Noto anche come
Infezioni alla vescica
Infezioni renali
Cistite
Pielonefrite
Uretrite
IVU
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 09.06.2020.

In cosa consistono le infezioni delle vie urinarie?

Le infezioni delle vie urinarie (IVU) si verificano quando i batteri o altri microrganismi penetrano e proliferano all'interno delle vie urinarie, determinando la comparsa di segni e sintomi quali dolore e infiammazione

Le vie urinarie comprendono i due reni, i due ureteri, la vescica e l'uretra. I reni sono una coppia di organi con la caratteristica forma a fagiolo, localizzati nella parte inferiore della gabbia toracica al lato sinistro e destro della schiena. Essi filtrano i prodotti di rifiuto dal sangue e producono l’urina, che trasporta tali prodotti di scarto fuori dall’organismo.

L’urina viene trasportata tramite dei condotti chiamati ureteri fino alla vescica, dove permane temporaneamente. Quando l'urina si accumula all'interno della vescica viene percepito lo stimolo di urinare, la vescica si contrae e l'urina viene eliminata tramite l’uretra.

L’urina contiene quantità ridotte di microrganismi (batteri o lieviti), che possono migrare verso l'uretra dove, moltiplicandosi e raggiungendo la vescica, causano infezione. La maggior parte delle IVU interessano le basse vie urinarie (uretra e vescica), dove causano sintomi quali stimolo frequente di urinare e sensazione di bruciore durante la minzione. La maggior parte di queste infezioni sono facili da trattare ma, se trascurate, possono diffondere dalla vescica e dagli ureteri verso i reni.

L'infezione della vescica è il tipo di IVU più comune, ma possono essere colpite anche altre componenti delle vie urinarie. In base alla componente interessata, le infezioni delle vie urinarie possono essere identificate come segue: 

  • L'infiammazione e/o l'infezione dell'uretra è definita uretrite
  • L'infezione della vescica è definita cistite
  • L'infezione di uno o di entrambi i reni è definita pielonefrite

Le infezione renali sono decisamente più pericolose rispetto alle infezioni delle basse vie urinarie e possono provocare danni permanenti ai reni. In alcuni casi, le IVU non trattate possono raggiungere il circolo sanguigno (setticemia) e causare la sepsi, una complicanza potenzialmente letale. Raramente una setticemia originatesi altrove nell'organismo può infettare i reni.

Le infezioni delle vie urinarie sono abbastanza comuni. Secondo l'American Urological Association (AUA), le IVU sono la causa di più di 8,1 milioni di visite mediche ogni anno. Sebbene le IVU possano interessare qualunque fascia d'età, i soggetti più esposti risultano essere le donne di tutte le età e gli uomini di età superiore ai 50 anni.

Le IVU possono colpire i bambini, anche se meno frequentemente rispetto agli adulti. Secondo l'AUA, fino all'8% delle ragazze e al 2% dei ragazzi svilupperanno infezioni delle vie urinarie. I bambini piccoli sono esposti ad un rischio maggiore di sviluppare danni renali associati alle IVU rispetto ai ragazzi ed agli adulti.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Cause

    La maggior parte dei casi di IVU sono riconducibili ad Escherichia coli (E. coli), un batterio che risiede nel nostro tratto digerente e che viene rilevato abitualmente nelle feci. Le infezioni delle vie urinarie possono essere comunemente causate anche da altri tipi di batteri, quali Proteus, Klebsiella, Enterobacter Staphylococcus. Occasionalmente, l’IVU può essere riconducibile ad un fungo (lievito), Candida albicans.

    L'infiammazione e l'infezione dell'uretra (uretrite) possono essere causate da malattie sessualmente trasmissibili (STD), quali herpes, clamidia o gonorrea. Il trattamento e la prevenzione delle STD differiscono da quelli tipici delle IVU. Per ulteriori informazioni, consultare l'articolo sulle Malattie Sessualmente Trasmissibili.

