio

    Per valutare la funzionalità tiroidea, possono essere richiesti:

    Questi test possono essere richiesti periodicamente anche per monitorare la funzionalità della tiroide e la produzione degli ormoni.

    Vengono inoltre utilizzati atri test per la diagnosi differenziale tra la malattia di Graves e altre patologie autoimmuni. Si tratta di test in grado di rilevare la presenza di anticorpi tiroidei:

    • Immunoglobulina stimolante la tiroide (TSI) - la presenza di questo anticorpo consente di effettuare diagnosi di malattia di Graves
    • Anticorpo anti-recettore del TSH (TRAb) - meno specifico del TSI
    • Anticorpo anti-perossidasi (anti-TPO) - questo anticorpo è presente nelle persone affette da malattia di Graves ma anche in quelle affette da tiroidite di Hashimoto
       
    Test non di laboratorio
    • Cattura dello iodio radioattivo - per questo test, viene somministrata una capsula o una bevanda contenente una quantità definita di iodio radioattivo; lo iodio è un componente fondamentale degli ormoni tiroidei. Questo si accumula normalmente nella tiroide ma quando la ghiandola è iperattiva, come accade nella malattia di Grave, la quantità di iodio accumulato aumenta. Dopo un intervallo di tempo definito dall'assunzione dello iodio radioattivo, viene posizionata sulla tiroide una sonda simile ad un contatore di Geiger che registra la quantità di radioattività comparandola alla quantità di iodio somministrata. Per maggiori dettagli si rimanda alla pagina RadiologyInfo.org.
    • Ecografia tiroidea - utilizzata nelle persone che non vogliono assumere iodio radioattivo, al fine di valutare un eventuale aumento del volume tiroideo.
  • Trattamento

    Il trattamento della malattia di Graves ha lo scopo di ridurre la produzione degli ormoni tiroidei e alleviare i sintomi. In genere esistono tre strategie terapeutiche principali:

    • Strategia farmacologica:
      • L'uso dei beta-bloccanti, come il propanololo, può ridurre gli effetti degli ormoni tiroidei sull'organismo, diminuendo la tachicardia, la sudorazione, e l'ansia e limitando il nervosismo e l'irrequietezza causati dall'aumento della produzione degli ormoni tiroidea.I beta-bloccanti agiscono velocemente in attesa di soluzioni terapeutiche più a lungo termine.
      • I farmaci anti-tiroidei riducono la produzione degli ormoni. In genere vengono prescritti per non più di un anno o due. In alcune persone la funzionalità tiroidea rimane normale anche dopo l'interruzione dell'assunzione dei farmaci. Per la maggior parte delle persone invece sono richiesti ulteriori trattamenti.
    • Può essere somministrata una dose abbondante di iodio radioattivo con lo scopo di danneggiare la maggior parte della ghiandola tiroidea, eliminando così i sintomi dell’ipertiroidismo. In alcuni casi la terapia non è subito efficace e richiede di essere ripetuta. Nel tempo la persona può però manifestare ipotiroidismo. Per questo motivo, coloro che vengono sottoposti a questo tipo di terapia, devono continuamente essere monitorati.
    • Qualche volta può essere necessario rimuovere chirurgicamente la maggior parte della ghiandola tiroidea. Una volta che la ghiandola tiroidea viene rimossa, è necessario somministrare una terapia ormonale sostitutiva per sopperire alla carenza di ormoni tiroidei.
       

    La maggior parte dei problemi oculari legati alla malattia di Graves, diminuiscono dopo la diminuzione dei livelli di ormoni tiroidei, ma altri richiedono ulteriori interventi.

Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

American Thyroid Association. (2014). Graves' Disease. Available online at http://www.thyroid.org/wp-content/uploads/patients/brochures/Graves_brochure.pdf through http://www.thyroid.org. Accessed April 2, 2015.

