Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
25.09.2017.

Cos'è l'iperplasia prostatica benigna?

L'iperplasia prostatica benigna (BPH), anche conosciuta come ipertrofia prostatica benigna, è un ingrossamento non canceroso della prostata, una piccola ghiandola che circonda l'uretra nei maschi e produce un fluido che fa parte dello sperma. Con l'aumento di volume la prostata può premere sull'uretra, causando una diminuzione del flusso urinario, esitazione nell'urinare, un frequente e urgente bisogno di urinare, e a volte una deviazione dell'urina alla fine del flusso. Può, anche, causare ritenzione dell'urina, che può indebolire i muscoli della vescica e aumenta il rischio di sviluppare un'infezione del tratto urinario (ITU) o calcoli renali. Nei casi gravi di BPH, l'urina può risalire e danneggiare i reni. Raramente, la BPH può impedire completamente al paziente di urinare, situazione che richiede l'immediata attenzione medica.
La BPH può anche influenzare la funzionalità sessuale. Può portare a ridotta abilità sessuale, orgasmi dolorosi e impotenza. Il tipo e la gravità dei sintomi può variare da persona a persona e nel tempo. Per molti uomini, BPH non causa mai più di lieve o moderato fastidio; per altri, può rappresentare un significativo cambiamento della qualità di vita. La BPH, con l'invecchiamento, diventa una condizione molto comune negli uomini. Secondo l'Associazione Americana di Urologia, circa il 50% degli uomini avranno qualche sintomo di BPH entro i 60 anni, e fino al 90% sarà affetto entro gli 80 anni. La BPH non causa cancro alla prostata, ma entrambi possono essere trovati insieme.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Esami

    La diagnosi di BPH comprende un esame fisico, una esplorazione rettale (DRE) e una valutazione dei sintomi del paziente. Indagini di laboratorio e radiologiche possono essere usate per determinare la dimensione della prostata e per escludere altre malattie che possono causare o aggravare i sintomi. Occasionalmente, la biopsia della prostata può essere richiesta per ricercare al microscopio i segni di cancro alla prostata a livello di strutture cellulari di una piccola parte di tessuto prostatico.

    Gli esami di laboratorio possono comprendere:

    • PSA (antigene prostatico specifico) - per lo screening del cancro alla prostata. Il livelli di questo marcatore sono anche moderatamente aumentati nei pazienti con BPH in quanto il PSA è una proteina prodotta dalle cellule della prostata. Analizzando i risultati, il medico deve considerare sia la concentrazione ematica di PSA sia il volume della prostata del paziente.
    • Analisi dell'urina - per verificare disordini renali
    • Urino coltura - per ricercare segni di ITU
    • Urea (azotemia) e Creatinina - analisi del sangue per valutare la funzione renale

     

    Gli esami non di laboratorio possono comprendere:

    • Ecografia - per determinare la dimensione della prostata e valutare il volume di urina ritenuta nella vescica.
    • Cistoscopia - valutazione dell'uretra e/o della vescica usando una sonda sottile e flessibile.
    • Studi del flusso e/o pressione dell'urina - per valutare quanto velocemente l'urina può attraversare l'uretra e quanta pressione viene fatta sulla vescica dalla ritenzione di urina.
    • Biopsia della prostata - raccolta di uno o più piccoli campioni di tessuto prostatico e ricerca al microscopio di cellule anormali e segni di cancro alla prostata a livello delle strutture cellulari
  • Trattamento

    In molti casi, il trattamento per BPH non è necessario fin quando i sintomi non diventano gravi o cominciano a causare complicazioni secondarie, come infezioni e calcoli renali. Le opzioni di trattamento per BPH comprendono chirurgia e farmaci al fine di ridurre la quantità di tessuto e aumentare il flusso urinario.

Fonti

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali.


S1
Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

S2
Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

S3
Ballentine Carter, H., et. al. (2204 September 22). Report to the Nation on Prostate Cancer 2004, Chapter 1: Detection, Diagnosis, and Prognosis of Prostate Cancer CME [64 paragraphs]. Medscape Today, Clinical Update [On-line CME]. Available FTP: http://www.medscape.com/viewprogram/3440?src=sidesearch

S4
(2004 August 17, Reviewed). The Prostate-Specific Antigen (PSA) Test: Questions and Answers [25 paragraphs]. National Cancer Institute, Cancer Facts [On-line information]. Available FTP: http://cis.nci.nih.gov/fact/5_29.htm

S5
(© 1995 – 2004). Benign Prostatic Hyperplasia [14 paragraphs] Merck Manual [On-line information]. Available online

S6
(2003 March, Reviewed). Benign Prostatic Hyperplasia (BPH) [9 paragraphs] Familydoctor.org [[On-line information]. Available FTP: http://familydoctor.org/148.xml

S7
(2003 August, Reviewed). , Benign Prostatic Hyperplasia (BPH), A Patient's Guide [12 paragraphs]. American Urological Association [On-line information]. Available online