  • Rischi

    Le donne risultano più esposte alle infezioni delle vie urinarie rispetto agli uomini. Circa il 60% delle donne e il 12% degli uomini svilupperanno almeno un'IVU nel corso della vita. La maggior esposizione delle donne è dovuta alle differenze strutturali tra i sessi; infatti, l'uretra femminile è più corta rispetto a quella maschile, pertanto i batteri e altri microrganismi diffondono con più facilità dall'uretra verso la vescica. Inoltre, la maggior vicinanza tra l'uretra femminile e l'ano aumenta il rischio di diffusione dei microrganismi nelle vie urinarie. Negli uomini invece, l'ingrossamento della ghiandola prostatica (correlato con l'avanzare dell'età) può determinato un incompleto svuotamento vescicale, con conseguente rischio aumentato di sviluppare infezioni delle vie urinarie.

    Qualsiasi fenomeno che rallenta o ostruisce il flusso di urina o favorisce la penetrazione dei batteri nelle vie urinarie può aumentare il rischio di sviluppare IVU. Esempi di attività, fattori e condizioni che predispongono allo sviluppo di IVU includono:

    • Rapporti sessuali, soprattutto nelle donne giovani
    • Utilizzo di spermicidi, soprattutto se combinato con l'uso del diaframma o del preservativo
    • Nelle donne, pulirsi da dietro a davanti dopo un movimento intestinale
    • Trattenere l'urina quando è presento lo stimolo di urinare
    • Presenza di IVU pregresse
    • Anormalità strutturali, come il restringimento dei condotti che trasportano l'urina (uretra o uretere)
    • Ritenzione urinaria (la vescica non si svuota completamente)
    • Passaggio retrogrado di urina dalla vescica all'uretere (reflusso vescico-ureterale)
    • Calcoli renali
    • Cateterismo vescicale, soprattutto se a lungo termine (il catetere vescicale è un drenaggio che, attraverso l'uretra, viene introdotto nella vescica per favorire la fuoriuscita dell'urina dall'organismo) 
    • Lesioni al midollo spinale o ai nervi che coinvolgono la vescica
    • Il diabete, che può influire sul sistema immunitario, causa danni renali e spesso determina la presenza di glucosio nell'urina, il quale favorisce la proliferazione di batteri e lieviti; alcuni farmaci utilizzati per il trattamento del diabete possono portare ad un aumento del glucosio nell'urina, con conseguente aumentato rischio di sviluppare IVU
    • Malattie renali o trapianto di rene
    • Sistema immunitario debole
    • Alcuni cambiamenti strutturali tipici delle donne in menopausa, quali assottigliamento della parete vaginale e diminuita produzione di estrogeni, possono aumentare il rischio di sviluppare IVU
  • Complicazioni e IVU Ripetute
    • Se non trattate, le infezioni delle basse vie urinarie possono diffondere verso i reni, provocando danni permanenti, specialmente nei soggetti anziani o nei bambini
    • IVU ripetute o che si protraggono nel tempo possono causare lesioni ai reni e, in alcuni casi, insufficienza renale
    • In alcuni casi, le IVU possono raggiungere il circolo sanguigno (setticemia) e causare la sepsi, una complicanza potenzialmente letale. In tal caso, il paziente richiede un trattamento tempestivo e deve essere ricoverato
    • Nelle donne in gravidanza, le IVU possono determinare parto prematuro ed ipertensione (preeclampsia)
    • Il 20-40% delle donne esposte ad infezione delle vie urinarie svilupperanno recidive
    • Le IVU si verificano raramente in uomini di età inferiore ai 50 anni, ma possono insorgere in presenza di malattie sessualmente trasmissibili, in uomini non circoncisi, con un restringimento anomalo dell'uretra e dopo un rapporto anale. Con l'avanzare dell'età, gli uomini risultano più esposti alle IVU e alle recidive. Inoltre, i batteri possono infettare la prostata (una piccola ghiandola che circonda l'uretra maschile) ed essere difficili da trattare
  • Segni e Sintomi

    Le infezione delle vie urinarie (IVU) sono caratterizzate da sintomi variabili, tuttavia i segni e i sintomi più comuni includono:

    • Stimolo frequente e persistente di urinare, anche quando la vescica è vuota
    • Dolore e / o sensazione di bruciore durante la minzione
    • Urina torbida e maleodorante
    • Dolore lombare

    Se l’IVU è grave e/o si diffonde ai reni può causare dolore al fianco, febbre alta, tremore, brividi, nausea o vomito. La febbre può presentarsi anche in caso di setticemia (che può causare sepsi).