Ginsberg, Jody. Mar 2003. Diagnosis and management of Graves' disease. Canadian Medical Association Journal. 168(5). Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC149254/ through http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/. Accessed April 2, 2015.

Graves' Disease & Thyroid Foundation. (2015). About Graves' Disease. Available online at http://www.gdatf.org/about/about-graves-disease/ through http://www.gdatf.org. Accessed April 2, 2015.

Mayo Clinic. (July 2014). Graves Syndrome. Available online at http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/graves-disease/basics/definition/con-20025811 through http://www.mayoclinic.org. Accessed March 30, 2015.

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Disease. (2012). Graves' Disease. Available online at http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/endocrine/graves-disease/Pages/fact-sheet.aspx#top through http://www.niddk.nih.gov/Pages/default.aspx. Accessed April 1, 2015.

U.S. Department of Health and Human Services. (2012) Grave's Disease Fact Sheet. Available online at http://womenshealth.gov/publications/our-publications/fact-sheet/graves-disease.html?from=AtoZ through http://womenshealth.gov/index.html. Accessed April 2, 2015.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

(2006 January). Graves' Disease. womenshealth.gov [On-line information]. Available online at http://www.4woman.gov/faq/graves.htm through http://www.4woman.gov.

(© 2004) Grave's Disease. Thyroid Foundation of America, AllThyroid.org [On-line information]. Available online at http://www.tsh.org/disorders/hyperthyroidism/graves.html through http://www.tsh.org.

(© 2004) Racing the Engine – Hyperthyroidism. Thyroid Foundation of America, AllThyroid.org [On-line information]. Available online at http://www.tsh.org/disorders/hyperthyroidism/hyperthyroidism.html through http://www.tsh.org.

(© 2004) The Overactive Thyroid: Hyperthyroidism Caused by Graves' Disease (Diffuse Toxic Goiter). Thyroid Foundation of America, AllThyroid.org [On-line information]. Available online at http://www.tsh.org/disorders/hyperthyroidism/overactive.html through http://www.tsh.org.

(© 2004) Eye Problems Associated With Graves' Disease. Thyroid Foundation of America, AllThyroid.org [On-line information]. Available online at http://www.tsh.org/disorders/hyperthyroidism/eyeproblems.html through http://www.tsh.org.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson, RA, Pincus, MR, eds. New York: Saunders, Elsevier: 2007.

Eckman, A. (Updated 2010 April 20). Graves disease. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000358.htm. Accessed November 2010.

Yeung, S. et. al. (Updated 2010 April 26). Graves Disease. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/120619-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed November 2010.

Ferry Jr., R and Levitsky, L. (Updated 2010 April 23). Graves Disease. eMedicine Specialties, Pediatrics [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/920283-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed November 2010.

Patil-Sisodia, K. and Mestman, J. (2010 March 31). Graves Hyperthyroidism and Pregnancy: A Clinical Update. Medscape Today from Endocrine Practice. 2010;16(1):118-129. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/718807 through http://www.medscape.com. Accessed November 2010.

Mayo Clinic Staff (2009 July 7). Graves' disease. MayoClinic.com http://www.mayoclinic.com/health/graves-disease/DS00181/METHOD=print through http://www.mayoclinic.com. Accessed November 2010.

Meikle, A (Updated 2009 August). Autoimmune Thyroid Disease – Thyroiditis. ARUP Consult. [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Thyroiditis.html through http://www.arupconsult.com. Accessed November 2010.

(2008 May). Graves Disease. National Endocrine and Metabolic Diseases Information Service [On-line information]. Available online at http://www.endocrine.niddk.nih.gov/pubs/graves/ through http://www.endocrine.niddk.nih.gov. Accessed November 2010.

Hershman, J. (Revised 2008 June). Hyperthyroidism (Thyrotoxicosis). Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mmpe/sec12/ch152/ch152e.html#sec12-ch152-ch152e-239 through http://www.merck.com. Accessed November 2010.