    I neonati e i bambini piccoli non sempre sono in grado di comunicare chiaramente i propri sintomi e possono manifestare solo sintomi aspecifici in presenza di IVU, quali malessere, inappetenza, febbre ed urina maleodorante. In caso di febbre inspiegabile è necessario contattare il pediatra.

     

  • Esami

    Gli esami di laboratorio sono eseguiti per diagnosticare le infezioni delle vie urinarie (IVU) ed identificare i batteri (o gli altri microrganismi) che le causano, oltre che per stabilire il trattamento adeguato.

    Gli esami di laboratorio comunemente prescritti in caso di IVU includono:

    • Analisi dell'urina, che consente di diagnosticare la maggior parte delle infezioni delle vie urinarie identificando la presenza di batteri e globuli bianchi in un campione d'urina. La presenza di esterasi leucocitarie (un marcatore dei globuli bianchi) e di nitriti (un marcatore della presenza di batteri) conferma la presenza di infezione delle vie urinarie
    • Urinocoltura, che identifica lo specifico microrganismo causa dell'infezione. Questo esame non viene eseguito routinariamente. Se si sospetta un’infezione non complicata, causata probabilmente da Escherichia coli, non occorre eseguire l'urinocoltura. Al contrario, tale esame verrà eseguito per confermare i risultati dell’analisi dell’urina o se il paziente è ricoverato o esposto ad IVU ricorrenti
    • Test di sensibilità agli antibiotici, che può essere eseguito se l’esame colturale risulta positivo, come supporto per stabilire il trattamento appropriato (antimicrobico o antifungino)

    In alcuni casi, possono essere effettuati i seguenti esami di laboratorio in corso di follow-up:

    Esami non di laboratorio

    In caso di infezioni frequenti delle vie urinarie, è possibile sottoporsi ad esami di diagnostica per immagini e specifiche radiografie per rilevare la presenza di ostruzioni o anormalità strutturali delle vie urinarie e/o segni di condizioni cliniche concomitanti. Gli esami di diagnostica per immagini sono prescritti comunemente in bambini e ragazzi con IVU, adulti con IVU frequenti o ricorrenti o soggetti che presentano sangue nell'urina.

    Alcuni esempi di diagnostica per immagini includono:

    • Ecografia renale e vescicale, utilizzata per ottenere immagini della vescica e dei reni
    • Cistoureuretrogramma da svuotamento (VCUG), una tecnica che permette di visualizzare in tempo reale l'uretra e la vescica mentre quest'ultima si riempie e si svuota
    • Scansioni nucleari, nel corso delle quali un colorante radioattivo viene iniettato per via endovenosa e trasportato alla vescica e ai reni per visualizzare eventuali ostruzioni o anormalità strutturali 
    • Cistoscopia, consiste nell'inserimento di un endoscopio attraverso l'uretra fino nella vescica. Permette di visualizzare il rivestimento interno dell'uretra e della vescica, contribuendo ad individuare la presenza di eventuali ostruzioni o anomalie. Se è presente un calcolo, è possibile introdurre dei dispositivi attraverso il cistoscopio in grado di rimuovere il calcolo o di frammentarlo con l'utilizzo di un laser. Inoltre, è possibile prelevare campioni di urina e di tessuto in corso di cistoscopia
    • Urografia tramite pielogramma endovenoso (IVP), tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (RM), per esaminare l'intero tratto urinario; un mezzo di contrasto viene iniettato per via endovenosa e trasportato ai reni e alla vescica. Le radiografie (IVP) o le scansioni possono rivelare la presenza di ostruzioni o anormalità strutturali
  • Prevenzione

    In caso di avvenuta infezione delle vie urinarie (IUV), esistono delle misure preventive per evitare l'insorgenza di recidive, quali:

    • Non trattenere l'urina in presenza dello stimolo di urinare
    • Assumere quantità elevate di liquidi, in modo da diluire l'urina e promuoverne il movimento attraverso le vie urinarie, rendendo più difficile l'adesione dei batteri alle pareti dell'uretra e della vescica
    • Urinare dopo un rapporto sessuale contribuisce a prevenire l'insorgenza di IVU. I rapporti sessuali sono associati all'insorgenza di ricorrenti infezioni sessualmente trasmissibili, soprattutto nelle donne giovani. Occorre evitare l'utilizzo di schiume e gel spermicidi, prodotti (come i preservativi) contenenti spermicidi e metodi contraccettivi (come il diaframma) per ridurre la presenza di recidive. É importante discutere con il medico in merito a metodi anticoncezionali alternativi caratterizzati da una minor probabilità di causare IVU
    • Le donne in menopausa possono avvalersi dell'utilizzo di gel o creme vaginali a base di estrogeni
    • Nelle donne, le IVU possono verificarsi quando i batteri localizzati attorno all'orifizio anale penetrano nell'uretra. Per ridurre il rischio di questo fenomeno, occorre lavarsi da davanti a dietro dopo un movimento intestinale
    • Alcuni soggetti assumono succo di mirtilli rossi o integratori di mirtilli rossi per prevenire le IVU, anche se non sono presenti evidenze scientifiche in merito. I soggetti diabetici dovrebbero evitare l'assunzione di bevande zuccherate
  • Trattamento

    Per le donne con frequenti infezioni sessualmente trasmissibili occorre discutere con il medico in merito alle possibili opzioni terapeutiche:

    • Un ciclo lungo (6 mesi o più) di antibiotici a basso dosaggio
    • Una singola dose di un antibiotico dopo il rapporto sessuale
    • Terapie vaginali a base di estrogeni per le donne in menopausa

    In caso di IVU complicate o ricorrenti l'infezione può coinvolgere più tipi di batteri, pertanto è importante selezionare uno o più terapie antibiotiche specifiche. Solitamente, le IVU  complicate richiedono un ciclo di antibiotici più lungo, che normalmente inizia in ospedale e prosegue con la somministrazione per via orale per diverse settimane.

    Di solito le infezioni diffuse ai reni sono trattate come IVU complicate, richiedendo diversi mesi di trattamento, così come le infezioni alla prostata negli uomini.

    Le IVU complicate possono verificarsi in:

    • Soggetti con anomalie nella struttura o nella funzionalità delle vie urinarie; è una causa comune di IVU nei ragazzi e negli adolescenti e occasionalmente si verifica nelle ragazze e nelle donne
    • Anziani con ingrossamento della prostata
    • Pazienti con diabete e altre malattie croniche
    • Donne in gravidanza; in questo caso le IVU possono causare gravi danni alla madre e al feto se non trattate tempestivamente

    Talvolta, le infezioni sessualmente trasmissibili possono recidivare o protrarsi nel tempo, finchè non viene rilevata la presenza di anomalie strutturali, calcoli renali, ostruzioni, patologie o condizioni cliniche. In alcuni casi, può essere necessario ricorrere ad un intervento chirurgico per risolvere il problema.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

 

April 2019. Urology Care Foundation. Urinary tract infections in adults. Available online at https://www.urologyhealth.org/urologic-conditions/urinary-tract-infections-in-adults. Accessed February 2020.

April 2019. Urology Care Foundation. Urinary tract infections in children. Available online at https://www.urologyhealth.org/urologic-conditions/urinary-tract-infections-in-children. Accessed February 2020.

January 30, 2019. Mayo Clinic Staff. Urinary tract infection (UTI). Available online at https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/urinary-tract-infection/symptoms-causes/syc-20353447. Accessed February 2020.

August 27, 2019. Brusch JL. Urinary tract infection (UTI) and cystitis in women. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/233101-overview. Accessed February 2020.

August 27, 2019. Brusch JL. Urinary tract infection (UTI) in males. Available online at https://emedicine.medscape.com/article/231574-overview. Accessed February 2020.

(May 2, 2019). Risk factors and predisposing conditions for urinary tract infection. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6502981/. Accessed February 2020.

(March 2017) National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Bladder Infection (Urinary Tract Infection—UTI) in Adults. Available online at https://www.niddk.nih.gov/health-information/urologic-diseases/bladder-infection-uti-in-adults. Accessed February 2020.

(October 2007) In Brief: Cranberry juice and warfarin: Okay together? Harvard Health Letter. Available online at https://www.health.harvard.edu/newsletter_article/In_Brief_Cranberry_juice_and_warfarin_Okay_together. Accessed March 2020.

Fu Z, et al. Cranberry Reduces the Risk of Urinary Tract Infection Recurrence in Otherwise Healthy Women: A Systematic Review and Meta-Analysis. J Nutr. 2017 Dec;147(12):2282-2288. doi: 10.3945/jn.117.254961. Epub 2017 Oct 18. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29046404. Accessed March 2020.

Fonti utilizzate nelle revisioni precedenti

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

(2002). Urethritis. Hendrick Health System, AccessMed Health Information Library [On-line information]. Available online at http://www.ehendrick.org/healthy/001424.htm.

(2002 July). Urinary Tract Infections in Adults. NIDDK, NIH Publication No. 02-2097 [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/utiadult/index.htm.

(2002 March). Your Urinary System and How it Works. NIDDK, NIH Publication No. 02-3195 [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/yoururinary/index.htm.

(2001 April). Cystoscopy and Ureteroscopy. NIDDK, NIH Publication No. 01-4800 [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/cystoscopy/index.htm.

(2002 August 02). Urinary tract infection. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/invoke.cfm?id=DS00286.

(2003 April). Vesicoureteral Reflux. NIDDK, NIH Publication No. 03-4555 [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/vesicoureteralreflux/index.htm.

(2003 August 05, Updated). Urinary Tract Infections. ACOG, Medical Library [On-line information]. Available online at http://www.medem.com/MedLB/article_detaillb.cfm?article_ID=ZZZ1LJ5770D&sub_cat=2008.

(2001). Urinary Tract Infections in Children. Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/handouts/272.html.

(2000). Urinary Tract Infections During Pregnancy. Familydoctor.org [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/handouts/497.html.

Saberi, P. (2002 February 4, Updated). Urinary tract infection – chronic or recurrent. MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000505.htm.

Kang, Y. (2002, May 25, Updated). Catheter-associated UTI. MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000483.htm.

Parsons, C. (2002, July 30, Updated). Kidney infection (pyelonephritis). MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000522.htm.

Angelo, S. (2002, October 31, Updated). Recurrent cystitis. MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000515.htm.

Greene, A. (2002, March 3, Updated). Urinary tract infection (cystitis). MedlinePlus Health Information Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000521.htm.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 981-983.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 1621-1622.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 842-855.

(Updated 2008 May 1). Urinary Tract Infection, Frequently Asked Questions. Womenshealth.gov [On-line information]. Available online at http://womenshealth.gov/faq/urinary-tract-infection.cfm. Accessed April 2009.

(© 2008). Screening for Asymptomatic Bacteriuria in Adults: U.S. Preventive Services Task Force Recommendations. Annals of Internal Medicine, Summaries for Patients [On-line information]. PDF available for download at http://www.annals.org/cgi/reprint/149/1/I-37.pdf. Accessed April 2009.

(Reviewed 2002 December). Urinary Tract Infections in Adults. American Urological Association Foundation, UrologyHealth.org [On-line information]. Available online at http://www.urologyhealth.org/search/index.cfm?topic=147&search=UTI&searchtype=and. Accessed April 2009.

(Reviewed 2007 December). Urinary Tract Infections in Children. American Urological Association Foundation, UrologyHealth.org [On-line information]. Available online at http://www.urologyhealth.org/pediatric/index.cfm?cat=07&topic=146. Accessed April 2009.

Rahn, D. (2008 November 12). Urinary Tract Infections: Contemporary Management. Medscape from Urol Nurs. 2008;28(5):333-341 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/583060. Accessed April 2009.

Stokowski, L. (2009 February 3). Preventing Catheter-Associated Urinary Tract Infections. Medscape Nurses [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/587464. Accessed April 2009.

Cunha, B. et. al. (2008 June 12). Urinary Tract Infection, Females. Emedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/233101-overview. Accessed April 2009.

Cunha, B. (2008 June 25). Urinary Tract Infection, Males. Emedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/231574-overview. Accessed April 2009.

(2012 May 24). Urinary Tract Infections in Adults. National Kidney and Urologic Diseases Information Clearinghouse, NIDDK. [On-line information]. Available online at http://kidney.niddk.nih.gov/KUDiseases/pubs/utiadult/index.aspx. Accessed October 2012.

Mayo Clinic Staff (2012 August 29).Urinary tract infection (UTI). Mayo Clinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/urinary-tract-infection/DS00286. Accessed October 2012.

Brusch, J. (Updated 2011 August 9). Pathophysiology of Complicated Urinary Tract Infections. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2039975-overview. Accessed October 2012.

Brusch, J. (Updated 2012 February 1). Cystitis in Females. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/233101-overview. Accessed October 2012.

Brusch, J. (Updated 2012 February 23). Prevention of Urinary Tract Infections. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2040239-overview. Accessed October 2012.

Tolan, R. (Updated 2011 May 12). Fever Without a Focus. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/970788-overview#showall. Accessed October 2012.

Vega, C. (2012 September 27). Overtreating UTIs: Walk Softly and Carry a Dipstick, A Best Evidence Review. Medscape Today News [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/771495. Accessed October 2012.

Urology Care Foundation. Urinary Tract Infection in Adults. Available online at http://www.urologyhealth.org/urologic-conditions/urinary-tract-infections-in-adults. Accessed on March 25, 2015.

National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. (May 2012 updated.) Urinary Tract Infection in Adults. Available online at http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/urologic-disease/urinary-tract-infections-in-adults/Pages/facts.aspx. Accessed on March 25, 2016.

Balentine JR. Urinary Tract Infections. Available online at http://www.medicinenet.com/urinary_tract_infection/article.htm. Accessed on March 25, 2016.

Mayo Clinic Foundation. (July 23, 2015 updated.) Urinary Tract Infection (UTI). Available online at http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/urinary-tract-infection/basics/definition/con-20037892. Accessed on March 25, 2016.

Kodner CM, Thomas Gupton EK. Recurrent Urinary Tract Infections in Women: Diagnosis and Management. American Family Physician. 2010; 82(6):638-643.

Scholes D, Hooten TM, Roberts PL, et al. Risk Factors for Recurrent Urinary Tract Infection in Young Women. The Journal of Infectious Diseases. 2000;182:1177–1182.

Hooten TM. Recurrent Urinary Tract Infection in Women. International Journal of Antimicrobial Agents. 2001;17(4):259-268.

Texas A&M University Newswise. (Feb 9, 2016.) Does Cranberry Juice Treat a UTI? Not the Kind You Buy at Grocery Stores, At Least. Available online at http://www.newswise.com/articles/view/647651?print-article. Accessed on March 28, 2016.

Cayley WE. Are Cranberry Products Effective for the Prevention of Urinary Tract Infections? American Family Physician. 2013;88(11):745-746.

Cleveland Clinic Urinary & Kidney Team. (October 21, 2015.) Can Cranberry Juice Stop Your UTI? Available online at https://health.clevelandclinic.org/2015/10/can-cranberry-juice-stop-uti/. Accessed March 28, 2016.

Foxman B, Cronenwet A, Spino C, et al. Cranberry Juice Capsules and Urinary Tract Infection After Surgery: Results of a Randomized Trial. American Journal of Obstetrics and Gynecology. 2015;213(2):194.e1-8. doi: 10.1016/j.ajog.2015.04.003. Epub 2015 Apr 13.

Zeldovich, L. Unlocking the Mechanics of Urinary Tract Infection. The Atlantic. March 23, 2016. Available online at http://www.theatlantic.com/health/archive/2016/03/treating-urinary-tract-infection/475014/. Accessed March 28, 2016.